sabato , 31 ottobre 2020
Home / Aquila Basket Trento / DOLOMITI ENERGIA, troppe palle perse: vince Brindisi 69-61

DOLOMITI ENERGIA, troppe palle perse: vince Brindisi 69-61

600-aquila-brindisi

Dopo una ottima partenza con Jefferson e Baldi Rossi, i bianconeri si spengono alla distanza penalizzati da 22 palle perse e da basse percentuali al tiro: Lighty il migliore tra i trentini

Dopo un buon inizio di partita, che grazie a Jefferson e Baldi Rossi l’aveva anche vista scappar via di dieci sul 7-17, la Dolomiti Energia si spegne alla distanza nella gara d’apertura del campionato di serie A giocata all’ora di pranzo al PalaPentassuglia, arrendendosi per 69-61 all’Enel Brindisi di uno scatenato M’Baye (17). A penalizzare Trento, nonostante una solidissima prova di David Lighty (17), le troppe palle perse in attacco (22, 5 delle quali di Hogue nella foto Ciamillo), le scadenti percentuali al tiro dall’arco (3/18) e una cattiva giornata di tiro pure dalla lunetta (16/26).
La cronaca: la Dolomiti Energia inizia l’incontro di gran carriera, correndo il campo ad ogni occasione utile e poi affidandosi a Craft e Flaccadori per creare gioco a difesa schierata dal pick and roll e in uscita dai blocchi. A finalizzare le giocate degli esterni pensano Jefferson con le schiacciate (8 punti nel periodo, accompagnati pure da 3 rimbalzi) e Baldi Rossi con i movimenti in post up e il tiro dagli scarichi (7 punti). Al 10′ A? 14-20 Trento dopo che i bianconeri sono riusciti pure a portarsi sul piA? 10.
Nel secondo quarto l’Enel, in apertura di gara tenuta in piedi dai soli Agbelese (4) e Aj English (5), alza il livello di intensitA� della propria difesa. Soffocata dalla pressione avversaria, la Dolomiti Energia perde troppi palloni (saranno 12 all’intervallo), faticando a capitalizzare in attacco il gran lavoro fatto in difesa. A mettere davvero nei guai i trentini, perA?, A? soprattutto il secondo fallo di Jefferson, immediatamente seguito dal terzo per fallo tecnico. Privata del suo giocatore piA? efficace fino a quel momento, Trento vacilla sotto i colpi di M’Baye e Scott (6 a testa): all’intervallo A? 32-31.

Il terzo periodo, purtroppo per i colori bianconeri, ripete le sinistre indicazioni giA� arrivate nella prima metA� gara: i ragazzi di Maurizio Buscaglia continuano a perdere troppi palloni (7-17 il confronto delle perse tra le due squadre al 30′), non segnano praticamente mai da tre punti (2/14) e sbagliano troppo ai tiri liberi. A tenere a galla la barca trentina contro le folate di Moore (due triple dopo una prima metA� gara balbettante dall’arco pure per i pugliesi) sono la concretezza sui due lati del campo di David Lighty e la superioritA� aquilotta a rimbalzo, che resta evidente (26-34 dopo tre quarti) nonostante la forzata permanenza in panchina di Jefferson carico di falli. Che non sia giornata per i colori bianconeri perA? appare fin troppo chiaro quando negli ultimi secondi del terzo periodo Trento ha la chance di tornare a un possesso di distanza, ma commette l’ennesima persa banale, aprendo il campo dall’altra parte del parquet alla bomba dell’ex Spanghero (53-44).

Nell’ultimo periodo la Dolomiti Energia tenta una generosa ma un po’ disarticolata rimonta, durante la quale piA? volte rischia di finire a meno sedici ma resta perA? in corsa grazie al grande carattere e alla notevole consistenza difensiva dimostrate. Con un Jefferson che anche senza stoppare sporca tutte le parabole di tiro ai penetratori avversari, e Lighty che dall’altra parte del campo A? da solo l’attacco di Trento, il team di Buscaglia arriva anche a meno cinque a 30 secondi dalla fine (66-61), ma continuando a spadellare dall’arco non riesce a completare il lavoro iniziato. Finisce 69-61 per il team di Sacchetti, con i trentini chiamati subito al pronto riscatto domenica nell’esordio casalingo al PalaTrento contro Cremona.

ENEL BRINDISI – DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 69-61 (14-20, 32-32, 53-44)

BRINDISI: Agbelese 10 (5/12, 0/1), Scott 15 (4/9, 0/3), Carter 6 (2/6, 0/2), English 5 (2/4, 0/6), Fiusco ne, Cardillo 0 (0/2 da 3), Moore 6 (2/4 da 3), Donzelli 0, M’Baye 17 (7/9, 1/4), Joseph 3 (0/1, 1/2), Sgobba ne, Spanghero 7 (1/2, 1/3). Coach: Sacchetti.

TRENTINO: Craft 9 (3/6, 0/1), Jefferson 10 (5/6), Baldi Rossi 9 (3/6, 0/2), Moraschini 0, Forray 2 (0/2, 0/2), Flaccadori 6 (2/4, 0/1), Gomes 5 (0/4, 1/5), Hogue 3 (1/3), Lighty 17 (4/8, 2/7), Lechthaler 0 (0/1). Coach: Buscaglia.

NOTE: Tiri liberi: Brindisi 12/18, Trentino 16/26. Tiri da due: Brindisi 21/43, Trentino 18/40. Tiri da tre: Brindisi 5/27, Trentino 3/18. Rimbalzi: Brindisi 38 (Agbelese, Scott, Mooore, M’Baye 6), Trentino 47 (Jefferson 8). Assist: Brindisi 14 (English 4), Trentino 10 (Flaccadori 3).

ARBITRI: Manuel Mazzoni, Guido Federico di Francesco e Beniamino Manuel Attard.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …