sabato , 22 Giugno 2024

TrentoBlog Motori
E POI SI LAMENTANO…
I risultati dei Test di TrentoBlog Motori sulle prove su strada pubblicizzate dalle case automobilistiche

Abbiamo iniziato a Gennaio del 2010 ad iscriverci alle prove su strada che le case automobilistiche invitano a prenotare. Lo abbiamo fatto per circa 10 mesi e i risultati sono stati a dir poco sconfortanti. Solo la casa automobilistica PEUGEOT si A? salvata, gli altri marchi ancora ci devono rispondere.

Ovviamente per il nostro test, non ci siamo presentati come giornalisti, ma in incognito, come semplici utenti che desideravano provare delle auto; in vista di un probabile acquisto. Per rendere la prova piA? oggettiva e neutra, alle industrie automobilistiche che abbiamo interpellato, abbiamo chiesto (via internet nei siti predisposti, oppure a mezzo telefono, o in due casi a mezzo lettera) una�� automobile nella media. Non ci siamo addentrati nella scelta di marche o di modelli fuori portata (esempio Supercar o SUV, o macchine troppo costose). Il modello che di volta in volta era richiesto, per la nostra prova su strada, aveva le caratteristiche della�� auto di famiglia. Insomma della��automobile di tutti i giorni di media cilindrata.

Solo con Fiat abbiamo richiesto la prova della nuova 500, ma solo perchA� la campagna pubbliciatria della casa Torinese invitava a fare la richiesta su questo modello.
La maggior parte delle case automobilistiche che abbiamo coinvolto in questo test, escono con una pessima immagine. La migliore in assoluto A? stata la marca Peugeot che ci ha fatto provare la 3008 (leggerete nei prossimi giorni la prova su strada) e si sono dimostrati cortesi e disponibili.

Alcune marche di automobili ci hanno risposto a��pensiamo con un generatore automatico di risposte a mezzo e-mail – che avevano ricevuto la nostra domanda di prova su strada, ma poi alla fine non ci hanno fatto provare il modello di auto ( Opel, Renault, Audi, Toyota,Honda, Lancia).

Altre marche come: Ford, Fiat, Hyunday, Subaru, Volkswagen, Saab,Alfa Romeo e Nissan non ci hanno nemmeno risposto. In assoluto la��esperienza peggiore la��abbiamo vissuta con Volvo. Ci sembrava strano che un marchio cosA� famoso non ci rispondesse e cosA� li abbiamo contatti tre volte via internet e due volte telefonicamente, poi, per la�� ultima verifica, una sesta volta con un a�?Coupona�? che personalmente avevo ricevuto a casa come giornalista. Dalla casa svedese, da Gennaio.. stiamo ancora aspettando. Nessuno ci ha fatto sapere piA? nulla.

Certamente il nostro test A? stato fatto con la��obiettivo di verificare la rispondenza alle sollecitazioni pubblicitarie, che le case attuano per vendere i propri modelli. In questo senso, e alla luce di questi risultati negativi, non ci sorprende che il mondo della�� auto sia in crisi e in grossa difficoltA� di vendite. I motivi sono molteplici e riguardano tanti fattori. PerA? A? assurdo che con campagne martellanti e costose, invitino a provare le loro vetture e poi quando un utente desidera farlo, le industrie e gli concessionari non gli offrano la possibilitA� di farlo.

Forse, sarebbe meglio che alcuni responsabili marketing di queste industrie automobilistiche ed anche di molti concessionari locali, piA? che pensare ai loro telefonini di ultima generazione, pensassero a concentrarsi sul mercato e verso i potenziali clienti.

Alfredo Nepi

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *