mercoledì , 11 dicembre 2019

VITA MACROBIOTICA

Inauguro oggi una serie di post che dedicherA? alla macrobiotica e lo vorrei fare non con una definizione (che A? sempre “un’intelletualizzazione” e tende a chiudere piuttosto che aprire la mente).

Macrobiotica

“La natura A? un flusso in costante trasformazione, e la salute A? armonia nel flusso.”

Questa frase di Carlo Guglielmo tratta da “Il grande libro dell’Ecodieta”, ed Mediterranee, sintetizza secondo me l’essenza della Macrobiotica: ricercare l’armonia nel flusso e con essa la salute. La prospettiva alla vita ed alla malattia nella macrobiotica, rispetto a molti approcci occidentali, A? ribaltata: non cerco la salute fine a se stessa e con metodi che magari mi consentono di risolvere temporaneamente il problema ma non la radice dello stesso (curare il sintomo ma non la malattia). Cerco piuttosto la causa; meglio ancora prevengo. Come?
Comprendendo innanzitutto che la vita – intesa come natura – dal microcosmo al macrocosmo A? un fluire di energia, materia ed informazione, A? una trasformazione costante, A? un gioco di polaritA� tra yin e yang. Tutto questo ci risulta molto semplice da comprendere se osserviamo le piante, gli animali, il tempo nel corso delle giornate, delle settimane, delle stagioni; ma quando invece veniamo a noi tendiamo a percepirci come un qualcosa di cristallizzato, ricerchiamo stabilitA�, sicurezze, non ci accorgiamo che ogni giorno ci offre situazioni, incontri, esperienze diversi rispetto al giorno precedente. Se ci apriamo a queste novitA� creiamo dei nuovi collegamenti con noi stessi (le varie parti di noi) e con la realtA� che ci circonda, siamo nel flusso ed infatti ci sentiamo piA? leggeri, in sintonia, positivi.

Allora possiamo accorgerci che la temperatura e l’umiditA� nell’aria sono diverse, oggi, che con i primi freddi sentiamo il bisogno di una buona zuppa, che l’insalata cruda non ci attira piA? e preferiamo piuttosto delle cime di rapa saltate in padella con uno spicchio di aglio, che abbiamo voglia di un piatto di legumi fumanti o di verdura dolce, di zucca per esempio … tutto questo A? indice di una sintonizzazione con la natura. Ad alcuni di noi viene piA? spontaneo; altri invece devono apprendere o meglio “ri-apprendere” questa sensibilitA�.

La macrobiotica ci aiuta in questo processo di comprensione della natura e di noi stessi come parte della natura, ci insegna ad ascoltarci (a distinguere i veri dai finti bisogni) ed a muoverci leggeri. Come?

In un modo bellissimo: con il cibo, con gli alimenti 🙂
Il cibo diventa veicolo per nutrire il nostro corpo, soddisfare i nostri sensi e nutrire la nostra anima.

Nei corsi che sto organizzando sulla cucina macrobiotica potrete avvicinarvi a questo mondo meraviglioso scoprire i sapori, le cotture, gli abbinamenti, i cibi da preferire, anche in base alle stagioni e tante altre cose.

La prima data A? l’11 ottobre: Corso di cucina macrobiotica 1, ore 19.30, Trento

Parleremo ancora di macrobiotica.
Per ora provate a percepire i colori, i profumi l’atmosfera della natura che cambia, dell’autunno, osservate che cosa porta sulle nostre tavole (che tipi di frutta e di verdura, i loro sapori e le loro consistenze), come preferite cucinare questi alimenti, come li cucinate e gli effetti che questi cibi producono su di voi e le persone con le quali li condividete.
Buon flusso!

Vedi anche

25 ottobre 2019 ore 18 mondadori bookstore trento

Un incontro aperto al pubblico in cui parlerò dei preziosi legumi, di alcune delle tante …