lunedì , 27 Giugno 2022

A.C. TRENTO: Mauro Giacca alla guida di una cordata per costruire il futuro del calcio locale

TrentoA.C. TRENTO: Mauro Giacca ha rilevato il Trento Calcio 1921 ed A? pronto a lanciare un progetto condiviso con imprenditori e personalitA� locali.

Se la pallavolo, negli ultimi anni, ha regalato tante soddisfazioni sia a livello nazionale che internazionale grazie alla Trentino Volley, il basket si avvia ora a vedere Trento fra le protagoniste della serie A grazie all’impresa compiuta dall’Aquila basket con la recente vittoria dei play-off e la promozione nella massima serie.

Nel panorama dello sport locale, perA?, la nota stonata sembra essere rappresentata dal calcio, e nello specifico dalla squadra del capoluogo, che fra pochi alti e moltissimi bassi non A? mai riuscita a ritagliarsi un ruolo di prestigio. Il tormentato percorso del Trento Calcio 1921, per come lo conosciamo, si A? ufficialmente concluso il 12 maggio 2014 quando il Tribunale di Trento ha dichiarato fallita la societA� Trento Calcio 1921 s.r.l.

Eppure, come recita un famoso detto, molte volte “la notte A? piA? buia poco prima dell’alba”. Poche settimane dopo il fallimento della societA�, infatti, l’imprenditore Mauro Giacca ha rilevato il Trento Calcio 1921 all’asta con un’offerta di 50.000 a��. L’imprenditore trentino, supportato da personalitA� di rilievo legate al mondo dello sport, dell’imprenditoria e della societA� quali Diego Mosna, patron della Trentino Volley, Diego Schelfi, Giorgio Fracalossi, Alberto Pacher e Lorenzo Laner solo per citare alcuni nomi, sembra seriamente intenzionato ad aprire un corso del tutto nuovo per la squadra gialloblu.

Le serie difficoltA� del calcio italiano, culminate con l’eliminazione della nazionale dai mondiali di calcio in Brasile e il conseguente azzeramento dei vertici della FIGC, possono far apparire il momento come il non piA? congeniale per parlare in termini entusiastici del pallone nostrano o per lasciarsi cullare da promesse di sogni di gloria. Eppure, come sosteneva Winston Churchill, lo spessore di una persona sta nel non vedere un problema in ogni opportunitA� ma un’opportunitA� in ogni problema.

CosA�, con una squadra costretta a ripartire dalla Promozione in uno dei periodi piA? difficili per il calcio italiano, il nuovo A.C. Trento si troverA� immerso nella sfida di ricalcare i passi delle squadre trentine nel volley e nel basket, costruendo con pazienza, serietA� e progettualitA� una nuova epoca per il calcio locale destinata a portare il Trento dapprima nel calcio professionistico e, in seguito, ancora piA? in alto.

Nel 1998, il Sassuolo perdeva uno spareggio promozione per la C2 contro il Trento, salvo poi venire ripescato. A distanza di tre lustri, il Sassuolo ha centrato una storica promozione in serie A e, nel campionato 2014/2015, si presenterA� ancora ai nastri di partenza della massima serie dopo una salvezza ottenuta nelle ultime giornata.

Il calcio, come la vita, sa essere imprevedibile. Eppure, guardando a chi ci passa anche solo a pochi centimetri di distanza, possiamo scorgere esempi, ispirazioni, storie di imprese sulle quali costruire il sogno di una rinascita. Guardando piA? lontano, senza mai perdere di vista l’orizzonte, fanno capolino realtA� come Udine, Chievo Verona, Empoli, Latina, Varese e guardando a nord,A�SA?dtirol. Se Trento crede di non meritare un posto a questi livelli, A? forse meglio lasciar perdere a priori. Ma in caso contrario, con tanto impegno, progettualitA� e competenza, il futuro dell’A.C. Trento puA? essere una bellissima pagina di sport ancora tutta, e questa volta finalmente, da scrivere e vivere fino in fondo.

Andrea Bonetti – Trentoblog.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *