lunedì , 28 settembre 2020
Home / evidenza / BEE BEE SEA: all’ Angolo dei 33 mercoledA� 8 aprile 2015

BEE BEE SEA: all’ Angolo dei 33 mercoledA� 8 aprile 2015

Offset ConcertiA�&A�La��Angolo dei 33 A�presentanoA�presso A�la��angolo dei 33A�via ss. cosma e damiano 66 a Trento -A�mercoledA� 8 aprileA�alle ore 21 i Bee Bee Sea

600-beebeesea3

I a�?Bee Bee Seaa�? sono una band dalla��attitudine garage, puntano dritti al cuore senza lasciare scampo. Attaccano ritornelli che teletrasportano nel Big Sur californiano per poi, inconsciamente, scaraventarti a Manchester o Nashville. Se i Black Lips fossero nati in terra da��Albione forse suonerebbero cosA�.A�Un disco da��esordio esplosivo e straordinariamente maturo per questi tre ragazzi cresciuti laddove la provincia mantovana si incunea nel bresciano, frutto di una lunga collaborazione con il T.U.P. Studio di Brescia dove, sotto la direzione di Bruno Barcella e Alessio Lonati, hanno cesellato e arrangiato il disco, nella romantica convinzione che ogni brano dovesse risultare un singolo. Trio giovanissimo nato nel 2011 come A�a�?TheA�Neigersa�?,A�cambiano nome alla��alba del 2015 in vista di alcune ottime date internazionali . Le coordinate musicali della band vanno ad esplorareA�diverse declinazioni e sfaccettature del rocka��na��rollA�in senso lato: dal piA? tipico garage rock dei sixtiesA�di band come Sonics o Ventures alA�boogie/glam rock dei T RexA�di Marc Bolan; dalA�seminale punk inglese dei tardi a��70A�(Clash, U.K. Subs, Boys, con deviazioni melodiche verso il power-pop di quegli stessi anni), adA�atmosfere piA? vicine agli Stone Roses e al primo brit popA�agli albori dei a��90, su tutti Blur e Oasis dei primi album. Una serie di pezzi originali cheA�nonostante le ingombranti ed evidenti influenze, lasciano intravedere chiaramenteA�carattere e personalitA�. SoprattuttoA�in concerto, nonostante la formazione ridotta alla��osso, la band riesce ad avere uno spessore sonoro degno di un quintetto rock e una presenza scenica che non fa rimpiangere un cantante solista. Chitarre roteanti, unaA�voce a tratti rauca che insegue e afferra la melodia, unaA�sezione ritmica instancabile che tesse trame semplici ma molto efficaci.A�Una macchina da concerto molto richiesta che da qualche anno e nonostante la giovane etA� sta infilando una serie sterminata di live in piccoli e medi club, facendosi conoscere e lasciando ogni volta il segno.A�Nel 2012 incidono un EPA�presso il suddetto studio di registrazione analogico TUP di Brescia grazie alla��opera di Pierluigi Ballarin (Recorda��s) e Bruno Barcella (Miss Chain & the Broken Heels) composto diA�5 piccole schegge che conciliano energia spicciola ad interessantissimi spunti melodici, in due parole pop e rocka��na��roll. Dalla pubblicazione (autoprodotta)A�piovono recensioni positive dalla stampa specializzata e numerosissime web-zineA�facendo deiA�Bee Bee SeaA�una delle band emergenti piA? richiesteA�neiA�club e locali del nord Italia degli ultimi tre anni. In seguito alla��uscita del primo omonimo long playing alla��inizio di marzo 2015 la��attenzione sui ragzzzi A? e rimane grande: il video del singolo a�?Lou Weirda�? che accompagna la��uscita della��album A? stato trasmesso in premiA?re su a�?Noisey : Music By Vicea�? e la band A? stata intervistata da a�?Rockita�? meno di 2 settimane fa. Sentiremo molto e presto parlare ancora di loro! I Bee Bee SeaA�sonoDamiano Negrisoli – chitarra e voce a�� Giacomo Parisio a�� basso a�� Andrea Onofrio a�� batteria.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …