TURCHIA COME SIRIA, come Egitto, etc.

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 28 aprile, 2017 @ 4:14 am

Detto altrimenti: stessa linea rossa? Nel frattempo gli USA …       (post 2710)

Siria: la protesta del popolo è diventata una guerra “(in)civile”. E poi: “Ah no … le armi chimiche no …. Non si uccide la gente con i gas …”. Mi chiedo: perché, con le bombe “normali”…  si? -

Turchia: la vittoria referendaria di Erdogan è stata di un soffio: nonostante la “particolare” organizzazione del confronto, ha vinto solo di misura … l’equilibrio è pericolosamente precario. E poi l’UE dice: “La pena di morte è una linea rossa, oltrepassata la quale non si entra a far parte della nostra Unione”. Mi chiedo: perché,  arrestare a decine di migliaia chi non la pensa come te…si?

Egitto: si uccidono gli studiosi scomodi Giulio Regeni). Turchia: li si arrestano (Gabriele Del Grande) per dieci giorni così … tanto per mandare un segnale … chi deve capire capirà.

images

            “Ghe pensi mi!”

Nel frattempo altri mala tempora curruntCorea del Nord, politica USA … armi atomiche ed armi comunque. Già, perché gli USA uscirono dalla grande depressione del ’29 grazie al rilancio dell’industria pesante (bellica). E allora … “Perché no? Si chiede Donald Da un lato aumento le spese militari (spese? Ma smettiamola una buona volta di chiamarle così e chiamiamole con il loro vero nome: “investimenti produttivi”!), dall’altro ti presento una riforma fiscale alla Berlusconi (Italia, culla di idee e di cultura! Ci devo andare in vacanza, magari ad Arcore): riduzione dal 35 % al 15 % l’imposta sugli utili selle società; Irpef da sette e tre scaglioni (10, 25, 35%); abolita l’imposta di successione del 40% sulle successioni oltre il milione di dollari; sanatoria per il rientro dei capitali dall’estero; abolita la tassa del 3,8% sulle rendite da capitale decisa da Obama per finanziare l’Obamacare; ridotta la tassa sulle plusvalenze e dividendi al limite massimo del 20%. E nel frattempo tasso l’importazione delle Vespe della Piaggio. Sono o non sono figo?”

(Silvio: “Vedete? Mi ha copiato, mi ha copiato!!”)

.

. download

E bravo! Avanti con la forbice delle disuguaglianze a livello interno USA e a livello mondiale! Il mondo tende a “scoppiare”? Non c’è problema: le sonde spaziali stanno sondando Saturno e un posticino sui suoi anelli lo si troverà pur sempre per i sovrannumerari …

.

.

download

Le strisce! Mettiamole le strisce!

.

.

Siria, Turchia, USA, Egitto, Corea del Nord … e l’UE sta a guardare! E allora mi chiedo: SE NON ORA, QUANDO? A quando gli SUE–Stati Uniti d’Europa / USE-United States of Europe / VSE- Vereinigte Staaten von Europa / EUE–Etats-Unis d’Europe / EUE- Estados Unidos de Europa ? Dice … ecco …  vedi …caro blogger … già qui casca l’asino … già sul nome: e tu che vorresti pretendere mai?

.

.

.

 

condividi

No Comments »

LEGGERE PER RITROVARSI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 27 aprile, 2017 @ 4:58 pm

Detto altrimenti: leggere libri per ritrovarsi       (post 2709)

(Ho terminato il post precedente parlando di libri … ed allora …)

imagesLeggi pensieri, sentimenti, considerazioni, situazioni altrui. Poi rifletti e ti accorgi che quei momenti di vita che l’autore ha affidato alla carta, sono stati o sono anche i tuoi. Ecco perchè leggere è ritrovare un po’ anche se stessi. Ma … allora? Potresti essere anche tu stesso uno scrittore? Può darsi, ma non è questo il problema. Il fatto è che leggendo ci si accorge dell’Altro, che poi è simile a noi, simile, non uguale perché ognuno di noi è qualcosa di irripetibile, di unico al mondo. E comunque simile significa che l’Altro è una Persona con la quale si può (e si deve) dialogare, fare comunicazione, communis actio, azione comune.

Leggere libri, ma anche leggere il Volto dell’Altro. Un filosofo, Emmanuel Lèvinas (1905- 1995, Lituano naturalizzato francese), è riconosciuto come il filosofo del Volto: “Il Volto dell’Altro ti guarda, ti interroga, si aspetta una risposta da te”. Leggere un Volto è come leggere un libro, un libro non scritto. E viceversa, dal libro al Volto. Leggendo libri e Volti altrui usciremo più spesso al di fuori del nostro io sconosciuto, autoreferenziale, per ritrovare il nostro vero io, quello relazionale. Pertanto

  • Leggere è Relazione,
  • La Verità è Relazione (Papa Francesco),
  • Leggere è Verità!

Viva i Libri!

No Comments »

EN SOLITAIRE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 27 aprile, 2017 @ 4:40 am

Detto altrimenti: in solitaria … o no?       (post 2708)

.

0014Accendo la TV, “zappo” qua e là ed ecco il colpo di fortuna: a me, velista appassionato, capita di “beccare” il film “En solitaire”: la regata più famosa del mondo, la Vendeè Globe: giro del mondo a vela in solitaria, senza scalo e senza aiuto esterni, film del regista Christophe Offenstein. Barche di 60 piedi (circa 20 metri) piene di vele e di tecnologia elettronica. Filmati autentici sui quali il regista ha inserito gli interventi degli attori in particolare dell’attore protagonista Francois Cluzet.

.

images100-130 giorni  in mare dalla Francia a Capo di Buona Speranza, a Capo Horn e di nuovo in Francia. Un film che “cattura” e non solo i velisti, ma anche mia moglie che proprio tale non è! Le onde gigantesche dei Roaring Fifties (i Cinquanta Ruggenti: venti a circa 100 km all’ora!); la scoperta di un giovane immigrato clandestino a bordo; la sua “accoglienza”; il salvataggio di una concorrente naufragata; onde come macigni; la rottura della pala del timone;  l’incontro con le balene e gli icebergs; l’arrivo in Francia da vincitore che però, mentre una flotta di motoscafi acclamanti lo accompagna nell’ultimo miglio, evita volutamente di tagliare la linea del traguardo e – coerentemente – si fa squalificare perché di fatto, sia pure incolpevolmente, non era stato solo a bordo.

Riflessioni: un inno alla forza fisica e psichica; un inno alla tecnologia; un inno all’accoglienza dell’immigrato; un inno alla collaborazione fra molte persone. E mi soffermo su questi due ultimi aspetti.

malatoL’immigrato africano, un ragazzo che, avendo visto in rada alla Baleari una barca con bandiera francese e volendo andare in Francia per curarsi da una sua malattia, sale clandestino a bordo e arriva in Francia … dopo aver fatto il giro del mondo! E lo skipper? Prima si infuria; poi lo vorrebbe sbarcare; indi lo cura quando si ammala; alla fine rifiuta di consegnarlo a chi lo ha raggiunto con un motoscafo per liberarlo di questa presenza “squalificante” (tale secondo il regolamento di regata); infine, come detto poc’anzi, arriva primo ma non taglia la linea del traguardo. Un esempio ammirevole di accoglienza dell’ “Altro”.

.

ondeLa collaborazione fra molte persone. Infatti lo skipper tanto “in solitaria” non è. E non per la presenza del clandestino, ma per quella della … tecnologia! Schermi d’ogni tipo che gli dicono dove si trova lui e dove sono i suoi avversari; dove sono e come si stanno muovendo le perturbazioni; sistemi di avvistamento ed allarme d’ogni sorta … collegamento continuo con la Francia, con la famiglia. Tutto ciò senza nulla togliere alla capacità tecnica, alla forza fisica e d’animo degli skipper.

.

Una conclusione: molta capacità, molta umanità, molta collaborazione di squadra. Nella vela come (dovrebbe essere) nella vita e nella politica: mai en solitaire!

solo intorno al mondo.

.

Quanto alla vela, mi viene spontaneo un parallelo, un raffronto anzi due: quello con il primo giro del mondo a vela, ad opera di Joshua Slocum, un americano nato il 20 febbraio 1844 (nello stesso anno del filosofo Friedrich Nietzsche) a bordo della sua “barcaccia” Spray, (barcaccia se raffrontata all’Imoca 60 piedi del film!); e quello del successivo Bernard Moitessier (n. a Parigi, 1925) con la sua Marie Therese.

.

.

.

.

Tamata

Pensate un po’: nella terra dei fuochi, per allertarsi in caso di intrusione notturna a bordo di (indigeni) clandestini, Slocum usava disseminare la coperta di … pendole e puntine da disegno! E Moitessier … per albero della sua (prima) Marie Therese aveva un palo del telegrafo! Se siete interessati a questi due personaggi, mi permetto di consigliarvi la lettura di “Solo intorno al mondo” sul primo personaggio citato e “Tamata e l’alleanza” sul secondo (Moitessier, che, in procinto di vincere il premio per una regata intorno al mondo, devìa la rotta per dimostrare che “non navigava per denaro”!)

.

.

Buona lettura, buona capacità, buona umanità, buona collaborazione con la propria squadra a tutte e a tutti, velisti e non, pronti a ripartire per la rotta della vita.

.

.

No Comments »

IL GIOCO DEL NASCONDINO

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 26 aprile, 2017 @ 2:10 pm

Detto altrimenti: seguendo le presentazioni di Camilleri alle vicende del commissario Montalbano, mi è venuta voglia di dare un titolo enigmatico ai pochi, semplici ragionamenti che espongo qui di seguito                (post 2707)

download

Non siamo più bambini … dai!

Il gioco del nascondino – Ognuno di noi dovrebbe ricercare l’affermazione della “propria” personalità, e invece, spesso, accade che noi ci nascondiamo dietro il nostro ruolo sociale o politico. Ruolo politico, carica pubblica: un comodo e tranquillo nascondiglio tale che ci consente di dire e fare tutto ciò che gli altri si sentono in diritto di chiederci. Ma … dice … e gli altri? Gli altri? Quando a capo di un ruolo, di un sistema (economico, sociale, politico) c’è un princeps, spesso gli altri sono vittime della propria pigrizia, nel senso che un’obbedienza incondizionata o una totale omologazione sono più comode di una adesione con riserve. E ci si nascondono dietro.

download (1).

Infatti, la pigrizia, più della paura stessa, spesso determina l’agire umano. Una volta alcuni miei amici si stavano domandando come mai un nostro comune conoscente aderisse così convintamente ad un partito di estrema destra. Io intervenni: “Così deve pensare di meno, anzi, per nulla”. Insomma, aderendo senza riflettere, si rischia di vivere immersi in una nebbia di opinioni impersonali alla così fan tutte (le persone, n.d.r.), ognuna sempre nella testa dell’altra e viceversa, a catena. Insomma, pigri più che paurosi, temiamo la fatica che deriverebbe da un’assoluta onestà e autenticità innanzi tutto verso noi stessi. E invece occorre domandarsi: perchè io la penso così? Perché aderisco a certe idee o le combatto? Perché seguo Tizio, osteggio Caio, ignoro Sempronio? E invece … invece spesso restiamo muti o, nel migliore dei casi, camuffiamo il nostro silenzio con delle chiacchere.

.

download (2).

E invece … invece un tale, un certo Friedrich Nietzsche, un filosofo nato 100 anni esatti prima di me (1844 lui, 1944 io), prima di me che filosofo proprio non sono, invitava ognuno a prendere coscienza della propria “forza inventiva” che a suo dire era pari a quella “di una pianta che si inerpica fino a conquistarsi un po’ di luce, pur in un terreno inospitale”. In altre parole, invitava ogni donna ed ogni uomo a non giocare a nascondino, a crescere, a ripartire, ad esprimersi e ad uscire dal nascondiglio, dal rifugio, dalla grotta del non-pensiero-proprio nella quale ci si fosse rifugiati.

.

.

Good restarting everybody!

.

.

No Comments »

ALITALIA AFFAIR

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 25 aprile, 2017 @ 1:03 pm

Detto altrimenti: sono anni ed anni che il problema esiste ….   (post 2706)

.

Garda, inverno, in solitaria

The shades of night were falling fast …

Sulla mia barchetta a vela da regata, un FUN di nome Whisper e numero velico ITA 526, sette metri lft; dislocamento (=peso) 1 ton; stazza 2,8 ton; non abilitata (dalla legge italiana) a spingersi oltre le sei miglia dalla costa (oggi 12?), anni fa (il mio reato è prescritto, sia ben chiaro!), per ben sei volte traversai a vela, anche di notte ed anche in solitaria, dalla Toscana a Palau e viceversa. Di notte, fissato il timone con una scottina, pila frontale sulla testa, la carta nautica fissata con elastici al portellone del tambuccio (= entrata della barca), portellone a sua volta appoggiato sulle mie ginocchia; scarta nautica, squadrette, matita, orologio, bussola e compasso alla mano, calcolavo la mia posizione e la rotta percorsa e da percorrere, dati che poi verificavo con un GPS di prima generazione (fidarsi delle apparecchiature va bene , “ma però” controllarle alla vecia è meglio!). Ho corretto la rotta decine di volte … un po’ più a nord, un po’ più a sud … Al sorgere del sole mi sono trovato esattamente davanti all’entrata del porto di Campoloro (Corsica), mia prima tappa prevista dopo la traversata.

Alitalia … emergenza? Ma negli anni, anno dopo anno, per anni … c’è stata una uguale continua, attenzione? C’ è stato questo correggere via via la rotta?

Trentanodi sulle Bocche

Qui, vento a 15 m/sec = 30 nodi = 55 kmh.  Quando il vento è arrivato a 40 nodi non ho avuto la possibilità di scattare foto …

Dice … ma … e se Alitalia fosse stata sorpresa da una improvvisa crisi del mercato? E se la tua barchetta fosse stata sorpresa da una improvvisa tempesta? La mia barchetta? Eh no,  raga …  io ero abbonato a Meteo Mursia Portofino e venivo aggiornato via telefono minuto per minuto sull’evolversi del tempo! Una volta mi hanno preannunciato il Mistral (vento oltre i 40 nodi). Io ero sulla via del ritorno, navigavo verso nord, nelle Bocche di Bonifacio. Mi sono fatto trovare preparato: la cerata indossata, le vele ridotte, la pipì fatta (ci vuole anche quello!), un fruttino di marmellata mangiato. Dopo due ore e mezzo di navigazione molto dura ma sicura, mi sono ormeggiato nel porto di Portovecchio, dove ho atteso due giorni la fine del Mistral.

.

.

No Comments »

CICLISTI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 24 aprile, 2017 @ 6:41 am

Detto altrimenti: ciclisti, un morto ogni 35 ore!     (post 2705)

.download

Amici, pedalatori e non, questo è un “postaltrui”, ovvero pubblico sotto forma di post una mail ricevuta dall’amica Manuela Demattè, per 25 anni nel Consiglio Direttivo Fiab Trento e suo  Past President , mail che Manu mi ha scritto in relazione al mio post sulla morte di Michele Scarponi.

.

Inizia

.

.download

.

Da attivista FIAB ma anche da ciclista urbana che anni fa si è salvata per un pelo dall’essere segata da un camion dell’Italspurgo che le ha tagliato la strada svoltando a destra … come darti torto, caro Ric? Anche supponendo che nel caso di Scarponi abbia influito l’errato calcolo della velocità in discesa del ciclista, il punto non sta quasi mai nella ricostruzione della dinamica ma in un preciso fatto culturale! Prova ne è il mio caso, in cui il tizio mi aveva visto benissimo prima di affiancarmi e superarmi per svoltare, ovvero non era tenuto a fare nessun calcolo ma solo a rispettare la mia esistenza sulla strada!

.

.

.

download

Senza parole

Come opportunamente ricordi, la FIAB è sempre stata in prima linea su questi temi ed io lo riporto nella ns storia http://www.fiab-trento.it/storia/. In Italia, invece, si arranca: dopo l’approvazione alla Camera, dal 2014 è bloccata in Senato la discussione sulla riscrittura integrale del Codice della Strada, che auspichiamo recepisca le indicazioni dell’ANCI (Associazione Comuni Italiani), che ha fatto proprie molte delle proposte che la FIAB sostiene da anni (riconoscimento dell’infortunio in itinere, limite dei 30 km/h in ambito urbano, doppio senso di circolazione per le bici ecc.).

.

http://www.repubblica.it/cronaca/2017/04/22/news/ciclisti_strage_infinita_un_morto_ogni_35_ore-163627361/:

La sicurezza dei ciclisti è un tema che fino a oggi la politica non è riuscita ad affrontare compiutamente, spesso con annunci cui non sono seguiti fatti concreti. Pochi giorni fa il sottosegretario ai Trasporti Riccardo Nencini, a margine della presentazione del Gran Premio della Liberazione, aveva ribadito la necessità e l’urgenza di una legge per tutelare i ciclisti: “Dobbiamo ancora stabilire qual è l’attaccapanni normativo, se il Codice della Strada che riprende il suo percorso a giorno al Senato oppure un decreto del Mit. Rimane l’urgenza dell’oggetto perché l’utenza debole di cui fanno parte i ciclisti, motociclisti e pedoni ha un numero di morti decisamente troppo alto. Il 50 per cento della mortalità stradale è fatta da utenza debole”.

images

Manuela con l’attuale Presidente Fiab Trento, Guglielmo Duman, allo stand Fiab della “Settimana Europea della Mobilità”, Trento 2014

Se questo provvedimento “salva ciclisti” assumerà la forma del decreto ci vorrà qualche settimana, altrimenti se andrà a modificare il Codice delle Strada si parla di mesi: l’unica cosa certa, purtroppo, è che in questo lasso di tempo chi pedala continuerà a essere esposto ai mille pericoli della strada e non avrà almeno uno strumento normativo atto a proteggerlo. Perché le strade italiane, con pochissime eccezioni, non sono affatto amiche della bicicletta e chi pedala per professione (come i ciclisti professionisti) o per andare al lavoro (come i ciclisti urbani) continua a farlo a rischio e pericolo quotidiano schivando buche e attraversando incroci mal segnalati, pedalando in mezzo al traffico motorizzato o su piste ciclabili al limite della praticabilità.

Attenzione però, caro Ric, che nel tuo post precedente – “Separazioni” – rischi di perpetuare un archetipo dell’inconscio collettivo maschile, che in questo post hai invece giustamente e calorosamente combattuto: la simbiosi uomo-auto, dove si personalizza l’oggetto/auto e per converso si reifica la persona/donna …

Finisce

Grazie Manu, del tuo prezioso, puntuale e “legislativo” contributo. Per completezza aggiungo che ci hai anche segnalato che durante una recentissima gara ciclistica che ha interessato il centro cittadino di Trento, le strade non erano transennate! Per fortuna alcuni cittadini, spontaneamente, si sono dati da fare e trasformati in “addetti alla gara” avvisando e trattenendo i pedoni per evitare che fossero investiti in rovinosi impatti. Ma si può?

Quanto al mio post precedente -“Separazioni” – il mio ha voluto  essere solo uno scherzo, per sorprendere e far sorridere lettrici e lettori …

Good Bike everybody!

.

.

No Comments »

MICHELE SCARPONI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 23 aprile, 2017 @ 6:34 am

 

Detto altrimenti: un lutto gravissimo per la sua famiglia …. (post 2704)

images… e dopo – solo dopo – per lo sport. Ed anche per tutti noi, padri di famiglia, ciclisti “normali” da pedalate non competitive. Michele si allenava. In discesa, sulla destra. In direzione opposta un furgone che svolta a sinistra e gli taglia la strada. Fine. Lascia moglie e due gemellini di quattro anni e mezzo. Dopo questa, la principale, le mie altre considerazioni sono rivolte al rapporto uomo- auto e auto-bicicletta.

.

Rapporto uomo-auto

  1. download (1)

    “Aho, movete, che stai a fa’ … dormi?”

    Noi, qui, in Italia … provate a guidare rispettando tutte le regole del codice della strada, ed in particolare i limiti di velocità: sarete aggrediti da un coro di proteste da chi vi segue, colpi di clacson, lampeggiate di abbaglianti e improperi: “Che fai, dormi?” il minimo che vi può capitare. L’altro giorno ho preso una multa per eccesso di velocità in provincia di Livorno (SS Aurelia): limite 90 kmh, io a 101, mea culpa, colto sul fatto da un autovelox: dedotte le tolleranze, sono risultato superiore di 5,1 kmh. Contravvenzione corretta, pagata. Ora, provate un po’ a installare gli autovelox in città: alla Polizia Locale occorrerebbe assumere decine e decine di addetti per gestire la massa delle infrazioni. Se poi i controlli avvenissero sulle rampe di accesso e di uscita dall’autostrada (limite 40 kmh), sarebbero tanti ritiri di patente!

  2. Seconda infrazione alla qual siamo “abituati”: il mancato rispetto della distanza di sicurezza. Ti tallonano ad un metro, alla “Fittipaldi” e poi via, di scatto, il sorpasso: manovra potenzialmente micidiale.
  3. Terza infrazione alla quale siamo “abituati”: l’inserimento in una rotatoria. Chi viaggia in colonna violando la regola della distanza di sicurezza, si sente in dovere di non dare la precedenza a chi la rotatoria l’ha impegnata ben prima di lui.
  4. Quarta infrazione alla quale siamo “abituati”: l’auto “stringe” un ciclista, deve passare a tutti i costi, franare manco se ne parla, la strada è sua, solo sua. Guida pericolosa, andrebbe sanzionata. Ecco … appunto … “andrebbe”.

Tante storie per “luogo per caricare e scaricare le armi”, per posizionare i bersagli del tiro con l’arco in luogo sicuro hai visto mai che una freccia …; molte meno storie per insegnare e controllare il livello del rispetto delle regole della civile convivenza e del codice della strada  (fatti salvi i controlli della sosta o a mezzo autovelox,  quelli sì che vengono effettuati perché “facili” e “rendono”). Vi chiedo: quante volte avete riscontrato che siano state elevate contravvenzioni per le violazioni dell’eccesso di velocità in città o per quelle di cui ai numeri dal 2 al 4?

Rapporto auto-bicicletta

images (1)Noi ciclisti “diamo fastidio”, li rallentiamo, loro, quelli delle auto, ed allora “gli faccio vedere io, come ruggisce il mio motore, come lo sfioro, come lo stringo sul bordo, così impara a non farsi da parte, a starsene a casa, che stia sulle ciclabili,  cribbio!”. Io pedalo: dietro di me sento il motore di un’auto. Se il rombo diminuisce e l’auto mi sorpassa scostandosi molto da me, la targa è straniera. Tutto il contrario all’opposto, quando le targhe sono italiane. Dicesi riconoscimento sonoro della targa.

Ieri scendevo in bicicletta (una mtb) sulla SP che dal Lago di Cavedine conduce a Drò. Strada larga, una discreta pendenza, fondo stradale ottimo, tempo splendido, traffico assente. La mia velocità era di 45 kmh. Procedevo ad un metro dal bordo strada. Improvvisamente sono superato da un’auto che inspiegabilmente ed inutilmente mi sfiora a 100 kmh inondandomi di un fragoroso colpo di clacson: roba da infarto ciclistico. Perchè? Che bisogno c’era? Voleva dimostrami che lui era più “uomo”, più “maschio” di me?

Michele Scarponi, la sua famiglia, ecco il dramma, la vera tragedia. Il resto sono dettagli. Fra qualche giorno inizia il Giro d’Italia, senza di lui. Fasce al braccio, minuti di silenzio, e via, the show must go on, ovviamente. Nella sostanza invece propongo che

  • il Giro, le federazioni ciclistiche, i suoi colleghi, gli sponsor si diano da fare per sostenere (economicamente) la sua famiglia;
  • l’educazione civica inizi da quella stradale;
  • la legge (Codice della strada) dia centralità al traffico misto auto-biciclette e pedoni-biciclette sulla strada e sulle piste ciclabili;
  • si applichi maggiore rigore nella concessione delle patenti auto;
  • si effettuino maggiori controlli non solo sulla sosta vietata o sui dati autovelox.

 

imagesE’ chiedere troppo? Non direi, mi pare il minimo.  Noi della FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta, a livello locale e nazionale ci attiviamo da decenni in favore della civile convivenza e della mobilità sostenibile:  chi ha la stessa nostra sensibilità, si aggiunga a noi, si iscriva alla FIAB.

.

.

.

No Comments »

SEPARAZIONI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 22 aprile, 2017 @ 5:23 am

Detto altrimenti: purtroppo capita ….. (post 2703)

Mi telefona un amico

Sai Riccardo, la mia compagna … credo che ci stiamo per separare ..”

Ma come, dico io, dopo tanti anni?

Si, sono dodici ormai, devo dire passati felicemente insieme. Ma ora i rapporti si sono logorati …

Ma non siete stati bene insieme? Una come lei, di classe, sempre equilibrata in ogni sua manifestazione, elegante direi ma con garbo … sapendo anche essere energica quando serviva …

Si, benissimo, dodici anni … te l’ho appena detto …tanti momenti bellissimi, tanti viaggi …

Ma allora, cosa è successo?

Te l’ho detto, i rapporti si sono logorati …

Ma come? Tutto d’un tratto?

No, Riccardo: un paio di volte c’è stata qualche frizione, e poi in  un paio di occasioni quando la sollecitavo a darmi risposte lei tardava, tardava … ma queste dono state piccole difficoltà subito superate: in dodici anni di rapporto ci sta. Il fatto è che quello che mi fa decidere e che ormai non sono più così sicuro di lei …

Che dici mai? Sospetti che ti possa tradire?

Be’, sarebbe inutile nasconderlo … è vero, tempo che da un momento all’altro mi pianti in asso, su due piedi.

Ma dai, non ci posso credere … e poi   guarda che come lei non ne trovi più …

Riccardo, tutto ha un fine: anche la nostra storia.

Ma non credi che aggiustando qua e là … non potete proprio andare avanti insieme?

Aggiustatine, dici tu, la fai facile: ma sai quanti interventi dovrei ormai fare per salvare il salvabile? Sono stanco, mi costa troppo, impegno, fatica e … anche denaro.

Denaro? Ma che dici?

Che dico? Prova tu a rimettere insieme i cocci di un vaso… fai meno fatica a comperarne uno nuovo.

Vabbe’ ho capito, ma mi dispiace … d’altra parte, che ci vuoi fare? Così è la vita. Ma dimmi, resterai solo?

No, Riccardo, sai com’è … ho conosciuto una … le assomiglia molto … si vede che dal vecchio amore non è mai possibile separarsi del tutto … spero che la mia nuova compagna non sia gelosa …

Dai, dimmi qualcosa di lei

Stesso colore di … capelli: argento (alla mia età che vuoi che mi metta con una giovinetta?); corporatura quasi uguale; forse un po’ meno truccata ma molto più pratica: è una tedesca … Sai, tempo fa per qualche anno avevo una sua connazionale ed era stata una relazione felice …

 Allora non ci resta che brindare: ein Prosit!

———–

 

IMG_4349.

P.S.: Lei chi è? Una donna? No, una Lancia Lybra TD 1900 SW Emblema, classe 2005, km 305.000. Lui, l’amico … sono io che sto per cambiare auto. Dai che l’avevate capito! La foto? Si, eccone una.  E la nuova fiamma? Una Golf Variant TD 1600 (più lunga e più alta di 10 cm: le tedesche si sa sono stangone! Ma è anche più larga di fianchi … a forza di mangiar patate … ma per fortuna solo di 5 cm … !).

.

.

 

 

No Comments »

S’I’ FOSSE FOCO …

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 21 aprile, 2017 @ 11:27 am
"S' i' fosse foco ..."

“S’ i’ fosse Cecco …”

Detto altrimenti: … hai capito, quel toscanaccio (senese) del Cecco Angiolieri … (post 2702)

.

Un suo sonetto: …. “S’i’ fosse foco arderei lo mondo!” Ma dai che lo conoscete! Comunque in internet trovate l’intero testo. Io qui riporto solo gli ultimi versi: “S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre: e vecchie e laide lasserei altrui”. Mica male, il ragazzo! Comunque scherzavo … dai … ho citato Cecco (compaesano del mi’ babbo) perché … s’i’ fosse il capo di certi impiegati … O senti il caso avvenuto di fresco / a me che girellando una mattina / capito in cert’uffici un po’ lontano / a Trento là, un po’ fuori di mano … che stavo dicendo? Ah sì … ecco: s’i’ fosse il capo di certo impiegati darei loro una raddrizzattina da nulla, darei! Ed ecco i fatti:

.

.

  1. Telefono al Centro Servizi Punto Blu di Trento per chiedere come volturare il mio Telepass da un’auto ad un’altra. Mi risponde l’Autobrennero (?) che mi passa Punto Blu. Attendo tre minuti di musichetta + 2 minuti di squilli fino a che la linea viene interrotta. Richiamo altre due volte: idem. L’ultima volta: “Saranno occupati agli sportelli, richiami più tardi”. Evvabbè …
  2. Vado in un negozio che vende targhe ad acquistare le lettere adesive da apporre sul portabici “a gancio” della mia auto. Ne hanno di due misure. Quale serve? (confesso: io avrei ben potuto prendere le misure della targa): “Signore, venga con la targa”. Ma, dico io, se voi vendete queste lettere adesive da una vita … non sapete quali sono quelle giuste? Evvabbè …
  3. Vado alla Polizia Locale per la voltura del permesso di sosta. L’addetto (“piantone”) in perfetta divisa, manette e revolver al fianco (ma a che servono!?): “Forse al piano di sopra, forse le sanno dire …”. Evvabbè …
  4. Telefono in banca per sapere se  e come posso pagare un bollettino postale (multa per superamento di 5Kmh la velocità consentita, Polizia Locale di Livorno): mi succede come al n. 1. Evvabbè …

La raddrizzatina di cui parlavo? S’i’ fosse … il capo di costoro, che farei?

  1. Disporrei che un addetto risponda al telefono, almeno dopo due minuti di musichetta con un sistema di controllo gestione e qualità sulla durata delle messa in attesa telefoniche;
  2. imporrei ai commessi di conoscere le caratteristiche e l’uso della merce che vendono;
  3. imporrei ai “piantoni” e agli impiegati di essere informati (e di informare) almeno sulle operazioni fondamentali.

Dice … aho! A blogger … ma che stai a spacca’ er capello! Nun t’applica’ tanto … (traduco dal romanesco: non essere così cavilloso, non insistere che fai fatica). Evvabbè … ragazzi, ho capito, ho capito … ma mi sono capitati ben quattro “Evvabbè” nella stessa mattina, che poi con questo qui sopra (quello in rosso) fanno cinque … ed allora …

 

 

No Comments »

NAUFRAGI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 20 aprile, 2017 @ 6:18 am

Detto altrimenti: a ridosso del porto …   (post 2701)

.

downloadUna tragedia già vista, almeno da me, sia pure in scala diversa e contro un altro molo, la diga foranea di Genova: 9 aprile 1970, dopo l’ufficio passavo in Vespa (una Rally 180) alla Foce (del Bisagno) a Genova. Avevo il parabrezza montato e a causa del forte vento facevo fatica a “tenere la rotta”. Ma … cosa succede là, in mare? Una nave contro la diga foranea! Avrei saputo che si trattava della London Valour (v. post “Naufragi e non” del 14 febbraio 2012). Ancorata in baia, aspettava il turno per entrare in “officina” (il cantiere navale), trainata dai rimorchiatori. Per guadagnare tempo, avevano iniziato a smontare parti del motore, quand’ecco arriva la libecciata: l’ancora non tiene, i motori non possono essere azionati e la nave finisce sugli scogli della diga. Molte le vittime.

.

download (1)In questi giorni una barca a vela (sembra si tratti di un “Bavaria” di 15 metri, barca solida, pesante, robusta) che sta cercando di entrare nel porto di Rimini per ripararsi dalla tempesta, finisce sugli scogli: quattro vittime. Come può essere successo? Probabilmente avevano ammainato le vele e procedevano a motore, un motore che non è stato sufficientemente potente a vincere la forza delle onde frangenti. Oppure un motore che per un qualche motivo si è “fermato”.

.

download (2).

La tempesta di vento poi, improvvisa? Sicuramente segnalata da Meteomar, vento da nord, 50 nodi al minimo (90 kmh). L’entrata del porto è protetta dai venti di scirocco. Per ripararla dai venti da nord, è stato realizzato un “pennello”, un molo di rocce e cemento che la protegge per circa 200 metri e che deve esser aggirato per potere entrare nel “canale” di accesso che ha una direzione grosso modo nord-sud. La barca si è incagliata contro questo molo, non riuscendo a scapolarlo. Le ondate e il vento hanno fatto il resto: quattro le vittime.

.

.

download

.

.

Un altro naufragio, anzi, un post-naufragio: navigavo a vela con il mio Fun “Whisper” (7 metri da regata, 1000 kg di dislocamento, motore fuoribordo da 4 CV) dalla Toscana a Palau (qui a fianco: il mio Whisper in regata a Riva del Garda).

.

.

Pinarella Corsica

All’altezza della baia di Pinarella (Corsica) emerge dal mare una piramide di scogli. A  ridosso di essa, dall’acqua, ho visto emergere, perfettamente paralleli, due alberi in legno di un veliero  affondato evidentemente con mare calmo, altrimenti le onde lo avrebbero sbriciolato e i suoi alberi non sarebbero emersi, tanto meno perfettamente paralleli. Che dire? probabilmente avevano impostato il timone automatico e il sistema di guida non ha potuto tener conto di quell’ostacolo contro il quale il veliero ha naufragato (la foto è dell’anno successivo: infatti al momento non avevo con me la macchina fotografica).

Che dire? In mare occorre conoscenza, attenzione, abilità, prudenza e anche fortuna!

.

3 Comments »



Pagina 1 di 27112345...102030...Ultima »