IL RUMORE DEL TEMPO di Julian Barnes

pubblicato da: Mirna - 19 aprile, 2018 @ 7:10 am
dav

dav

Incollo gli appunti di lettura che Maria Grazia, “assente giustificata! al  nostro LibrIncontri ci ha inviato:il rumore del tempo

“Carissima Mirna,

con piacere ti invio una breve nota informativa relativa le mie recenti letture…Terminato il romanzo dal titolo ‘Un gentiluomo a Mosca” ho voluto rimanere nella cornice russa accostando l’opera di Julian Barnes dal titolo” Il rumore del tempo”sulla vita da artista, ovvero da intellettuale di Dmitri Sostakovich nell’Unione sovietica di Stalin, e poi di Crushev, e poi di Breznev .
Il ritratto che tratteggia Julian Barnes è quello di una persona tormentata, costantemente incerta sulla strada da percorrere; seguire il suo destino di intellettuale, con tutta la solitudine e il dolore che comporta, o accettare i compromessi della vita reale?
Sotto il governo stalinista una tale alternativa non esisteva.
Barnes è molto abile a farci cogliere il terrore per il futuro.Ma Dmitri aveva, per sua fortuna, la musica. Una musica come scopo irrinunciabile che, gradualmente, lottando e cedendo al regime, riesce ad elevare.
Sostakovich vorrebbe un mondo più regolare, più sensato, più affine alla sua musica. Rifiuta il cinismo e rifiuta la stupidità, ma non è possibile restare fermi mentre la storia scorre. E Sostakovich la sente scorrere, ne sente il suono, la sua musicalità: il rumore del tempo.
J. Barnes scrive a pg 131-132: ‘ Che cosa poteva contrapporre al rumore del tempo? Solo la musica che viene da dentro-la musica del nostro essere che alcuni sanno trasformare in musica reale.E che se nei decenni a venire sara’abbastanza forte e pura e autentica da annegare il rumore del tempo, si trasformera’ nel mormorio della storia. Ecco si aggrappava a questo’.
Ora sto leggendo invece il bellissimo romanzo russo di Gogol, ‘Anime morte’, una  denuncia della mediocrita’ umana ove il termine’anime’durante l’impero russo designava i servi della gleba maschi.

 
Buon incontro per domani, un abbraccio caro, Maria Grazia”
Gli altri consigli nei prossimi post. 

No Comments »

FRED VARGAS ed altri consigli

pubblicato da: Mirna - 7 aprile, 2018 @ 4:37 pm

il baco della reclusaIL MORSO DELLA RECLUSA di Fred Vargas è il solito avvincente thriller che la scrittrice francese, archeologa e medievista, ci regala ogni due anni circa.

Senza mai deluderci. Soprattutto se le indagini le conduce il commissario Adamsberg, soprannominato “spalatore di nuvole” perchè le sue intuizioni sempre azzeccate cominciano come proto-pensieri per poi perdersi e ritrovarsi tra la  nebbia.

Potete immaginare dunque che oltre all’interesse per la trama – sempre originale e spesso con  con agganci  alla storia medioevale – viene sollecitato in noi la curiosità per i percorsi mentali assai tortuosi del commissario.

Come in questo caso: perchè mentre sta concludendo un’indagine per omicidio  egli viene distratto e preso completamente da alcuni casi di avvelenamento di alcuni ultraottantenni da parte  di ragni violino, detti recluse?  Se all’inizio tutto sembra senza senso lentamente attraverso le sue bolle di pensiero che vagano di qua e di la si arriva ad una storia interessantissima che si collega ad un orfanotrofio ed ad una banda di ragazzini terribili che molestavano e ferivano i compagni.  Ma anche ai casi di donne che si rinchiudevano in piccionaie per vivere di carità, nei pressi di Lourdes.

Proprio Adamsberg rintraccia nel suo inconscio grazie au un amico psicoanalista ( che si chiama Martin-Pescatore !) il ricordo di una  donna reclusa che lo aveva spaventato quando bambino con la mamma era andato alla sua casupola per lasciare un’offerta. Sono esistite veramente queste recluse volontarie, poi liberate dalle autorità.

Altri personaggi particolarissimi fanno da corollario a questo detective: tutti divertenti, persino il gatto del commissariato che sta sempre sulla fotocopiatrice e mangia soltanto se lo portano in braccio  fino alla sua ciotola.

“Nebbioso, beccheggiante, indolente. Sempre perso nelle sue vaghezze. E’ il commissario Adamsberg, capo dell’Anticrimine al tredicesimo arrondissement parigino”

Per me una gioia.

Ai nostri LibrIncontri emergono però tantissimi altri titoli che voglio trascrivervi. Tutti consigliatissimi dai partecipanti

dav

dav

IMG_20180328_171655Un gentiluomo a Mosca” di Amor Towles.

1948. Attentato a Togliatti di Avagliano Palmieri

Sorgo rosso di Moyan

L’uomo che cadde sulla terra di Walter Tevis

Testimone inconsapevole di Gianrico Carofiglio

Accendimi di  Marco Presta

Nessuno può volare di Simonetta Agnello Hornby

Amore del paesaggio di Vittorio Lingiardi

e tanto tanto altro ancora…

No Comments »

Che cosa leggevano i nostri genitori?

pubblicato da: Mirna - 28 marzo, 2018 @ 12:39 pm

IMG_20180201_111015Durante le nostre riunioni di lettura – il famoso LibrIncontri – ci siamo chiesti di quali libri avevamo sentito parlare in casa. Che cosa leggevano i nostri genitori?

Sono partita dagli appunti di mio padre, Marino Moretti -omonimo del poeta –  che mi hanno fatto ricordare quanto egli amasse alcuni grandi scrittori.

Ho trovato un piccolo blocchetto dal quale posso ricopiare di sana pianta quello che egli  scrisse forse pochi anni prima di IMG_20180328_122458morire:

Emilio Salgari, “I tre boys scouts”, “Nik Carter”, “Nat Pinkerton”. Queste sono state le prime letture della mia adolescenza.

Sandokan e i suoi amici mi facevano sognare di viaggi misteriosi nelle isole del Golfo del Bengala e dell’Arcipelago della Sonda.

A 15 anni accantonai definitivamente questo tipo di romanzo perchè il mio interesse si era rivolto verso i grandi scrittori quali

Dostojevskij, Zola, Hugo, London.

Del primo ricordo che una sera alle 22 iniziai a leggere Delitto e castigo e continuai fino all’alba:  sette ore di lettura continua. .

Poi I fratelli Karamazov, Il Giocatore, l’Idiota.

Di Emile Zola lessi La bestia umana: la trama era talmente complessa e avvincente che in una  notte me lo lessi tutto.. .Purtroppo ho smarrito questo libro e non sono più riuscito a rintracciarlo. Di Zola lessi poi Nanà Teresa Raquin, anch’essi validissimi ma a parer mio non come La bestia umana.

I Miserabili di Victor Hugo, nonostante la mia giovane età, incisero profondamente il mio essere in quanto mi resi conto che un uomo che aveva commesso un reato può trovare la forza per redimersi. Ed anche il mio giudizio divenne meno intransigente.

Di Jack London lessi subito Zanna Bianca ma quando conobbi Martin Eden ritenni quest’ultimo molto superiore al tanto declamato Zanna Bianca.”

Mia madre Maria invece leggeva generalmente soltanto di sera a letto e solamente libri gialli:  Agatha Christie, Rex Stout e Ellery Queen ecc. Diceva che i delitti le conciliavano il sonno.

Anche Maria Teresa dedica ora qualche riga a quel che ricorda delle letture dei suoi  genitori.dicembre-2016-008

Mio padre, che era laureato in economia e commercio ma aveva l’animo del linguista, amava leggere libri ed articoli giornalistici di Aldo Gabrielli o Paolo Monelli i, e forse altri linguisti che io non ricordo. Godeva proprio nell’immergersi tra le parole e le storie di parole. Amava anche le lingue straniere e, pur avendone studiate tre (inglese, francese e spagnolo), i primi tempi delle scuole medie di noi figli si era messo in testa di seguire anche il nostro tedesco! Ma non è andato molto avanti. Era un tipo assai riservato e non parlava molto. Amava l’umorismo composto di stile anglosassone e leggeva i libri di P.G. Wodehouse, che abbiamo letto anche noi figli. C’era da sbellicarsi dalle risate, senza mai neppure la minima ombra di volgarità.

La mia mamma, che era maestra, adorava i romanzi di Bruce Marshall, che ho in parte letto anch’io. E pensa che questi sono poi stati scoperti anche da Valentina, che ha requisito quelli di casa delle nonna e se n’è procurati anche altri! Mio padre ad ogni ricorrenza gliene regalava uno. Anche qui c’è un umorismo assai composto. A mia mamma piaceva perché questo Marshall, pur inglese, era vissuto moltissimo in Francia e lì aveva ambientato i suoi romanzi. Lei come lingua straniera aveva studiato proprio il francese ed aveva anche iniziato l’università di Ca’ Foscari a Venezia per laurearsi in francese, appunto. Poi guerra, matrimonio e noi figli l’hanno costretta a lasciar perdere. Sicuramente le piacevano altri libri con storie delicate: ricordo che aveva letto IL CUCCIOLO e IL PICCOLO PRINCIPE. Altro al momento non mi viene in mente”

Aspettiamo i vostri ricordi…

3 Comments »

PARLARNE TRA AMICI di Sally Rooney, ed.Einaudi

pubblicato da: Mirna - 21 marzo, 2018 @ 5:22 pm

parlarne tra amiciCon uno stile impeccabile Sally Rooney ci porta in una Dublino intellettuale e cool dove  le Conversations with friends sono parti fondamentali della vita.

Reading di poesie, pubblicazioni di libri, eventi culturali sono gli ambienti in cui Frances, la protagonista, si aggira per cercare la sua dimensione.

E’ dunque questo  un romanzo di formazione.

Ha 21 anni, come la Emma di Austen che pure in altri secoli voleva crescere ed essere approvata.

Tutto è diverso naturalmente ai giorni nostri, più trasgressioni e più trasparenza di desideri.  E una grande insicurezza che un grande acume non riesce a togliere.

Frances sperimenta la vita, studia, scrive,  vive con passione il primo amore con l’amica del cuore, poi con Nick sposato con una scrittrice. E cerca di fare i conti con se stessa, con il suo corpo, con la sua famiglia, le sue debolezze, le sue malinconie.

E’ già indipendente, così giovane (come l’autrice) , non vorrebbe pesare a nessuno, ma in questi tempi inquieti vorrebbe capire che cosa vuole, chi e che cosa ama veramente.

Le conversazioni dal vivo o su chat sono preziose: si parla di amicizia, di sesso, di letteratura, di politica e naturalmente di se stessi.

Un vero godimento per i lettori che hanno amato la Byatt e che amano assaporare ogni parola ed ogni pensiero che si cela dietro di  esso.

Una grande forze e una grande maturità nello scavo psicologico dei quattro principali personaggi: Frances, l’io narrante, la sua amica del cuore Bobby, Nick il bellissimo e fragile attore in crisi sposato con Melissa.

Un’ antieroina modernissima piena di contraddizioni e debolezze, ingenua e matura, troppo intelligente e troppo sensibile.

Un romanzo intellettuale e ardente, da leggere con calma.

Romanzo d’esordio della giovane Sally Rooney, ma già diventato un evento tra gli editori.sally rooney

” Il romanzo osserva quella relazione crescere e calare e crescere ancora, come una marea determinata dal gioco delle insicurezze incrociate dei vari personaggi. Frances ne fa la cronaca con una precisione al contempo chirurgica e immatura, cominciando a rivolgere all’esterno un istinto analitico finora esercitato solo su se stessa. Nel corso di questo processo metterà a fuoco gli altri, e il suo posto fra loro, e infine un’immagine più solida e realistica di sé, in quella che è a tutti gli effetti una seconda maturazione: un nuovo ingresso nell’età adulta.”

 

 

 

1 Comment »

LA STOFFA DELLE DONNE di Laura Colosso

pubblicato da: Mirna - 17 marzo, 2018 @ 7:00 am

Eh, sì, ancora un romanzo femminile. Ma questa volta italiano.la stoffa delle donne

L’autrice Laura Colosso è piemontese . Scrive in maniera chiara e veloce per trasmettere una situazione esistenziale ansiogena e infelice.

Teresa Guerrini ha poco più di quarabnt’anni, marito, due figli adolescenti e un lavoro che si deve tener stretto pur disprezzandolo.

Il marito “assente” preso da una passione per ricerche mistiche, i figli disattenti ed esigenti che sembra non comunichino con lei.

Il lavoro in un laboratorio chimico la fa star male perchè ormai deve falsificare e certificare gli esiti, nascondendo la presenza di nocive sostanze chimiche nei tessuti.

Che cosa fa andare in tilt una persona? La famosa goccia che fa traboccare il vaso. Forse tornare a casa dal lavoro vedere amici del marito, figli che aspettano lei per cenare ed addirittura scegliere piatti diversi. E trovare un’enorme bolletta telefonica…

Esce nella serata di pioggia con pochi soldi , le ciabatte di panno ai piedi e si ritrova all’aeroporto.

Il volo meno costoso? Per Amsterdam.

E poi? Pioggia, stordimento, freddo, tristezza. Pensieri vorticosi.

Un piccolo albergo dove potrebbe permettersi di trascorrere una notte diventa la sua ancora di salvezza. Grazie soprattutto a un gentile pakistano che le presta attenzione.

Pochi giorni in Olanda per capire che bisogna combattere, avere la forza di cambiare se stessi e di modificare il rapporto con gli altri.

Momenti salutari e salvifici che ognuno di noi dovrebbe sempre avere, senza aspettare che sia troppo tardi.

 

 

Comments Closed

Pensando a Giuliana

pubblicato da: Mirna - 8 marzo, 2018 @ 1:10 pm

Maggio 2015 Cafè e Venezia 012Sì, lo ammetto da sabato 3 marzo io e  Guerrina non facciamo che pensare a lei.

Al momento dell’incidente, ai suoi gatti, ma soprattutto a ciò che lei era per noi.

Abbiamo festeggiato i cinquant’anni della nostra conoscenza a casa mia, lo scorso Natale.

Quanto è stato difficile convincerle. Ma ce l’abbiamo fatta.verso Natale 2017 003

Tre giorni di ricordi, propositi, risate, affetto.

Come si fa a parlare della tua più cara amica senza cadere nella retorica?

Ci provo.

Il vuoto che sento, il dolore conficcato nello stomaco, mi fanno capire quanto la nostra vita pur a distanza di chilometri e scelta di vita andasse però con un passo condiviso, complice, compreso .

fasching 009Stavo cercando di scrivere i ricordi dei nostri anni all’estero (noi tre ragazze appena ventenni alle prese con la Londra dei Beatles e poi della Monaco bavarese piena di feste), ma proprio Giuliana la voleva più divertente,  avrei dovuto  raccontarla – diceva lei –  come fa Jerome con i suoi Tre uomini in barca.

Tre ragazze alla scoperta della propria identità, dell’avventura, della vita. Ne ho parlato spesso in questo blog.

Filippi 003Un incontro decisivo il nostro.

Ci siamo “riconosciute” e  nello stesso tempo siamo cresciute insieme.

Stesse curiosità, stesso sense of humour, stessa voglia di leggerezza e amore per la vita.

Avrei voluto che si imbarcasse con me e con Guerrina sulle navi da crociera, che riprendesse gli studi –  e per un po’ ci ha provato – ma lei preferiva la moda, la sua boutique e il mare di Grado.

Venezia novembre 2013 019Ma ogni giorno ci raccontavamo gli eventi del mondo e i nostri accadimenti quotidiani.

Sempre camminando insieme.

E incontri nel Friuli, nelle sue terre amate. Grado, Trieste, Venezia, Cividale, la sua bellissima Aquileia.

E poi i GATTI:

Sì, lei diceva, “Sono una Gattara. E allora? “.P1000879

E’ lei che mi ha portato Mimilla in giornata: Aquileia-Trento-Aquileia sotto aquileia 30 maggio 2010 006la pioggia battente  pur di salvare questo esserino nero che era stato abbandonato in quei campi impervi dove lei ha perso la vita proprio  per aiutare altri gattini tremanti di freddo e di fame.

Io sono certa che lei stesa fosse un GATTO.

I suoi occhi verdi avevano  sguardo sornione  che oltrepassava il mondo contingente  per giungere a una visione più completa ed illuminata.

Era una persona eccezionale e spero non solo per me,  per Guerrina e per Stefania e Paolo.

Friuli, otobre 2014 012Un grande vuoto: lei ascoltava, ti guardava, pensava.

Con lei non potevi sentirti sola.

Una saggezza antica, un’empatia immediata.

Un certo non so che .

Una persona preziosa, un’amica ineguagliabile.

 

 

6 Comments »

Giuliana for ever

pubblicato da: Mirna - 6 marzo, 2018 @ 9:03 am

G. mi racconta che sulla Giulia Augusta dove abita  passano frotte di marocchini che vendono oggetti vari . La strada è l’antica via romana che ora arriva fino a Grado attraversando lagune azzurre e gabbiani in volo.

aquileia 30 maggio 2010 006La casa di G. dà sul retro su campi di fiori gialli di colza o pannocchie di mais o soia,  a seconda della rotazione agricola  del suo vicino.

Ma sul davanti ha la trafficata Giulia Augusta.

Abitando al pian terreno e tenendo spesso la porta aperta per lasciare entrare e uscire i suo tre gatti:  due neri e muti – Paolo e Giulio, una bianca fine estate 2016 + Giuly 052ciarliera e manesca, Toby – succede che talvolta entri qualche sconosciuto.

Inutile dirle di stare attenta.

Lei risponde “Ma chi vuoi che voglia rubare? Non ho niente! Soltanto cose per i gatti e altre piuttosto vetuste.”

Intanto l’altro giorno un marocchino è entrato con addosso  parecchie scope da vendere.

Alto, alto e magro, magro  proprio come le sue scope.

Naturalmente la mia amica  gli dice

” Come vedi non mi serve nulla e non posso comprare niente per ora. Fra l’altro sono piena di scope”

E lui ribatte “Ma io ho fame”

Che dovevo fare?” mi racconta lei “dar da mangiare agli affamati”

Gli offre del tonno con fagioli, ma lui pretende tonno con i piselli. Gli prospetta  anche  la maionese , ma lui sospettoso  dice di no, non si sa mai che dentro ci sia del maiale!

“Ma come fai ad essere così incosciente?le chiedo.

Seraficamente lei risponde che lui era mite e  magro. Naturalmente dopo averlo  fatto sedere al tavolo della cucina gli  ha posto tante domande.

“E’ di Marrakesch . ” sottolinea per avvalorare che uno nato in  quel bel posto non poteva far nulla di male.

fine estate 2016 + Giuly 009Con G. sono sempre preoccupata per la sua  incolumità. Non solo per episodi come questo, ma per tante altre circostanze della sua vita poliedrica.

Elegante direttrice di boutique ora in pensione,  perfetta conoscitrice della lingua inglese,” gattara” a tempo pienissimo,   ora lei  si prodiga  per tutti i felini del Friuli che fa sterilizzare in massa ( e per questo le sue sostanze sono spesso esigue), ad amica di persone dei più svariati ceti sociali: importanti avvocati, artisti, signore viennesi in ritiro in ville con giardino alla Monet, a guardie forestali che la “monitorano” quando di notte va a sfamare i gatti randagi, a uno zingaro gentile   che l’aiuta a sistemare la roulotte per i gatti.

Però:

perchè  deve andare di notte a prendere pezzi di acacia caduta per caso nel bosco  o legna già tagliata in un casolare abbandonato? E perchè, come l’altra sera quando furtiva raccoglieva ciocchi per la sua stufa (per  Paolo – uno dei due gatti muti-  che  vuole stare dentro al forno della cucina IMG_20170512_104138economica!) cade tra l’edera che le avvinghia le caviglie… e non si rompe mai nulla?

Santi protettori degli amanti dei felini?

 

Giuliana se ne è andata proprio “lavorando sul campo” per i suoi AMATI.

IL VUOTO INCOLMABILE

2 Comments »

PATRIA di Fernando Aramburu, ed.Guanda

pubblicato da: Mirna - 20 febbraio, 2018 @ 2:06 pm

Da leggere sicuramente questo grande affresco della lotta rivoluzionaria basca.shopping

Non solo ne ripercorriamo la storia recente ma entriamo nel sangue e nelle ossa delle persone comuni: quelle che credevano in una patria indipendente e si affidano ciecamente al terrorismo dell’ETA, sia in quelli che vorrebbero vivere in armonia con tutti pur conservando lingua, tradizioni, usi.

E la macro-storia va in parallelo con la micro- storia di persone che vivono nel  paesino basco vicino a San Sebastian.
Che cosa succede quando due famiglie unite da legami di affetto e amicizia vengono divise  da un’ideologia esaltata ?

Un dramma.

Entriamo nella famiglia di Taxto, Bittori e i loro figli Nerea e Xabier- Una famiglia benestante. Taxto è un piccolo imprenditore che ad un certo punto rifiuta di pagare l’ETA.

Lui si sente basco, ma vuole vivere in pace.

E’ amico di  Joxian con il quale va spesso a pedalare. Sono veri amici come lo sono le rispettive  mogli Bittori e Mirren. E come lo sono i figli .

I figli di Joxian e Mirren sono tre, una femmina e due maschi. Fra questi Joxe Mari diventerà un appassionato e duro membro dell’ETA.

Ci sono attentati, omicidi , arresti, tortura.

Un giorno Taxto viene assassinato.

Da chi?

Un giorno Josè Mari viene arrestato.

Certamente ormai le due famiglie non sono più  amiche, ma con molti rimpianti e domande penose  da parte di alcuni di loro.

Fernando Arambu ha un’abilità straordinaria nel raccontarci la vita di tutti questi personaggi, i loro stati d’animo, il loro percorso di comprensione e forse perdono vissuto  insieme al momento di riappacificazione storica e politica.

Con uno stile avvincente  e con molti  flash back della vita di ogni  protagonista  veniamo coinvolti dai più disparati sentimenti resi più forti dalle circostanze drammatiche del periodo.

Da leggere

 

 

 

3 Comments »

ESTASI CULINARIE di Muriel Barbery

pubblicato da: Mirna - 14 febbraio, 2018 @ 10:31 am

Della stessa autrice del famoso L’eleganza del riccio anche questo racconto ci prenderà e incuriosirà.estasi culinarie

Siamo sempre nello stesso elegante palazzo di Rue de Grenelle dove ancora la portinaia-lettrice, Renée pulisce, lucida, spazza  e osserva con severità e compatimento  tutti i comportamenti alteri dei ricchi e privilegiati  condomini, quasi tutti pieni di boria.

Anche il grande monsieur Arthens, – già incontrato  nell’Eleganza del Riccio – abita lì,  ma sta per morire.

E’ il più famoso critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione e nelle sue ultime ore di vita ripensa al suo passato e sorattutto sta ricercando affannosamente un sapore primordiale e sublime provato in qualche momento speciale. Ma quale? Lo vuole, vuole riportare nella sua bocca ,prima del trapasso, il Sapore per eccellenza.

Inizia così un percorso a ritroso della sua carriera dove piatti magnifici serviti in luoghi incantevoli gli fanno sempre sperare di aver trovato quel sapore, forse il bandolo della matassa che l’ha portato ad essere così bravo, forse il simbolo della sua essenza.

Menecmi e Restart febbr 17 028Bellissime descrizioni di cibi esotici, nazionali, semplici o elaborati.  Ogni sapore rievoca un pezzo della sua vita. Come quello di un pomodoro caldo appena colto,  o le sardine alla griglia, le ostriche, sorbetti, le corna di gazzella (biscotti marocchini  alle mandorle – primo dono di mio marito a Marrakesch )

Tutto il mondo culinario e familiare  girava intorno a lui, questo genio  egoista, prepotente, amato e odiato.

Moglie bella e decorativa che lo ama pur soffrendo. I figli poco stimati che avrebbero voluto più attenzione.

Lui, il grande assaggiatore di vita, è il centro di se stesso. E come tale riporta ogni sensazione a lui e solo a lui.

Ed ora in punto di morte vuole assolutamente ritrovare il sapore dell’infanzia, della prima giovinezza, quel sapore che l’aveva incatenato per sempre al volere delle sue papille gustative.

E ci riuscirà…con una sorpresa …

Comments Closed

CONSIGLI DI LETTURA …FRESCHI, FRESCHI

pubblicato da: Mirna - 1 febbraio, 2018 @ 11:55 am

IMG_20180201_111015LibrIncontri.

Ci ritroviamo ieri pomeriggio al solito caffè, nell’intimo anfratto dalle sedie rosse. Ognuno ha portato un libro o alcuni appunti per parlare di ciò che ha letto con interesse.

Giovanni ci parla dall’ultimo libro di Corrado Augiascorrado augias

“Questa nostra Italia. Luoghi del cuore e della memoria”

“Ci si muove in lungo e in largo per la penisola, dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, transitando per Bologna dove il Nord incontra il Sud, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo, alle porte di un’altra civiltà con cui da sempre abbiamo dialogato. Ma c’è anche l’Italia di provincia, c’è la Recanati di Giacomo Leopardi, ispiratore e guida in un itinerario che segue le tracce del suo “Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl’Italiani”. Si incontrano le testimonianze di grandi scrittori e poeti che all’Italia come nazione hanno dato volto, carattere e lingua prima ancora che esistesse uno Stato. Ciò che resta alla fine del viaggio è una sensazione di sorpresa: la scoperta di aspetti che riflettono un paese diviso ma ricco di enormi potenzialità alle quali raramente accade di pensare.”

Parliamo molto di libri e pezzi teatrali riguardanti la Patria, la Heimat citando Eredità di Lilli Gruber  e la questione altoatesina.

Non si poteva non ricordare i libri sulla Shoa come La via segreta dei nazisti e tanti altri.

Ma rimanendo in tema di patria , Enza ci consiglia un romanzo ambientato ai tempi più duri dell’Eta. ”

shoppingPatria

di Fernando Aramburu

“Con la forza della letteratura, Fernando Aramburu ha saputo raccontare una comunità lacerata dal fanatismo, e allo stesso tempo scrivere una storia di gente comune, di affetti, di amicizie, di sentimenti feriti: un romanzo da accostare ai grandi modelli narrativi che hanno fatto dell’universo famiglia il fulcro morale, il centro vitale della loro trama.”  

Daria ha letto il bellissimo romanzo di Yeshua Il signor Mani

Si snoda in cinque dialoghi a volte con parti mancanti perchè parte della conversazione è fatta al telefono. Sta al lettore agire, diventare attivo e partecipare al detto e al non detto.

Ci sono tanti signor Mani in questa saga familiare che racconta di cinque generazioni di ebrei: dal patriarca Abraham vissuto ad Atene nella metà dell’Ottocento al giovane soldato Efraim che combatte in Libano nei primi anni Ottanta. Attraversiamo così due secoli di storia ebraica ed insieme ai protagonisti ci poniamo il quesito se un uomo può spezzare la catena che lo lega al passato e al futuro o ancora se si può annullare la propria identità. Lo lessi tanti anni fa, ma val la pena di rileggerlo .

Carla consiglia L’incredibile cena dei fisici quantistici di Gabriella Greison

lìincredibile cena“…racconta i fatti inediti, sconosciuti, segreti della cena avvenuta tra i fisici che hanno fatto nascere la fisica quantistica nel 1927, a Bruxelles, la sera del 29 ottobre, subito dopo avere scattato la famosa fotografia a Leopold Park, in cui erano ritratti in un solo posto 29 personaggi, 17 erano o sarebbero diventati dei premi Nobel, nel più grande ritrovo di cervelli che la storia ricordi. C’erano Einstein, Schrodinger, Marie Curie, Heisenberg, Planck, Lorentz, Niels Bohr, Dirac, Pauli, e tanti altri. Gabriella Greison ha ricostruito i dialoghi, i battibecchi, le litigate, ha tradotto lettere, resoconti, ha fatto due anni di ricerche a Bruxelles, tradotto resoconti dai faldoni…e questa è l’unica e sola ricostruzione della cena dei fisici avvenuta alla Taverne Royale di Bruxelles, quel 29 ottobre 1927.”

Sicuramente consigli preziosi. Aspetto eventuali altri titoli…

La bellissima e dolce Maria Grazia  aggiunge i suoi consigli:gruppo lettura 22.2.17 001

“Carissima Mirna, un lieto pomeriggio a te scusandomi per la fretta nel congedarmi ieri da te e dai lettori. Ecco ti scrivo quanto avrei voluto raccontare…Per un viaggio culturale a Venezia ho trovato nella mia libreria ‘Venezia e’un pesce’ di Tiziano Scarpa che mi ha condotto lungo la piacevole esperienza sensoriale di una Venezia esperita dai piedi, agognata e bramata dal cuore verso una antologia di testi letterari aventi come oggetto la citta’.

Parallelamente ad essa ho letto “Finestre sul Canal Grande’ di A. Russolo anche esso di ambientazione veneziana in cui due uomini siciliani ricercano luoghi conosciuti durante l’adolescenza. L’atmosfera narrativa si e’rivelata talora onirica ed avvolgente.

Ora sto leggendo altri due libri: quello di M.Mazzucco,Io sono con te-storia di Brigitte’ incentrata sulla figura di una donna congolese costretta a vivere in condizioni poverissime in anfratti di una stazione romana.. e quello di Carrere Il Regno’, una ricostruzione storica con molte riflessioni morali e politiche e un buono scavo interiore sulle origini del Cristianesimo, in particolare la figura e l’apostolato di Paolo e le prime comunita’ da lui fondate. Vi son nel testo anche riferimenti personali alla sua giovinezza inquieta, anticonformista e cinica, alla conversione alla fede durata tre anni dal 1990 al 1993, alla rimozione di quel periodo. Lettura questa impegnativa ma davvero coinvolgente.

 

1 Comment »



Pagina 1 di 9612345...102030...Ultima »