mercoledì , 5 agosto 2020
Home / arte & cultura / CULTURA: Alla scoperta di Tridentum. La cittA� sotterranea

CULTURA: Alla scoperta di Tridentum. La cittA� sotterranea

Itinerario archeologico alla scoperta di Tridentum, nel centro di Trento dal S.A.S.S. alla Basilica Paleocristiana con visita alla mostra “Ostriche e vino. In cucina con gli antichi romani”.
600 Ostriche e vino, foto L
Partecipazione A� 4 euro, prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno dell’iniziativa tel. 0461 230171, max 35 partecipanti. A�A cura dei Servizi Educativi dell’Ufficio beni archeologici e del Museo Diocesano Tridentino.

Un percorso alle origini della cittA� di Trento per ripercorrere le tappe evolutive della��antica Tridentum romana, calandosi in una��affascinante dimensione, spesso poco conosciuta. La��itinerario prevede il ritrovo presso il S.A.S.S., lo Spazio Sotterraneo Archeologico del Sas (sotto piazza Cesare Battisti) luogo che, con oltre 1700 metri quadrati di cittA� romana, A? ormai divenuto il simbolo di Tridentum. Da qui, lungo la��antico tracciato viario romano, la visita prosegue verso piazza Lodron, sotto Palazzo Lodron dove A? allestita la mostra a�?Ostriche e vino. In cucina con gli antichi romania�?. La mostra, legata al tema del cibo in epoca antica, si inserisce nelle iniziative nell’ambito di Expo 2015 proponendo un excursus sulle abitudini alimentari e la cucina in etA� romana sulle sponde dell’Adige. Un’occasione da non perdere per vedere una selezione di materiali inediti, compresi tra il I ed il IV secolo d.C., provenienti dalle indagini archeologiche del territorio trentino: utensili e suppellettili da tavola in ceramica fine e grezza, vetro e pietra, vasellame in bronzo per la cottura dei cibi oltre a resti vegetali, tra i quali cereali, legumi, vinaccioli, pinoli. Materiali di intatta bellezza come i raffinati vetri smerigliati di coppe e bicchieri che svelano un gusto ricercato e grandi abilitA� artigiane. Molte le curiositA�, come le ostriche di mare provenienti probabilmente dall’Adriatico. L’itinerario si conclude alla Basilica Paleocristiana di San Vigilio, eretta tra il V e il VI secolo all’esterno della cinta urbica. L’edificio ebbe inizialmente il ruolo di basilica cimiteriale, ovvero di santuario con funzione commemorativa e fu successivamente trasformato in chiesa cattedrale.

_____________________

Informazioni

Provincia autonoma di Trento
Soprintendenza per i beni culturali
Ufficio beni archeologici
Via Mantova, 67 – Trento
tel. 0461 492161 A�
uff.beniarcheologici@provincia.tn.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …