IL SILENZIO di Erling Kagge, ed.Einaudi

pubblicato da: Mirna - 17 settembre, 2017 @ 3:59 pm

IL SILENZIO DI Erling Kagge , ed.Einaudi

Sembra un caso che in questa  calda estate in cui la mia necessità di Silenzio è settembre 2017 Borzonasca 004aumentata  mi sia arrivato in dono questo delizioso libro.

Saggio ? Riflessione?

Certamente un invito e una suggestione per fermarsi e cercare il perché della necessità del SILENZIO.

L’autore è il norvegese Erling Kagge, classe 1963, che di silenzio quasi assoluto se ne intende.

E’ stato infatti il primo uomo a raggiungere in solitaria il Polo  Sud e il primo a raggiungere i “tre poli” il Polo Nord, il Polo Sud e una cima dell’Everest .

Ma che cos’è il silenzio e dove si trova?LUGLIO 2016 023

L’autore ci parla delle sue esperienze, cerca di capire la società contemporanea  sommersa dal rumore.  Cita spesso il pensiero dei  Grandi non tralasciando una pagina della Bibbia: Dio si manifesta ad Elia in una brezza leggera tradotta in settembre 2017 Borzonasca 116norvegese in “silenzio sottile

Questo è purtroppo il tempo del rumore: lo sperimentiamo ogni giorno: traffico sulle strade, negozi, bar ristoranti con musica altissima, brusii,televisori accesi …sembra che la maggior parte delle persone abbia paura del silenzio in una sorta di horror vacui.

E’ come si volesse fuggire da se stessi.

E molti tendono a spegnere il SILENZIO con TV, radio, Internet.

Pascal diceva di non aver paura del silenzio  “La disgrazia degli uomini proviene dal ferragosto e dintorni 035non saper essi starsene tranquilli in una camera”

Sono stati condotti test psicologici per misurare l’intensità del disagio di starsene da soli nel silenzio:

per molti trovarsi faccia a faccia con i propri pensieri è stata un’esperienza sconvolgente.

Ciò deve far riflettere, suggerisce di fermarci e di ascoltarci.

Il  SILENZIO ci fa guardare dentro e ciò è necessario per arricchirci o sfrondarci, per prendere coscienza di chi siamo, di che cosa vogliamo veramente.

Dobbiamo imparare a trovare la linea di demarcazione tra la mancanza di senso che dà la NOIA e la pienezza di senso che dà la GIOIA.

Ma tutto sta in noi stessi.

Dobbiamo convincerci che non siamo obbligati a parlare in continuazione  e neppure a pensare come macchinette.

Dobbiamo fermarci, meditare e la filosofia Zen ci insegna.

Anche molti artisti contemporanei  hanno compreso come il silenzio  pieno (il silenzio  assoluto, il vuoto vuoto non esiste neppure nell,universo – anzi Dante ci parla della musica del Cosmo).

Citiamo il compositore John Cage  passato alla storia   con la composizione 4’33: quattro minuti e trentatre secondi di solo silenzio  (portato sul palco anche da Stefania) .

Si può ascoltare anche il silenzio.

Agosto, Borzone, varie 002SILENZIO il vero lusso d’oggigiorno, almeno per me

Vengo in questo  paesello per assaporare meriggi montaliani di lievi tremori d’ali, o ronzii di api e  mi tocca sentire televisori accesi dalla mattina alla sera…

Naturalmente protesto e riesco a ritrovare un po’ di pace. Quando mi tuffo in mare faccio il “morto” affinchè l’acqua miPost Mimilla 2017 041 copra le orecchie ed allora sono in estasi.

Soltanto  la voce del mare . Bellissimo.

Ricordo invece lo smarrimento di mio marito quando ci trovammo in un boschetto morto, alberi spogli, nessun cinguettìo, volle uscirne al più presto.

Il  Silenzio non è un’anomalia , ci dice  Erling Kagge,  è una nostra esigenza, è ciò che siamo noi dentro. Dobbiamo tuffarci in esso  perché vi troveremo la chiave per comprendere più a fondo la vita.

No Comments »

ULTIME CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 10 settembre, 2017 @ 11:07 am

ULTIME CRONACHE DI BORZONASCAsettembre 2017 Borzonasca 167

E’ settembre.

Il gran caldo ha ceduto stremandosi in giornate nuvolose  e variabili ed infine in un grosso temporale pomeridiano.

Ieri  9 settembre.

La mattinata però era iniziata dolcemente con raggi di sole tiepid0 che facevano settembre 2017 Borzonasca 148capolino tra nuvolette soffici, in  programma il caffè con Grazia, raccolta di qualche fiorellino in giardino.

Ancor più festoso il profumo della baciocca che stavano cucinando i  miei santi vicini patroni (che mi hanno rifocillata per tutta l’estate a suon di zucchine, pomodori, DSCN0008verze, prugne, origano).

Sapevo che me ne sarebbero arrivate due fette.

Sapete com’è fatta?: pasta sfoglia ripiena di cipolle e  patate tagliate a fette sottilissime più olio ed altro ancora. Una squisitezza.

Ma il ludus stava ulteriormente  ampliandosi con il momento dell’aperitivo bevuto attraverso il divisorio delle nostre due settembre 2017 Borzonasca 164terrazzine: prosecco con succo di pesche…rigorosamente del loro orto. Una prelibatezza.

E gioia di accomiatarci insieme da un’altra estate.

Mentre le rondini si posavano sul filo  per riposarsi durante la migrazionesettembre 2017 Borzonasca 169 settembre 2017 Borzonasca 169verso i paesi del sud.

 

Mimilla attaccata alle mie caviglie è però inquieta…alzo lo sguardo?

E che vedo?

Un gattone bellissimo e grosso (18 kg?) che attento ci osserva dalla seconda balza.

Che faccio io che voglio far socializzare sempre tutti, umani e animali?

Mi avvio con Mimilla miagolante verso di lui…per far fare loro amicizia? Un club?

Immaginate che cosa è successo invece?

settembre 2017 Borzonasca 171Altro che sguardo amico che notavo nel felino sornione…quello si avventa su Mimilla, che pesa tre volte meno di lui , ruggendo e soffiando, ma io…”madre coraggiosa” mi metto fra i due.

(Mimilla sul luogo del duello , il giorno dopo)

E mi becco un sacco di graffiate.

Urlo e cerco di colpirlo, ma è  lui che colpisce con i suoi artigli,   l’avrebbe vinta su di me se non trovassi a portata di mano la gomma per irrigare…gli spruzzo un getto violento sul muso. E lui  scappa.

Mimilla spaventata corre in casa e si nasconde, io grondante sangue vado dalla guardia medica che  non minimizza: mi prescrive antibiotici e un’antitetanica!

Qua è tutto vicino: corro su e giù per il paesello che ormai sa della mia lite con un gatto.

Ma la farmacia di qui  sempre sfornita  ( non si sa perché) mi costringe nel pomeriggio a cercare l’antitetanica in un altro paese.

Prima fortunatamente sono riuscita  ad assaggiare e gustare la baciocca ancora calda.settembre 2017 Borzonasca 165

E a riflettere sulla vita che non può essere noiosa .

Tantissimi accadimenti belli, brutti, divertenti, strani.

Mai avrei pensato però di azzuffarmi con un gatto.

Proprio il giorno prima avevo versato una quota per un’associazione a difesa dei felini!!!

Continuerò ad adorare i gatti meravigliosi…però un’eccezione ci sarà.

Ora guarderò in “cagnesco” questo assalitore e ho preparato anche un bastoncino per dargli qualche pacca sul sedere. Mai da fargli male, sebbene lui non si sia  tanto posto il problema anzi poco fa uscendo ho notato sugli stipiti della porta bianca tracce di sangue…della colluttazione di ieri…

Mimilla però è intatta!!!

Da Borzonasca … è tutto per ora…

4 Comments »

AGOSTO, AGOSTO per leggere e pensare

pubblicato da: Mirna - 26 agosto, 2017 @ 3:19 pm

P1000924AGOSTO di piccoli grandi pensieri

Un caldo agosto che si congiunge a un’estate particolare che mi ha implacabilmente “messa al muro”.Troppo sforzo nel sopportare i lunghi pomeriggi soleggiati che mi costringono ancora a ripararmi nella camera blu con i miei pensieri grandi e piccoli e i  miei libri.

Poca energia per intraprendere avventure  o forse stanno cambiando le mie  esigenze?

Ecco dunque i pensieri che volteggiano e mi intrigano. Cambiamo i punti di vista.P1000880

Non per niente ho cambiato anche gli occhiali: caduti a Chiavari in un negozio di abbigliamento, ma sostituiti immediatamente  nell’ottico di fronte… Il tempo di un caffè con Stefania nel delizioso bar sotto gli antichi portici  sempre freschi .

Ma devo parlare di LIBRI sebbene per me i libri e i  miei pensieri si intreccino P1000880continuamente con la storia che leggo.

Ciò che vivono e provano i personaggi letterari ci coinvolgono sempre in qualche misura: in fondo la vita tratta di amore, di relazioni, di realizzazione di sè, di scoperte, di coraggio.

P1000972Nella bellissima saga dei CAZALET  che non dovete perdere c’è tutto ciò che la VITA ci dà:

gioie e dolori, sconfitte e vittorie. Bravissima l’autrice inglese  Elizabeth Jane Howard  (1923-2014)

Ormai siamo al quarto volume   “ALLONTANARSI” dove troviamo uno scioglimento dei nodi interpersonali .

Dovete naturalmente leggere i primi tre di cui ho già parlato nel blog per gustare appieno come si sta evolvendo la vita di ognuno dei personaggi  dopo la fine della seconda  guerra mondiale.

Zoe e Rupert si ritrovano, c’è un divorzio tra Edward e Villie, Rachel si rende conto della sua omosessualità repressa, La Duchessa dà sempre consigli saggi a figli e nipoti e i più giovani devono capirsi e trovare la strada da percorrere.

E se Polly improvvisamente fa un incontro importante che la renderà felice, , Clary e Louise dovranno combattere a lungo per superare l’infelicità.

Insomma questa è la vita. Tutti ci ritroviamo nei bei romanzi. A qualsiasi età.Libri e fine giugno 17 012

Questo penso quando finalmente a sera si acquietano gli uccellini canterini ed io mi ritrovo sotto la palma e il nespolo e sento il silenzio – finalmente – intorno a me, e vedo  Mimilla – che sembra essere lo specchio dei  miei sentimenti  – sdraiata  e appagata sul tavolo di ardesia.

 

Allora penso alle cose belle ….in un blog si cerca di scrivere pensieri ottimistici  (sui diari personali quelli più tristi?)  Alla BELLEZZA, alla NATURA indifferente ma con P1000879un suo disegno vitale, alle  persone generose sia di pomodori e zucchine sia di attenzioni e affetto, ai figli, ai genitori amorevoli, ai ricordi d’amore, al bagaglio affettivo che non si perde, ed ancora al mare trasparente, alle farfalle bianche che ieri sera si inseguivano felici  tanto che e sembrava  cantassero

E ai libri amici che non tradiscono mai.

Anche ai bei thrillers islandesi prestatimi da Grazia dove un commissario malinconico riesce a risolvere casi difficili. Si chiama Erlendur…tanti  nomi propri finiscono in dur. Anche il nome dell’autore ARNALDUR INDRIDASON

Si entra nella fredda  Islanda  – e con questo caldo fa piacere – e oltre a seguire il  caso poliziesco, la vita del detective e dei suoi colleghi, si  conosce una vita altra che si svolge  in un punto lontano dal nostro Mediterraneo pieno di sole, luce e calore.

Lettura consigliata da ricercare in biblioteca , ma forse ancora nelle librerie.

 

2 Comments »

CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 10 agosto, 2017 @ 8:05 am

 

CRONACHE DI BORZONASCA 

La lunga estate calda

Troppo intenso e continuo questo caldo africano dell’estate 2017.

Persino i miei  pensieri sembrano procedere con un andamento lento  e P1000859anomalo. Talvolta mi sembrano statici come il cielo celestino che non muta, talvolta hanno improvvise deviazioni verso ricordi e riflessioni che nella mia vita cittadina sono diversi. Certamente per me i tre mesi in questo paesello hanno una connotazione e un ritmo  peculiari. Un’altra vita, un’altra me stessa?  mi chiedo.

 Capita anche a voi quando cambiate a lungo ambiente?

In realtà per me è sì un cambiamento deciso, ma  ciò  si riallaccia a tantissime altre estati .

Libri e fine giugno 17 009 Però, però … mutatis mutandis anche i mesi azzurri si discostano, si sfaldano, si arricchiscono di elementi inaspettati.

Cambiamo noi  e cambiano le circostanze, mi sembra che cambi persino  Mimilla, estate dopo estate.

E cambiano i sogni notturni: le case della mia vita ritornano prepotenti e in sfumature diverse.

 Cantarana e l’infanzia con il muretto divisorio sempre più vivo ora che l’ho rivisto dopo tanti anni a Carpi; la villa Parsifal di Merano con le rose e il torrente traditore, l’ultima casa dei miei genitori dove ancora nella mia stanza si conservavano i poster dei Beatles e di Joan Baez.

Ma è soprattutto la casa di Borzonasca che viene di continuo trasfigurata ferragosto e dintorni 033durante il mio  sonno: se all’inizio dell’impresa di ristrutturazione  io sognavo di un luogo che si moltiplicava come in un gioco di specchi ora riesco a sentirla mia e più reale. Gli spazi sono tanti e tutti ascendono. Devo arrivare al terzo piano per entrare nel tinello e camere da letto e uscire nella terrazza del gelsomino e delle surfinie. Per accedere ai salotti ferragosto e dintorni 029mansardati e all’altro balconcino c’è  un’altra scaletta interna, per salire nelle due fasce di alberi e fiori altri gradini. Nei sogni mi  sembrava di toccare il cielo e vedevo Piero attento alla costruzione del nostro “nido”. Sì, forse è il mio nido. Sebbene spesso mi sembra di non riuscire a staccarmene per svolazzare intorno.

Per cui Trento e l’appartamento del’inizio della nostra vita insieme e della nascita di Stefania,  rimangono il porto,  il punto delle possibilità, delle partenze e dei ritorni.

 In fondo ci si può spostare e sentirsi noi stessi in  due luoghi pieni di ricordi e accadimenti.

E Borzonasca in un’ estate così calda come riluce? Del fresco serotino, Miscellanea. agosto 15 048delle rondini, dei campanili garruli, della lunga siesta pomeridiana nella mia camera blu a leggere. Forse un po’ frenante. 

Un paese che lentamente sta consumandosi intorno a se stesso e ai suoi ricordi. Tanti personaggi importanti  per la linfa vitale della comunità non ci sono più, altri,  più vetusti, rimangono come reliquie significative.  Come Elvira che a 81 anni “fuma come una turca perché non ha niente da perdere “, altri ultraottantenni che sembrano giovanotti  “fanno panchina” come dicono loro ed osservano i  movimenti di ogni Luglio caldissimo 2015 034essere vivente che passa.

Fate la radiografia?” qualche volta chiedo loro.  Sorridono ammiccanti.

Continua come un abbraccio materno a sentirsi di primo mattino il profumo delle”ruette” , i biscotti famosi di  Macera.  Chissà se la giovane Serena che sperimenta sapori naturali e dolcetti creativi sarà l’anello fra il passato e il futuro. Dovrà forse combattere con l’immobilismo degli avventori abituali appagati dell’angolo della  terrazza da cui controllano il flusso del passaggio. Incollati alle sedie per ore e ore spengono  cicche di sigarette in portacenere di alluminio vecchissimi ( e che nessuno sarebbe tentato di rubare per ricordo) . Mentre io vorrei un po’ più di  brio, leggerezza e fiori.

P1000851Ma come dice Marinella, un’amica che vive sulla collina,Borzonasca può rivelare sorprese e segreti. E’ qui che è sepolto Il Devoto (il linguista del famoso dizionario), e qui che sono nati pittori, musicisti, insigni medici.

Il problema è capire chi c’è ora.

Molti vivono lentamente e protetti come in una campana di vetro allacciandosi a piccole abitudini piacevoli.  Un po’ di mare sulla costa, un Miscellanea. agosto 15 002Miscellanea. agosto 15 026po’ di città, ma soprattutto la dimensione del “nido”, il  luogo che conforta  e  di cui necessitiamo.

ll mio”santo” vicino esce pochissimo:  lento e lieto segue i suoi ritmi legati alla cucina e all’orto. Pieno di tesori. Fagiolini,zucchine, fragole, pomodori, frutti, fiori. Ama cucinare piatti antichi con ciò che le sue fasce procurano.  I suoi occhi scintillano quando scende la scaletta con mazzi profumati di origano. “Questi sono i miei fiori preferiti” esclama.

Io compongo mazzolini di dalie, rose rosa e rosse, qualche surfinia e miLibri e fine giugno 17 002 chiedo “ ma la vita è tutta qui?”

Dipende sempre da noi. La risposta è dentro il nostro profondo. E non sempre è quella sbagliata.

1 Comment »

L’UROBORO DI CORALLO di ROSALBA PERROTTA, ed.Salani

pubblicato da: Mirna - 30 luglio, 2017 @ 9:51 am

L’UROBORO DI CORALLO di Rosalba Perrotta, ed.SalaniP1000850

Ecco un romanzo godibilissimo pubblicato da poco dalla Salani dove una Rosalba Perrotta in stato di grazia ci fa sorridere della vita.

Una scrittura chiara, scorrevole e avvolgente che ci porta in spazi e tempi che fanno interagire tra loro personaggi indimenticabili.

Tutto nasce da una spilla di corallo a forma di uroboro, il serpente che si morde la coda, simbolo di rinascita.

Siamo in Sicilia…ma non solo, perché una certa eredità arriva a quattro cugine non più giovanissime  dalla Lituania.

Anastasia è però il personaggio principale, una “settantina”  come direbbe Camilleri, malinconica e” spenta” dopo l’abbandono del marito avvenuto qualche anno prima.

Meno male che ha due figlie e un nipote simpaticissimo.

In realtà tutti sono  un po’ oppressivi con lei: non vorrebbero mai che si muovesse per timore che si rompa il femore e il nipotino  le scrive  e-mail  con le  raccomandazioni  di fare le parole crociate così non le viene l’Alzheimer.

Anastasia soprannominata dall’ormai ex-marito Ingridbergman è ancora soggiogata dagli altri come lo era dalla mamma.

Così quando grazie all’eredità della parente acquisita lituana, incontrerà le coetanee  cugine “continentali” sembra risvegliarsi.

Alida, Claretta e Myrna (chiamata anche lei come meper l’ammirazione della genitrice per l’attrice Myrna Loy) sono eleganti e vivaci.

Ereditano un palazzetto nel quartiere malfamato San Berillo (  costì vi abitò pure Goliarda Sapienza) e qualche gioiello .

Ad Anastasia tocca proprio l’uroboro. Da quando lo indosserà la sua vita sembra mettere una marcia in più. Tanto che riprende a guidare nonostante il veto assoluto della figlia maggiore Doriana. Sempre per non rompere il famigerato femore.

Ma questo uroboro è bramato anche da uno spiritista a suo dire famoso. Ne possiede già sei, deve avere anche questo. Ma non ci riuscirà e grazie ad esilaranti situazioni noi parteciperemo a  momenti deliziosi.

Sì, perché all’interno del palazzetto ereditato capitano fatti strani. Che ci siano veramente i fantasmi? La lituana faceva anche sedute spiritiche!

Rosalba Perrotta con leggerezza affronta le problematiche della vita: la solitudine, l’insicurezza, il desiderio di un’altra realtà, il rapporto con l’altro da sé e soprattutto la speranza di ricominciare nel cambiamento.

Umorismo alla Woodhouse , ma in chiave italiana-sicula con una realtà quotidiana   che mi ricorda  Lessico familiare.  Famiglia e circondario.

La giovane figlia Nuvola alla ricerca dell’amore ci rimarrà impressa con i suoi capelli viola e il look anni ’30, il colonnello improvviso spasimante di Anastasia ci farà ridere con la sua “difesa del territorio”e i canti patriottici e la colf religiosissima di Doriana che si licenzia per non stare in casa di una fedigrafa nonostante la promessa di gigantografie di Papa Francesco e rosari di ulivo benedetto.

E poi, brava Rosalba Perrotta, che ci dà un happy end delizioso e frizzante.

Ma vi devo raccontare dell’incontro di Anastasia e Igor (un personaggio quest’ultimo che appare e scompare nella trama del romanzo?)  bambini vestiti lei da angioletto e lui da pastore?

Un ricordo indelebile per entrambi , indelebile come deve essere sempre  la speranza di ritrovare la letizia e la voglia di vivere.

Con uroboro o senza.

Da leggere…e per me sicuramente da rileggere.  Mi piace sorridere.

 

2 Comments »

UN TRANQUILLO VIALE ALBERATO di Nada Gasic

pubblicato da: Mirna - 23 luglio, 2017 @ 9:42 am

UN TRANQUILLO VIALE ALBERATOLibri e fine giugno 17 011

“Mirna Ulica, Drvored” (Mirna significa tranquillo in croato!!!)

Eccomi a consigliarvi un romanzo originale che si discosta dalla mia amata letteratura anglosassone. Credo che lo spostamento geografico e culturale sia interessante e arricchente. Un cambio di prospettiva.

Siamo a Zagrabria  nell’agosto 2003 quando un caldo terribile soffoca l’Europa. Qui però il caldo afoso e la puzza di tutto ciò che sta marcendo nelle strade diventano metafora del disfacimento politico della ex-Jugolavia

Questo tranquillo viale alberato  diventa il teatro di avvenimenti inquietanti.: omicidi e suicidi.  Gli effetti post bellici di una guerra chiamata “patriottica” hanno segnato molte persone che non riescono a riemergere dalle ferite politiche e personali.

Dasa Zelina, 52 anni, ha paura della paura, ha paura di se stessa. Osserva come tutti gli altri abitanti di questo “tranquillo” anfiteatro ciò che succede intorno. Scrive un diario e disegna gli abiti del suo passato, cioè lo schermo del  suo vero essere.

Vuole  incontrare Viktor, pittore,  che vive con il ballerino Marino perché vuole dargli il suo diario per avere un parere sui suoi disegni.

Si incontrano al bar e nel parco di Maksemir. Il loro disagio sembra ampliarsi nel caldo soffocante di quell’estate implacabile.

Dietro alle finestre dei personaggi che conosceremo attraverso le minute descrizioni dell’autrice si celano segreti e meschinità, frustrazioni personali che sottolineano la crudeltà dei tempi.

Soprattutto la mancanza di umanità.

Umanità che sembra rimanere un po’ in Viktor e soprattutto nel vecchio musulmano  Alija Seforovic, pulitissimo, che desidera da tempo un non mai concesso permesso   di cittadinanza.  Aljia sembra rappresentare ciò che forse esisteva di dignitosamente umano e solidale e che ora invece sembra disfarsi come l’immondizia nelle strade roventi.

Interessante. Da conoscere. Oltre Edizioni

Nada Gasic  vive a Zagabria; con questo romanzo ha vinto nel 2007 il premio DHK per il miglior libro d’esordio.

Comments Closed

CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 11 luglio, 2017 @ 12:23 pm

 

DAL DIARIO DI MIMILLAPost Mimilla 2017 040

E finalmente siamo arrivate a Borzonasca a respirare aria pura, a prendere il sole in giardino o sul balcone, a catturare qualche lucertola e grillo. Anche se Lei, la mia Tata, quando glieli porto in visione  urla sempre e me li toglie dalle grinfie.

Pazienza.

Non ne ho più tanta voglia. Infatti lei continua a ripetere a tutti “Eh, sta invecchiando, come me”

Beh, che parli per lei. Compirò sì 10 anni in agosto, ma ho ancora tanta voglia di divertirmi. E per me divertirmi  significa mangiare e sdraiarmi sulle sue poltrone. Lei  Post Mimilla 2017 013non vorrebbe mai cedermi il posto, lamenta che ha mal di schiena ecc. ecc. Ma io devo stare lì dove c’è il suo odore e dove ci sono cuscini comodi. Riesco sempre a farla alzare e “fregarle” il posto… Vi spiego come: faccio una vocina flebile,mi metto a pancia all’aria, fingo di dormire in posizioni deliziose . Lei, come è prevedibile, si alza per venire ad accarezzarmi e sussurrare ”Amooore“, allora io più veloce della luce…zac mi acciambello o sulla sedia a sdraio in terrazzo o sulla Post Mimilla 2017 044poltroncina TV   e poi  mi ci incollo!!!Post Mimilla 2017 044

A sera ho voglia di andare a  letto prima così sto poco sui tetti a guardare la luna…in fondo è sempre quella, preferisco ronfare a pancia piena sulla sua poltrona o sul nostro letto.

Meno male che l’ho educata circa i miei menu. Bene i croccantini stabili, le scatolette umide, ma almeno due volte in settimana desidero una bistecchina di tacchino e un Post Mimilla 2017 034bel pezzo di nasello. Ovviamente mi interessa  anche ciò che mangia  Lei, ma ultimamente  noto che gira poco prosciutto.

Io e la mia Tata ci amiamo. Sento che dice in giro che siamo una coppia di fatto. In realtà mi piace stare vicino a lei e controllare quello che fa, anche se legge  troppo per i miei gusti, soprattutto  a letto con quell’abat-jour sempre accesa. Allora mi metto a brontolare e finalmente lei la spegne.

I momenti più dolci sono quando verso sera saliamo nel giardinetto alto ad innaffiare Post Mimilla 2017 041l’ortensia, le belle di notte, i fagiolini (un esperimento: li ha piantati la sua amica con un cacciavite!)

Lei poi languidamente si sistema  sullo sdraio senza cuscino (ed è per questo che non le rubo il posto) e si mette a guardare le rondini sospirando di gioia. Io dopo aver cacciato qualche grillo o cercato di scalare il nespolo mi adagio sul tavolino di ardesia e sto lì con lei fino  a quando le famose campane Post Mimilla 2017 017giulive delle 20.00 non si mettono a suonare rumorosamente.

Mi piace questa casa: tante stanze, tante scale, tanti terrazzini e giardinetti. E poi credo di essere un po’ innamorata del nostro vicino Giancarlo che mi guarda con simpatia nonostante ogni tanto  io mi metta comoda col sedere  sui suoi Post Mimilla 2017 042fagiolini.

(Però vengo sempre in casa a fare i bisognini. Sono una gatta di città.)

10 anni, vi dicevo, ad Agosto . Quando ci sarà anche l’altra mia adorata Tata giovane , quella che mi fa giocare, festeggeremo.  Però dovrò prepararmi a sopportare la …mia festa di compleanno: ci sarà l’immancabile cartellone con disegnato il numero degli anni ed io Agosto 2016 borzonasca 039dovrò stare per 10 o 15 pose  accanto a quello per  farmi immortalare.(anche sorridendo !)

Intanto loro brindano e mi cantano Happy Birthday ed io non vedo l’ora di scappare nell’orto di Giancarlo.

Almeno lui non fa tante smancerie.

 

 

4 Comments »

LEGGERE KENT HARUF

pubblicato da: Mirna - 8 luglio, 2017 @ 5:52 pm

 

Libri e fine giugno 17 012LA TRILOGIA DELLA PIANURA di Kent Haruf

La scoperta di questo scrittore statunitense scomparso nel 2014 è per me fonte di interesse e di gioia.

Qualcuno dice che i suoi  romanzi sono  “per chi ama spostarsi soltanto con il pensiero, meglio se in poltrona…”

Grazia mi porta uno per uno i libri della Trilogia, così inizio  da Benedizione che leggo in un fiato.

Siamo nella sconfinata provincia americana, in Colorado, in una immaginaria cittadina fulcro di vite piccole che sembrano insignificanti, ma  come per ogni vita hanno ragione d’esistere  per tessere quell’arazzo corale che è il respiro dell’umanità.

Holt, piccola città, dove si conoscono tutti ma dove ognuno è abituato a fare i conti da solo  con i propri fantasmi.

Dad Lewis onesto e stimato piccolo commerciante sta morendo; la moglie e la figlia lo assisteranno con a more e dolcezza e noi seguiamo con partecipazione e empatia le tristi giornate dell’addio alla vita. All’appello manca però il figlio minore Frank.

Già comincio a notare in questo tipo di narrazione minimalista la caratteristica della descrizione visiva degli avvenimenti dove la commozione e la passione viene lasciata al lettore. Che può gestire come vuole.

Interessante.

Pagine belle, ricordo la scena delle tre donne di diverse età (compresa una bambina) che  nude fanno il  bagno nella cisterna-abbeveratoio delle mucche.

Kent Haruf ci racconta con voce quieta la vita dei personaggi di Holt dove ci sembra di aver vissuto anche noi, tanto le storie dei personaggi possono essere le nostre.

Nel secondo libro Canto della pianura (Plainsong) conosciamo Tom Guthrie: anzi Libri e fine giugno 17 002lo vediamo immediatamente mentre in piedi davanti alla finestra della cucina fuma una sigaretta. Non sappiamo che cosa pensa o che cosa prova. Lo capiremo presto quando farà la colazione ai suoi figlioletti e quando cercherà di salutare la moglie rinchiusa al  buio nella camera degli ospiti.

Persino dei suoi bravi e coraggiosi figli Bobby e Ike sappiamo poco dei loro sentimenti , non ci vengono descritti, ma le loro azioni, i loro dialoghi ci fanno capire quanto sentano la mancanza della madre e quanta fatica occorra per crescere.

A Holt vive anche l’adolescente Victoria che  viene cacciata dalla madre perché aspetta un bambino. Ma inaspettatamente sarà accolta dai vecchi fratelli McPheron , allevatori, che diventeranno presto il perno su cui gireranno altre storie del terzo libro “Crepuscolo”.

Conosceremo DJ un sensibile ragazzino che vive con il nonno, l’assistente sociale Rose Tyler che si prende cura di famiglie disagiate, rivedremo Victoria e la sua figlioletta.

Molte vite di solitudine si intrecciano in questo canzone malinconica della pianura.   Dolcezze e brutalità come esistono  nella realtà  vengono raccontate  con una scrittura densa e nello stesso tempo fluida, tanto che non ci si accorge neppure della mancanza di virgolette nei discorsi diretti.

Una luce sempre obliqua alla Dickinson avvolge spesso l’atmosfera di questa pianura americana dove gli inverni sono gelidi, le estati torride, ma le notti di primavera sono un sogno.

E’ ciò che una sera  vorrebbe dire Raymond  McPheron quando finalmente si sente nuovamente vivo .

Amava ciò che stava vedendo: il cielo terso e le stelle limpide e luminose come se fossero alla stessa distanza del palo della recinzione, ma la sua sensazione era semplicemente quella che tutto aveva l’aspetto che doveva avere.

Da leggere.

Comments Closed

Finalmente pioggia a Borzonasca 25 giugno 17

pubblicato da: Mirna - 26 giugno, 2017 @ 6:12 pm

 

CRONACHE DI BORZONASCAinizio estate 2017 006

Libri e fine giugno 17 014E’ arrivata infine la pioggia tanto attesa e ci siamo ritrovati un po’ più con noi stessi, senza lo sforzo di combattere il caldo, l’umidità, le ore pesanti del dopopranzo.

Più leggera  sul mio letto blu, stamani, mentre ascoltavo il ticchettio della pioggia  sentivo un diffuso benessere vuoi per Mimilla che ai miei piedi ronfava, vuoi per il bel  libro di Haruf che sto leggendo  o semplicemente perché sono viva ed ancora capace di provare meraviglia e curiosità per ciò che accade intorno a me . E naturalmente dentro di me.

Come dico sempre qui a Borzonasca riprendo la me-stessa  delle estati precedenti. DSCN0008 Ritmi diversi, abbigliamento diverso, percezioni tutte particolari, ma sempre in un continuum che  ogni mattina mi vede pulire il tavolino e le sedie del terrazzo , all’ora del tè  bere le tisane con Grazia  e a sera  innaffiare le ortensie e  le rose.

Ieri  conversando  con il farmacista notavo che mi sembra che le persone siano  sempre uguali,  come ferme nel tempo,  anno dopo anno,  e lui concordava dicendo che è proprio questo paese a sé stante, lento, autosufficiente per le cose vitali, a “congelare” gli abitanti e le abitudini.

Per esempio: a  tarda sera vedo sempre a  le solite cinque amiche sedute in due panchine perpendicolari posizionate  nella stessa sequenza degli anni passati.  Devono avere il posto prenotato .Non mi sembrano neppure invecchiate.

Ma forse qua nessuno invecchia. Ad un certo punto  si sparisce e pochi se ne accorgono.

Il tempo  non ha orari precisi, salvo che per  quello dei pasti.

Ciò che si farà è fluido e incostante senza eccessive passioni (sempre e soltanto per il cibo ci si infervora: ci vuole la maggiorana o l’origano nei ripieni? Le biete si mangiano ripassate o condite?)

Al bar Macera , punto nevralgico del paese, c’è un silente impreciso  appuntamento del mattino. Tutti attratti dal leader Massimo  che parla del tempo, delle ultime notizie e consiglia a quale festa  gastronomica partecipare.

Il tempo è  come una nuvola vagante intriso di se stesso e  indifferente a noi esseri umani. Siamo noi  che vogliamo catturarlo e imprigionarlo per avere più certezze e qualche direttiva .e forse per vivere più intensamente i momenti: quelli dell’attesa e quelli del carpe diem.

Borzonasca come tanti piccoli paesi italiani sembra sospeso in un mondo tutto suo e per il  tempo estivo è per me lo scenario ideale.  Posso rilassarmi a volontà (anche troppo a volte) e potrei anche non guardare l’orologio.

Tanto ci sono le campane che ad ogni ora e mezz’ora rintoccano.

Alle 20.00 poi il campanile non si accontenta delle ore ma inizia un concerto con l’Ave Maria seguito da tutti i cani del villaggio. Soprattutto da quello dei miei vicini che ulula disperatamente.

Mimilla invece si è abituata, se le prime volte scappava dentro casa  ora si inizio estate 2017 006 accuccia rassegnata  sotto l’amareno  e aspetta che cessi tutto questo fervore mariano!

 

2 Comments »

Consigli di lettura per l’estate

pubblicato da: Mirna - 22 giugno, 2017 @ 4:17 pm

L’ARTE DI ASCOLTARE I BATTITI DEL CUORE di Jan Philipp Sendkerinizio estate 2017 001

Pomeriggi di canicola: le ore di silenzi montaliani quando soltanto  cinguettii e ronzii vibrano nell’aria calda. Sdraiata sul letto blu leggo a dismisura.

In questa prima settimana ho finito tre romanzi. Interessanti.

L’arte di ascoltare i battiti del cuore  racconta di un grande amore, di quelli che forse non esistono, ma che ti commuovono.  Mi è sembrato di entrare in una fiaba birmana leggendo la storia di Tin   abbandonato dalla madre, che diventa cieco e che poi incontra Mi- MI dai piedini storpi. Si aiutano,  intrecciano corpo e spirito e diventano un’anima sola.

Ma il destino li divide. Lui viene operato agli occhi con esito positivo, studia, diventa un avvocato di successo negli USA dove si è formerà  un’altra famiglia . Quando tutti si sono  sistemati decide di tornare nel suo paesello birmano alla ricerca di MI Mi che lo aspetta ancora …

Julia la figlia di Tin che avendo perso le tracce del padre vuole capire che cosa èsuccesso.  Si addentra così in un mondo diverso dove i valori e i sentimenti sono inizio estate 2017 004 mescolati al mistero e alla saggezza buddista.

LE NOSTRE ANIME DI  NOTTE di Kent Haruf di cui avevo già parlato

Due settantenni soli decidono di trascorrere insieme le notti per parlare e condividere pensieri. Per addolcire e lenire la solitudinedella vedovanza e per ritrovare piccoli piaceri della vita. E’ possibile? Lo sarebbe se gli altri non si mettessero co ntro.

Pagine lievi di incantevole lettura.

Kent Haruf (1943-2014) è stato uno dei più apprezzati scrittori americani. Ha ricevuto vari riconoscimenti e premi.

Sono pronta a leggere gli altri suoi romanzi

LA TRADUTTRICE DI Rabih Alsmeddine il cui titolo originale è  An Annecessary Woman. Una donna  non  necessaria appunto perchè sembra vivere la vita degli altri, la vita  che pulsa nelle opere degli  scrittori che traduce in arabo ( ma che non pubblica. )

I suoi lavori le riempiono la casa: un appartamento che tenacemente vuole conservare come difesa e come centro del suo mondo fatto di ricordi e soprattutto  dell’amore per la letteratura.

Aaliya ha settandue anni, libraia in pensione,  divorziata da tanto tempo, pochissime amicizie, desiderosa di quell’amore che non ha mai ricevuto , ma che ritrova sempre puntuale nei libri.

L’altra protagonista è Beirut una magnifica città martoriata da guerre che hanno  lasciato il segno . Ferite che sembrano le stesse di Aaliya.

Siamo ciò che leggiamo” disse un saggio e Aalya è fatta di parole di  libri, ma non è di “carta”, è viva, piena di paure e di coraggio con un sottile umorismo che ce la fa sentire più  partecipe , seppur da lontano, delle chiacchiere delle coinquiline sul pianerottolo,degli accadimenti quotidiani o  come quando  per sbaglio si  tiinge i capelli  di blu.

Rabih Alamedinne è  nato Giordania  nel 1959 da genitori libanesi. E’ un affabulatore straordinario .  La storia di questa donna intrufolata nell’arte per difendersi dalla vita non si dimenticherà..

Comments Closed



Pagina 1 di 9312345...102030...Ultima »