domenica , 23 Giugno 2024

FESTIVAL PIA� PIANO
25 luglio a�� 14 agosto 2012

Diventato anno dopo anno un appuntamento fisso dell’estate con la musica classica e con il pianoforte, torna in Trentino-Alto Adige/SA?dtirol per la sua quinta edizione il Festival PiA? Piano, rassegna musicale itinerante che toccherA� diverse localitA� turistiche della nostra regione tra i mesi di luglio ed agosto.

Cresce l’offerta dei concerti, saliti a tredici, e di conseguenza il numero degli artisti ospitati che provengono dalle nostre terre ma anche dalle altre regioni, valicando poi i confini italiani per un respiro europeo con una puntata in Giappone.

L’inaugurazione A? fissata per mercoledA� 25 luglio ed avverrA� come A? ormai consuetudine a Cavalese, dove i concerti a�� novitA� di quest’anno – saranno ospitati nello storico palazzo della Magnifica ComunitA� di Fiemme, reso splendido dopo i lunghi lavori di restauro e riaperto al pubblico nei primi giorni del mese di luglio 2012.

Seguiranno poi, a cadenza quasi giornaliera, gli appuntamenti in calendario che tra recitals pianistici, musica da camera e spettacoli musicali ci accompagneranno fino al 14 di agosto attraversando la Valle dell’Adige (Trento), la Valsugana (Roncegno), la Val Rendena (Pinzolo), la Val di Non (Passo della Mendola), il Basso Sarca (Arco) ed il Giardino del Sudtirolo (Caldaro).

Caratteristica del Festival PiA? Piano A? la presenza del pianoforte come strumento solista e nella musica da camera, ma anche per serate dal taglio diverso dove piA? arti s’intrecciano con le note della tastiera. Questo A? il caso di due appuntamenti in cui il festival ospita la danza ed i burattini.

Il 4 agosto il burattinaio trentino Luciano Gottardi porterA� la sua magia a Palazzo Calepini, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto in via Calepina a Trento, raccontando la sempre affascinante storia di Pierino e il Lupo musicata dal compositore russo Sergej Prokofiev. Mentre il 7 agosto, sul palco del Paladolomiti di Pinzolo, la danzatrice e coreografa tedesca Stefanie Goes si esibirA� in un passo a due per piano e danza.

I programmi musicali offrono una rosa di opere classiche dal Settecento al Novecento storico, con un omaggio particolare al compositore Claude Debussy, di cui ricorrono quest’anno i centocinquant’anni dalla nascita. Cinque concerti sono dedicati al recital pianistico, sempre amato dal pubblico, e vedono protagonisti due artisti stranieri (Bertrand Giraud a Trento il 25/7; Christoph Soldan ad Arco il 9/8) e due italiani (Letizia Michielon a Cavalese il 1/8; Maurizio Moretti a Cavalese il 13 e a Pinzolo il 14/8), mentre la musica da camera propone sei appuntamenti con diverse formazioni, dal duo con violoncello (Cavalese 8/8) al quattro mani pianistico (Caldaro 10/8), ma anche trii meno frequentati come flauto chitarra e pianoforte (Trio Rospigliosi a Roncegno il 29/7) o clarinetto fagotto e pianoforte (Trio del Sebino al Salone Imperiale della Mendola il 6/8). Non manca lo spazio per il canto, e piA? precisamente per la voce di soprano, che sarA� protagonista dei primi due concerti, che si terranno lo stesso giorno, il 25 luglio, ad Arco e a Cavalese.

Il Festival PiA? Piano A? organizzato dalla��Associazione Sonora Mente di Trento grazie al sostegno economico della Regione Trentino-Alto Adige SA?dtirol, della Provincia Autonoma di Trento, della Banca di Trento e Bolzano, della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto e del BIM dell’Adige.
L’edizione di quest’anno A? resa possibile grazie all’ospitalitA� dei Comuni di Cavalese, di Arco e di RuffrA?, della ComunitA� della Val di Non, del Palace Hotel di Roncegno, della Scuola Musicale delle Giudicarie, della Biblioteca di Pinzolo, della��associazione Forum Musik di Caldaro e Musikschule Eppan.

Scarica la locandina dell’evento >

Il calendario completo dell’edizione 2012 A? consultabile sul sito: www.sonoramente.it

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *