mercoledì , 24 Luglio 2024

Che ScotchATURA!!!: uno spettacolo all’aperto per i bambini e ragazzi

600Ritorna, nella programmazione estiva del Centro Servizi Culturali S. Chiara, il Teatro Ragazzi con una mini rassegna alla��aperto che darA� occasione ai piccoli spettatori di trascorrere un pomeriggio con amici, genitori e nonni alla��insegna del gioco emozionante del teatro. Il primo dei quattro spettacoli in cartellone, che condurranno il pubblico nel mondo della fiaba e del clown, A? in calendario per giovedA� 17 luglio. Si inizierA� alle 17,30.

Si intitola A�Che ScotchATURA!!!A� ma, c’A? da starne certi, gli spettatori che risponderanno giovedA� 17 luglio all’invito rivolto dalla Compagnia Eccentrici DadarA?, specializzata nella proposta di rappresentazioni teatrali rivolte al pubblico dei bambini e ragazzi, non avranno certo di che annoiarsi. Si tratta di un spettacolo senza parole di clownerie e burattini, vincitore nel 2012 del Concorso nazionale a�?Cantieri di stradaa�? e realizzato da Dadde Visconti per la regia di Francesca Zoccarato.

Che ScotchATURA!!! puA? essere definito uno spettacolo nello spettacolo. Non A? uno spettacolo di sola clownerie, nA� di burattini, ma una rappresentazione che unisce entrambe le arti, portando in scena un personaggio, interpretato da Dadde Visconti, che affascinerA� il pubblico fin dalla sua prima apparizione: Boris Pantapoulin.

Si tratta di un burattinaio da��antica tradizione che arriva in piazza, saluta il suo pubblico e si prepara. Quando mancano cinque minuti all’inizio dello spettacolo, sistema la��orologio, il cartellone, la valigia. Ma cosa succede? Spuntano lettere da ogni dove e Boris non ha tempo nA� voglia di leggerle: lo spettacolo deve iniziare!

E’ cosA� che il nostro burattinaio, involontario clown, dovrA� combattere contro la baracca che non vuole farsi montare e con tutti gli oggetti che sembrano vivere di vita propria, ribellandosi al suo volere. Pare sia davvero una giornata sbagliata, ma sarA� la��aiuto del suo fidato nastro adesivo a permettergli di vincere la battaglia. E cosA�, anche se malconcio, potrA� finalmente iniziare.

A�Questo spettacolo a�� scrive Francesca Zoccarato nelle note di regia a�� A? un omaggio al clown russo Slava Polunin, ma anche a due mestieri a�?di stradaa�?: il clown e il burattinaio. Due mestieri partoriti da una��unica madre: la Commedia della��Arte. Due mondi apparentemente differenti, ma dalle anime identiche. E’ cosA� che abbiamo pensato di poter creare finalmente un nostro omaggio a Slava. Un momento, un solo istante del suo spettacolo: quella nevicata violenta sul pubblico e, soprattutto, la poesia struggente di un addio visto con occhi da clown. Il burattino ci permette di portare questa magia, senza “imitare”, ma “omaggiare”. Se il clown in carne e ossa all’inizio dello spettacolo esterna il suo disagio con le gag paradossali e tipiche della pantomima, A? costretto a diventare burattino per poter esprimere tutto quel subbuglio dentro il suo cuore: tutto l’amore, tutto il dolore e tutta la neve che A? impossibile da rappresentare in carne e ossa, ma solo con il legno vivo e un burattoa��A�

L’appuntamento con Che ScotchATURA!!! A? fissato per giovedA� 17 luglio sul palcoscenico allestito a Trento nel Giardino S. Chiara in via Santa Croce. Ingresso libero.

Vedi anche

A Rovereto l’Urban Festival Summer Edition 2019

Venerdì 28 giugno 2019 a partire dalle 18.00 nel centro storico della città di Rovereto, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *