giovedì , 26 Gennaio 2023

TRENTINO: una mostra sul manifesto turistico

600E. Xiemenes, Roncegno bagni arsenicali ferruginosi, 1910 Fondazione Museo storico TrentinoDal 12 marzo al 18 aprile 2014 la Biblioteca della Fondazione Museo storico del Trentino ospita la mostra “Il manifesto turistico in Trentino: la promozione grafica della provincia attraverso i manifesti, 1859-1990”, curata da Elena Libardi con la collaborazione di Rodolfo Taiani. La mostra, ad ingresso gratuito, A? visitabile negli orari di apertura della biblioteca.

Dopo la��esposizione che, attraverso i fumetti, ripercorreva le principali vicende italiane e trentine dal 1945 ad oggi, il progetto a�?Trentino Italia storie popa�? a�� alle sue battute conclusive a�� prevede ora una mostra dedicata alla nascita e alla��evoluzione del manifesto turistico in Trentino.
Lo scopo A? quello di fornire alcune tracce essenziali su come si A? evoluta ed A? cambiata la cartellonistica nel corso dei decenni.

In particolare si A? insistito sul manifesto turistico a tema termale, poichA� il turismo termale A? stato ampiamente presente in Trentino. Sul tale territorio, sin dal Settecento, sono note, infatti, numerose fonti di acqua minerale che in alcuni casi hanno dato vita a vere e proprie stazioni termali conosciute in tutto il territorio Mitteleuropeo.

La mostra si muove su piA? livelli: la storia e i cambiamenti stilistici sa��intrecciano con gli eventi storici. Il periodo preso in considerazione va dalla fine della��Ottocento ai primi anni novanta del Novecento, un arco temporale nel quale il manifesto ha conosciuto profonde modificazioni in termini grafici, concettuali ma anche utilitaristici: da strumento di propaganda politica a mezzo di persuasione occulta. E tutto ciA? fino a quando, perso il suo ruolo preponderante, non sarA� sostituito da altre forme e mezzi di comunicazione piA? pervasivi come la fotografia o la televisione.

Accanto al manifesto sono segnalate altre forme di pubblicitA�, quali le guide mediche, le guide di viaggio e la pubblicistica minore (dA�pliant, brochure ecc.).

Gran parte del materiale riprodotto proviene dalla collezione Salce, un ricca raccolta di manifesti, frutto di una donazione privata, conservata presso il Museo civico Luigi Bailo di Treviso. Altro materiale, quali le guide e la pubblicistica minore, A? depositato presso biblioteche e archivi trentini. Il materiale piA? recente si trova invece presso la��Archivio provinciale di Trento.A�La mostra, curata da Elena Libardi e Rodolfo Taiani, rappresenta una delle ultime tappe del composito progetto a�?Trentino Italia storie popa�? – promosso dalla Fondazione Museo storico del Trentino, con il sostegno della Fondazione CARITRO e la collaborazione e partecipazioneA�di numerosi soggetti pubblici e privati, fra i quali le biblioteche comunali di Ala, Brentonico e Lavarone, la��Associazione culturale A�Francesco Gelmi di CaporiaccoA� e il Dipartimento di sociologia e ricerca sociale della��UniversitA� degli studi di Trento a�� che nel biennio 2012-2013 (e primi mesi del 2014) ha realizzato numerosi eventi e iniziative culturali destinati alla cittadinanza giovane e adulta della��intera provincia, focalizzando la��attenzione su alcuni momenti particolarmenteA�significativi della storia contemporanea del Trentino e della��Italia, evidenziandone discontinuitA� e parallelismi.

La mostra a�?Il manifesto turistico in Trentinoa�? A? visitabile fino al 18 aprile presso la Biblioteca della Fondazione Museo storico del Trentino, in via Torre da��Augusto 35 a Trento, secondo gli orari di apertura della biblioteca (lunedA�-giovedA� ore 9.00-18.00, venerdA� ore 9.00-13.00, sabato e domenica chiuso).

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *