domenica , 26 Maggio 2024

50 ANNI DI DONNE
Dialogo a margine della mostra “UniversitA� CittA�”

GiovedA� 31 gennaio, ore 17.30 presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia (Via Tommaso Gar, 14) si terrA� l’incontro 50 ANNI DI DONNE. Cosa resta delle rivendicazioni del femminismo – Dialogo a margine della mostra “UniversitA� CittA�“.

Dialogo con Barbara Poggio (coordinatrice del Centro Studi Interdisciplinari di Genere dell’UniversitA� di Trento) e Chiara Saraceno (Honorary fellow al Collegio Carlo Alberto di Torino e membro del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo di Trento). Modera la giornalista Milena Di Camillo.

L’incontro sarA� preceduto da una visita guidata alla mostra “UniversitA� CittA�” per il cinquantenario dell’Ateneo trentino in compagnia del curatore, che si terrA� alle 17.
La partecipazione A? libera e gratuita. Il dialogo sarA� anche registrato e riproposto da radio “Trentino in Blu“.

INTRODUZIONE ALL’INCONTRO
Il femminismo nasce come movimento politico, culturale e sociale per rivendicare il pieno riconoscimento dell’identitA�, della dignitA� e dei diritti delle donne nella societA�. Negli anni sessanta e settanta molte donne sono scese in piazza per denunciare gli squilibri di genere e affermare istanze di equitA� e paritA� nei vari ambiti della vita, dalla sessualitA� alle relazioni familiari al mercato del lavoro ai contesti decisionali. Molti gruppi femministi sono nati all’interno del movimento studentesco e la FacoltA� di Sociologia a Trento A? stata una delle prime fucine di protesta ed elaborazione femminista.

Cosa A? successo da allora? Il femminismo A? stato archiviato? I traguardi che questa generazione di donne si proponeva sono stati raggiunti?
A distanza di quasi mezzo secolo in realtA� non A? ancora possibile parlare di una piena cittadinanza per le donne. Molte cose sono cambiate, soprattutto sul piano normativo: leggi che hanno riconosciuto alle donne una maggiore autodeterminazione e un maggior potere sul proprio corpo, o che hanno ridefinito i rapporti all’interno della famiglia o che hanno promosso le pari opportunitA� sul lavoro favorendo un miglior equilibrio tra impegno pubblico e privato, sostenendo l’imprenditorialitA� femminile, riconoscendo l’importanza della rappresentanza femminile.

Anche sul piano delle pratiche i cambiamenti sono stati rilevanti, soprattutto se pensiamo alla consistente presenza delle donne nei percorsi scolastici e universitari, all’entrata delle donne in contesti tipicamente maschili, alla diffusione di strumenti di conciliazione tra vita lavorativa e familiare, tuttavia restano molte questioni irrisolte (come la segregazione verticale e la contrapposizione tra conciliazione e carriera) ed emergono nuove criticitA� (la condizione delle donne immigrate, una precarietA� lavorativa che tende ad intrappolare soprattutto le donne, la rappresentazione mediatica del corpo femminile, il dramma del femminicidio…) che rendono ancora attuali diverse istanze del femminismo, che vanno tuttavia rielaborate alla luce dei nuovi contesti cosA� come delle modalitA� e delle pratiche comunicative emergenti.

Ulteriori Informazioni: www.unitn.it/50anni-mostra-dialoghi

Vedi anche

Festival dell’Economia: in programma quasi 100 eventi

Il Festival dell’Economia, giunto alla sua 14^ edizione, inizierà giovedì 30 maggio nel pomeriggio per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *