lunedì , 15 Luglio 2024

Neve…piccoli e grandi fiocchi di bellezza
dal blog di Silvia Tarter

600

La bellezza, quella grande, da un paio di giorni scalda, (fino a far avvampare!) social e media dopo la notizia del Golden Globe assegnato al regista Paolo Sorrentino per la sua immersione nel lifestyle romano, letta, ovviamente, come metafora del presente degrado italiano, e non solo. Un fioccare di lodi e polemiche, ma, in fondo, quando mai una vittoria ha potuto godere del proprio trionfo, crogiolandosi in un candore senza critiche?

Concedetemi perA?, per ora, di divagare, e attaccarmi al pretesto del candore per fare un passo indietro, prima che si sciolga, sulla piccola bellezza caduta ieri, in Trentino. Neve, of course. Piccolo miracolo della normalitA� stagionale che A? sempre accolto come una notizia, tanto che quella caduta di ieri aveva proprio il sapore, come ha scritto giustamente qualcuno sui social, di una prima neve. E penso ad Andrea Segre e il suo a�?La prima nevea�?, girato a tratti a Pergine, sopratutto, in Val dei Mocheni, la cui bellezza A? continuamente omaggiata da fotografie di paesaggi, camini accesi, volti, tronchi, miele, monti.

E poi ca��A? lei, la neve. Anche se nel film la neve A? un personaggio che compare solo verso la fine, A? una presenza annunciata sin dalla��inizio, sinonimo di disagio, difficoltA�, estraneitA�, sospensione del tempo per il protagonista, Dani. Dani A? un rifugiato dal Togo che dalla traversata mediterranea scappando dalla Libia insieme ad altri profughi, A? giunto fin lassA?, in un mondo completamente diverso in cui gli tocca integrarsi, per un poa��, in attesa di ottenere i permessi per andarsene a Parigi. Tutto ciA? che ha A? la sua storia di fuga. Della��amore scomparso ora rimane una ferita, dolorosa riassunta nella figlia neonata, orfana di madre, che vive con lui ma che lui non riesce ad accettare. La trama A? tutta qui. Esile. Come puA? essere la relazione tra un padre e una figlia emblema di chissA� quante storie del Mediterraneo di oggi. Esile come la relazione tutta da costruire con gli abitanti di PalA? del Fersina, diversi da Dani quanto lui da loro (… continua sul blog CinA?…filA?)

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *