Detrazioni fiscali anno 2016 per i servizi dei nidi d’infanzia

pubblicato da: Trentoblog in economia e società,evidenza

600 Detrazioni-fiscali-anno-2016-nidi-d-infanzia_imagefull

Anche per il periodo di imposta 2016 la legge di stabilità ha confermato le detrazioni fiscali per le spese sostenute dei genitori nel 2016 per la frequenza del nido d’infanzia da parte dei figli.

Si informa che le spese per il servizio di nido d’infanzia, ai fini della detrazione fiscale, possono essere dimostrate da:

  • copie delle ricevute di pagamento tramite  conto corrente o bollettino postale
  • ricevuta di bonifico bancario o postale
  • mav relativo al servizio nido d’infanzia
  • in caso di addebito in conto potrà essere prodotta la comunicazione, inviata dal Servizio, di determinazione dell’importo della retta bimensile e l’estratto conto bancario da cui derivi il pagamento effettuato

Le istruzioni alla compilazione delle dichiarazioni dei redditi precisano che le spese sostenute dai genitori per pagare le rette relative alla frequenza di nidi d’infanzia, pubblici o privati, sono possibili per un importo complessivamente non superiore a 632 euro annui per ogni figlio fiscalmente a carico.

Articoli simili

Pubblicato il 22 marzo, 2017 @ 6:08 pm.


Trento Blog è un supplemento alla testata Blogosphera, registrata presso il tribunale di Trento (n. 1369/08)
Blogosphera: Direttore responsabile: Andrea Bianchi - Editore: Etymo srl
Redazione: c/o Etymo srl - Via Brescia, 37 - 38122 Trento (TN) - tel. 0461.236456 - redazione@etymo.com
© 2006-2010 etymo s.r.l. P.IVA 02242430219. Alcuni diritti sono riservati sotto licenza Licenza Creative Commons.

Policy di utilizzo dei cookies