lunedì , 15 Aprile 2024

PORSCHE CAYENNE S E-HYBRID: Nessun Tradimento

di Alfredo Nepi

600 cayenne nepi

Per i lettori di Trento Blog Motori abbiamo provato la Porsche Cayenne S E-Hybrid.

 

In Toscana dove le colline sembrano tranquille onde di terra e le case hanno i colori dei biscotti secchi, A�abbiamo A�guidato il SUV Ibrido della casa di Stoccarda con un long test ( 1500 km).

Cayenne S E-Hybrid Interieur

Ci aspettavamo un cambiamento nella filosofia del marchio Porsche, invece nessun tradimento. La vettura, pur essendo una cinque posti con carrozzeria autoportante, A�offre identiche sensazioni e costituisce una��evoluzione nel segmento premium delle ibride plug-in. Merito della A�Intelligent PerformanceA� come amano definirla i tecnici Porsche.

 

MOTORE

La Cayenne S E-Hybrid A�ha il suo pezzo forte nel propulsore A�V6 da 3.0 litri. Si tratta di unA�Full-HybridA�parallelo con tecnologiaA�plug-in, con compressore volumetrico che sprigiona A�333 CV di potenza. Il motore elettrico offre una spinta do A�95 CV. Ad alimentare il motore elettrico provvede un pacco di batterie agli ioni di litio da 10,8 kW/h sistemato sotto il piano di carico della bagagliaio. Tramite una comune presa di corrente la ricarica avviene in circa 3,5 ore. Tempo A�che si riduce a circa 90 minuti A�se si utilizzano una presa industriale e un caricabatteria specifico. Una ricarica completa regala alla Cayenne S E-Hybrid un’autonomia in elettrico di circa 30 km. La potenza complessiva della A�Intelligent PerformanceA� A�raggiunge i 416 Cv. Il cambio Tiptronic con convertitore di coppia A? fantastico. Volendo sfruttare al massimo il potenziale della versione si puA? accelerare da 0 a 100 km/h in 5a�?9 arrivando a una velocitA� massima di 243 km/h.

600 cayenne nepi fianco

A�

DESIGN

La Cayenne ibrida A? sicuramente una��icona del lusso, della��innovazione e riassume al meglio il connubio tra prestigio e tradizione. A vederla si rimane positivamente impressionati dal passo in avanti fatto dal punto di vista del design. Il tutto forse enfatizzato dai colori nero e verde flou A�della vettura che ci A? stata assegnata. Lo stile della Cayenne A�A? A�piA? affilato, rispetto al modello precedente. A�Merito della mascherina, del paraurti anteriori ridisegnati che sono stati impreziositi da voluminose prese da��aria che hanno il compito di raffreddare il propulsore e di incrementare la��aggressivitA�. Una parte del A�merito A? da attribuire anche alla riduzione del peso di 185 Kg, A�che ha avuto i suoi effetti sulle forme, slanciando il frontale e la coda della vettura. Il davanti A�A? molto gradevole e pulito. Calandra e prese da��aria laterali formano un disegno unico e ben coordinato, che sottolinea la grande classe di base di questo modello. Le fiancate rimangono larghe e ben marcate, con il disegno delle portiere che si integrano perfettamente con la sagomatura delle forme. Al posteriore i fari sono piA? sottili, insieme ad un nuovo spoiler e un nuovo paraurti con quattro terminali di scarico. In questo modo la��auto ha un aspetto piA? moderno e notevolmente sportivo.

 

INTERNI

La��abitacolo della vettura A? ottimamente rifinito e offre un buon spazio ai passeggeri posteriori. Molto capiente anche il bagagliaio, che puA? accogliere fino a 1.780 litri. Gli interni sono veramente spaziosi ed anche molto accoglienti. La strumentazione completa e precisa A? di facile lettura. CiA? permette il controllo in tempo reale di funzioni, consumi, emissioni, navigazione e persino dell’altitudine. Il quadro strumenti offrono A�ogni possibilitA� di controllo dei flussi di energia e, soprattutto, lo stato di carica delle batterie. La disposizione della strumentazione A? a cinque quadranti circolari. La consolle centrale A? ricca di pulsanti e cursori . Nella A�parte vicino al bracciolo ospita una serie di tasti che servono per variare la��altezza da terra della vettura , per selezionare le tre funzioni (Comfort, Sport e Sport Plus) della��assetto, per scegliere tra le due possibilitA� (Sport e Sport Plus) della risposta del motore e del cambio automatico, oltre che per passare dalla modalitA� di funzionamento a�?stradalea�? della trazione 4×4 (On road) a quella da fuori strada (Off road).I sedili hanno una profilatura impeccabile ed estremamente avvolgente che sembrano ospitare pilota e passeggero in un riuscitissimo mix tra un lussuoso salotto ed il cockpit di un jet. Nuovo anche il volante, ora di foggia piA? sportiva

Cayenne S E-Hybrid Interieur

SU STRADA

La vettura ha svelato pienamente le sue due a�?animea�?: quella sportiva e quella di SUV a misura di famiglia. Tutta la meccanica e la��elettronica della Cayenne si traducono in maggiore divertimento alla guida. La��auto si mostra sincera, agile e reattiva grazie a una risposta pressochA� istantanea alla��acceleratore. LaA�Porsche CayenneA�sa riservare emozioni e soddisfazioni anche in una vera e propria guida sportiva. Come pure nei lunghi trasferimenti autostradali, resi piA? facili dai numerosi dispositivi rivolti alla sicurezza attiva la�� abbiamo trovata perfetta. La Cayenne A? una vettura lussuosa e comoda, ma pur sempre una Porsche. Quando si prova a spingere si capisce subito che il lavoro di affinamento dei tecnici di Zuffenhausen su telaio e motore A? stato eccellente, oltre che importante e profondo. La��auto si guida bene, il cambio A? superlativo, come lo sono i freni e la��assetto, che puA? essere regolato a piacimento, cosA� come la gestione della trazione integrale. A stupire A? che il Cayenne sia discreto anche in fuoristrada, rappresenta un buon compromesso tra i SUV che sono prettamente votati alla��asfalto e le concorrenti piA? dotate in off road a�?dure e purea�?, che perA? rinunciano a gran parte del piacere di guida.

 

Dimensioni Porsche Cayenne S E-Hybrid

  • Lunghezza: 485 cm
  • Larghezza: 194 cm
  • Larghezza con specchietti esterni: 216 cm
  • Altezza: 170 cm
  • Interasse: 289 cm
  • Volume vano bagagli: 580 litri, estendibile fino a 1.690 l

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *