ESTASI CULINARIE di Muriel Barbery

pubblicato da: Mirna - 14 febbraio, 2018 @ 10:31 am

Della stessa autrice del famoso L’eleganza del riccio anche questo racconto ci prenderà e incuriosirà.estasi culinarie

Siamo sempre nello stesso elegante palazzo di Rue de Grenelle dove ancora la portinaia-lettrice, Renée pulisce, lucida, spazza  e osserva con severità e compatimento  tutti i comportamenti alteri dei ricchi e privilegiati  condomini, quasi tutti pieni di boria.

Anche il grande monsieur Arthens, – già incontrato  nell’Eleganza del Riccio – abita lì,  ma sta per morire.

E’ il più famoso critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione e nelle sue ultime ore di vita ripensa al suo passato e sorattutto sta ricercando affannosamente un sapore primordiale e sublime provato in qualche momento speciale. Ma quale? Lo vuole, vuole riportare nella sua bocca ,prima del trapasso, il Sapore per eccellenza.

Inizia così un percorso a ritroso della sua carriera dove piatti magnifici serviti in luoghi incantevoli gli fanno sempre sperare di aver trovato quel sapore, forse il bandolo della matassa che l’ha portato ad essere così bravo, forse il simbolo della sua essenza.

Menecmi e Restart febbr 17 028Bellissime descrizioni di cibi esotici, nazionali, semplici o elaborati.  Ogni sapore rievoca un pezzo della sua vita. Come quello di un pomodoro caldo appena colto,  o le sardine alla griglia, le ostriche, sorbetti, le corna di gazzella (biscotti marocchini  alle mandorle – primo dono di mio marito a Marrakesch )

Tutto il mondo culinario e familiare  girava intorno a lui, questo genio  egoista, prepotente, amato e odiato.

Moglie bella e decorativa che lo ama pur soffrendo. I figli poco stimati che avrebbero voluto più attenzione.

Lui, il grande assaggiatore di vita, è il centro di se stesso. E come tale riporta ogni sensazione a lui e solo a lui.

Ed ora in punto di morte vuole assolutamente ritrovare il sapore dell’infanzia, della prima giovinezza, quel sapore che l’aveva incatenato per sempre al volere delle sue papille gustative.

E ci riuscirà…con una sorpresa …

condividi

Lascia un commento

*