domenica , 25 Febbraio 2024

TEATRO DI LASINO. Parliamo d’altro – dialogo tra madre e figlia

Uno spettacolo che parla di stalking e del delicato rapporto tra madre e figlia, con le trentine Flora Sarrubbo e Maria Vittoria Barrella, sarA� presentato il 5 dicembre, ore 20,30, Teatro di Lasino.

600-parliamo_daltro_2

L’evento A? organizzato dal Centro famiglie di Lasino. Ingresso libero

Riflettere sul delicato e talvolta conflittuale rapporto tra madre e figlia, affrontare le situazioni piA? difficili che non avrebbero mai dovuto toccare la vita di una figlia, come lo stalking e la violenza. Questo il file rouge di a�?Parliamo da��altro a�� dialogo tra madre e figliaa�?, coproduzione Theamus, TrentoSpettacoli e Fondazione Aida, che il 5 dicembre alle ore 20,30, sarA� presentato presso il Teatro di Lasino ad opera del Centro famiglie di Lasino (ingresso gratuito). Il Centro ha organizzato la serata come tappa conclusiva di un percorso che vuole riflettere rispetto al delicato tema della violenza.

Parliamo da��altro a�� dialogo tra madre e figlia nasce da un’idea di Flora Sarrubbo, che firma la regia e che con Maria Vittoria Barella presenta lo spettacolo, tratta il rapporto madre-figlia attraverso un dialogo che scopra nuditA�, silenzi, sguardi, debolezze. La storia di Adriana e di Rosa viene raccontata nella sua natura di conflitto, di intrico, di passione, di rabbia, di amore. Il dialogo tra madre e figlia diventa quindi un dialogo necessario, che fa crescere entrambe nel coraggio delle confidenze, a volte rendendo i percorsi simili. E allora ci si sente meno sole. Anche davanti al tema dello stalking e della violenza. Anche davanti a quello che non era previsto accadesse. a�?Non a mia figliaa�? dirA� Adriana.

Come nella tradizionale storia russa della Babajaga, ogni madre vorrebbe consegnare alla propria figlia quella bambola. La bambola, che A? la psiche che dobbiamo nutrire. La bambola, che nel cammino ci aiuterA� ad essere donne. Il legame indissolubile, inesorabile, necessario, con la propria madre A? un passaggio di responsabilitA�, di etica, di sessualitA�, A? un passaggio di gioie, di tristezze, battaglie. A? un passaggio di rughe, che scrive la nostra identitA�. Il dialogo tra madre e figlia diventa quindi un dialogo necessario, che fa crescere entrambe nel coraggio delle confidenze, a volte rendendo i percorsi simili.

Lo spettacolo A? stato realizzato con il contributo di Provincia Autonoma di Bolzano Comune di Merano – Assessorato alla cultura, il sostegno di Spazio Off e Associazione ATTI.

Fondazione Aida tel. 045 8001471-045 595284 – fax 045 8009850 e-mail: fondazione@f-aida.it – www.fondazioneaida.it- www.facebook.com/fondazioneaida

Ufficio Stampa // Fondazione Aida
Tel. 339/1441436 – 045 8001471-045 595284 Fax 045 8009100
stampa@f-aida.it www.fondazioneaida.it

Vedi anche

A Rovereto l’Urban Festival Summer Edition 2019

Venerdì 28 giugno 2019 a partire dalle 18.00 nel centro storico della città di Rovereto, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *