ANCHE NOI L’AMERICA di Cristina Henriquez

pubblicato da: Mirna - 25 agosto, 2020 @ 4:05 pm

Bellissimo romanzo pubblicato nel 2016 da NNE.anche noi l america

Io l’ho trovato in Biblioteca, ma sono certa che si potrà reperire ovunque.

cristina enriquezCristina Henriquez è un’autrice conosciutissima negli USA e non solo.

Già il titolo originale  The Book of  Unknowen Americans ci introduce in una comunità di persone “non importanti”, di persone semplici, povere che cercano di migliorare la propria condizione inseguendo il famigerato “sogno americano” e nuove possibilità.

La scrittrice ci racconta la vita di alcuni latino-americani che si incontrano in un condominio di una cittadina del Delaware .

Ognuno di essi fugge da una realtà di povertà,  di violenza e  di guerre  dal Panama, dal Guatemala, dal Nicaragua  e dal Messico.

Ma soprattuto conosciamo la storia dei Rivera che sono arrivati negli USA  dopo un lungo viaggio dal Messico per poter far frequentare una scuola speciale alla loro figlia adolescente, la bellissima Maribel, vittima di un incidente che l’ha cambiata.

Le pagine raccontate in prima persona da Alma, la madre, ci commuovono e ci fanno partecipare al suo sogno di dare nuove possibilità alla figlia.

Un’altra famiglia si intreccia con la loro storia: quella dei Toro e  del loro figlio  Mayor, un  timido adolescente che si innamora immediatamente della bella e particolare Maribel. Ed è proprio lui che riuscirà ad  entrare in sintonia con lei  e a farle tornare il sorriso.

Indimenticabile il  pomeriggio della prima neve quando lui “ruba” l’auto al padre per andare a prendere   Maribel a scuola  e portarla sull’oceano.

Le voci di Mayor e Alma si alternano con quelle dei vicini : uomini e donne alle prese con la  lotta  per conquistare un nuovo presente.

Un romanzo di speranze e sogni, di possibilità e desideri racccontato con dolcezza e straordinaria empatia.

Anche noi l’America è una narrazione potente, ammaliante, devastante e, per tutti questi motivi, incredibilmente vera. L’autrice riesce, in poco più di 300 pagine, a far percepire al lettore le gioie e i dolori che una famiglia si trova, inevitabilmente, a provare, analizzando alcuni personaggi in maniera dettagliata, rendendo il celebre verso di Walt Whitman … [we are] large, [we] contain multitudes … Assolutamente calzante e concreto.

Comments Closed

Quanti libri!

pubblicato da: Mirna - 18 agosto, 2020 @ 10:37 am

Non saprei dire i libri che ho letto tra lockdown trentina e afa in questa estate anomala per me che non ho ancora assaggiato la magia del mio  giardinetto ligure.

Grazie all’e-book durante la chiusura della Biblioteca ho scoperto un eccezionale scrittore di gialli: Hakan Nesser

è uno scrittore svedese di romanzi polizieschi.hakan nesser

Ha insegnato lettere in un liceo e dopo il successo ottenuto dai suoi primi romanzi si è dedicato interamente alla letteratura. Molti dei suoi gialli hanno come protagonista il commissario Van Veeteren che vive nell’immaginaria città di Maardam, ubicata in un paese del nord Europa, verosimilmente la Svezia anche se il gulden, la valuta locale, e alcuni nomi potrebbero far pensare ai Paesi Bassi. L’altra sua serie di successo vede come protagonista l’ispettore svedese di origini italiane Gunnar Barbarotti che lavora nell’immaginaria cittadina di Kymlinge, in Svezia. I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue, tra cui l’italiano, e da alcuni di essi sono stati tratti film o serie televisive.

Nel 2000 ha vinto con Carambole il premio Glasnyckeln (“Chiave di vetro”) per il miglior romanzo poliziesco scandinavo.

I suoi romanzi dall’impianto narrativo e stilistico solido  arricchiscono con profonde riflessioni filosofiche e psicologiche.

Li  consiglieri  tutti.

il circolo delle invincibili sognatriciUn  romanzo di altro genere ma assai bello è Il circolo delle invincibili sognatrici di Ana B.Nieto. Immaginifico, scorrevole, onirico.

Un club del libro clandestino, un gruppo di donne speciali che il giovane protagonista riveste di magia come le Nereidi.

Il raccondo di una vita leggendaria tra realtà e fantasia. Da leggere . Romanzo salani

 

Forsese ci sentiremo presto da Borzonasca e le sue cronache

Comments Closed

Consigli di Grazia -letture ferragostane

pubblicato da: Mirna - 18 agosto, 2020 @ 10:17 am

“Scrivere è un atto di amore, se non lo è non è che calligrafia”, così afferma J. Cocteau nelle pagine de “La difficoltà di essere “ dedicate a “I buoni costumi”.
Leggendo questo florilegio di temi universali e di racconti autobiografici ho pensato all’autore che con capacità di intus legere dona occhi per scorgere potenzialità e crea ponti in grado di tenere uniti, con l’aura della delicatezza ed arguzia, tutte le parti che compongono il libro.
E proprio quella sete talora sopita di guardare con curiosita’ alle scoperte della vita e quella voglia talora affievolita di documentarsi in un viaggio onirico nella Parigi dei primi decenni del Novecento, sono state le sorgenti da cui ha preso abbrivio la lettura di un altro libro curato da M. Mari dal titolo “Tutto il ferro della torre Eiffel “ ove il filosofo W. Benjamin e lo storico M. Bloch son alla ricerca di feticci letterari su un piano che intreccia il reale e l’immaginario. La loro ossessione metafisica esaltata dalla magia della scrittura vibra ad un ritmo diverso da quello del ferro della torre Eiffel che come forza positiva dissolve le tenebre e domina i toni delle divagazioni letterarie e del viaggio onirico cadenzando i brani di vita immaginaria di grandi scrittori.
E come J. Cocteau afferma che “ogni uomo è una notte e il compito dell’artista è di mettere questa notte in piena luce” , così M. Mari invita a cogliere in ogni viaggio metafisico un silenzio “bianco” che è sintesi di tutti i colori delle parole.

Comments Closed

Consigli di Maria Grazia

pubblicato da: Mirna - 21 luglio, 2020 @ 12:43 pm

I libri son parte fondamentale della mia vita anche in vacanza e provo sensazioni bellissime ogni volta che mi posso dedicare alla lettura di un libro perche’ mi pare di potermi prendere cura dell’anima del mondo.

E davanti ad un mare che propone riflessi mutevoli dell’anima a chi lo ammira sottoponendo ciascuno di noi a puntiformi interrogativi, ho selezionato due libri che mi han lasciato qualcosa di profondo in quanto han contribuito a smerigliare le asperita’ di questo tempo di continua allerta sanitaria e distanziamento fisico.

Due libri surreali ma allo stesso tempo realistici ed attuali in grado di stimolare la fantasia e non solo….

In Flatlandia del teologo inglese E. Abbott troviam una società divisa gerarchicamente, ove chi ha piu’ lati occupa i ranghi piu’elevati, solo i poligoni regolari han diritto alla vita comune ed il protagonista, un quadrato regolare che vive in un mondo bidimensionale va alla ricerca di un piano tridimensionale incontrando una sfera ed il mondo in cui ella vive. Nella scoperta di ogni pagina ho visto profilarsi un viaggio oltre i limiti della ragione e ho apprezzato la critica arguta della società, colpevole di essere nata senza alcuna possibilità di ergere lo sguardo all’infinito…

Un altro romanzo di critica avvolto da un mantello di ironia è stato Saggio sulla lucidità del portoghese J. Saramago: ogni parola e’ un granello di sabbia che ho tentato di strappare al vento e che l’autore tiene unita in un’aura che sa emanare luce e stupore sulla sfiducia verso il potere costituito, sulla natura della democrazia liberale rappresentativa ove più dell’80% dei cittadini della capitale ha votato scheda bianca alle elezioni governative. Pagina dopo pagina il libro si arricchisce di riflessioni intorno al governo che vacilla nell’incertezza contro la lucidità che taluni cittadini adottano a detrimento dei loro interessi. La lucidita’ appare essere l’unica ancora di salvezza della democrazia la cui tesi di fondo si basa sul rapporto utopico tra politica, giustizia, informazione e società.

Comments Closed

IL BUIO NON CONSOLA di Emma Healey

pubblicato da: Mirna - 9 luglio, 2020 @ 3:47 pm

Peccato non commentare di questo romanzo, anche se sarei tentata di continuare la siesta “messicana” sul mio 20200709_174145(1)divano!

L’ho terminato poco fa e devo scrivere qualcosa non solo per la sua trama , ma per tutte le suggestioni, i sentimenti, le connessioni che sempre un libro fa vibrare in noi.

L’autrice nel 2014 ha vinto il Costa Book Award con Elizabeth è scomparsa. Dovrò cercarlo, se il caldo non mi obnubilerà i progetti.

Qui Emma Haley parla di un’adolescente, Lana,  che soffre di depressione e che sparisce per quattro giorni in un punto della campagna inglese piena di grotte e anfratti.

Viene ritrovata ferita e senza memoria di ciò che le è successo. Se il padre è sollevato e fiducioso, la madre che si sente in rapporto simbiotico con lei, non si capacita, vuole sapere,vuole capire, ma si ritrova davanti ad un muro ostile e silenzioso. Lentamente anch’essa sprofonda in una sorta di torpore fatto di allucinazioni e tentativi di capire. Si sente in colpa, ma insiste con commovente tenacia per proteggere anche chi non vuole esserlo.

Un thriller psicologico che ci porta nel buio di una caverna infida e pericolosa che però non può proteggerti o consolarti o annullarti.

Perchè la vita è fuori sotto il sole.

Quindi non posso fare a meno di pensare a questo periodo di Covid, alle difficoltà per uscire dai cunicoli oscuri e pericolosi che potrebbero frenarti o farti desiderare di arrenderti.

Un romanzo  sul controverso rapporto madre-figlia, sul senso di colpa, la paura, la speranza e l’amore.

 

2 Comments »

CRONACHE…ESTIVE + TEMPO VARIABILE di Jenny Offill

pubblicato da: Mirna - 6 luglio, 2020 @ 10:41 am

Sono molti anni ormai che non trascorro l’inizio dell’estate calda a Trento…perchè partivo presto per la fresca IMG_20190628_204736Borzonasca.

Quest’anno, complice il Covid e vari impegni inderogabili, mi ritrovo qui nel mio appartamento- forno.

Cemento e acciaio…e sempre mi sovviene il film con Jack Lemmon “Prigioniero della 20200408_120305seconda strada” perchè in un certo senso sono …prigioniera anch’io.

O esco molto presto il mattino a bere  un caffè shakerato al Parco vicino o devo trincerarmi qui con l’aria condizionata – per fortuna! – a leggere, scrivere, guardare TV.

Stefania deve pure lavorare con lo smart working.

Ma luglio è appena iniziato e i gradi aumentano ogni giorno.

Che fare?

Ieri siamo andate a Pinè, stamani sono uscita prima delle otto fino al piccolo parco San Marco.

Sorpresa: due persone erano sedute al fresco a leggere.

Credo che farò così anch’io.

Leggere è una compagnia preziosa.

Naturalmente ho letto tantissimi romanzi in questo periodo spaziando da quelli gialli a quelli filosofici, dagli autori inglesi, ai giapponesi.

Posso consigliarvi un particolare racconto, che è piaciuto molto anche a Stefania :

Tempo variabile di Jenny jenny offillOffill.

Per chi ama l’umorismo yiddish, lo spirito Zen e tanto altro. Scritto in modo leggero: pensieri, immagini, vicissitudini di una quarantenne bibliotecaria alla prese con il suo ménage familiare (marito e un figlio), con un fratello amato ma fragilissimo e una mamma sprovveduta.

Lizzie, questo il nome della protagonista, accetta un ulteriore lavoretto da una sua amica: deve rispondere alle mail degli ascoltatori del suo podcast”Cascasse il mondo“. Ecco arrivare dunque messaggi allarmati sulla fine dell’umanità, sul controllo globale,  su come sopravvivere.

Le sue preoccupazioni si amplificano fino a mettere in dubbio ogni certezza, ma  Lizzie resiste, opponendosi alla deriva dei sentimenti, alla paura del futuro con un umorismo asciutto e irresistibile.

IMG-20200606-WA0001Ci possiamo riconoscere in questo momento di stravolgimenti e di una pandemia non ancora giunta al momento della stesura del romanzo e come lei possiamo soffermarci a scovare qualcosa a cui aggrapparsi.

Fossero anche soltanto i sogni.

Il Covid ha veramente cambiato molti  aspetti della vita non solo individuale, ma collettiva. Si esce meno, ci si tiene a debita distanza, si mettono le soffocanti mascherine.

E il nostro percorso sembra più irto e pesante tanto più che quella parvenza di sicurezza effimera che avevamo  è svanita.

Day by day, giorno per giorno. Stamattina al parco, Stefy ed io, sentivamno il fresco delle fontanelle dello stagno, la IMG_20191118_083707frescura degli alberi a guardavamo sorridendo le piccole paperette nate da poco che seguivano fiduciose la loro mamma e la luce riflessa dall’acqua e dal sole.

Bellezza.

Un abbraccio dalla…prigioniera di Via Vannetti

2 Comments »

i consigli di Maria Grazia

pubblicato da: Mirna - 18 giugno, 2020 @ 6:29 am

 Maria Grazia ha letto:

“Libri‌ ‌le‌ ‌cui‌ ‌pagine‌ ‌possono‌ ‌vivere‌ ‌e‌ ‌generare‌ ‌a‌ ‌distanza‌ ‌di‌ ‌tempo‌ ‌gioia‌ ‌e‌ ‌bellezza,‌ ‌paiono‌ ‌colmare‌ ‌la‌ ‌malinconica‌ ‌lontananza‌ ‌da‌ ‌persone‌ ‌ed‌ ‌oggetti‌ ‌quotidiani‌ ‌e‌ ‌permettere,‌ ‌come‌ ‌in‌ ‌una‌ ‌tela‌ ‌di‌ ‌Bonnard‌ ‌e‌ ‌Vuillard,‌ ‌di‌ ‌sentire‌ ‌la‌ ‌figura‌ ‌umana‌ ‌mimetizzarsi‌ ‌nel‌ ‌dipinto‌ ‌come‌ ‌colore‌ ‌tra‌ ‌i‌ ‌colori.‌ ‌

Cosi’‌ ‌l’epopea‌ ‌o‌ ‌la‌ ‌ricerca‌ ‌ossessiva‌ ‌della‌ ‌verità‌ ‌e‌ ‌dell’‌ ‌identità‌ ‌fa‌ ‌del‌ ‌protagonista‌ ‌de‌ ‌“‌ ‌I‌ ‌baffi”‌ ‌di‌ ‌Emmanuel‌ ‌Carrère,‌‌ il personaggio ‌che‌ ‌per‌ ‌curiosità‌ ‌e‌ ‌divertimento‌ ‌decide‌ ‌di‌ ‌tagliarsi‌ ‌i‌ ‌baffi‌ ‌che‌ ‌ha‌ ‌sempre‌ ‌portato‌ ‌e‌ ‌quindi‌ ‌compiere‌ ‌una‌ ‌svolta‌ ‌esistenziale‌ ‌lasciandosi‌ ‌alle‌ ‌spalle‌ ‌un‌ ‌mondo‌ ‌in‌ ‌graduale‌ ‌sgretolamento.‌ ‌

Fuori‌ ‌dal‌ ‌tempo‌ ‌e‌ ‌dal‌ ‌mondo‌ ‌si‌ ‌cristallizzano‌ ‌le‌ ‌descrizioni‌ ‌impressioniste,‌ ‌ricamate‌ ‌da‌ ‌Claire-‌ ‌Louise‌ ‌Bennett‌ ‌nel‌ ‌romanzo”‌ ‌Stagno”‌ ‌ove‌ ‌in‌ ‌un‌ ‌cottage‌ ‌irlandese‌ ‌si‌ ‌respirano‌ ‌i‌ ‌momenti‌ ‌di‌ ‌felicità‌ ‌e‌ ‌tristezza‌ ‌di‌ ‌una‌ ‌donna‌ ‌senza‌ ‌nome‌ ‌in‌ ‌un‌ ‌eterno‌ ‌presente‌ ‌intessuto‌ ‌di‌ ‌fili‌ ‌di‌ ‌poesia‌ ‌e‌ ‌di‌ ‌flussi‌ ‌continui‌ ‌di‌ ‌pensiero,davvero‌ ‌piacevoli‌ ‌da‌ ‌interiorizzare.‌ ‌

In‌ ‌un‌ ‌clima‌ ‌di‌ ‌solitudine‌ ‌si‌ ‌incarna‌ ‌anche‌ ‌il‌ ‌romanzo‌ ‌di‌ ‌Roberto‌ ‌Ando’‌ ‌dal‌ ‌titolo‌ ‌“‌ ‌Il‌ ‌bambino‌ ‌nascosto”‌ ‌ove‌ ‌la‌ ‌voce‌ ‌di‌ ‌un‌ ‌maestro‌ ‌di‌ ‌pianoforte‌ ‌si‌ ‌unisce‌ ‌a‌ ‌quella‌ ‌di‌ ‌un‌ ‌bambino‌ ‌di‌ ‌10‌ ‌anni‌ ‌in‌ ‌un’opera‌ ‌corale‌ ‌davvero‌ ‌coinvolgente.‌ ‌Ciro‌ ‌fugge‌ ‌dalle‌ ‌ire‌ ‌di‌ ‌un‌ ‌padre‌ ‌camorrista‌ ‌che‌ ‌vuol‌ ‌punirlo‌ ‌per‌ ‌aver‌ ‌scippato‌ ‌la‌ ‌madre‌ ‌del‌ ‌boss‌ ‌mafioso‌ ‌De‌ ‌Vito,la‌ ‌quale‌ ‌cade‌ ‌e‌ ‌battendo‌ ‌la‌ ‌testa‌ ‌muore.‌ ‌Dall’incontro‌ ‌di‌ ‌Ciro‌ ‌con‌ ‌il‌ ‌maestro‌ ‌

scaturiscono‌ ‌pagine‌ ‌intimiste‌ ‌davvero‌ ‌dense‌ ‌che‌ ‌trasformano‌ ‌il‌ ‌tempo‌ ‌romanzesco‌ ‌in‌ ‌tempo‌ ‌percettivo‌ ‌ove‌ ‌la‌ ‌misericordia‌ ‌e‌ ‌l’‌ ‌amore‌ ‌’‌ ‌filiale’‌ ‌dialogano‌ ‌in‌ ‌modo‌ ‌continuo‌ ‌superando‌ ‌il‌ ‌problema‌ ‌della‌ ‌giustizia.‌ ‌”

 

 

Cari amici, continuiamo a leggere e a meditare. Vi saluto caramente e vi aiguro una buona estate.

Il Blog, anche a fasi alterne sarà sempre prodigo di consiglio di lettura miei e vostri. Teniamoci in contatto,

con affetto,

Mirna

 ‌

Comments Closed

Cambiamenti – Changes

pubblicato da: Mirna - 7 giugno, 2020 @ 9:49 am

Il lock down può aver cambiato molti di noi.

Io certamente  mi sento diversa: priorità diverse emergono in me o intorno a me  seppure la scrittura mi è sempre d’aiuto perchè posso comunicare meglio con il mio Io e con i cari amici.

E la lettura ancor di più perchè ti immergi in altri da te e confronti e pensi e mediti.20200605_085010

Ho letto tanto ovviamente in questi mesi : libri che poosso consigliare altri forse no, ma la lettura è arricchimento in ogni caso, evasione, distrazione.

Faccciamo un gioco mia figlia ed io, ogni giorno può avere un colore diverso: dal rosa, al blu malinconia, al nero disperazione, al verde speranza.  Mettiamo palline sul calendario. Ieri IMG-20200606-WA0001erano rosa e verdi: un caffè al sole al parco di fronte bal laghetto. E il 30 maggio rosso allegria con i cari amici al Maso Tratta.IMG-20200601-WA0002

Oggi è ancora in corso…piove,  ma ascolto musica e prevedo gnocchi al pomodoro per pranzo. E poi?

Leggerò libretto giallo inglese molto divertente, ma ho letto anche un intenso resoconto dell’esilio di Heinrich Mann e tanto altro.  “Il posto” di Annie  Ernaux”. Poi il seguito di Olive Kitteridge di Elizabeth Strout. Piccola gioia in agguato. Ed ancora “Chiaro di donna” di Roman Gary

Credo che anche voi cari amici avrete letto molto chiusi in casa tra un po’ di ginnastica e tanti manicaretti. Aspetto dunque i vostri consigli.  Maria Grazia me li ha già promessi.

Stiamo entrando in un’estate anomala, abituati come siamo stati alle certezze e alle comode abitudini.

Molto è acambiato; cambieremo anche noi?

2 Comments »

OBNUBILAMENTO

pubblicato da: Mirna - 15 aprile, 2020 @ 9:57 am

Questo può essere un termine giusto per questo periodo. Per me almeno, che mi sembra di vivere tra realtà e irrrealtà. Ho sempre usato questo sostantivo quando mi trovavo sulla nave e molti soffrivano il mal di mare. Io no. IMG_20190712_083543 (2)Però avvertivo un’incertezza di movimenti e di pensieri.

Sole, scaglie di mare sulla scia della nave, delfini che ci seguivano, il primo bacio che io, sì proprio Io che non sono molto “coccolona” ho dato a Piero, in  un  tramonto roseo.

E questo ci ha avvinti per sempre.20200330_112046

Perchè usciva la parte vera del SE’

Ora sto provando con meno letizia questo obnubilamento.

20200406_101826Mi metto al sole che entra dalla finestra ed ascolto brani musicali di Nora Jones.

La mente corre a chi me la fece conoscere: Verlyn, l’amica americana che ha condiviso le esperiense tedesche con me, Giuliana e Guerrina.

Un’amica forte che venne a trovarmi a Carpi. Poi a Borzonasca – ed insieme andammo ad Aquileia – lei  ormai malata terminale.prenatale-2016-002

E qualche sera fa ho rivisto la foto di sua figlia Erin in braccio ad Antonella, la nipote di Giuly…andata in California per alcuni mesi come au-pair.

Emozione del tempo lontano e immagine di Verlyn che scattava la foto.

E che poi, più tardi, avrebbe scelto i brani musicali senza tempo di Nora Jones. Per me.

Come away with me...

Ora viviamo, possiamno dirlo? Obnubilati.

Cerchiamo a tutti i costi allegria di naufragi, ma la realtà è che non sappiamo come andrà a finire, come sarà il  nostro futuro.

Pencoliamo sulla corda del funambolo cercando di mantenerci in equilibrio.IMG_20191213_170628

Tutto è stato rivoltato: le certezze, le abitudini piacevoli, la tranquilla sicurezza che, chi  per noi agées era stata raggiunta dopo decenni di lavoro, ci dava la sensazione di un tramonto roseo. Pace con se stessi, famiglia, amicizie care, piccoli  progetti.

IMG-20171206-WA0003Caffè al mattino in un bar accogliente, pomeriggi di chiacchiere in qualche salotto, serate frizzanti in salotti cultural mondani.

estate borzonasca 2016 013E passeggiate.

E mare d’estate.

E la sensazione di essere stata una generazione fortunata nata appena al di fuori della guerra e compartecipe di un benessere diffuso.settembre 2017 Borzonasca 004

Generazione di ferro, si diceva.

Quella che aveva ancora ricordi di Resistenza, di fatica per raggiungere tranquillità materiale e psicologica , quella che cantava Noi siamo i giovani, i giovani più giovani…e che hanno regalato ai figli e ai nipoti lo studio facile, la casa gradevole, le vacanze.

ferragosto e dintorni 035Rimaniamo gli stessi…ma rigorosamente in casa dove possiamo soltanto sperare di non essere ghettizzati quando finalmente un barlume di  normalità apparirà.

Ci rimarranno ricordi obnubilati nonostante le nostre ginnastiche, i nostri contatti virtuali?

Un acquerello di ciò che siamo stati e di ciò che ancora siamo o diventeremo?

 

 

 

 

 

 

1 Comment »

MARIA GRAZIA consiglia…

pubblicato da: Mirna - 15 aprile, 2020 @ 8:54 am

 

La bellezza non e’ che il disvelamento di una tenebra caduta e della luce che e’ venuta fuori”..

Una scintilla di luce che scaturisce da una frattura, un lampo improvviso da cui mi son lasciata blandire ricercando nella mia libreria qualche testo che potesse fare da cornice a questo verso di Alda Merini.

Tra i primi ad affiorare “ Se una notte d’ inverno un viaggiatore”di Italo Calvino: un gioco di incastri per una galleria di personaggi, una moltitudine di realta’ enigmatiche le cui vicende non hanno mai un inizio e una fine. Nei movimenti sottili dell’ essere la fantasia del lettore e’ una forza in continua tensione, in quanto ognuno puo’ giungere ad una conclusione mai definita e nel continuo ricomporsi ed intrecciarsi di storie ho visto prefigurarsi la perfetta rappresentazione della vita seppur monca in questo tempo nuovo della socialita’ e della mobilità.

In “ Degas parla” di Daniel Halevy ho potuto immergermi in un diario incentrato sui convivi del pittore con compositori, pittori e scrittori nella suggestiva ambientazione di una maison a Montmartre.

Costretto ad abbandonare la pittura per la quasi completa cecità, dedicandosi alla creazione di bastoni da passeggio scolpiti nel legno di Martinica, alla composizione di sonetti e alla fotografia, Degas non smette mai di coltivare la sua vena poietica. Nel diario si legge “ con espressione serissima, schermandosi gli occhi con una mano, fisso’ sul foglio dei punti di riferimento poi qualche linea da cui emerse la figura di una ballerina in piedi,una mano sul fianco,pronta a balzare in scena.” Ed ecco porgere il foglio al suo anfitrione esclamando” Ecco la tua ballerina”.

E cosi’ riguardo la mia libreria ove si stratificano desideri e guizzi di fantasia e penso come l’unico modo di entrare profondamente in un libro sia quello di averlo come compagno di viaggio….

Comments Closed



Pagina 1 di 10812345...102030...Ultima »