lunedì , 15 Luglio 2024

Pensieri sparsi ai confini del mondo // India e Nepal

600

Amber o Amer Fort (Hindi: a��a��a?�a�� a��a�?a�?a�?a�?, conosciuto anche come Amber Fort) vede il proprio nome derivare da Amba, la Dea Madre // Rajasthan (hindi: a��a�?a�?a�?a??a�?a�?a�?)

Il tempio A? maggiormente conosciuto nel mondo occidentale come il a�?Tempio da��Oroa�?, sebbene sia possibile trovarlo tradotto come il a�?Tempio da��Oro di Amritsara�?. Tuttavia, il suo vero nome A? quello di Harmandir Sahib, (punjabi: a??a?�a??a?�a��a?�a?� a??a??a??a??a?� o a??a?�a??a?�a��a?�a??a?� a??a??a??a??a?�), o anche Darbar Sahib, Hari Mandir, Harimandar tra le altre varianti, che significa letteralmente a�?Tempio di Dioa�?, essendo appunto composto dalle parole Hari, a�?Dioa�?, e Mandir, a�?Tempioa�?.
Ai sikh A? proibito ogni tipo di dipendenza da sostanze, come la��alcol, tabacco e altro; in piA? non possono mangiare qualsiasi tipo di carne, pesce e uova; o tagliarsi i capelli/peli del corpo. Un sikh deve considerare la moglie di un altro uomo alla stregua di sorella o madre, e la figlia di un altro come sua. La stessa regola A? applicata anche alle donne.

Jaipur a�?the pink citya�? (hindi e rajastani: a�?a�?a�?a??a��, urdu: O�U� U?U?O�) le facciate degli edifici che si affacciano verso la strada alla��interno della a�?pink citya�? devono essere pitturate di colore rosastro, se i proprietari degli edifici non dovessero provvedere alla��intonacatura, sarA� compito della��amministrazione di Jaipur occuparsene….(continua sul blog di Matteo Menapace)

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *