DEMOCRAZIA DIRETTA E STATI UNITI D’EUROPA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 5 Gennaio, 2019 @ 9:49 am

 Detto altrimenti: oggi, 5 gennaio 2019, mia moglie ed io festeggiamo 48 anni di matrimonio e come regalo ci facciamo questo post doppio, per  cercare di contribuire ad un futuro migliore per i nostri  figli e i nostri nipoti.        (post 3469)

1- DEMOCRAZIA DIRETTA

“Dirigere” verbo della seconda coniugazione il cui participio passato “diretto-diretta” ha sempre significato passivo: concerto diretto da – ; democrazia diretta da -. Con la prevista introduzione della democrazia diretta, a fare le leggi saranno i gestori di una rete e la democrazia si trasformerà in una oligarchia. Funzionerà così:

Il governo con voto di fiducia fa approvare dal parlamento il seguente decreto legge:

“E’ istituito il referendum propositivo (oggi è ammesso silo il referendum abrogativo, n,d,r,) senza quorum (oggi per la validità della votazione occorre che vi abbia partecipato un certo quorum minimo di aventi diritto al voto, n.d.r.) ; l’obbligo del Parlamento di calendarizzare entro un mese la proposta referendaria; è istituito il vincolo di mandato per i parlamentari; in caso di difformità, il testo della proposta referendaria prevale sul testo approvato dal parlamento”.

Dopo di che: 1. I gestori della rete redigono il testo della legge che vogliono far approvare dal parlamento e tramite la rete raccolgono senza fatica le 500.000 firme richieste dalla legge per la sottoposizione della proposta referendaria al voto della popolazione; 2. si va al voto popolare e per l’approvazione della proposta referendaria non è più richiesto che si raggiunga la presenza di una certa percentuale minima di votanti (assenza del quorum); 3. contando sulla diffusa disaffezione politica della gente e sull’ubbidienza degli iscritti alla rete, la proposta referendaria è approvata; 4. il parlamento la deve discutere e mettere in votazione entro tempi brevi; 5. i parlamentari sono obbligati ad ubbidire dal vincolo di mandato; 6. se nella discussione parlamentare viene introdotta una qualche modifica, prevale comunque il testo referendario.

Il risultato di quanto sopra è che il Parlamento sarà completamente esautorato, le leggi saranno fatte da poche persone, la democrazia si sarà trasformata in una oligarchia.

Una riflessione sull’assenza-presenza del vincolo di mandato. Oggi la nostra costituzione prevede che i parlamentari operino senza vincolo di mandato, il che ha consentito molte scilipotate, con un danno per la democrazia, da 1 a 100, diciamo di 30, in quanto ogni scilipotata viola il voto del singolo elettore. Introducendo il vincolo di mandato si legano i parlamentari a qualsiasi cambiamento umorale dei loro capi rete anche rispetto al voto popolare, con un danno per la democrazia , da 1 a 100, diciamo di 130. Ecco che fra i due mali io preferisco il minore, cioè preferisco l’assenza del vincolo di mandato.

2 – STATI UNITI D’EUROPA

Diamole le strisce!

Da sola l’Italia potrà contare ben poco nel mondo, molto meno di una delle maggiori multinazionali del cibo. Il suo solo punto di forza sarebbe quello di essere un discreto ed appetibile cliente dei prodotti altrui, cioè un buon consumatore: questo almeno fino a quando gli Italiani non siano troppo impoveriti per potere acquistare i beni prodotti da altri stati. Nel frattempo è in corso lo shopping esteri dei nostri migliori marchi del made in Italy: una fuga di marchi che si affianca alla fuga dei cervelli. Gli Italiani migliori se ne andranno all’estero in numero sempre maggiore, in Italia resterà chi non può espatriare o chi non ha i numeri e la qualificazione di livello tale da essere accettato dai paesi esteri. In Italia resteranno le fasce della popolazione più deboli e la sola economia che crescerà sarà quella delle mafie. Questa è una interpretazione pessimistica, negativa, ma in spagnolo si dice piensa mal y acertaràs, pensa male e indovinerai.

Per certi aspetti vi sono analogie con quanto accadde nel 1861 con la conquista del sud Italia da parte del nord: quel territorio fu impoverito, si spopolò della gente migliore e a comandare furono le mafie.

“L’UE ci controlla, ci impone dei limiti, viola la nostra sovranità” dice taluno, solo perchè vuole che noi si rispetti i sottoscritti patti economici-.finanziari che consentono di mantenere la moneta unica. Già, la moneta unica, l’Euro: come ogni moneta rappresenta una ricchezza, quella del paese che ha battuto moneta, e la ricchezza che sta “dietro” l’Euro è la ricchezza prodotta dai paesi della zona Euro. Ora se noi produciamo di meno, è un po’ come se ci appropriassimo della ricchezza altrui, acquistandola con Euro sostenuti dalla loro produzione e non anche dalla nostra. Gli Stati Uniti d’Europa, un’utopia, letteralmente un non-luogo, oggi possiamo dire un obiettivo semplicemente “non ancora” raggiunto!

L’UE non è una “cosa” diversa da noi alla quale contrapporsi: l’UE siamo (anche) noi, l’UE è un working in progress, un processo in corso nel quale abbiamo creduto, crediamo e dobbiamo credere per il futuro per arrivare alla creazione degli Stati Uniti d’Europa. Un’utopia dicevo (nel senso che ho chiarito sopra): nella nostra vita guai a non avere utopie! Saremmo morti prima della nascita! Al contrario, con gli Stati Uniti d’Europa, ogni paese contribuirà al bene Comune dello Stato Federale con il suo apporto migliore: noi Italiani con la creatività, la genialità, l’inventiva, l’arte, la cultura, la bellezza, il cibo: i tedeschi con l’organizzazione; i francesi con … etc. etc. e ognuno si arricchirà reciprocamente dell’apporto altrui. Infine, last but non least, gli Stati Uniti d’Europa avranno un’importante voce in capitolo nel mondo per frenare il riscaldamento globale, il quale – anche se stiamo ignorando questo problema – in qualche decennio stravolgerà la vita e l’equilibrio del nostro pianeta.

Comments Closed

POST NATALE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 4 Gennaio, 2019 @ 7:08 pm

Detto altrimenti: scritto “dopo” il Natale (post 3468)

Si vabbè, c’è ancora l’Epifania, ma il grosso delle feste è passato, soprattutto il Natale, che poi lo festeggiavano già gli antichi Romani come ci ha ricordato “Louis Brunelli a Vezzano” (cfr. post apposito).

Il Natale, anche chi cerca di resistere alla fine vi è trascinato: un parente, un piccolo regalo, l’albero, il presepe, la tavola imbandita, un saluto e un augurio anche a un estraneo. Il Natale è un rito, andiamo a salutare i nostri vecchi, i nostri vecchi amici, ci rassicuriamo del legame che ci lega, ci sentiamo a casa nel mondo, E siamo pronti a ripartire per la vita.

Perché quel corsivo? Perché non è farina del mio sacco bensì del libro che adesso sì che ho finito di leggere. Quale? Ma quello citato negli ultimi post, dai …

Buona prossima Epifania e ancora Buon Anno a tutte e a tutti!

Comments Closed

UN CREDENTE A SUA INSAPUTA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 4 Gennaio, 2019 @ 1:20 pm

Detto altrimenti: attenzione, questo è potenzialmente un LP-Long Post, nel senso che induce a leggere un libro: non ditemi che non vi avevo avvertito! (post 3467)

Sto quasi finendo di leggere un libro di Carlo Rovelli (“Ci sono luoghi al mondo …” Ed. Corsera. Il penultimo capitolo è intitolato “Perché sono ateo”. Ecco, “a me mi” pare invece che l’Autore sia credente a propria insaputa, nel senso che l’umanità che traspare dalle sue dichiarazioni, dai suoi atteggiamenti, dalla sua disponibilità verso gli Altri, lo renda più vicino ad una fede (uso la lettera minuscola per ragioni di par condicio) di quanto non lo siano molti credenti formali. In altre parole, l’Autore può benissimo affermare di non credere, ma non può impedire che Qualcuno creda in lui. Ed ora alcuni passaggi del testo citato:

Inizia

A me non piacciono quelli che si comportano bene per paura di finire all’inferno. Preferisco quelli che si comportano bene perché amano comportarsi bene. • Non mi piacciono quelli che sono buoni per piacere a Dio. Preferisco quelli che sono buoni perché sono buoni. • Non mi piace rispettare i miei simili perché sono figli di Dio. Mi piace rispettarli perché sono esseri che sentono e che soffrono. • Non mi piace chi si dedica al prossimo e coltiva la giustizia pensando in questo modo di piacere a Dio. Mi piace chi si dedica al prossimo perché sente amore e compassione per le persone. • Non mi piacciono quelli che mi spiegano che il mondo l’ha creato Dio. Preferisco guardare in faccia il mistero. • Non mi piace chi dice di sapere cosa è bene e cosa è male perché sta in una chiesa che ha il monopolio di Dio non vede quante diverse chiese esistono al mondo, quante morali diverse, ciascuna sincera, esistono al mondo. • Mi piace parlare agli amici, provare a consolarli se soffrono, mi piace amare. Non mi piace chi si rifugia nelle braccia di una religione quando è sperso: preferisco chi accetta il vento della vita.

Finisce

Ecco raga, io sono credente e fra l’altro “credo” che l’Autore sia come me, solo “a sua insaputa”. Voi cosa ne pensate?

Comments Closed

SCUOLA E UNIVERSITA’

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 4 Gennaio, 2019 @ 8:19 am

Detto altrimenti: afflitte da due gravi errori di fondo (post 3466)

Leggi un capitolo dei Promessi Sposi. Se lo sai riassumere, hai capacità. Se ne sai trarre conclusioni, hai conoscenza. Purtroppo la scuola italiana sta cercando di trasferire ai giovani sempre più “capacità” e sempre meno “conoscenza”. Ora anche con la novità “Scuola-Lavoro”. Ma quale lavoro? Quello dell’oggi. Ma come facciamo a sapere quali nuovi ed esclusivi lavori “esisteranno” fra 20-30 anni? Quien sabe? Chi lo sa? Nessuno. E nel frattempo si sottrae tempo allo studio che invece formerebbe la mente mettendola in grado di svolgere qualsiasi lavoro futuro. Evvabbè …

L’Università? Dà fastidio alla politica populista? Riduciamole le risorse! Qui  non si riflette, non ci si confronta, non si discute: qui si tira dritto, cribbio! La carriera universitaria? Solo a chi ha pubblicato una grande quantità di articoli, testi, ricerche: conta il numero. Peccato che con questa regola non potrebbero fare carriera universitaria numerosi Premi Nobel. Evvabbè …

Comments Closed

RISPETTARE LA LEGGE … O NO?

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 4 Gennaio, 2019 @ 7:48 am

Detto altrimenti: rispettare la legge … sempre? (post 3465)

Decreto sicurezza. Il governo ordina e il Parlamento ubbidisce. Il Presidente della Repubblica promulga. Alcuni sindaci si rifiutano di applicare. La legge va rispettata. Sempre? Anche quando impone di denunciare gli ebrei e di farli deportare per essere trucidati nelle camere a gas? Lo so, questo è un caso estremo, ma comunque stabilisce un principio; vi sono “leggi” superiori alla legge positiva scritta. Anche in materia di religione (parlo di quella che conosco, la nostra): in questo caso non basta ubbidire alla legge (i Comandamenti), bensì “Vendi ciò che hai, regala il ricavato ai poveri e seguimi”. E quello non Lo seguì, ignorando una legge non scritta più forte delle leggi scritte.

L’autorità te la danno gli altri. L’autorevolezza devi avercela tu, di natura. E non si diventa autorevoli indossando di volta in volta i giubbetti della Polizia, dei VV.FF., della Protezione Civile etc. Quarant’anni fa ero a Teheran, per lavoro, era il tempo dello Shah, anzi dello ShahnShah, del Re dei Re Reza Palhavi: trovavi la sua effige dovunque: all’aereoporto, davanti alle caserme, all’Università, al teatro etc. e in ognuno di questi luoghi era vestito come “si conveniva”: da comandante di aereo, da generale, da rettore universitario, etc.. Non per questo aumentò la sua autorevolezza. La sua autorità, poi, fu spazzata via da una rivolta.

Comments Closed

VISIONE D’INSIEME E PERCEZIONE SENSORIALE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 3 Gennaio, 2019 @ 7:24 pm

Detto altrimenti: magari, la politica mondiale, avesse una visione d’insieme! (post 3464)

Dall’alto di una scogliera avete la massima visione d’insieme del mare e nessuna percezione sensoriale. Man mano che scendete, fino ad immergervi nelle onde, gradualmente le cose si invertono e del mare alla fine avrete il massimo di percezione sensoriale (acqua salata sulle labbra) e nessuna visione d’insieme.

Mi chiedo: possibile che nella politica non si riesca a salire sulla cima della scogliera e quindi ad impostare le proprie azioni con un angolo visuale che vada al di là della prima tornata elettorale? Possibile che non si riesca ad allargare la scala del radar con la quale di esaminano le conseguenze a livello statale, europeo, mondiale delle proprie azioni? E invece ci risiamo con i nazionalismi, i sovranismi, gli “idiotismi” dico io, perchè bisogna essere non molto preveggenti per non capire che – tanto per fare un esempio – senza una Europa Unita non si ha voce in capitolo – tanto per fare un esempio – per frenare il riscaldamento globale (idiotismi, nessuno si offenda, idiota deriva dal greco idiotes “individuo privato” senza cariche pubbliche, che pensa solo a se stesso).

Il riscaldamento globale porterà ad una crescente desertificazione; ad una maggiore migrazione di popolazioni; a contese internazionali fra multinazionali e a guerre fra stati per accaparrarsi le terre migliori; all’innalzamento del livello del mare; all’allagamento di tante terre abitate e coltivate; al fatto che i ricchi sempre più ricchi innalzeranno barriere contro le masse dei poveri sempre più poveri: il Sistema Terra imploderà, come la testata di un missile anticarro a carica cava, la quale, esplodendo, concentra la sua forza distruttrice e perforante in un unico punto con danni micidiali al bersaglio colpito: e noi stiamo rischiando di colpire noi stessi! Fra poco avremo le elezioni europee. Pensiamo che l’UE siamo noi, che non esiste un “noi contrapposti all’UE”.

 

Comments Closed

UN PRESIDENTE E DUE VESCOVI

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 3 Gennaio, 2019 @ 9:24 am

Detto altrimenti: i loro discorsi per il nuovo anno   (post 3463)

Quotidiano “Trentino”, mercoledì 2 gennaio 2019, prima pagina, tre foto e i loro discorsi: Il Presidente Mattarella, l’Arcivescovo Bregantini, il Vescovo Tisi.

Mattarella, equilibrato. Mi fa rimpiangere i discorsi più concreti di Napolitano.

images.

Bregantini, nato a Denno (TN), Arcivescovo nel sud Italia: “Salvini smantella il sistema dell’accoglienza – L’Arcivescovo trentino al Capodanno Solidale condanna sia gli amministratori nazionali che provinciali che vogliono smantellare il sistema dell’accoglienza.” Grazie, Arcivescovo!

Tisi: “La paura insidia la fraternità”.

.

.

Comments Closed

UN COMMENTO CHE VALE UN POST

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 2 Gennaio, 2019 @ 4:57 pm

Detto altrimenti: quello di Mirna Moretti   (post 3462, 4° del 2019)

download (1)

“L’amica geniale”, letto e commentato molto, molto tempo prima che ne traessero un originale TV …

Mirna Moretti, Grande Lettrice, quella di “Un libro al giorno”, del “Blog di lettura”, del “Gruppo di Lettura Librincontri”, mia carissima amica, persona di grande cultura e sensibilità. Fu lei che su richiesta dell’editore ing. Andrea Bianchi, nel dicembre 2011 a mia insaputa mi indicò come possibile blogger a ruota libera: la mia “madrina blogger”, insomma. Ecco cosa mi scrive:

Ciao caro amico, leggo sempre con piacere e interesse il tuo blog. Sei grande. Una voce e un pensiero importanti per tutti noi amici, per il Trentino … e non solo! Ti abbraccio, Mirna

Grazie Mirna, troppo buona! Cosa vuoi, da quando sono un VIP-Vecchietto In Pensione (altri dicono Vecchietto In Paganella!) ho molto tempo libero e – ti assicuro – lo riempio tutto anche con molte letture, soprattutto di saggi, dei classici e storici il che ha fatto di me un “pericoloso intellettuale” cioè uno che sa leggere e scrivere. Al riguardo, mi piace citare una frase di un celebre scrittore-storico-saggista: ” Chi non ha mai letto un libro ha vissuto una sola vita: chi ha letto molti libri ha vissuto più vite” (te ne dico solo in nome: Umberto. Il cognome devi indovinarlo tu ma dai che è facile!) ed io sto recuperando il tempo di una vita “persa” a gestire SpA! E molto del merito del mio “rinascimento” è merito tuo.

download.

Comunque in famiglia non scherzate eh … Mirna? Che dire infatti di tua figlia Stefania Neonato, la bellissima e bravissima pianista e fortepianista, insegnante alla Scuole Superiore di Stoccarda?

Ricambio l’abbraccio ad entrambe (mia moglie è molto amica di Mirna e Stefania ed è informata)

.

.

Comments Closed

LA FEBBRE DEL MONDO

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 2 Gennaio, 2019 @ 4:20 pm

Detto altrimenti: il pianeta è caldo, si riscalda … troppo!         (post 3461, 3° del 2019)

1445259178-scorreggione-facebook.

.

Polonia, COP24, conferenza mondiale sul clima organizzata dall’ONU. Si sono messi d’accordo solo sul monitoraggio di chi fa cosa nell’aumentare la temperatura del pianeta: è un po’ come se – essendo vietato emettere maleodoranti gas intestinali all’interno degli ascensori – in un ascensore affollato uno li emettesse e alzasse la mano dicendo: “Niente paura, sono stato io!”

.

.

.

Ma … perchè manca la sensibilità delle masse su un argomento che – ove non si intervenga – in pochi decenni modificherà il mondo, la sua desertificazione, le aree dove si coltivano agrumeti, vigneti e grano; quelle dove si può vivere; quelle dalle quali di deve emigrare? Perché i media non ci spiegano che di pari passo al deterioramento terrestre i ricchi saranno sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri e disperati? Forse perchè i media indicano appena al problema, non ”aprono” mai con questi argomenti preferendo il cicalio dei politici sui vari social network; i singoli piccoli provvedimenti pro e contro questa categoria di cittadini; i risultati del calcio, di chi balla con lui, della ghigliottina o le vicende del posto al sole.

Di fronte a tutto ciò, lo Stato che fa? “Prima pagina venti notizie / ventun ingiustizie / e lo Stato che fa? / Si costerna, s’indigna, s’impegna / poi getta la spugna con gran dignità!” Volete alcuni esempi? Eccoli: lo Stato …

  • … non riesce a incassare i crediti fiscali? Ed ecco un condono!
  • Non riesce a difendere i cittadini? Ed ecco la legittima difesa!
  • Non riesce a far funzionare il parlamento? Ed ecco la democrazia diretta (diretta da chi, poi mi chiedo …)

.

download

Le strisce! Mettiamole le strisce! Altro che sovranismi!

.

Dice, ma tu caro blogger, che contributo dai? Evvabbuò, signurì, ch’aggio a fa? Sunghe nu semplice blogger io, mica puozze caricarmi tutti  i guai do munne … Dice, tu no, ma intanto hanno messo l’eco tassa sulle auto inquinanti, qui in Italia! Dico: no raga, nun ce simme capite … il problema può e deve trovare soluzione solo a livello internazionale-mondiale, a cominciare dalla posizione unitaria dell’UE, anzi, degli Stati Uniti d’Europa! (mi scusino i Napoletani veraci per questi piccoli tentativi si utilizzare il loro bel dialetto!)

.

.

Comments Closed

MEIN KAMPF

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 2 Gennaio, 2019 @ 8:05 am

Detto altrimenti: leggere, capire, valutare, decidere …      (post 3460, n. 2 del 2019)

Questo è doppiamente un postaltrui nel senso che non è un pensiero non mio (che pure condivido totalmente!) ed inoltre perché lo pubblico a insaputa del suo autore, il cui ragionamento trovate qui di seguito, schematizzato in estrema sintesi.

Inizia

downloadQuando un quotidiano pubblicò il libro di Hitler, spiegando che “per combattere il male occorre conoscerlo”, ritenni superficiale la giustificazione: fui tuttavia indotto a leggerlo. Prima di averlo letto pensavo che la motivazione dell’autore fosse stata l’affermazione della forza e della superiorità del suo gruppo. Dopo la lettura capii che la vera motivazione era stata la paura che quel gruppo aveva degli altri. In sintesi: ciò da cui bisogna difendersi per evitare le catastrofi (70 milioni di morti!) non sono gli altri: sono le nostre paure, quelle che noi abbiamo degli altri.

(Osservazione molto attuale anche in relazione alla ripresa degli armamenti nucleari in corso e “in corsa” USA-RUSSIA”, prima attualizzazione, n.d.r.)

Finisce

images

           Non dobbiamo averne paura …

Chi è l’autore di questo pensiero? Eh no, raga, non ve lo dico: provate a scorrere fra i post più recenti e lo capirete! Fra tutti coloro che mi avranno inviato la soluzione all’indirizzo riccardo.lucatti@hotmail.it sarà estratta una copia del libro. Nel frattempo penso che leggerò anch’io Mein Kampf: un libro di cui moltissimi parlano ma che pochissimi hanno letto. Dice … ma di tuo cosa c’è, oltre la condivisione? Rispondo. Due sottolineature: l’importanza in ogni caso dei Libri (la cui lettura ci fa sempre riflettere!) e il sentimento che dobbiamo nutrire per tutti gli Altri: rispetto, accoglienza e non paura, ad iniziare dagli immigrati: altro che fare loro una sorta di guerra santa! (Seconda attualizzazione). Sono concetti sui quali io mi soffermo spesso nei miei post.

P.S.: Lo stesso autore, nello scritto successivo, scrive che “le idee non sono negative solo perchè provengono da fuori; la convivenza si fonda sulla legge;  nessuno deve pretendere di assimilare gli altri alla propria cultura (nei due sensi Cattolicesimo-Islam-Cattolicesimo, n.d.r.);   è possibile la coesistenza di culture diverse, nel rispetto della (nostra, n.d.r.) legge“. Condivido anche questi suoi pensieri.

Buon 2 gennaio  a tutte e a tutti!

.

.

Comments Closed