martedì , 9 Marzo 2021

RACCONTI DI GIUGNO: Tendenze Prosa

Lo spettacolo RACCONTI DI GIUGNO in scena al Teatro Cuminetti nelle giornate di martedA� 25 e mercoledA� 26 marzo nell’ambito della Stagione a�?Tendenze Prosaa�?, sarA� il fulcro della ricca e articolata programmazione della SETTIMANA PIPPO DELBONO, con la quale il Centro Servizi Culturali S. Chiara intende offrire al pubblico una panoramica a 360A� sull’opera di una delle figure piA? interessanti e complesse della scena teatrale contemporanea.

Pippo Delbono, conosciuto soprattutto per i suoi allestimenti corali e suggestivi, sceglie in questo monologo una deriva intima e personale per raccontare se stesso. A�Racconti di giugnoA� nasce nel 2005 quando Delbono partecipa a una serie da��incontri sul tema della��amore. Doveva essere una conferenza, ma si trasforma in un monologo, nel quale Pippo ripercorre la sua esperienza, gli incontri e le lotte tra la vita e il teatro.

Lo spettacolo A? una sorta di diario di bordo, un incontro aperto, lieve e doloroso, nel quale si intrecciano vicende quotidiane, esperienze personali e brani scelti dai testi degli spettacoli che lo hanno reso famoso. Una chiacchierata con il pubblico che, come scrive l’autore, indaga A�La curiositA� per gli altri; il senso nascosto delle relazioni, il filo rosso degli invaghimenti negli spettacoli; la coscienza di una bellezza senza confini nelle storie; la��ardore non solo etico nelle scene della vita e nelle scene del teatro; il lato dei desideri non espressi ma mostrati; la��estasi delle cose che ti perdono e che gli altri non ti perdonano; quel qualcosa di se stessi mai detto forse perchA� mai chiesto. Le coincidenze (tante) di giugno, il mese in cui sono nato.A� Una confessione fatta senza reticenze e con pudore, in una dinamica di cronache e lampi della memoria, zigzagando tra le avventure della vita scenica e della vita vissuta.

Racconti di giugno a�� scriveva Franco Quadri in occasione del debutto romano del monologo a�� allude alla nascita di Pippo Delbono, mentre il sottotitolo a�?Incontro con se stessoa�? ne giustifica il carattere di meditata improvvisazione. Ca��A? infatti da cercare il senso del fare teatro, attribuito alla vita e alle sue feconde delusioni, oltre che a una serie di incontri, protagonista Pepe Robledo o uno scomparso compagno di gioventA?, la Bausch o il a�?mistero BobA?a�?, una persona passata di colpo da una vita in manicomio a una padronanza da vero attore. Con qualche lettura di pezzi dei primi spettacoli e del suo remake da Sarah Kane per a�?Gente di plasticaa�?, Delbono si guarda dentro senza mai dimenticare quel che lo circonda in una serata-confessione di grande spessore emotivo e intellettivo: qualcosa di piA? di uno spettacolo e che non deve diventarlo, un libro parlato ricco di provocazioni, di sollecitazioni, anche di mute richieste, che aiuta a capire quanto possano essere profonde le ragioni di un successo.A�

Pippo Delbono ritorna in palcoscenico nella programmazione del Centro Servizi Culturali S. Chiara a distanza di 14 anni da quando a�� era il 30 giugno del 2000 a�� il suo spettacolo Guerra fu inserito nel cartellone degli eventi organizzati in occasione della riconsegna del Teatro Sociale alla cittA�, dopo il lungo periodo di chiusura dovuto ai lavori di restauro.

MartedA� 25 e mercoledA� 26 marzo il sipario del Teatro Cuminetti si alzerA� alle 20,30.

La SETTIMANA PIPPO DELBONO

La rappresentazione di A�RACCONTI DI GIUGNO A? inserita nella piA? ampia programmazione della SETTIMANA PIPPO DELBONO che il Centro Servizi Culturali S. Chiara propone in collaborazione con la proprietA� del Cinema Astra, la Biblioteca Comunale di Trento ed il MUSE.

Si inizierA� lunedA� 24 marzo al Cinema Astra con una doppia proiezione cinematografica. Alle 19.00 sarA� proposto A�GRIDOA�, un film del 2006 che racconta la storia di Pippo Delbono attore e regista e, in particolare, il suo incontro con BobA?, protagonista di alcuni dei suoi spettacoli. SeguirA�, alle 21.00, A�AMORE CARNEA� del 2011, A�un viaggio a�� scrive il regista a�� tra un’esperienza di morte e un desiderio di vita. Un viaggio che ho fatto portando con me un telefonino e una piccola camera, mezzi leggeri che mi hanno permesso di guardare e di essere guardato. Di usare la camera come un movimento degli occhi.A�

MercoledA� 26 marzo, sempre al Cinema Astra, A? previsto alle 18,00 un incontro del pubblico con il regista coordinato dal critico cinematografico Gianluigi Bozza, cui farA� seguito, alle 19.00, la proiezione del film A�SANGUEA�, con il quale Pippo Delbono e Giovanni Senzani, ex leader delle Brigate Rosse da poco tempo uscito di prigione, decidono insieme di tornare sul loro rapporto con la violenza, A�con i sogni di rivoluzione, con il mondo da��oggi e la��Italia in rovinaA�.

La programmazione della SETTIMANA PIPPO DELBONO si concluderA� giovedA� 27 giugno alle 18.00 presso la Biblioteca comunale di Trento con un appuntamento inserito nell’iniziativa A�Incroci di pagineA�. A margine della presentazione del libro di Milan Kundera La festa dell’insignificanza (ed. Adelphi), Pippo Delbono e Lucia Martinelli, ricercatrice e mediatrice culturale del MUSE, parleranno sul tema a�?INSIGNIFICANZA. Gettare la luce sui problemi piA? seri senza serietA�a�?. La conversazione potrA� continuare, anche con il coinvolgimento del pubblico che interverrA� al dibattito, nel corso della cena che a�� a seguire a�� sarA� ospitata nella sale di Palazzo Festi (Teatro Sociale).

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …