venerdì , 14 dicembre 2018
Home / Attualità / “IL TRENTINO? HA L’OPPORTUNITA’ DI DIVENTARE LA SILICON VALLEY EUROPEA”

“IL TRENTINO? HA L’OPPORTUNITA’ DI DIVENTARE LA SILICON VALLEY EUROPEA”

homeNella sua carriera di manager e scienziato, Imrich Chlamtac ha gestito iniziative da un miliardo di dollari. Dalla sua cattedra di Boston prima e Dallas poi ha visto crescere ed affermarsi le nuove tecnologie e il concetto (non solo geografico) di distretto. Oggi, dalla��osservatorio privilegiato di Create-net, istituto di ricerca con sede a Trento e di cui A? presidente, Chlamtac non ha dubbi: a�?Il Trentino puoa�� diventare la virtual Silicon Valley da��europa. Grazie alle nuove tecnologie non A? necessario contare sulle infrastrutture della California, grazie ad internet la distanza fisica da Google o altre big company californiane A? relativa. Ea�� per questo motivo che il Trentino puA? invece diventare il luogo che raggruppa le migliori menti, le migliori idee, le migliori eccellenze e contribuire cosA� a migliorare le condizioni del nostro pianeta. Il Forum europeo per la��innovazione e la��Alleanza europea per la��innovazione sono la��occasione che questa provincia ha per diventare soggetto, player centrale della partita della��innovazione che si sta giocando in Europaa�?.

Durante i tre giorni del Forum europeo per la��innovazione, il Trentino A? stato indicato piA? volte e da piA? relatori come a�?il territorio leader in Europa per la gestione degli investimenti destinanti alla ricerca, grazie anche alla lungimiranza nelle strategie riguardanti la��innovazionea�?. Il concetto A? stato ripreso, a lavori conclusi da Imrich Chlamtac, presidente di Create-Net, il centro di ricerca che ha organizzato il Forum e tra i promotori della��Alleanza europea: a�?Siamo orgogliosi da��aver realizzato il forum a Trento. La��Eai contribuirA� a rendere il Trentino la Silicon Valley europea perchA� esistono le opportunitA� e i tempi sono maturia�?.

Non a caso, Chlamtac usa il termine a�?virtuala�?. Grazie al web ed ai suoi strumenti a�� come sottolinea anche il vicepresidente Alessandro Zorer a�� A? stato (in parte) superato il concetto di presenza fisica e geografica. a�?La��Alleanza per la��inovazione a�� ripete Zorer a�� puA? fare del Trentino uno dei soggetti centrali della��innovazione in Europa e anceh nel mondo, senza il bisogno di essere a San Francisco o Boston. In Internet, raccogli, grazie a forum, community ed i social media, il meglio e consenti loro di scambiare conoscenza, idea e, in ultima analisi, innovazionea�?.

La��investimento della Provincia autonoma di Trento nel campo della��innovazione e di sostegno di iniziative quali il Forum, A? sicuramente vincente. a�?Il Trentino a�� spiegano Chlamtac e Zorer a�� ha sofferto e soffre della localizzazione geografica. Ma le cose sono destinate a cambiare. Stiamo cercando di attirare qui le aziende non solo fisicamente. Stiamo cercando di creare una rete su strumenti tecnologici che ti permettono di essere giA� dentro la societA� della conoscenza. In questo contesto, il fatto di essere a Trento o Milano ha poca importanza. Certo non possiamo contare sul brand della Silicon Valley, ma il brand A? qualcosa che si puA? costruire. Il Trentino lo ha giA� fatto con il turismo e in pochi annia�?.

Da qui la��importanza della��Alleanza europea per la��innovazione di cui il Trentino A? tra i promotori. a�?La��Alleanza puA? portarci nuove opportunitA� se saremo il cuore di questo movimentoa�?, insiste Zorer. La��Alleanza A? un insieme di enti, centri di ricerca e singole azienda o enti governativi che fanno parte della catena del mondo della��innovazione. Alla��0inerno della��Alleanza vivono anche le associazioni di secondo livello, ovvero le organizzazioni che raggruppano queste aziende ed enti di ricerca. a�?La��obiettivo della��Alleanza a�� aggiunge Zorer a�� A? mettere assieme attori e organizzazione che sono abitualmente settoriali ed integrarli tra loro, in modo trasversalea�?.

I vantaggi per il Trentino sono concreti. a�?Il Trentino puA? diventare il luogo fisico dove si riconoscono le realtA� e le menti che scandiscono i tempi e le regole della��innovazione in Europa. Sempre in Trentino possono nascere e svilupparsi aziende in grado di mettere sul mercato strumenti e soluzioni utili alla��Alleanza e, piA? in generale, alla��innovazione europea. In altre parole, abbiamo la possibilitA� di far scalare il singolo progetto, nato in Trentino, e di portarlo sul mercato europeo, grazie al network della��Alleanzaa�?.

In Trentino sono due i filoni strategici destinati a beneficiare dalla societA� della conoscenza e della��innovazione: a�?Innanzitutto a�� concludono Chlamtac e Zorer – il distretto Ict, perchA� le nuove tecnologie possono contribuire a cambiare in meglio il nostro modo di vivere. Basti pensare (e siamo al secondo filone, ndr.) alla green economy, un nuovo modo di intendere il business e che si integra iin settori in cui il Trentino A? giA� forte: agricoltura e turismoa�?.

Guarda la video intervista ad Alessandro Zorer, Vice Presidente di CREATE-NET.

Vedi anche

DA ROMA A BRUXELLES (IN BICI) PER GLI STATI UNITI Da��EUROPA: un resoconto del nostro blogger Riccardo Lucatti

Detto altrimenti: accompagnando Lucia Bruni, pedalatrice a�?Fiabbinaa�? a�� (post 2763 di Riccardo Lucatti)