lunedì , 16 settembre 2019
Home / evidenza / AIDA: la piA? famosa opera di Verdi a Opera Domani

AIDA: la piA? famosa opera di Verdi a Opera Domani

600GiovedA� 22 e venerdA� 23 maggio il Teatro Auditorium di Trento ospiterA� il progetto di a�?Opera Domania�? che ogni anno coinvolge migliaia di bambini e ragazzi, chiamati ad essere protagonisti dello spettacolo lirico affiancando nel canto gli artisti impegnati in palcoscenico. SarA� rappresentata, in forma ridotta, una delle opere piA? conosciute e amate dal pubblico: A�AIDAA� di Giuseppe Verdi.

Opera Domani, il piA? diffuso tra i progetti di Opera Education, si occupa della produzione di opere liriche introdotte da momenti didattici e da ormai 15 anni porta a Trento grandi opere, ripensate per il pubblico piA? giovane. La��edizione 2014 renderA� omaggio a Giuseppe Verdi con A�Aida, amore A? coraggioA�, spettacolo che ha debuttato lo scorso febbraio al Teatro a�?Socialea�? di Como, inaugurando una lunga tournA�e nazionale.

Il percorso didattico avviato anche in Trentino, che culminerA� nella messa in scena del capolavoro verdiano giovedA� 22 e venerdA� 23 maggio al Teatro Auditorium di Trento, si A? sviluppato attraverso tre distinti momenti. Alla metA� di febbraio A? stata organizzata una giornata preparatoria, dedicata agli insegnanti, nel corso della quale esperti di As.Li.Co. (Associazione Lirica e Concertistica Italiana) hanno illustrato l’opera nei suoi aspetti letterari, musicali e teatrali. A tutti gli intervenuti A? stato consegnato il materiale didattico: una dispensa, un CD contenente brani musicali da far ascoltare e cantare in classe, il libretto dell’opera. Gli insegnati hanno poi avviato il lavoro in classe con con gli alunni, proponendo attivitA� creative preliminari quali all’ascolto dell’opera lirica, lo studio del libretto e della componente musicale, la preparazione di azioni sceniche e, soprattutto, dei canti che saranno parte integrante dello spettacolo.

Il ruolo dei ragazzi non sarA� certo marginale, in quanto saranno chiamati a dare vita, dalla platea, ai momenti musicali piA? intensi dell’opera, rappresentando il popolo egizio nell’esecuzione di alcuni fra i piA? noti cori verdiani quali a�?Gloria alla��Egittoa�?; a�?Ma tu Re, tu signore possentea�?; a�?Gloria al clemente principea�?; a�?O tu che sei da��Osiridea�?; a�?Immenso FthA�a�?.

Quest’anno hanno aderito al progetto a�?Opera Domania�? 54 scuole, in rappresentanza dell’intero territorio provinciale (Trento e Rovereto, Valsugana, Primiero, Tesino, Piana Rotaliana, Alto Garda, Valle dei Laghi, Guidicarie, Val Rendena, Valli di Fiemme e Fassa, Valle di Non), oltre ad una scuola di Belluno e ad una di Valstagna in provincia di Vicenza. Complessivamente, sono stati coinvolti nel lavoro di preparazione allo spettacolo 290 insegnanti e poco meno di tremila fra bambini e ragazzi.

GiovedA� 22 e venerdA� 23 maggio l’esecuzione dell’opera, che sarA� proposta nell’adattamento musicale curato da Alberto Cara, sarA� affidata ai cantanti As.Li.Co. e all’Orchestra 1813 diretta da Pietro Billi. La regia A? di Stefano Simone Pintor e le scene sono firmate da Gregorio Zurla.

A�Affrontare l’Aida di Verdi a�� scrive Pintor nelle note di regia a�� costringe a raffrontarsi con una delle nazioni e delle culture piA? potenti dell’antichitA�, quella egizia: un vero e proprio patrimonio dell’umanitA� intera. PiA? di tremila anni fa l’Egitto era una potenza mondiale in grado di sovrastare il mondo con il proprio esercito. Le guerre per il totale controllo del nord-Africa e del territorio adiacente al Nilo erano all’ordine del giorno, soprattutto contro l’Impero Ottomano, di cui l’Etiopia era una provincia importante.

Uno scenario non troppo diverso da oggi, visto che le guerre, ovunque nel mondo, sembrano non essere mai passate di moda. Ci vuole coraggio per fare una guerra, per difendere la propria terra dall’attacco del nemico. Anche nella storia di Aida c’A? una guerra combattuta con coraggio contro il nemico. Eppure il tema principale di quest’opera non sembra essere davvero la guerra. L’argomento che interessava raccontare al nostro Verdi sembra essere un altro… E cioA? l’amore! Il vero coraggio risiede nella capacitA� di andare contro corrente, di lottare per le proprie visioni e di scontrarsi con i propri padri e nella capacitA� di amare qualcuno. Non a caso il sottotitolo A?: a�?Amore A? coraggioa�?. Il messaggio dell’opera tuttavia non A? racchiuso solo all’interno del fastoso Egitto che ci viene rappresentato, anzi, possiamo immaginare, conoscendo il passato dello stesso Verdi, che in questo conflitto fra Egitto ed Etiopia, egli vi stesse descrivendo in realtA� la profonda ingiustizia della politiche colonialiste degli anni in cui viveva. Anche per questo motivo al posto di una messinscena sfarzosa, alla a�?solita manieraa�? che rischi di oscurare e far dimenticare qual A? il vero fulcro dell’opera, cioA? il triangolo amoroso fra Aida, RadamA?s e Amneris, abbiamo ideato una messinscena piA? essenziale.A�

Nella giornata di giovedA� 22 maggio sono previste al Teatro Auditorium di Trento tre rappresentazioni con inizio alle 9.00, alle 11,00 e alle 14,30. VenerdA� 23 sono in calendario invece soltanto le due recite antimeridiane.

Compatibilmente con la necessitA� di garantire la presenza in platea a tutti i bambini coinvolti nel progetto a�?Opera Domania�?, anche il pubblico adulto potrA� assistere allo spettacolo (costo del biglietto 11 euro), previa prenotazione presso la cassa del Teatro Auditorium.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …