giovedì , 18 Luglio 2024

“Katyn” di Andrezej Wajda
lunedA� 8 giugno – ore 20,30 – Cinema Vittoria

katynQuesta sera, lunedA� 8 giugno alle ore 20,30 al Cinema Vittoria, Via Manci 5 e venerdA� 12 giugno, ore 20,30, al Cinema Parrocchiale di Levico Terme verrA� proiettato “katyn”, straordinario film di Andrzej Wajda riproposto dal Centro Studi sulla storia delle Europa dell’Est per sottrarre dalla��oblio la vicenda che va sotto il nome di Katyn, una delle localitA� in cui si trovano le fosse comune degli ufficiali prigionieri assassinati.
Il biglietto di ingresso costerA� 5 euro.

La��ultima opera del grande regista Andrzej Wajda, Katyn, A? un film scomodo, passato troppo velocemente e solo in poche sale cinematografiche italiane. Narra una pagina terribile della storia della sua Polonia: la��accordo fra Hitler e Stalin, il a�?Patto Molotov-Ribbentropa�?, con il quale Germania nazista e Unione Sovietica comunista decisero di spartirsi il suo paese, invadendolo nel 1939.

Una storia tragica che ne racchiude nel suo interno una ancora piA? feroce: la��assassinio, progettato a tavolino nel marzo 1940 da Stalin e dai suoi sodali, degli ufficiali polacchi prigionieri di guerra dei sovietici, circa 22.000 uomini, una vicenda di cui fino al 1989 in Polonia era proibito parlare. Un massacro atroce che Wajda narra senza cedere alla��odio.

Il film la��hanno potuto vedere poche persone nel nostro paese. Ed A? un vero peccato perchA� rappresenta uno straordinario contributo al recupero di quella a�?memoria storicaa�? cui tante volte volte ci si richiama.

Nella��ottobre 1992 la��allora presidente russo Boris Eltsin fece consegnare al governo polacco i documenti che testimoniavano la decisione e la colpevolezza della dirigenza sovietica per avere ordinato questo efferato crimine.

Sembrava aprirsi una pagina nuova nei rapporti fra i due paesi, uniti nella comune e difficile fuoriuscita dalle macerie del regime comunista. Purtroppo le cose sono cambiate a Mosca e un vento di segno contrario spira dal Cremlino, ora anche impegnato in una riscrittura della storia del Ventesimo secolo.

Alla fine del 2004 le autoritA� polacche hanno aperto una indagine giudiziaria (i crimini di guerra e il genocidio non hanno prescrizione), ma le autoritA� di Mosca non hanno collaborato, rifiutandosi di aprire le indagini e sostenendo che non si trattava di un crimine di guerra.

Giusto ieri sul sito web del Ministero della difesa della Federazione Russa A? stato pubblicato un documento del colonnello Sergei Kovalev (che ricopre la��incarico di direttore del Dipartimento di ricerche scientifiche di storia militare della��Istituto di storia militare del Ministero della difesa). Secondo questo a�?storicoa�?, la Seconda guerra mondiale a�?iniziA? perchA� la Polonia si rifiutA? di soddisfare le richieste della Germaniaa�? su Danzica.

Insomma la nuova storia del Cremlino cerca di nascondere la complicitA� fra Hitler e Stalin nello spartirsi la Polonia e gli stati del Baltico e cerca di rendere responsabile la loro vittima.

Vedi anche

EXITUS – il passaggio, al via le proiezioni in Trentino

Giovedì 28 febbraio 2019 alle ore 21.00 presso la Sala della Comunità di RIVA DEL …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *