giovedì , 18 Aprile 2024

UN POMERIGGIO NELLA PREISTORIA
A GRIGNO – VALSUGANA

untitled58Al Museo Tridentino di Scienze Naturali appuntamento d’eccezione, sabato 19 settembre a partire dalle ore 14.00, per vivere un intero pomeriggio nella presitoria.

Nell’ambito della mostra Quando eravamo cacciatori, in corso fino al 27 settembre presso la Pieve sconsacrata di Grigno in Valsugana il museo, il Comune di Grigno e la Provincia autonoma di Trento organizzano una festa preistorica dedicata al pubblico ed alle scuole. Una serie di laboratori, giochi, un torneo ed una “merenda preistorica” porteranno i partecipanti alla scoperta di tutte le pratiche e le abitudini degli antichi abitanti di Riparo Dalmeri.

Le attivitA� iniziano alle 14.00 presso il sagrato della chiesa parrocchiale, con i laboratori per i ragazzi. Tra le proposte: A scuola dal capo clan, una lezione insolita per apprendere e scoprire i segreti di un buon cacciatore preistorico, dall’accensione del fuoco alla lavorazione della selce, Pietre e polvere d’ocra, attraverso l’utilizzo di ingredienti naturali macinati e mescolati ad acqua e cera d’api per vengono sperimentate le antiche tecniche di pittura, Segni sulla pelle, l’antico rituale della decorazione del corpo, presente ancora oggi nella cultura contemporanea, viene riproposto con simboli e rappresentazioni della natura, Intrecci e amuleti, per creare ornamenti e gioielli con i materiali che la natura mette a disposizione e infine Arco e propulsore: la necessitA� di procurarsi il cibo nei diversi ambienti, ci aiuta a comprendere le difficoltA� degli antichi cacciatori per procurarsi il cibo. Mettiamo alla prova le nostre abilitA� di cacciatori.

Dalle 14.00 alle 19.00, per adulti e ragazzi, visite guidate alla mostra “Quando eravamo cacciatori”, mentre alle 15.30 A accensione del fuoco e assaggi dal passato per tutti, degustazioni dei cibi di cui si nutrivano i nostri antenati: carne, pesce, miele e piccoli frutti.

Alle 16.30, ecco il momento clou della giornata: un vero e proprio Torneo Preistorico, dedicato ai bambini a partire dai 4 anni. Tra le discipline di gara Tatoo, utilizzare i colori naturali (ocra e carbone) per realizzare un tatuaggio sul proprio corpo, Pietre dipinte, dipingere le pietre come gli artisti del passato, Tiro con l’arco e il propulsore, la precisione di un vero arciere per mettere alla prova il proprio istinto di cacciatori, Salva la preda, una serie di ostacoli da superare per portare la preda nel proprio accampamento e A caccia di stambecchi: afferrare le corna degli stambecchi attraverso una tecnica insolita ma divertente. Verranno premiati tutti coloro che avranno superato con maggiore abilitA� tutte le prove del torneo.

Dalle 18.00 alle 19.00, si terrA� la proposta di Teatro Scienza “La mia Amica Ape Rina”. Un appassionato apicoltore, che ha fatto del mondo delle api la sua ragione di vita, racconta, con un filo di emozione, le vicissitudini della sua amica Rina. Le storie, vere e fantastiche che interessano quest’ape bizzarra accompagnano i bambini nella sperimentazione, attraverso i sensi e l’interazione con immagini, di luoghi, regole e tempi del favoloso mondo delle api.A� Ad essere raccontate, nel corso dell’animazione, saranno i principali aspetti della vita dell’alveare oltre, naturalmente, alla principale operazione che viene svolta al suo interno, ossia la produzione di miele.

Nel corso del pomeriggio i bambini potranno imparare tutti i segreti della produzione del miele, seguire il percorso che va dalla raccolta del polline all’estrazione del miele dall’arnia. Uno sguardo speciale sarA� naturalmente dedicato alla vita degli insetti che producono il dolce composto: come A? organizzato un alveare, come nascono, crescono e si riproducono le api e come fare a riconoscere un’ape regina saranno le domande cui i piccoli partecipanti all’animazione potranno trovare risposta.

La serata si concluderA� quindi, alle 20.30, con il concerto concerto strumentale con i musicisti del trio Elias Nardi. Il repertorio proposto fa parte di un progetto europeo che concepisce le culture ed i loro suoni come un immenso archivio materiale ed emozionale, dove il suono conserva il pensiero immortale degli uomini.

A�L’evento A? organizzato in collaborazione con: Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, Cassa Rurale Bassa Valsugana, Azienda per il Turismo Valsugana: Lagorai – Terme – Laghi, Consorzio Bim Brenta e Sistema Culturale Valsugana Orientale.

Per la merenda preistorica si ringraziano: Macelleria Meggio Roberto e Ittica Resenzola di Grigno.

A�

Vedi anche

Al Muse le monumentali sculture animali di Jürgen Lingl-Rebetez

Al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, fino al 12 gennaio 2020 sarà possibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *