lunedì , 19 Aprile 2021

VELLUTATA DI PISELLI

E’ la prima ricetta dell’anno e vorrei dedicarla a tutte le mamme che, come si sa, hanno veramente poco tempo. Ma la dedica si estende anche ai papA� che cucinano.
Cerco di proporre dei piatti non troppo elaborati, che esaltino il sapore degli ingredienti, che siano sani e che soddisfino il palato di grandi e piccini.
Bene, la ricetta diA�oggi A? al top della classifica! Ha tutte le caratteristiche di cui ho appena parlato ed in piA? A? velocissima.
Pochi accorgimenti bastano a trasformare un piatto che potrebbe risultare banale in una raffinata vellutata: erbe aromatiche, buccia di limone ed una manciata di spinaci freschi.

Ingredienti
(per tre persone)

  • 400 gr piselli freschi o surgelati bio
  • 550 ml acqua
  • 1 spicchio d’aglio
  • Timo limoncello
  • buccetta di limoneA�giallo bio
  • due cucchiaini di succo di limone
  • Una manciata di spinaci freschi
  • Sale e pepe (facoltativo)

Versare i piselli l’aglio e l’acqua in una pentola a pressione. Chiudere il coperchio e lasciar cuocere circa dieci minuti dal fischio. Aprire ed aggiungere gli spinaci ed il sale e lasciar cuocere ancora 2 minuti. Aggiungere le foglie di timo limoncello, togliere l’aglio e frullare la zuppa. Se risultasse troppo densa aggiungere dell’acqua bollente e lasciar cuocere ancora 2 minuti a pentola scoperta. Unire una buccetta di limone tagliata a striscioline finissime ed il succo. Servire con olio di oliva delicato a crudo (poco) e con fette di pane tostato a parte.

Vellutata di piselli

IL COMMENTO DELLA DOTTORESSA LAMPRECHT

Tabella nutrizionale vellutata di Piselli
Dove possibile, i dati sono riferiti alle tabelle di Composizione degli Alimenti della��Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione.

(*) % delle quantitA� giornaliere indicative di un adulto, calcolato sulla base di un fabbisogno giornaliero di 2000kcal; il fabbisogno puA? essere diverso a seconda del sesso, della��etA� e della��attivitA� fisica svolta.

INFORMAZIONI SUL PIATTO:
La vellutata di piselli, grazie al suo contenuto nutrizionale e basso apporto calorico, risulta adatta per essere consumata come antipasto, al posto della��insalata, oppure come primo piatto, se si raddoppia la porzione e si aggiungono un cucchiaino di olio evo e 50 grammi di pane. Grazie al suo ricco apporto di fibre (quasi il 35% della quantitA� giornaliera indicata per un adulto), verrA� rallentato la��assorbimento degli zuccheri del primo piatto che la potrA� seguire. La��aggiunta del succo di limone fa si che il ferro contenuto nei piselli e spinaci, meno assimilabile rispetto al ferro contenuto nella carne, diventi disponibile e assimilabile dal nostro organismo.

CURIOSITAa�� SUI PISELLI:
I piselli (Pisum sativum) sono tra i legumi piA? antichi e la loro origine non A? chiaramente conosciuta. Sono considerati un simbolo di fortuna e prosperitA�, tanto che i loro fiori in antichitA� venivano utilizzati per offrire ghirlande alle spose. Possiedono un elevato potere nutritivo grazie al loro contenuto in proteine, zuccheri, vitamine (soprattutto vitamina A) e sali minerali (ricchi di ferro, fosforo, calcio e potassio). Per sfruttare al meglio le proprietA� nutrizionali consiglio di consumarli freschi, ma quando A? necessario impiegarli fuori stagione, si possono utilizzare quelli congelati in casa, in quanto il processo di surgelamento industriale richiede aggiunte di antifungini e additivi.

Vedi anche

LABORATORIO DI CUCINA E NUTRIZIONE VEG

Domani sera alle ore 20 a Trento, in via Saluga 3B, presso Infusione, si terrA� …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *