mercoledì , 28 Febbraio 2024

UN’ALTRA SUPER RICETTA DI EVELYN:
Gnocchi al nero di seppia

Buonasera a tutti voi lettori e lettrici di Trento Blog!

Vi ricordate di me?
La ragazza a�?blogger” che va pazza per la cucina?! Presente!
Oggi A? giovedA� e come promesso la scorsa settimana rieccoci qui, con un’altra ricetta tutta per voi.
Questa volta si tratta di un primo piatto. Un primo piatto perA? con i controfiocchi: gli gnocchi al nero di seppia con salsa al pesce persico e zafferano.
Si, sia��lo so che qualcuno sta pensando che sono difficili da realizzare ma io sono qui oggi, oltre che per suggerirvi la ricetta, anche per dimostrarvi che non sono affatto difficili.
Avrete ospiti a pranzo domenica? Questi saranno perfetti!

Pronti?!

Via!

Per 4 persone

IMG_0349
Per gli gnocchi al nero di seppia

  • 250 gr Farina 00
  • 4 gr Nero di seppia (ovvero una bustina i?� la trovate tranquillamente al supermercato)
  • 1 kg Patate
  • Sale qb

Per il sugo di pesce:

  • 1 spicchio da��aglio
  • 500 gr di pesce persico o spigola (anche congelato)
  • 50 gr Burro
  • 200 ml Panna da cucina
  • Pepe nero macinato q.b.
  • Rosmarino 1 rametto
  • Sale q.b.
  • Vino bianco 1/2 bicchiere
  • Zafferano 1 bustina

Innanzitutto iniziamo preparando gli gnocchi. Lessiamo le patate in abbondante acqua salata con tutta la buccia. (per facilitare la cottura le patate dovranno essere delle stesse dimensioni, se non lo sono, tagliate quelle piA? grosse in modo che risultino tali).

Una volta che le patate saranno cotte prendiamo lo schiaccia patate e quando ancora le patate saranno calde le posizioniamo alla��interno dello schiaccia patate e schiacciamo. Cosi facendo non ci ustioniamo le mani ed in un colpo solo peliamo e sminuzziamo le nostre patate (bello no?!). Una volta ottenuta la nostra purea, la facciamo raffreddare e la adagiamo in una ciotola capiente. Una volta fredda aggiungiamo alle patate il sale, il nero di seppia e la farina. Iniziamo ad impastare, inizierA� a formarsi una palla, a questo punto ci spostiamo sul nostro piano di lavoro ed impastiamo fino a quando non otteniamo una palla non appiccicosa (eventualmente aggiungere una spolverata di farina) e nera in modo uniforme.

Sul vostro piano di lavoro infarinato, formate dei a�?rotolinia�? di pasta, che taglierete a pezzetti grandi piA? o meno come un pomodorino. Una volta formati gli gnocchi li posizioniamo su un canovaccio leggermente infarinato, in modo che non si appiccichino. Facciamo riposare i nostri gnocchi e nel frattempo ci occupiamo del sugo.
Portiamo a bollore della��acqua salata in una pentola capiente. In una pentola scolapasta scaldiamo la��olio. Quando la��olio sarA� caldo aggiungiamo il burro. Quando si sarA� sciolto adagiamo il nostro pesce tagliato a pezzetti (se utilizziamo del pesce surgelato prima lo dovremo far scongelare)e lo saltiamo per qualche minuto. Dopo circa 5 minuti sfumiamo con il vino bianco, aggiungiamo la��aglio (interno se vogliamo solo saporire, per i piA? coraggiosi a pezzetti)il prezzemolo, il rametto di rosmarino, saliamo, pepiamo. Sciogliamo lo zafferano nella panna a parte.

Nel frattempo iniziamo a cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata.
Quando il nostro pesce sarA� insaporito togliamo dal fuoco e buttiamo tutto il sugo nel mixer, e mixiamo alla massima velocitA�. Riponiamo la mousse ottenuta nella pentola scolapasta e a questo punto aggiungiamo la panna arricchita con lo zafferano. Scoliamo man mano con la��aiuto di un scolapasta i nostri gnocchi direttamente nella pentola contenente il sugo, facciamo insaporire per qualche secondo e portiamo in tavolaa��.

Assolutamente da provare!
a��perchA� fare sempre i a�?solitia�? gnocchi?
Che dirvi?! Io ho conquistato tutti i miei commensalia��e voi?

Alla prossima settimana,
Evelyn.

NB: Spunto della ricetta tratto da Giallozafferano, il resto la��ho personalizzato strada facendoA�

Vi ricordo la mia Fan page su Facebook: www.facebook.com/langologolosodievelyn
E il link diretto al mio blog: blog.giallozafferano.it/angologolosodievelyn/

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *