sabato , 22 Giugno 2024

MANITAL TORINO – DOLOMITI ENERGIA TRENTINA: un’altra sconfitta certifica un girone di ritorno da incubo

incontro di serie A tra Manital Auxilium CUS Torino e Trento

L’Aquila cade anche a Torino (71-69) e arriva alla sesta sconfitta di fila. Un girone di ritorno difficilissimo che rischia ora di minare il percorso fatto in campionato fino a qui.

Un primo quarto di grande intensitA� aveva illuso i tifosi che potessero finalmente arrivare due punti contro Torino, ultima in classifica. Purtroppo, dopo la grande prestazione in EuroCup contro Milano, si sono rivisti dei limiti contro i quali i giocatori e lo staff aquilotti continuano a impattare. Se i tiri liberi e i tiri da 3 sono stati un fattore abbastanza equilibrato fra le due squadre, le palle perse sono costate carissime a Trento e hanno vanificato piA? volte tutti gli sforzi fatti per allungare.

L’infortunio di Sanders, si spera recuperato per mercoledA� prossimo, A? costato la mancanza di una bocca da fuoco in grado di concretizzare dei punti preziosi per l’economia del match. PiA? volte il ferro ha sputato indietro dei tiri che sembravano ormai in saccoccia e questo ha bloccato gli attacchi aquilotti, incapaci di segnare anche solo un punto per larghi tratti di partita, in particolar modo all’inizio del secondo e dell’ultimo quarto.

Sicuramente la stanchezza fisica per le tante partite giocate in pochi giorni si fa sentire, ma purtroppo i numeri compongono un ritratto impietoso di questo girone di ritorno: 1 sola vittoria a fronte delle 8 sconfitte, 6 delle quali ormai di fila. Un’Aquila abituata a volare nelle zone altissime della classifica, ora risucchiata fuori dalla zona play-off e obbligata a vincere (quasi) tutte le partite rimaste per arrivare eventualmente alle finali in una posizione consona.

L’invito (accettato) a disputare tre anni in EuroCup a prescindere dai risultati rischia infine di costare a Trento, Reggio e Sassari una multa, una penalizzazione o addirittura l’esclusione dal prossimo campionato di Serie A. Un risvolto politico, questo, che non arriva certamente nel periodo migliore per la squadra trentina, costretta a lottare in campo e fuori per ritrovare se stessa e regalarsi emozioni come nella partita contro Milano: mercoledA� andrA� in scena il ritorno e l’Aquila potrA� amministrare un vantaggio di dieci punti. Vediamo se, come successo negli ultimi mesi, il profumo di Europa farA� cambiare atteggiamento e risultati a Forray, Pascolo e compagni.

Andrea Bonetti – TrentoBlog.it

 

Il commento di Lorenzo Molinari

La Dolomiti Energia in campionato sembra irriconoscibile, riesce a complicarsi la vita eA�perdere praticamente con tutti; sicuramente saranno la panchina corta, la stanchezza o laA�poca luciditA� fatto sta che non si puA? sempre a�?perdonarea�? tutto. La squadra che scende sulA�parquet nel fine settimana sembra totalmente senza attributi, difesa molla e giocatoriA�sicuramente sopravvalutati che commettono errori ingenui ma imperdonabili. Fare i nomi nonA�credo sia la soluzione, A? sotto la��occhio di tutti che ca��A? qualcosa che non funziona, con la firmaA�fatta in settimana che conferma la partecipazione della Dolomiti Energia Trentino per iA�prossimi tre anni alla EuroCup anche senza meriti sportivi, credo sia la fine dello sport vero eA�della voglia di arrivare lA�, in alto, per poter competere con i Club migliori in Europa.

Top & Flop: con la voglia di scrivere sotto i tacchi delle scarpe e con tanti a�?bipa�? nelle dita, questa settimana voglio evitare di sottolineare la sufficienza con qui scendono sul parquet
alcuni giocatori, con tutte le scusanti del caso ma assolutamente inadeguati nel doppio ruolo campionato/coppa; A? veramente difficile scrivere in maniera negativa sulla squadra amata, mentre mercoledA� la��Aquila si gioca la qualificazioni alle semifinali di EuroCup contro le Scarpette Rosse milanesi, traguardo storico ed eccezionale che comunque cancella solo in parte una seconda parte di stagione del tutto imbarazzante; certo che sappiamo da dove veniamo, certo che fino a qualche anno fa tutto questo era solo un sogno ma nemmeno questa a�?pochezzaa�? non puA? essere sempre accettata, a parziale giustificazione ci sono certamente gli infortuni, oggi la��assente di turno era la��americano Sanders a�?scavigliatoa�? nel martedA� di coppa, dunque incrociamo le dita pensando positivo, almeno ci proviamo.

La cronaca: la Dolomiti Energia Trentino parte forte con la bimane di Berggren, difende bene e dopo 3a�� si porta avanti sul 2 a 7 con la tripla di Lockett. Sutton chiude il contropiede con la magata del 3 a 11 al 7a��, Gulding colpisce in contropiede, ma Wright segna il canestro del 5 a 13. Lockett e Sutton fanno la voce grossa a rimbalzo da��attacco e al 9a�� il vantaggio per i bianconeri A? di sette punti, 11 a 18. Sutton mette la tripla, DJ White segna da due e alla fine del primo quarto i punteggio A? di 13 a 21.

Nei primi tre minuti di gioco Torino piazza un 7 a 0 che riporta il punteggio in equilibrio sul 20 a 21 dopo 13a�� con Wright giA� a quota 3 falli. Giacchetti segna il sorpasso, Pascolo colpisce da tre per il 22 a 24, ma Ebi segna quattro punti in fila per il 26 a 24. Coach Buscaglia A? costretto a chiamare time out sul 28 a 24 dopo il sesto punto di Giacchetti con il break che dice 15 a 3 in 5a��. Forray segna subito dopo il time out, Torino non molla ma poi la Dolomiti Energia Trentino torna avanti sul 30 a 31 con i canestri di Lockett e Berggren al 18a��. Lockett da due, Pascolo dalla lunetta e poi Sutton completano la��11 a 0 di break che riporta i bianconeri avanti di 7. Torino non molla e segna un 6 a 0 e si va al riposo sul 36 a 37 per la Dolomiti Energia Trentino, che nella��ultimo minuto del secondo quarto butta via quanto fatto nei minuti precedenti.

Torino mantiene la��inerzia del match anche in avvio di terzo quarto e con un 4 a 0 si porta sul 40 a 37. Pascolo segna due punti costruiti da Sutton, che poi sorpassa con i liberi del 40 a 41 al 23a��. Sutton dirige la��attacco bianconero e Forray mette la tripla del 42 a 46 al 25a��. La squadra di coach Buscaglia perde troppi palloni e spreca il buon lavoro fatto in difesa: negli ultimi 30a�? Wright prima infila e una tripla e poi segna da due su rimbalzo da��attacco per il 52 a 56 di fine terzo quarto.

Ebi e Eyenga aprono la��ultimo quarto con un 4 a 0 per il 56 pari al 31a��: la squadra bianconera fatica in attacco e Torino al 35a�� allunga sul 63 a 59. Lockett segna il quarto punto in 6a��30a�? della squadra per il 65 a 60; Pascolo segna un gioco da tre punti e poi Poeta impatta a quota 65 a 2a�� dalla fine. Dyson segna i liberi del +2, Wright impatta a 1a��26a�?. Ebi trova il canestro del vantaggio, ma poi Lockett impatta a 22a�? dalla fine su assistenza di Poeta. Sutton commette ingenuamente fallo a 84 centesimi e Torino puA? festeggiare il successo con i liberi di Dyson.

MANITAL TORINO a�� DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 71-69 (13-21, 36-37, 52-56)
Manital Torino. Dyson 6 (1/3, 0/1), White 14 (7/12, 0/1), Eyenga 12 (6/9), Ebi 24 (9/13, 1/2), Giacchetti 6 (3/6), Goulding 2 (1/1), Fantoni, Kloof 2 (1/2, 0/2), Rosselli 4 (2/3, 0/3), Mancinelli 1 (0/2), Bottiglieri ne. All. Vitucci

Dolomiti Energia Trentino. Poeta 3 (1/2, 0/2), Pascolo 10 (2/7, 1/3), Bergrren 4 (2/2), Forray 5 (1/5, 1/2), Lofberg ne, Flaccadori (0/2, 0/2), Sutton 14 (4/7, 1/2), Lockett 20 (7/10, 1/2), Lechthaler, Wright 13 (5/8, 1/2). All. Buscaglia

NOTE – Tiri liberi: Torino 8/15, Trentino 10/18. Tiri da due: Torino 30/51, Trentino 22/44. Tiri da tre: Torino 1/9, Trentino 5/15. Rimbalzi: Torino 27 (Ebi 10), Trentino 34 (Wright 9). Assist: Torino 14 (Giacchetti 6), Trentino 9 (Lockett, Forray, Pascolo 2)

Vedi anche

Emanuele Masi - Bolzano Danza - Ph Tiberio Servillo

Emanuele Masi – Le Arti e il futuro, verso la 35^ edizione del Festival Bolzano Danza

Riccardo Lucatti intervista Emanuele Masi, il funzionario della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *