I consigli di lettura di Maria Grazia Bertagnolli

pubblicato da: Mirna - 15 agosto, 2019 @ 8:51 am

 

Carissima Mirna,
in questi giorni di inizio agosto permeati di conche di stelle e catini di sole son stata catturata dalla lettura di due libri che mi han offerto un suggestivo sguardo sul mondo.
Nel primo, in particolare,  dal titolo In viaggio con Erodoto”, il giornalista polacco R.Kapuscinski si immerge  nel tema del in viaggio con erodotoviaggio, mosso  da un impulso tale da affermare “il mio massimo desiderio, quello che più mi turbava, tentava ed attraeva era di per sé estremamente modesto: la pura e semplice azione di varcare la frontiera“. Con le Storie dello storico greco in valigia, ogni tappa del  viaggio iniziato nel 1956 in  India,proseguito in Cina, Sudan e Congo sino ad arrivare in Senegal ed in  Iran nel 1979 viene inquadrata dal suo sguardo come da un obiettivo fotografico macro in grado di rendere ogni minimo dettaglio visibile ed evidente, i singoli tocchi di luce nastri della memoria che continua a scorrerci dentro….
E come Kapuscinski trova riflessa  in Erodoto la sua filosofia di pensiero basata sulla curiosità del mondo e sul desiderio di esserci in quanto “il viaggio é la ricchezza, la fonte, il tesoro(…)”, così lo scrittore norvegese E. Kagge nel libro “Il silenzio“afferma “Non sempre posso fare una passeggiata, arrampicare o andar in barca vela. Quindi ho imparato a chiudere fuori il mondo. Ci ho impiegato parecchio tempo. Solo quando ho capito che ho un intimo bisogno di silenzio, ho potuto mettermi alla sua ricerca”.
Nelle sue trentatre variazioni sul tema del silenzio ho visto l’animo del viandante smarrirsi su distese infinite e dominare su terrazze che si aprono al cielo…
Auguro a te e a tutti i lettori tante belle esperienze di viaggio accompagnate da  immersioni in piacevole silenzio, Maria Grazia

No Comments »

IL SEGGIO VACANTE di J.K.Rowling

pubblicato da: Mirna - 12 agosto, 2019 @ 4:13 pm

IMG_20190619_110641Romanzo avvincente e duro dell’autrice di Harry Potter.

Uno sguardo severo sulla società contemporanea inglese – ma non solo – sui rapporti interpersonali, sui rapporti genitori e figli in cui un accentuato individualismo e una subdola competizione fanno nascere rancori, tradimenti, ipocrisie.

Eppure Pagford appare come un ‘idilliaca cittadina  inglese, con la vecchia chiesa, il castello, le verdi colline, i piccoli giardini davanti ai cottages ordinati e fioriti.

Ma tutto non è come appare: dietro le linde tendine accostate covano guerre personali tra genitori e figli,  mogli contro mariti, benestanti contro emarginati.

Ma si salva qualcuno? mi chiedevo. C’è un personaggio verso il quale dirottare la nostra simpatia? Non certo verso Simnon il padre e marito manesco oppure verso Colin pieno di paure ossessive e neppure verso  l’adolescente Ciccio che fa il bullo feroce  contro la mite ragazzina pakistana .

Forse verso la debole psicologa?

Ma è così la realtà? Poco empatica e trincerata in desideri di primeggiare su tutto e tutti?

Una sorta di catarsi finale c’è ma la Rowling non vuole fare la filosofa o la moralista, vuole avvincere il lettore e ci riesce con l’amara descrizione di talune realtà.

Il seggio vacante dopo la morte di un suo membro amato da molti ( e da altri no, ovviamente) fa gola a tutti. E attorno a questo si scateneranno conflitti e risentimenti.

Una lettura per l’estate. Perchè no?

E poi la Rowling si sarà stufata a raccontare di maghi e maghetti dove il Bene trionfa .

 

 

 

No Comments »

LA CORSARA – Ritratto di Natalia Ginzburg – di Sandra Petrignani

pubblicato da: Mirna - 6 agosto, 2019 @ 3:48 pm

CONSIGLI DI LETTURAIMG_20190619_110603

Per chi ha amato come me e come la mia cara amica Giuliana Lessico Famigliare è doveroso  leggere questa esaustiva biografia di Natalia Ginzburg scritta  da Sandra Petrignani.

Sebbene l’opera della Ginzburg sia ampia e diversificta,  la sua essenza, forse, è racchiusa nel suofamosissimo  racconto  Lessico famigliare, appunto,  che parla della  sua famiglia amata-odiata .

Si ride e sorride molto leggendo del loro lessico inventato ad hoc per ogni occasione da tutti i membri della famiglia, soprattutto ci rimane impresso il padre urlante con i suoi sbrodeghezzi e negritudi. Pensiamo alle liti furiose tra fratelli, genitori e sorridiamo ; in realtà ci sono voluti anni affinchè Natalia prendesse le distanze da un’infanzia che soltanto conoscendo un po’ di più la sua vita noi  percepiamo sconsolata, solitaria e piena di paure.

Ce la propone, grazie alla distanza medicamentosa del tempo, con ironia distaccata.

Ma quanto cammino personale e culturale ha fatto questa scrittrice! Quanti incontri, quanto dolore, quanta letteratura.

Sappiamno del breve e intenso matrimonio con Leone Ginzburg, ucciso dai fascisti, dei suoi figli, del secondo matrimonio con Baldini e della nascita dell’amata figlia Susanna menomata gravemente.

Tutti la ricordano come una donna forte, affascinante nella sua coriacea serietà, una donna”giusta” ci dice Rossana Rossanda.

Un grande impegno nella vita.

La chiave segreta e vitale del suo narrare, ci suggerisce  la Petrignani, sta in una scrittura costantemente oscillante fra vocazione autobiografica e sua negazione, trasparenza memorialistica e reticenza.

Sicuramente da leggere questo libro perchè non conosceremo soltanto le opere di una scrittrice, il suo iter lavorativo, i suoi rapporti con Pavese, Primo Levi , Elsa Morante e tanti altri, ma conosceremo una vita importante, un percorso in cui il pensiero cresce, matura e si definisce.

 

 

No Comments »

CRONACHE DI BORZONASCA , ESTATE 2019

pubblicato da: Mirna - 31 luglio, 2019 @ 3:58 pm

I FRAMMENTI DI FELICITA’IMG_20190726_105850

_20190725_093727Cronache di Borzonasca nell’estate 2019

Si sa che in un luogo diverso intorno – che può essere trovato anche dentro di noi – tutto appaia in una luce diversa.

Benvengano dunque i mesi a Borzonasca dove le prospettive pur nella loro essenza immutabile per me cambiano di anno in anno. Io cambio perchè voglio continuare ad essere in divenire e la mia percezione è diversa su accadimenti , cose, persone, animali.

IMG_20190730_144703Girovagando con mio fratello per una Chiavari ventosa e semideserta un pomeriggio di fine luglio ho pensato e detto che in fondo siamo “turisti della vita”.

Condizione privilegiata perchè possiamo sempre meravigliarci di qualcosa forse già visto ma per noi sempre nuovo.

E i portici antichi di Chiavari con le sue colonne nere, una diversa dall’altra ci sono apparse meravigliose di arte e vetustà. Abbiamo respirato tutto : le belle ville con dinnanzi i bergamotti, le focaccerie fragranti sempre aperte, quell’aria di mare che sembra ombreggiare tutto di azzurrino.IMG_20190627_211615

Felicità.

Pomeriggi sulla terrazza vuota di rumori di TV . La consapevolezza di essere vivi e desiderosi di belle parole, sorrisi, progetti. Come non essere felici se nel cielo si scatenano stormi di rondini cantanti? O se Mimilla mi chiama sulla fascia alta per seguire un suo codice di IMG_20190728_104531comportamento ormai consolidato nel tempo?

Io salgo la scaletta che lei sempre guarda dalla porta finestra della cucina – come se fosse il paradiso – apro l’acqua per innaffiare l’ortensia, mi siedo sulla sdraio e ascolto, guardo, assaporo  allori giganti, palma quasi da Martinica, belle di notte che crescono, e uccellini canori, più tortore tubanti (lasciamo però perdere le zanzare!!!). Mimilla è felice ed io lo sono di riflesso. Si siede sul tavolino d’ardesia e sa che in quel momento lei è la Padroncina del regno vegetale di via Marrè IMG_20190715_21084149…gli altri gatti – con me come capo branco – non oseranno avvicinarsi pena una innaffiata…

Mi lascio naufragare in questi piccoli tramonti liguri cosparsi di campane, colori rosa, profumi…sapendo con sollievo che le zanzare andranno senza dubbio a colpire il mio vicino …Sua moglie mi dice che lei non è mai punta, ma le zanzare la seguono in casa…per colpire lui!

Tanto verde nel mio sguardo, tanti ricordi, emozioni, piaceri.

Felicità.

Ieri sul ponte del torrente un bel cagnolone si stava facendo accarezzare la pancia dalla sua Umana… Disteso con nessuna intenzione di muoversi… attacchiamo discorso, naturalmente. Lei mi dice che lui adora stare a Borzonasca perchè è il punto più fresco della vallata e non vorrebbe muoversi per tornare a Chiavari dove attacca briga con i suoi simili!

Certo Borzonasca quieta, con sempre meno negozi, meno abitanti, -persino la piccola comunità albanese è scesa sulla costa – sembra assopirsi e involversi in lontani e passati splendori. Ha dato i natali al celebre linguista Devoto (qui c’è la sua tomba), a musicisti, pittori, a personaggi particolari. Ma gli abitanti non sembrano costernati anzi…la piccola vita di questo borgo prosegue con ritmi lenti, appuntamenti gastronomici, chiacchiere oziose sulle panchine. “Facciamo panchina” si usa dire qui…

IMG_20190628_091539Intanto Borzonasca si trova tra bosco e riviera. Quasi tutti si sentono appagati: possono tuffarsi in mare in 30 minuti, IMG-20190729-WA0012possono passeggiare tra i boschi in 20, 30 minuti.

Come dice Serena, la titolare della famosa pasticceria Macera...che altro volere? Mi trovo in paradiso.

Aria celestiale l’ho trovato due giorni fa a Caregli, sopra Borzonasca. Una passeggiata di poco più di un’ora con Stefania, tra latifoglie, qualche pino, vallate verdi e d’oro. Ortensie blu, e ad un certo punto la vista dell’antica Abbazia di Borzone. Profumi di sole..

Un po’ di origano, mentuccia, fiorellini, timo.

Felicità.

IMG_20190730_122311Anche l’incontro con il cugino toscano che ogni anno viene a trovarmi con la sua Smart gialla è motivo di allegria.

Tutti a Chiavari per l’aperitivo e poi a mangiare pesce buonissimo sotto i portici antichi.

Felicità.

2 Comments »

I CONSIGLI E I SALUTI DI RICCARDO LUCATTI

pubblicato da: Mirna - 29 luglio, 2019 @ 6:39 am
dav

dav

Ciao Mirna, ciao da Riva  del Garda alla Liguria … da Riva i cui primi abitanti furono i Ligures alla Liguria con i Liguri di oggi!

dav
Qui tutto bene, fra mattine di sole e temporali pomeridiani, ora da nord e in questo momento da sud (i più pericolosi, ma siamo in casa!)
Libri.

Io leggo poco, che vuoi sono spesso a pedali, devo recuperare …
Comunque segnalo due libri
1 – “Il regno unito d’Italia (tutta un’altra storia)” –  di De Marchi-Femia, Ed Guidaeditoriil regno unito d'italia
De Marchi è un vecchio amico. Il libro è diviso in due parti:

a) la storia fino alla battaglia del Volturno (dove gli Autori fanno vincere i Borboni) –

b) L’altra storia, cioè l’immaginato Regno Unito d’Italia dopo la vittoria militare del sud sul nord. La particolarità: nel leggere l’organizzazione del Regno, pare di leggere una nuova Utopia, nel senso che con molto buon senso gli Autori hanno espresso la loro sensibilità politica, economica e soprattutto sociale nell’immaginare la nuova organizzazione. Da qui chi vuole può trarre spunti di estrema attualità.
2- Sto leggendo a piccole dosi giornaliere “Congo” di David Van Reybrouck, Feltrinelli ed. , quasi 700 pagine: la tragedia della congocolonizzazione belga del Congo. Attualissimo per comprendere le cause delle migrazioni. Al riguardo ho appena pubblicato un postaltrui circa un atto di razzismo alla …. be’ lasciamo stare “alla chi”, perché ci siamo capiti.
Ecco, la chiudo qui con un abbraccione affettuoso e … salutami la fiumana bella che s’adima fra Chiavari e Siestri!
Riccardo

1 Comment »

CONSIGLI DI LETTURA da Maria Grazia Bertagnolli

pubblicato da: Mirna - 23 luglio, 2019 @ 3:59 pm

Cari amici lettori,

preziosi consigli dalla nostra Maria Grazia:

 
 se una mattina d'erstate unb bambino
Carissima Mirna,
la bellezza nella malinconia dei ricordi e la percezione che la più grande distanza tra due punti non é lo spazio ma il tempo hanno connotato le mie letture in questa prima fase di vacanze….
In “Se una mattina d’estate un bambino- lettera a mio figlio sull’amore per i libri R. Cotroneo scrive
“Spero tu possa aver fortuna di incontrare persone che potranno farti capire che la letteratura, il sogno di cui parleremo in questo libro, non é solo un gioco intellettuale ma é l’unico modo per capire il mondo, l’unico per inforcare le lenti dell’ambiguità, cadute ormai in disuso”.
E come dalla prua di una nave un marinaio evoca i ricordi offrendo la verità sotto il manto piacevole dell’illusione, così il testo teatrale di T. Williams  “Lo zoo di vetro” offre attraverso la figura di una timida e sperduta Laura i sogni fragili della sua condizione di donna negli anni 40 negli Stati Uniti, dedita al suo unico bene rappresentato dagli animaletti di vetro.
“Nessuno sa nulla di se’ prima di agire per impegnarsi totalmente. Non conosciamo la forza del mare finchè non si muove; non conosciamo l’amore prima dell’amore”– così scrive Saramago in “Del resto e di me stesso”che ho percepito come un salto temporale tra la concretezza degli accadimenti presenti nei quarantotto racconti e tutti gli elementi aerei che alimentano un continuo dinamismo interiore.
Quasi a chiudere a cerchio questo viaggio nel tempo si è presentato il romanzo “Zona industriale” di Limonov: con il trascorrere del tempo la periferia moscovita par  sovrapporsi alla sua coscienza di dissidente e fondatore del partito Nazional Bolscevico e come ebbe a dire il poeta argentino BorgesIl tempo e’un cammino da fare a ritroso” lo scrittore entra nelle viscere di quelle strade cogliendo nelle schegge del presente le sue diverse vite: quella letteraria, quella politica, addirittura quella mistica e naturalmente quella privata.
Auguro a te e a tutti gli amici  buona continuazione d’estate tra colori, fragranze e sorrisi,
Maria Grazia

Comments Closed

CRONACHE DI BORZONASCA 2019

pubblicato da: Mirna - 15 luglio, 2019 @ 11:15 am

Oltre Borzonasca

13 luglio 2019

Non ho mai visto farfalle così felici come quelle di questo tardo pomeriggio di luglio, si tuffano tra i fiori di lavanda a piroette , poi IMG_20190619_143013scendono verso di me – che leggo languida sulla sedia a sdraio – per condividere l’ebbrezza.

Sono i  famosi momenti brevi e pieni: the moment of beings di cui parla Virginia Woolf, quegli attimi epifanici in cui ci sente in sintonia con il Creato.

Sono queste farfalle a ventaglio, gialle e arancioni che mi spingono a fermarmi dentro di me e dentro l’estate.

Ma Borzonasca non è soltanto angolo di giardino delineato da lavanda, rosmarino, timo e fiori.

IMG_20190628_204736Sarebbe troppo bello. E letterario.

C’è la realtà.

E questa arriva veloce dal rumore dei vicini – non da quelli angelici che mi regalano zucchine,frutti, e origano, ma da quelli di sotto.

I sub-vicini, come li chiamo io perchè la loro televisione accesa su programmi a quiz, le loro discussioni o telefonate urlanti in una lingua forte e gutturale arrivano in alto nella mia terrazzina spesso nei miei momenti più delicati quando assorta e pensosa guardo le rondini e gli aironi. E sobbalzo.

Posso fuggire sulla fascia più alta dove sono soltanto disturbata dalle zanzare e del cane delle 20.00. Quel cane nervoso che al suonare prolungato delle campane si mette a ululare a perdifiato.

Ma poi, lo sapete già, tutto si stempera nelle serate violette e fresche. I lampioncini si accendono, i profumi si ravvivano, Mimilla va sul tetto dei vicini angelici ed io finalmente riposo.

Qui, dicevo alle mie amiche, mi stanco molto più che a Trento. Non è vacanza, ma cambiamento di routine e un far rivivere e respirare questa casa tanto amata da mio marito.IMG_20160630_182842

_20190620_152013Salgo tante scale, cari amici, in casa, in giardino, fuori casa. Si sa che la Liguria è fatta a terrazze,… e poi guido. Stefania mi ha lasciato l’auto ed io quasi tutte le mattine, se non c’è Grazia che mi invita a scendere a Chiavari o a Lavagna, devo vincere lo stress, e mettermi al volante.

IMG_20190710_101822Una quindicina di chilometri tutti curve, con motorini, biciclette, auto, furgoni…non so mai che marcia tenere, la terza, la quarta…mio fratello che spesso “raccolgo” nel paesino accanto e scende con me al mare dice che talvolta metto la quinta. Poi si è accorto che se sono distratta guido meglio. Quindi mi fa parlare, parlare…

IMG_20190712_100823Riusciamo sempre ad arrivare a Cavi di Lavagna alle 8.30 ed ecco il mare splendido, fresco, avvolgentemente azzurro chiaro  in cui ci tuffiamo immediatamente.

Da una parte Portofino, dall’altra Sestri Levante, siamo nel centro del Golfo del Tigullio.Un paradiso.

Torniamo alla realtà, la spiaggia è piena di sassi e ciottoli, molto belli, ma scomodissimi per le piante dei piedi. Io amo passeggiare ma quando lo faccio mi accorgo che sono sempre obliqua perchè le onde modellano la battigia in diagonale.IMG_20190712_083543

Ma dentro l’acqua con qualche pesce che a volta mi salta intorno sono felice. E se faccio “il morto” allora sono finalmente in pace. Non sento rumori, ma soltanto l’abbraccio del mare._20190712_144517

Elogio del silenzio.

Non penso neppure al ritorno infuocato perchè sono calda di sole, fresca di mare, felice del momento -caffè su nel baretto dagli ombrelloni blu con le frange . Davanti il mare, i piedi nella sabbia e noi che fingiamo d’essere a Cap d’Antibes e parliamo, parliamo.

Tanti accadimenti, luoghi, cose , persone, oltre Borzonasca.

IMG_20190713_140243Stamattina a Chiavari con Grazia per cercare qualcosa al mercato dell’antiquariato: una lattierina Limoge, sfortunatamente senza la s finale, ma deliziosa, bianca a fiorellini rosa…2 Euro. E poi il caffè shakerato alla IMG_20190713_113142Vinaria, dove c’è sempre brezza e atmosfera gioiosa.

Vita pienissima dunque in questa estate…anche troppo perchè alle 22 sono già pronta per andare a dormire.

E non pensiate che Mimilla che sta diventando bulimica non mi dia da fare…praticamente lavo più i piattini e IMG_20190714_193343ciotole per lei che per me…

E poi le prugne che cadono…ieri anche una in testa…ma ve ne parlerò la prossima volta…

Comments Closed

MIDDLE ENGLAND di Jonathan Coe

pubblicato da: Mirna - 5 luglio, 2019 @ 4:16 pm

MIDDLE ENGLAND di Jonathan CoeIMG_20190619_110632

Un romanzo di ampio respiro che ci presenta un’Inghilterra alle prese con i problemi dell’ultimo decennio.

Anni di cambiamento e di tensioni, ma non solo per il Regno Unito tanto che molti accadimenti, riflessioni, prese di posizione diventano un paradigma della nostra Europa alle prese con la paura dell’immigrato, con la paura del futuro e con il timore di perdere privilegi.

Che cosa è successo all’Inghilterra dei miei libri e soprattutto alla swinging London da me vissuta con entusiasmo e spensieratezza quando in questo Paese avevo trovato tutto ciò che mi era congeniale: tradizioni ma novità, tolleranza ma buon senso, gentilezza ironica ma rispetto?

Non più i mitici anni di Mary Quant e dei Beatles, ma gli anni che preluderanno alla complicatissima Brexit.

Jonathan Coe prolifico scrittore ( nato a Birmingham nel 1961) è abilissimo nel presentarci un quadro della vita pubblica e privata (accadimenti di una tipica famiglia delle Midlands inglesi, i Trotter) negli anni che vanno dal 2010 al 2018.

Del pubblico racconta le elezioni del primo governo di coalizione, le rivolte del 2011, i Giochi olimpici del 2012, il tellurico referendum per la Brexit del 2016.

Un avvenimento tellurico non soltanto per gli inglesi ma anche per altri europei che si sentono vacillare in questo contesto politico di chiusura dove sembra che il modello di relazione si basi sull’antagonismo e la competizione, non sulla collaborazione.

middle englandPagine interessantissime in cui ritrovarsi e capire cosa è successo in questo ultimo decennio. I personaggi di Coe sono le voci dei pro e contro Brexit, sebbene ovviamente la maggior parte rimane confusa, arrabbiata per il risultato del referendum dell’incauto Camerun.

I personaggi principali come Sophie e lo zio Benjamin piacciono.

Sophie, politically correct, cerca di essere se stessa senza compromessi, ma alla fine – e qui è il bello del romanzo perchè i nostri personaggi risolveranno una parte della loro vita – riuscirà a trovare una strada equilibrata per la sua vita privata .

E Benjamin, lo scrittore – colui che assomiglia tanto a Coe – non è un fallito come un suo studente lo definisce, bensì una persona saggia, che ha misurato il suo successo e non è venuto mai meno ai suoi valori. Sembra aderire a quel senso intatto del sé che la musica e il paesaggio inglese gli regalano in qualche occasione.

Bellissima la decrizione di quando lui e sua sorella Lois spargono le ceneri dei genitori ascoltando The Lark Ascending.

E altrettantro coinvolgente quando i protagonisti guardano in Tv la spettacolare inaugurazione dei Giochi Olimpici, commovente il senso di appartenenza e di orgoglio per il proprio paese.

Un libro su cui soffermarsi, su cui riflettere…insomma un bellissimo romanzo.

Da leggere

Comments Closed

AL DI LA’ DEI CONFINI e TROPPO FIERA,TROPPO FRAGILE

pubblicato da: Mirna - 2 luglio, 2019 @ 4:59 pm
                                                     Da Maria Grazia Bertagnolli  preziosi consigli di lettura:
 AL DI Là DEI CONFINI
Carissima Mirna,
il mito del viaggio, entrato ormai nel filone dei miei interessi narrativi mi ha fatto scoprire un testo dalle pagine attrattive a metà tra romanzo, saggio e diario di viaggio, curato da E. Follath dal titolo “Al di la’ dei confini”.
Memore che “ non vi è felicità per l’uomo che non viaggia” come ebbe a dire Chatwin, ho voluto dedicarmi alla lettura di un viaggio trentennale nel mondo dell’Islam compiuto in età medievale  dall’avventuriero marocchino Ibn Battuta.
Il passato, la storia paiono uno specchio davanti al quale si profilano presente e futuro sin ad assumere la parvenza per l’avventuriero  di uno Ziggurat,  tenda esposta a continue sfide e a trasferimenti.
Il viaggio iniziante a Tangeri nel 1325 che  si articola in dodici tappe (Il Cairo, Damasco, La Mecca, Shiraz, Dubai, Instanbul, Samarcanda, Delhi, Male’, Giacarta, Hangzhou e Granada) chiede un atteggiamento partecipativo nel vedere e sentire su due piani l’Islam come religione del progresso e della tolleranza nel racconto di Ibn Battuta e come interfaccia attuale di lotte e sfide, narrata TROPPO FIERA , TROPPO FRAGILEdall’autore del libro.
Nel leggere la biografia di Maria Callas dal titolo “Troppo fiera, troppo fragile” curata da A.Signorini ho intrapreso invece un bel viaggio nel colore e nella lirica addentrandomi in un quadro dalle superfici increspate che fa del sentire, del dare, del patire specchio o meglio icona nel più acceso fuoco dell’esistenza. La sua mirabile voce “da capinera”é una luce che trova nell’infinito la sorgente ed attraversa con passo intrepido i sensi per colpire l’anima e trasportare le nostre emozioni……
Buona estate con tante suggestive letture a tutti,
Maria Grazia

1 Comment »

CRONACHE DI BORZONASCA 2019

pubblicato da: Mirna - 27 giugno, 2019 @ 4:14 pm

CRONACHE DI BORZONASCA 2019IMG_20190612_143722

Borzonasca bollente come gran parte dell’Europa.

Ma con angoli di paradiso. Un’enclave in cui si trova sempre un po’ di fresco.IMG_20190620_103354

E’ ormai matematico da secoli che a sera e di primo mattino qui in estate c’è fresco, talvolta molto fresco.

Spesso occorre un golfino. E siamo soltanto a 200 mt sul livello del mare.IMG_20190626_140125

Come mai?

Perchè ci sono due corsi d’acqua e tanto verde e lungo la valle dell’Aveto spirano venticelli profumati.

Nelle ore centrali del giorno sto al piano di sotto a leggere o a cucinare qualche dolcetto con i frutti degli orti.

IMG_20190626_135851Non superiamo mai i 25 gradi.

E a sera quando le rondini volano felici e gli aironi si staccano dal fiume per fare un giretto alto nel cielo gridando allora esco in terrazza e poi nel giardino a fasce.IMG_20190614_100926

In questo giugno assolato e caldo mi sento bene : abbronzata dalle mattinate in spiaggia, di buon umore per i giretti a Chiavari o a Lavagna con Grazia o _20190624_173501mio fratello, per la focaccia che intingo con IMG_20190622_133759voluttà nel cappuccino! Per i piccoli progetti a venire. (Forse la linea è penalizzata…ma faccio tanti movimenti su e giù per le scalette del giardino che mi sento a posto con la coscienza.)

IMG_20190616_085753E poi all’imbrunire in queste giornate ancora lunghe i piaceri arrivano insieme, non solo garriti e cinguettii e campane festose, ma profumo intenso di tigli che ti inebriano e ti stremano , gelsomini che sembrano parlare, basilico che rimanda il suo profumo di verde e di sole, e poi….le lucciole. Tra il glicine e il pruno, tra gli amareni e le rose. E le piccole lanterne che assorbono la luce del sole all’ apparire dell’ombre serotine si illuminano delicatamente.

Insomma una fiaba!_20190620_152013

Mi mancano fate ed elfi.

Questa è la parte poetica…poi c’è la prosa.

I frutti con i quali fare marmellate (5 vasetti di marmellata di amarene),OTTIMA.

Tutti i regali dei vicini angioletti custodi: insalata, zucchine, prugne… innaffiare, pulire la scaletta, seguire Mimilla che mi vuole sempre accanto soprattutto se qualche gatto azzarda attraversare il nostro spazio.

E poi formiche a volontà, qualche calabrone, e un serpentello che voleva entrare in casa perchè fuori aveva troppo caldo. “E’ un orbettino” ha sentenziato il vicino che mi regala anche timo e salvia.

Dunque, cari amici, inizia un’altra estate a Borzonasca, un po’ ripetitiva, ma ogni momento è così intenso che sembra sempre diverso.

IMG_20190627_175530Mi incanto ad ammirare per esempio dalla poltroncina accanto alla portafinestra il cespuglio rigoglioso di lavanda: certe farfalle straordinarie ci danzano sopra!

Colorate, a forma di ventaglio.

Mi sento come loro:  nel momento leggero, dentro l’estate.

Alla prossima…

 

 

 

 

3 Comments »



Pagina 1 di 10312345...102030...Ultima »