domenica , 18 novembre 2018
Home / arte & cultura / A Palazzo delle Albere inaugurata la mostra dei “giardini ritrovati”

A Palazzo delle Albere inaugurata la mostra dei “giardini ritrovati”

La mostra dei giardini ritrovati sarà aperta fino al 2 settembre 2018 con orario 10-18 (mar-ven) e 10-19 (sab-dom); lunedì chiuso

Un nuovo contributo alla conoscenza di un patrimonio ancora poco conosciuto, seducente ma fragile, spesso a rischio. È stata inaugurata in questi giorni a Palazzo delle Albere, la mostra “Giardini ritrovati. Spazi e caratteri delle architetture verdi in Trentino”, ideata dalla Soprintendenza per i beni culturali e organizzata con il sostegno del Servizio attività culturali e del Servizio per il sostegno occupazione e la valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con il Castello del Buonconsiglio – Monumenti e collezioni provinciali e la Trentino Film Commission.

Nell’occasione il Soprintendente Franco Marzatico ha ripercorso la secolare storia del giardino e delle sue rappresentazioni bibliche, mitologiche, letterarie. L’Assessore alla Cultura del Comune di Trento, Andrea Robol, ha inoltre sottolineato il valore dell’iniziativa anche a fronte del percorso di riflessione sull’identità del futuro della splendida residenza suburbana dei Madruzzo, già al centro di un fitto tessuto di orti e giardini; la vernice non a caso si è svolta davanti alla loggia di ingresso, al limite tra esterno e interno, sullo sfondo dei filari di carpini collocati a rievocare il viale alberato che collegava il Palazzo detto appunto delle Albere con il centro cittadino tramite l’accesso monumentale dei Tre Portoni.

La vasta rete delle collaborazioni e i macrotemi della mostra sono stati illustrati dai curatori Lia Camerlengo, Katia Malatesta e Alessandro Pasetti Medin, dall’architetto paesaggista Claudio Micheletti per A2studio, responsabile del progetto espositivo, e dal video artista Stefano Benedetti. Al centro dell’iniziativa il concetto di giardino come spazio in equilibrio dinamico tra natura e artificio. La visita conduce così alla scoperta di una selezione dei quasi 150 parchi e giardini storici censiti e studiati dalla Soprintendenza nell’ambito della propria attività di tutela; ma anche a familiarizzare con le regole compositive e strutturali dell’architettura del verde e con le sue peculiari espressioni trentine, in dialogo con le forme e il clima del contesto alpino.

Vedi anche

In FBK apre l’innovativo laboratorio di ricerca “La bottega della scienza”

Mercoledì 14 novembre presso la sede di via S. Croce 77 della Fondazione Bruno Kessler, …