giovedì , 22 Febbraio 2024

Facebook, MySpace, Friendster & Co.:
Gravi dubbi sulla tutela dei dati personali
e la sicurezza delle informazioni

ctrcu2Il CRTCU chiede una a�?scadenzaa�? per i dati raccolti da parte dei social network e la possibilitA� – da parte dell’utente – di cancellare definitivamente qualsiasi traccia della propria identitA� virtuale.

Le piattaforme Internet di socializzazione, quali ad esempio Facebook, raccolgono sempre piA? l’interesse del pubblico ma presentano anche dei rischi per nulla trascurabili. Sono diverse le attivitA� criminose in qualche modo collegate a tali offerte, con grande diffusione ad esempio di virus informatici. A ciA? si possono aggiungere serie preoccupazioni per la tutela della privacy, di recente sollevate anche da parte della Commissione Europea.

Cominciamo dalle condizioni generali di utilizzo dell’offerta informatica (terms of use) che prevedono la memorizzazione “a tempo indeterminato” o “in via irrevocabile” di tutti i dati relativi ad un utilizzatore della piattaforma (comprese fotografie, video, ecc.) a�� addirittura anche dopo la cancellazione del profilo dell’utilizzatore. A tal proposito la Commissione Europea ha deciso di intervenire ponendo delle chiare regole.

Un altro aspetto critico per quanto riguarda l’utilizzo di questi servizi riguardaA� la diffusione di malware. Le pagine del progetto “BA?rger-Cert” ad esempio mettono in guardia dal virus “koobface” che genera un messaggio rivolto all’utilizzatore con il quale questi viene invitato a guardare dei video messi on-line da dei suoi amici. Al tempo stesso si provvede ad informare il malcapitato della necessitA� di aggiornare il proprio flash-player. Proprio qui si nasconde l’inganno in quanto, invece del promesso aggiornamento si finisce con l’installare i virus che a loro volta andranno a sollecitare altri utilizzatori con la proposta di a�?visione di materiali videoa�?.

Del tutto analogo il trucco impiegato per far scaricare sul proprio computer un “cavallo di Troia” (simulando il download di un Adobe-player); attraverso di questo si attiva poi la memorizzazione di altri programmi malware scaricati da Internet, quali ad esempio un key-logger che protocolla ogni movimento della tastiera, portando a spiare tutta la��attivitA� eseguita col computer.

Numerosi visitatori del World Wide Web ignorano d’altronde che le informazioni pubblicate on-line sulle varie piattaforme di socializzazione rappresentano un boccone prelibato per tanti truffatori, soprattutto per chi pratica il cosiddetto “scams“: laA� raccolta del maggior numero di informazioni presenti on-line per un determinato utilizzatore grazie alle quali A? possibile imbastire una serie di inganni mirati a sottrarre del denaro al malcapitato di turno. Chi decide di memorizzare delle informazioni sulla sua persona all’interno di diverse offerte on-line e spesso senza la possibilitA� di cancellare alcunchA�, finisce col divenire del tutto trasparente agli occhi di chi opera con finalitA� non sempre pulite nella rete delle reti.

In ambito europeo la Commissione si A? quindi mossa per ottenere delle maggiori misure di tutela della privacy degli utilizzatori dei social networks, dal momento che le stesse condizioni d’uso previste nei relativi siti non adempiono alla normativa in vigore sulla tutela dei dati personali. Non basta infatti una semplice dichiarazione di intenti (come talora riportano tali siti) per garantire un’effettiva tutela dei diritti del consumatore o dei minorenni.

Chi protegge i consumatori si trova di fronte ad un’immensa mole di informazioni poste volontariamente a disposizione dei servizi di socializzazione on-line, spesso da parte di soggetti minorenni. A? importante riuscire a spiegare proprio ai giovani che differenza faccia partecipare ad una conversazione con dei coetanei in carne ed ossa o invece inviare una serie di informazioni attraverso le tecnologie informatiche: una parola di troppo si dimentica in fretta, ma ogni espressione memorizzata nel web rimane a lungo on-line a�� anche per sempre.

Di regola A? il gestore dei siti a decidere se e quando permettere la cancellazione di un profilo. Si tratta di un potere esagerato che ora dovrA� trovare disciplina a livello legislativo. Le attuali norme a tutela della privacy sono state emanate quando ancora non esistevano offerte on-line di questo tipo. Oggi, sostiene il CRTCU, A? necessario prevedere per le piattaforme on-line dove i consumatori forniscono volontariamente tutta una serie di informazioni personali una scadenza certa per la memorizzazione dei dati. In alternativa puA? essere prevista almeno la possibilitA� di effettuare una cancellazione volontaria delle informazioni e di regolare le modalitA� di accesso da parte di persone terze ai propri dati personali.

Vedi anche

BUSINESS CLINIC: torna martedA� 29 ottobre l’appuntamento Impact Hub per Start UP

La Business Clinic di Impact Hub torna a Trento, in via Belenzani 39 MercoledA� 29 ottobre 2014, dalle 17.30 alle 19.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *