PANINI CON GUSTO – SABATO 11 GIUGNO A GLUTEN FREE WORLD

SABATO 11 GIUGNO, TRENTO, VIA BOLZANO 48, ORE 10 – DEGUSTAZIONE VEG E SENZA GLUTINE
Appuntamento per sabato prossimo 11 giugno – dalle 10 alla 12 – a Trento presso il negozio Gluten Free World in via Bolzano 48 per assaggiare panini dolci e salati con farciture Veg e Senza Glutine.
Vi aspetto!

Locandina_GFW_PANINI


PANE E FOCACCE SENZA GLUTINE

PANE E FOCACCE SENZA GLUTINE
MERCOLEDì 8 GIUGNO 2016, ORE 19, TRENTO, VIA CONCI 84

A grande richiesta un nuovo corso su PANE e FOCACCE SENZA GLUTINE. Impareremo come preparare un ottimo pane senza glutine con farine selezionate (no mix industriali) e biologiche e pochissimo lievito di birra.
Costo: € 25
Per info e prenotazioni: T 333 2354050   /   info@themindfultomato.com
Pane senza glutine


PANINI VEG SENZA GLUTINE

PANINI VEG SENZA GLUTINE
MERCOLEDì 25 MAGGIO 2016, ORE 19.30, TRENTO
Questo appuntamento con la cucina Veg e Senza Glutine è dedicato ai panini. Impareremo come preparare salse, creme, burger o frittatine, etc. per farcire dei deliziosi panini e piadine veg rigorosamente senza glutine.
L’appuntamento è per il 25 maggio alle ore 19.30 a Trento in via Conci 84.
Solo 2 posti disponibili!
Costo: € 25,00
Per info e prenotazioni:  T 333 2354050    /     info@themindfultomato.com

Veg burger


LE ERBE DELLE DONNE – CONFERENZA CON ASSAGGI – 11 MAGGIO ORE 19.30


LE ERBE DELLE DONNE – MERCOLEDì 11 MAGGIO ORE 19.30 – TRENTO

CONFERENZA CON ASSAGGI

Le erbe delle donne, un incontro con me e Daniela Baldessari, naturopata ed erborista, per comprendere come le erbe (tradizionalmente raccolte ed usate dalle donne) rappresentino la miglior cura per tutti, uomini e donne, grandi e piccoli, di quelli che amano la natura e di quelli che verranno affascinati dalla sua bellezza e forza.
Assaggeremo tisane e piatti Veg e senza glutine preparati anche con le erbe terapeutiche.
L’appuntamento è per mercoledì 11 maggio, ore 19.30, a Trento in via Conci 84.

Max 30 persone
Ingresso € 18

per info e prenotazioni: 333 – 2354050 / 334 – 8805189
info@themindfultomato.com

Le erbe delle Donne


IL TARASSACO

Tarassaco
Ieri durante una passeggiata sui bellissimi prati attorno a Santa Cristina di Val Gardena, con una vista mozzafiato su Sassolungo, non sono riuscita a trattenermi … ho raccolto tarassaco!
Il tarassaco è una pianta dalle mille virtù, utilizzata dalle nostre nonne e talvolta dalle mamme – dal Nord al Sud Italia- per preparare svariati piatti proprio in questa stagione (aprile – maggio) prima della fioritura per depurare l’organismo dalle tossine accumulate durante la stagione invernale, complici una vita più sedentaria ed un’alimentazione un po’ più ricca di grassi (e non solo).

Tra le innumerevoli proprietà cito quelle eupeptiche (stimola l’appetito e favorisce la digestione), digestive, coleretiche e colagoghe (favorisce la produzione ed escrezione della bile è utile in caso di itterizia, calcoli biliari ed in ogni caso di insufficienza epatica), depurative, nonché blandamente diuretiche e lassative.

Raccoglierlo è semplice, ma richiede qualche accortezza: sono da preferire le piante non fiorite (perché il fiore “assorbe” molte energie e principi nutritivi della pianta e solitamente non si usa in cucina) che dovranno essere estratte dal terreno con il rizoma e le radici aiutandosi con l’aiuto di un coltellino; rizoma e radici andranno raschiate delicatamente e poi lavate molto bene.

Superfluo ricordare che è opportuno coglierlo in  ambienti montani o comunque lontani da fonti di inquinamento.

In cucina il tarassaco si presta per numerose preparazioni crude e cotte: dai primi piatti alle frittate (Veg), alle insalate. Il suo sapore amarognolo può essere stemperato da un “tuffo” veloce in acqua bollente salata.

Del tarassaco e di numerose altre erbe,  delle loro proprietà ed usi anche a scopo terapeutico parleremo con l’erborista Daniela Baldessari mercoledì prossimo, 11 maggio, Tn, ore 19.30, nell’ambito della conferenza con assaggi “Le Erbe delle Donne”.
In quell’occasione preparerò piatti veg e senza glutine con le erbe terapeutiche dei quali non voglio svelare adesso i segreti;-)


DOLCI VEGAN E SENZA GLUTINE 2

MERCOLEDì 4 MAGGIO, ORE 19.30, TRENTO – DOLCI 2

Un nuovo corso sui dolci con nuove gustose ricette Veg e Senza Glutine.
Impareremo a preparare il Pan di Spagna, il Tiramisù ed una freschissima Mousse alle fragole.
Costo: € 25 a persona
L’appuntamento è per:  mercoledì 4 maggio, ore 19.30 a Trento in via Conci 84.
Info e prenotazioni: 333 – 2354050 / info@themindfultomato.com

Tiramisù vegan e senza glutine


CORSI DI CUCINA SENZA GLUTINE E VEGAN TRENTO

CORSI DI CUCINA VEG E SENZA GLUTINE A TRENTO PER ASTEL

Ad maggio si svolgerà un nuovo ciclo di quattro appuntamenti con la cucina veg e senza glutine per l’Associazione ASTEL, circolo ricreativo dei dipendenti APSS.
Le date sono: 2, 9, 23 e 30 maggio.
Si tratta di una riedizione dei corsi che ho tenuto nel mese di marzo, viste le numerose richieste che non era stato possibile soddisfare.
Possono partecipare anche i non soci.
Trovate  tutte le informazioni e l’indirizzo mail per prenotare nella locandina.

C


PASQUA VEG E SENZA GLUTINE – ASPARAGI IN SALSA VEG-MIMOSA

ASPARAGI IN SALSA VEG-MIMOSA

Il nostro menù pasquale oggi si arricchisce di un altro piatto: gli asparagi in salsa Veg-mimosa. Gli asparagi sono un ortaggio di stagione spesso associato all’imminente festività. Di questa verdura ci parlerà la Dott.ssa Tosatti con un approfondimento in coda all’articolo.

A me non resta dunque che suggerirvi di completare il vostro menù con un cereale – un risotto o delle tagliatelle s.g. con le erbette di stagione, ad esempio – ed un buon (pezzetto di) uovo di cioccolato fondente ed augurarvi una Buona Pasqua, non dimenticando il valore simbolico di questa giornata.

Asparagi con salsa vegana

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di asparagi
  • 200 gr di fagioli cannellini cotti
  • 2 cucchiai di yogurt di soia
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio abbondante di capperi sotto sale
  • senape
  • sale integrale
  • Prezzemolo q.b.

La sera prima di cucinare gli asparagi li metto in una bacinella di acqua fredda. Al momento di prepararli, taglio la parte terminale (1 cm circa) e con il pelapatate elimino la buccia più esterna e dura da metà gambo in giù. Quindi lavo e cuocio gli asparagi al vapore o in abbondante acqua leggermente salata. In quest’ultimo caso, in mancanza dell’apposita pentola, tengo insieme gli asparagi con una striscia di tessuto di cotone chiaro e pulito (senza tracce di detersivo o ammorbidente) e li immergo nell’acqua lasciando fuori le punte.
Per i tempi è necessario assaggiare.
Metto a bagno in un bicchiere di acqua fredda i capperi per almeno ½ ora; trascorso questo tempo li sciacquo e li frullo; unisco cannellini, olio, yogurt, senape (½ cucchiaino circa) sale e frullo fino ad ottenere una crema omogenea. Metto in frigorifero fino al momento di servire con asparagi ed una spolverata di prezzemolo fresco tritato.

 

APPROFONDIMENTO SUGLI ASPARAGI
della Dott.ssa Maria Alessandra Tosatti

Gli asparagi sono ortaggi primaverili costituiti dal germoglio di una pianta che appartiene alla stessa famiglia di aglio e cipolla. Si caratterizzano per le diverse colorazioni con le quali si possono trovare nelle varie zone d’Italia: da quello bianco, verde, violetto senza dimenticare l’asparago selvatico comune nelle nostre campagne e nelle zone boschive.

Continua a leggere l’approfondimento sugli asparagi

 

 


GLI ASPARAGI – APPROFONDIMENTO NUTRIZIONALE

APPROFONDIMENTO NUTRIZIONALE SUGLI ASPARAGI
della Dott.ssa Maria Alessandra Tosatti

Gli asparagi sono ortaggi primaverili costituiti dal germoglio di una pianta che appartiene alla stessa famiglia di aglio e cipolla. Si caratterizzano per le diverse colorazioni con le quali si possono trovare nelle varie zone d’Italia: da quello bianco, verde, violetto senza dimenticare l’asparago selvatico comune nelle nostre campagne e nelle zone boschive. Il colore associato alle diverse varietà non influisce sulle proprietà nutrizionali che si caratterizzano per il limitatissimo apporto calorico (circa 25 Kcal/100 g) l’elevato contenuto di fibra, vitamina C, acido folico, carotenoidi e sali minerali. Tra questi, l’elevato contenuto di potassio rende l’asparago un ottimo alimento drenante e depurativo. Non è un caso che la natura ce lo offra in primavera …
A causa apporto di acido urico, è controindicato nei soggetti che soffrono di gotta, malattie osteoarticolari e, in generale, nelle malattie del tratto urinario (calcolosi, cistiti, prostatiti).
Al momento dell’acquisto devono presentarsi sodi, con la punta compatta, di colore vivo e uniforme. Dopo averli lavati, sarà necessario tagliare l’estremità legnosa e pelare il gambo con un pelapatate in modo da allontanare la parte esterna più fibrosa. Per garantire il contenuto di nutrienti, è ideale la cottura al vapore.


PASQUA VEG E SENZA GLUTINE – CROSTONI CON LE FAVE

CROSTONI CON LE FAVE FRESCHE

Uovo di Pasqua

L’uovo di Pasqua – foto di Alice Bianchi – anni 7

Ecco un’idea per un antipasto fresco, con i colori brillanti ed il buon sapore delle fave fresche.
E’ una ricetta semplice; serve solo un buon pane integrale ed un po’ di pazienza nella preparazione delle fave, che andranno prima sbollentate per facilitare l’operazione di rimozione della cuticola esterna e quindi insaporite con lo scalogno.
La Dott.ssa Tosatti, a seguire, ci parlerà delle fave fresche.
L’appuntamento è per la prossima ricetta pasquale!

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 belle fette di pane integrale consentito
  • 20 baccelli di fave
  • 1 scalogno
  • 4 pizzichi di alga kombu tostata
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Sale integrale

Tolgo le fave dal baccello, le sciacquo e tuffo in acqua bollente per 5 minuti. Scolo, sbuccio e metto da parte. Rosolo lo scalogno in acqua e olio, unisco le fave e lascio insaporire per qualche minuto, eventualmente aggiungendo un goccio di acqua calda. Aggiungo 1-2 pizzichi di sale fino integrale. Tosto il pane e quando è ancora caldo verso un cucchiaio di fave su ogni fetta, spolvero con l’alga, verso un filo di olio extravergine di oliva e servo.
NB: se non avete l’alga potete cospargere il crostone con del prezzemolo fresco tritato.

APPROFONDIMENTO SULLE FAVE
della Dott.ssa Maria Alessandra Tosatti

La FAO ha decretato il 2016 anno internazionale dei legumi con lo scopo di promuovere il consumo di questi preziosi vegetali che, oltre a rappresentare una valida alternativa nutrizionale al consumo delle proteine animali, sono più sostenibili dal punto di vista ambientale richiedendo meno risorse per essere prodotti.
All’interno dell’ampia gamma dei legumi che dovremmo utilizzare regolarmente, troviamo le fave.
Continua a leggere l’approfondimento sulle fave

 

 

 


LE FAVE – APPROFONDIMENTO NUTRIZIONALE

APPROFONDIMENTO SULLE FAVE
della Dott.ssa Alessandra Maria Tosatti

La FAO ha decretato il 2016 anno internazionale dei legumi con lo scopo di promuovere il consumo di questi preziosi vegetali che, oltre a rappresentare una valida alternativa nutrizionale al consumo delle proteine animali, sono più sostenibili dal punto di vista ambientale richiedendo meno risorse per essere prodotti.
All’interno dell’ampia gamma dei legumi che dovremmo utilizzare regolarmente, troviamo le fave. In primavera possiamo acquistarle in forma di lunghi e spessi baccelli all’interno dei quali sono racchiusi semi freschi, come quelli utilizzati in questa ricetta, che presentano delle caratteristiche nutrizionali comuni agli altri legumi: poche calorie (72 kcal /100 g), pochissimi grassi (0,6 g/100 g) buon apporto di proteine (5,6 g /100 g), di fibra e di fotocomposti. Forniscono anche buone quantità di vitamine e di minerali, in particolare calcio e ferro. Le fave fresche contengono levodopa, una molecola coinvolta nella sintesi dei neurotrasmettitori della quale possono beneficiare le persone affette dalla malattia di Parkinson.
Le fave sono proibite ai soggetti che soffrono di favismo, una particolare patologia ereditaria, tipica dell’area mediterranea, per la quale è presente un deficit enzimatico che impedisce di metabolizzare alcune sostanze ossidanti, tra cui quelle contenute nel seme della fava. L’effetto tossico si manifesta in queste persone con la distruzione di globuli rossi, nausea, dolori addominali fino a sintomi più gravi.


Trento Blog è un supplemento alla testata Blogosphera, registrata presso il tribunale di Trento (n. 1369/08)
Blogosphera: Direttore responsabile: Andrea Bianchi - Editore: Etymo srl
Redazione: c/o Etymo srl - Via Brescia, 37 - 38122 Trento (TN) - tel. 0461.236456 - redazione@etymo.com
© 2006-2010 etymo s.r.l. P.IVA 02242430219. Alcuni diritti sono riservati sotto licenza Licenza Creative Commons.

Policy di utilizzo dei cookies