mercoledì , 22 Maggio 2024

LA DOLOMITI ENERGIA FA L’IMPRESA: Zaragoza sconfitta in casa e l’Aquila spicca il volo per i quarti di EuroCup

Con il punteggio di 79-65 l’Aquila Basket Trento ribalta la partita di andata contro il CAI Zaragoza e passa il turno di Eurocup. Ai quarti possibile scontro con Milano.

DSC_1112

A far bene dovremmo citofonare a Jamarr Sanders e chiedergli come si segnano 11 punti in un quarto dominando anche in difesa, poi misurare le braghette di Toto Forray per capire come fanno a contenere quegli attributi, farci spiegare da Pascolo quanto forte si debbano stringere i denti per giocare col naso spezzato senza cedere di un millimetro, a Lech come si fa a farsi trovare cosi pronti a portarsi in spalla 3 centri di 2.13 e sotto braccio tutto il Trentino. E poi dovremmo chiedere a Wright se stasera si sentiva piA? Bill Russel o Wilt Chamberlain. Forse un giorno troveranno la scatola nera e capiremo davvero quello che abbiamo visto stasera. Per ora ci godiamo una squadra che non va sotto con nessuno. Avanti il prossimo.

CosA�, il nostro blogger Luca Mich, ha perfettamente sintetizzato su Facebook le emozioni provate nell’assistere all’impresa della Dolomiti Energia Trentino. Dopo una partita d’andata persa di soli due punti, l’Aquila A? riuscita a battere il CAI Zaragoza in un match di grande intensitA�, assicurandosi cosA� il prestigioso traguardo dei quarti di Eurocup al primo anno di partecipazione. Ora l’Aquila attende la vincente fra Milano e Banvit per sapere se, nel prossimo turno, ci sarA� il tanto atteso “derby italiano”.

La cronaca (a cura di ufficio stampa Aquila Basket): l’inizio di gara A? di una fisicitA� dal vago retrogusto di Eurolega. Kravtsov da una parte e Wright dall’altra stoppano tutto quello che vola nel pitturato, rendendo ogni canestro una conquista (4-4 al 5′). A spezzare il ritmo del match, come d’abitudine, sono i recuperi difensivi di Forray: tre furti con destrezza del capitano argentino, capitalizzati dalle giocate di Pascolo (7), lanciano la prima fuga bianconera (13-6). Ad accendere i motori dell’attacco spagnolo A? Sastre, con tripla e canestro in avvicinamento (13-12), anche se a firmare il pareggio A? un gioco da tre punti di Fotu (15-15). Wright perA? non ci sta, e risponde a propria volta con canestro piA? fallo (5 punti e 8 di valutazione). Al termine del primo quarto il punteggio A? 18-17.

Nel secondo periodo il tonnellaggio degli iberici inizia a pesare in modo imbarazzante sul match, con Fotu (8) a farla da padrone in area nonostante l’ottimo impatto difensivo di Lechthaler (18-23). Il terzo fallo di Sutton, che si aggiunge ai due prematuri di Dada, fa addensare nere nubi sopra il PalaTrento, prontamente dissipate dal debordante talento di Wright, che come una ventata d’aria fresca spazza il maltempo dominando sotto le plance e trovando la via del canestro in tutti i modi possibili (24-23 con penetrazione, tap in e due liberi dell’ex Raptors). Un recupero difensivo con schiacciata di Flaccadori infiamma il PalaTrento (28-23), ma il controparziale di Zaragoza arriva immancabile, firmato da soliti noti Sastre e Fotu (28-30). Il finale di secondo periodo A? una corrida, e nonostante tre rimbalzi in attacco in fila del CAI, propiziati dalla contemporanea presenza in campo di Kravtsov e Jelovac, Trento A? brava a tenere botta e andare al riposo in paritA� (33-33).

Di rientro dagli spogliatoi Forray mette le mani sulla partita con penetrazione e recupero difensivo (39-36), ma il quarto fallo personale del capitano costringe Buscaglia ad avvicendare il suo giocatore piA? caldo. Se Trento ha una dote, perA?, questa A? la sua innaturale capacitA� di trasformare i problemi in opportunitA�. Ed ecco che dalla panchina si alza un Poeta formato Cremona, che con tripla e penetrazione costringe Casadevall al time out (46-40). Di rientro dalla sospensione esplode in tutto il suo quieto talento Jamarr Sanders: 7 in fila del ragazzo dell’Alabama lanciano la Dolomiti Energia sul piA? 11 (55-44). Zaragoza cerca di ritrovare il filo del discorso andando sotto da Kravtsov e Norel, per poi cercare diligentemente sul perimetro i canestri di Sastre dopo aver fatto chiudere in area la difesa trentina (55-49). Sanders perA? A? on fire, e con una soluzione dalla media (11) e un assist per Lockett (9) manda le due squadre sul 59-49 al trentesimo.

Zaragoza prova a costruire con pazienza la rimonta andando a cercare vicino a canestro la torre olandese Norel (59-51) ma A? Luca Lechthaler con canestro e fallo da rimbalzo offensivo a far saltare per aria il PalaTrento (61-51). Sul piA? bello, una contrattura a Poeta complica nuovamente la vita al coaching staff bianconero, costretto a mandare in campo Forray con quattro falli a carico quando al termine mancano ancora sette minuti (63-56). Le magie di Wright perA? scacciano via ancora una volta qualsiasi timore: canestro al volo su assist di Forray e uno contro uno fulminante rimandano Bellas e compagni a rapporto da Casadevall (67-56 al 35′). La zona mista ordinata da Buscaglia dopo il time out manda in confusione gli ospiti, e sono due soluzioni individuali di Sastre a tenere a galla la barca aragonese (69-60 al 37′). Trento commette qualche errore di troppo dalla lunetta (2/6 nel quarto), ma un recupero di Sanders e un canestro in contropiede di Wright mandano comunque i titoli di coda sul match. Finisce 79-65 con la Dolomiti Energia ad attendere il risultato della sfida tra Milano e Bandirma per conoscere il nome della rivale ai quarti di finale.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – CAI ZARAGOZA 79-65 (18-17, 33-33, 59-49: andata 83-85)

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Poeta 7 (1/1, 1/6), Sanders 11 (4/7, 1/2), Pascolo 16 (7/12, 0/1), Forray 11 (4/6, 0/2), Flaccadori 2 (1/3, 0/1), Bellan ne, Sutton 0 (0/0), Lockett 9 (3/6, 1/3), Lechthaler 2 (1/2), Wright 21 (9/13, 0/2). All. Buscaglia

CAI ZARAGOZA: Linhart 0 (0/0), Henry 0 (0/2 da tre), Bellas 4 (0/3, 1/4), Sastre 16 (3/4, 2/4), Tomas 4 (2/2, 0/3), Benzing 2 (1/3, 0/3), Norel 10 (5/6), Fotu 12 (5/7), Swing 3 (1/2 da tre), Kravtsov 7 (3/9), Jelovac 7 (1/8, 1/2). Coach: Casadevall.

ARBITRI: Matej Boltazauer (Slovenia), Nicola Maestre (Francia), Renaud Geller (Belgio).

NOTE: Spettatori: 2426. Tiri Liberi: Trentino 10/15, Zaragoza 10/17. Tiri da due: Trentino 30/50, Zaragoza 20/43. Tiri da tre: Trentino 3/15, Zaragoza 5/21. Rimbalzi: Trentino 33 (Wright 8), Zaragoza 40 (Kravtsov 5). Assist: Trentino 13 (Lockett, Pascolo 3), Zaragoza 12 (Henry 4).

Maurizio BUSCAGLIA (Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Prima di analizzare la gara, lasciatemi dire che abbiamo fatto qualcosa di grandioso, siamo tra le migliori otto squadre d’Europa e dobbiamo goderci quest’incredibile momento. La Dolomiti Energia Trentino stasera ha scritto una grande pagina della sua giovane storia, facendo qualcosa di straordinario per tutto il basket italiano. La squadra ha lavorato con intensitA� fisica incredibile, difendendo in maniera lodevole in particolare sulla loro linea dei tre punti, riuscendo a farli tirare solamente al 20%. La chiave della partita A? stata riuscire a sfruttare l’unica grande differenza statistica tra la Dolomiti Energia Trentino e il CAI Zaragoza, quella relativa alle palle rubate. Con un’aggressivitA� pazzesca, soprattutto sul perimetro siamo riusciti a recuperarne ben nove. Questo ci ha permesso di lavorare meglio nel post-basso, soffrendo magari nel primo tempo, ma costringendo anche il CAI Zaragoza a non avere vita facile nel pitturato. In particolare nel secondo tempo, siamo riusciti a cambiare lato piA? di una volta facendo tirare sistematicamente chi volevamo: cosA� facendo abbiamo aperto il campo e dato la possibilitA� a Sanders e agli altri esterni di esprimersi al meglio e dare una grande mano. C’A? stato qualche errore di troppo, tra lunetta e perimetro, ma sicuramente almeno per stasera possiamo trascurarli e pensare alla straordinaria impresa che abbiamo compiuto“.

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *