giovedì , 20 febbraio 2020
Home / cinema / RADIO DAYS MOVIE: a Terlago il 21 maggio!

RADIO DAYS MOVIE: a Terlago il 21 maggio!

La proiezione di tre film muti, musicati live al centro culturale di Terlago giovedA� 21 maggio alle 20.30.

600-grandeguerra

Il lavoro sulla Prima Guerra Mondiale targato Radio Days movie arriva a Terlago, nella sala grande del Centro Culturale di Terlago a�?Ex segheriaa�? situato, per che arriva da Trento, subito prima del paese, vicino al cimitero. Il programma prevede, oltre alla proiezione dei tre film muti (vedi manifesto) con il quintetto che eseguirA� la colonna sonora dal vivo, anche una breve introduzione alla��argomento ed al cinema muto nonchA�, per chi vuole, un dibattito finale. La��appuntamento A? per giovedA� 21 maggio alle ore 20.30.

La proiezione, dopo una breve introduzione storica, si divide in 3 parti:

i?? Come eravamo prima della guerra, con il documentario a�?Bellezze italiche: Trento e dintornia�? di Piero Marelli del 1912;

i?? Un episodio di guerra a cartoni animati, con il cartone animato a�?La��affondamento del Lusitaniaa�? di Winsor McCay del 1918;

i?? La��intervento di Charlie Chaplin, con il film a�?Charlot soldatoa�? di Charlie Chaplin del 1918. Colonna sonora dal vivo in sincrono con la proiezione David Andreatta bs, cl a�� Demetrio Bonvecchio tb – Michele Kettmaier p a�� Claudio Lombardi b a�� Sergio Decarli d Musiche originali di Michele Kettmaier

Nel centenario della��inizio della Prima Guerra Mondiale, presentiamo tre pellicole che ci proiettano nel mondo di cento anni fa e che ci aiutano a ricordare cosa significA? questo conflitto.

Bellezze italiche: Trento e dintorni

Questo breve filmato fa parte di una serie di documentari dedicati a varie localitA� italiane realizzati dal regista Piero Marelli. CosA� come recita la didascalia iniziale, al tempo ebbe lo scopo di a�?diffondere in Italia ed alla��estero le bellezze della nostra patriaa�? e ci mostra Trento cosA� coma��era nel 1912, oltre un secolo fa e prima della Grande Guerra. Vengono inoltre illustrate alcune vallate (si riconosce il santuario di san Romedio), lo sfruttamento della��energia della��acqua (chiamata a�?carbone biancoa�?) e si mostrano alcuni dei laghi trentini, Caldonazzo, Levico, Loppio e Garda. In due riprese si puA? notare la scomparsa ferrovia a�?Mori a�� Rivaa�?, che al tempo procedeva in parallelo lungo la strada carrabile.

La��affondamento del Lusitania Eccezionale

esempio di descrizione di un episodio di guerra con la��uso dei cartoni animati: dove non fu possibile riprendere la��evento, ci pensA? Winsor McCay a ricostruirlo, disegnando personalmente a mano ognuna delle 25.000 dettagliatissime tavole necessarie per questo film. La��affondamento del transatlantico civile inglese Lusitania da parte di un sommergibile tedesco avvenuto il 7 maggio del 1915, A? ancora oggi una storia controversa ove non sono ben chiare le manovre politiche e le vere responsabilitA� che portarono alla morte 1.200 persone. La grande imbarcazione affondA? a poche miglia dalla costa irlandese senza alcun soccorso da parte della marina inglese ed, il secondo siluro, in realtA�, non fu mai lanciato dai tedeschi, ma fu un esplosione della��enorme quantitativo di materiale bellico che la nave a�?civilea�? trasportava abusivamente, mettendo in grave pericolo gli ignari passeggeri. Quello che A? sicuro, A? che la��aggressione tedesca venne presa come spunto per orientare la��opinione pubblica ed il presidente Wilson verso la��intervento in guerra degli Stati Uniti da��America.

Charlot soldato

Pochi grandi del cinema hanno avuto il coraggio di denunciare la��orrore e la��inutilitA� della guerra attraverso la comicitA�, riuscendo a realizzare un lavoro che descriva la reale vita del soldato in trincea, con un umorismo ad un lirismo di livello eccelso. Charlie Chaplin presentA? uno dei suoi maggiori capolavori quando, nel 1918, la��armistizio non era ancora stato firmato ed il mondo stava subendo le atrocitA� di questo spaventoso massacro ormai da anni. Ci volle indubbiamente un enorme coraggio per affrontare in questo modo una��attualitA� cosA� pesante, cosa che riscatto in pieno il grande attore che, alla��epoca, venne accusato dalla stampa di codardia perchA� non partecipA? in prima linea al conflitto. a�?Charlot soldatoa�?, che fu interpretato, diretto e prodotto da Chaplin, fu invece il miglior contributo che un uomo del mondo del cinema poteva dare in quel momento sia al suo pubblico che ai combattenti al fronte. Fortunatamente ne possiamo beneficiare anche noi ad un secolo di distanza e possiamo ricordare un fondamentale capitolo della storia, sorridendo.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …