lunedì , 4 Marzo 2024

a�?TRA LE ROCCE E IL CIELOa�?
Vallarsa, 30 agosto – 2 settembre 2012

Tra incontri, convegni, spettacoli, mostre escursioni e laboratori non poteva mancare alla��interno della manifestazioneA�a�?Tra le Rocce e il Cieloa�?, il Festival della montagna che si svolge in Vallarsa (TN)A�dal 30 agosto al 2 settembre 2012, una rassegna cinematografica.

Verranno proiettati cinque film che indagano la montagna nei suoi diversi aspetti eA�A�che seguono il tema delle quattro giornate del festival,A�a�� spiegaA�Lucia Marana,A�curatrice della rassegna per la��associazione culturale a�?Tra le Rocce e il cieloa�? che organizza la manifestazione a��A�per cuiA�ogni giorno ci sarA� un filmato che parla del tema sviluppato negli incontri della giornataa�?. E verranno premiati i vincitori del concorso a�?Racconta la tua montagnaa�?.

a�?Tre giorni a Premanaa�?, film del etnomusicologoA�Renato Morelli, parla di TA�ir, uno stile di canto urlato, potente, lento e sostenuto, al limite del grido, peculiaritA� di Premana, il piA? alto paese della Valsassina (LC). Il lungometraggio documenta i tre giorni piA? significativi per la tradizione del canto premanese: Past (8 augusto), Corpus Domini (6 giugno), Tre Re (5 gennaio).
La proiezione,A�giovedA� 30 agosto, giornata della��arte della montagna, alle 17 alla��Hotel Genzianella di Bruni sarA� seguita dalla��incontro con il regista.

Il film diA�Michele Trentini e Marco Romano a�?Piccola terraa�?A�sarA� proiettato nella seconda giornata del Festival dedicata alla vita in montagna,A�il 31 agostoA�alle ore 17 al Teatro Comunale di S. Anna. Il film A? ambientato in Valstagna, Canale di Brenta, Vicenza: su piccoli a�?fazzoletti di terraa�? un tempo coltivati a tabacco si gioca il destino in controtendenza di personaggi assai diversi, impegnati a dare nuova vita ad un paesaggio terrazzato in stato di abbandono. Ca��A? chi rimane aggrappato con ostinazione e orgoglio alla��antico podere di famiglia, chi lascia il posto di operaio in cava per ritrovare se stesso, chi venendo dal mondo urbano decide di prendersi cura di campi e muri a secco grazie ad un innovativo progetto di adozione, e chi originario del Marocco coltiva il sogno della��integrazione per sA� e per i propri figli. a�?Piccola terraa�? A? un racconto sul valore universale del legame con la terra, che prescinde da interessi economici, impedimenti politici, steccati culturali. Trentini e Romano commenteranno il loro film.

Nella giornata dedicata alle minoranze linguistiche,A�1 settembre, alle ore 17 alla��Hotel Genzianella a Bruni sarA� proiettatoA�a�?Il vento fa il suo giroa�?. Realizzato dal regista, allievo di Olmi,A�Giorgio DirittiA�su soggetto diA�Fredo VallaA�(che poi commenterA� la proiezione), il film ha un titolo in occitano a�?E la��aura fai son vira�?. Il vento diviene metafora di tutte le cose, movimento circolare in cui tutto torna. La storia di un pastore francese che, con la famiglia, si ritira in montagna per vivere secondo natura. Lo fa a Chersogno, un piccolo villaggio sulle Alpi occitane, la cui sopravvivenza A? legata ad alcune persone anziane ed a un fugace turismo estivo. Il suo arrivo diventa la dimostrazione di una possibile rinascita del paese. La��integrazione A? difficile e il rapporto con la a�?diversitA�a�? diventa il cardine della narrazione.

Sempre alla��Hotel Genzianella, il giorno seguenteA�2 settembre, giornata della storia, alle ore 17 sarA� proiettatoA�a�?Fino a quando a��a�?A�diA�Vittorio Curzel. Comincia da una foto, scattata nel 1916 a due giovani fratelli in divisa della��impero asburgico, il viaggio nella memoria di una famiglia trentina durante la prima guerra mondiale, con un itinerario che dapprima segue il nonno soldato in Galizia, per poi allargare lo sguardo verso gli altri fronti e le vicende drammatiche di una generazione di giovani europei in trincea. Il racconto attraversa i campi di battaglia della Marna e della��Isonzo, per concludersi fra le rocce del Pasubio, dove KaiserjA�ger trentini si trovano a combattere contro altri trentini volontari nella��esercito italiano. Fino a quando i sopravvissuti tornano nella loro valle e trovano un paese trasformato e senza vita. Al film seguirA� la��incontro con il regista.

Nella giornata di chiusura,A�il 2 settembre, alla��Hotel Genzianella a Bruni alle 14 si potrA� assistere al film, prodotto da Accademia della montagna del Trentino,A�a�?La montagna di Don Guettia�?A�diA�Jorge Lazzeri Del Sordo, che indaga il profilo umano Don Guetti, apostolo della cooperazione: non solo il suo credo politico e autonomistico, ma anche il suo grande amore per le montagne delle sue valli.

SeguirA� laA�Premiazione del Concorso a�?Racconta la tua montagna: dentro il paesaggioa�?A�che vedeA�oin gara video che trattano il paesaggioA�preso in esame da uno qualsiasi dei molteplici punti di vista possibili: paesaggio fruito dal punto di vista estetico, percorso attraverso passeggiate naturalistiche, raccontato nella sua profonditA� temporale attraverso il rapporto con la storia, documentato attraverso la testimonianza della cura, della manutenzione e del recupero, vissuto attraverso memorie e ricordi, mediato attraverso il filtro della letteratura e della poesia, a��

Info sulla��intero programma del Festival a�?Tra le rocce e il Cieloa�? :A�A�www.tralerocceceilcielo.it.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *