PARLARNE TRA AMICI di Sally Rooney, ed.Einaudi

pubblicato da: Mirna - 21 marzo, 2018 @ 5:22 pm

parlarne tra amiciCon uno stile impeccabile Sally Rooney ci porta in una Dublino intellettuale e cool dove  le Conversations with friends sono parti fondamentali della vita.

Reading di poesie, pubblicazioni di libri, eventi culturali sono gli ambienti in cui Frances, la protagonista, si aggira per cercare la sua dimensione.

E’ dunque questo  un romanzo di formazione.

Ha 21 anni, come la Emma di Austen che pure in altri secoli voleva crescere ed essere approvata.

Tutto è diverso naturalmente ai giorni nostri, più trasgressioni e più trasparenza di desideri.  E una grande insicurezza che un grande acume non riesce a togliere.

Frances sperimenta la vita, studia, scrive,  vive con passione il primo amore con l’amica del cuore, poi con Nick sposato con una scrittrice. E cerca di fare i conti con se stessa, con il suo corpo, con la sua famiglia, le sue debolezze, le sue malinconie.

E’ già indipendente, così giovane (come l’autrice) , non vorrebbe pesare a nessuno, ma in questi tempi inquieti vorrebbe capire che cosa vuole, chi e che cosa ama veramente.

Le conversazioni dal vivo o su chat sono preziose: si parla di amicizia, di sesso, di letteratura, di politica e naturalmente di se stessi.

Un vero godimento per i lettori che hanno amato la Byatt e che amano assaporare ogni parola ed ogni pensiero che si cela dietro di  esso.

Una grande forze e una grande maturità nello scavo psicologico dei quattro principali personaggi: Frances, l’io narrante, la sua amica del cuore Bobby, Nick il bellissimo e fragile attore in crisi sposato con Melissa.

Un’ antieroina modernissima piena di contraddizioni e debolezze, ingenua e matura, troppo intelligente e troppo sensibile.

Un romanzo intellettuale e ardente, da leggere con calma.

Romanzo d’esordio della giovane Sally Rooney, ma già diventato un evento tra gli editori.sally rooney

” Il romanzo osserva quella relazione crescere e calare e crescere ancora, come una marea determinata dal gioco delle insicurezze incrociate dei vari personaggi. Frances ne fa la cronaca con una precisione al contempo chirurgica e immatura, cominciando a rivolgere all’esterno un istinto analitico finora esercitato solo su se stessa. Nel corso di questo processo metterà a fuoco gli altri, e il suo posto fra loro, e infine un’immagine più solida e realistica di sé, in quella che è a tutti gli effetti una seconda maturazione: un nuovo ingresso nell’età adulta.”

 

 

 

1 Comment »

LA STOFFA DELLE DONNE di Laura Colosso

pubblicato da: Mirna - 17 marzo, 2018 @ 7:00 am

Eh, sì, ancora un romanzo femminile. Ma questa volta italiano.la stoffa delle donne

L’autrice Laura Colosso è piemontese . Scrive in maniera chiara e veloce per trasmettere una situazione esistenziale ansiogena e infelice.

Teresa Guerrini ha poco più di quarabnt’anni, marito, due figli adolescenti e un lavoro che si deve tener stretto pur disprezzandolo.

Il marito “assente” preso da una passione per ricerche mistiche, i figli disattenti ed esigenti che sembra non comunichino con lei.

Il lavoro in un laboratorio chimico la fa star male perchè ormai deve falsificare e certificare gli esiti, nascondendo la presenza di nocive sostanze chimiche nei tessuti.

Che cosa fa andare in tilt una persona? La famosa goccia che fa traboccare il vaso. Forse tornare a casa dal lavoro vedere amici del marito, figli che aspettano lei per cenare ed addirittura scegliere piatti diversi. E trovare un’enorme bolletta telefonica…

Esce nella serata di pioggia con pochi soldi , le ciabatte di panno ai piedi e si ritrova all’aeroporto.

Il volo meno costoso? Per Amsterdam.

E poi? Pioggia, stordimento, freddo, tristezza. Pensieri vorticosi.

Un piccolo albergo dove potrebbe permettersi di trascorrere una notte diventa la sua ancora di salvezza. Grazie soprattutto a un gentile pakistano che le presta attenzione.

Pochi giorni in Olanda per capire che bisogna combattere, avere la forza di cambiare se stessi e di modificare il rapporto con gli altri.

Momenti salutari e salvifici che ognuno di noi dovrebbe sempre avere, senza aspettare che sia troppo tardi.

 

 

Comments Closed

Pensando a Giuliana

pubblicato da: Mirna - 8 marzo, 2018 @ 1:10 pm

Maggio 2015 Cafè e Venezia 012Sì, lo ammetto da sabato 3 marzo io e  Guerrina non facciamo che pensare a lei.

Al momento dell’incidente, ai suoi gatti, ma soprattutto a ciò che lei era per noi.

Abbiamo festeggiato i cinquant’anni della nostra conoscenza a casa mia, lo scorso Natale.

Quanto è stato difficile convincerle. Ma ce l’abbiamo fatta.verso Natale 2017 003

Tre giorni di ricordi, propositi, risate, affetto.

Come si fa a parlare della tua più cara amica senza cadere nella retorica?

Ci provo.

Il vuoto che sento, il dolore conficcato nello stomaco, mi fanno capire quanto la nostra vita pur a distanza di chilometri e scelta di vita andasse però con un passo condiviso, complice, compreso .

fasching 009Stavo cercando di scrivere i ricordi dei nostri anni all’estero (noi tre ragazze appena ventenni alle prese con la Londra dei Beatles e poi della Monaco bavarese piena di feste), ma proprio Giuliana la voleva più divertente,  avrei dovuto  raccontarla – diceva lei –  come fa Jerome con i suoi Tre uomini in barca.

Tre ragazze alla scoperta della propria identità, dell’avventura, della vita. Ne ho parlato spesso in questo blog.

Filippi 003Un incontro decisivo il nostro.

Ci siamo “riconosciute” e  nello stesso tempo siamo cresciute insieme.

Stesse curiosità, stesso sense of humour, stessa voglia di leggerezza e amore per la vita.

Avrei voluto che si imbarcasse con me e con Guerrina sulle navi da crociera, che riprendesse gli studi –  e per un po’ ci ha provato – ma lei preferiva la moda, la sua boutique e il mare di Grado.

Venezia novembre 2013 019Ma ogni giorno ci raccontavamo gli eventi del mondo e i nostri accadimenti quotidiani.

Sempre camminando insieme.

E incontri nel Friuli, nelle sue terre amate. Grado, Trieste, Venezia, Cividale, la sua bellissima Aquileia.

E poi i GATTI:

Sì, lei diceva, “Sono una Gattara. E allora? “.P1000879

E’ lei che mi ha portato Mimilla in giornata: Aquileia-Trento-Aquileia sotto aquileia 30 maggio 2010 006la pioggia battente  pur di salvare questo esserino nero che era stato abbandonato in quei campi impervi dove lei ha perso la vita proprio  per aiutare altri gattini tremanti di freddo e di fame.

Io sono certa che lei stesa fosse un GATTO.

I suoi occhi verdi avevano  sguardo sornione  che oltrepassava il mondo contingente  per giungere a una visione più completa ed illuminata.

Era una persona eccezionale e spero non solo per me,  per Guerrina e per Stefania e Paolo.

Friuli, otobre 2014 012Un grande vuoto: lei ascoltava, ti guardava, pensava.

Con lei non potevi sentirti sola.

Una saggezza antica, un’empatia immediata.

Un certo non so che .

Una persona preziosa, un’amica ineguagliabile.

 

 

6 Comments »

Giuliana for ever

pubblicato da: Mirna - 6 marzo, 2018 @ 9:03 am

G. mi racconta che sulla Giulia Augusta dove abita  passano frotte di marocchini che vendono oggetti vari . La strada è l’antica via romana che ora arriva fino a Grado attraversando lagune azzurre e gabbiani in volo.

aquileia 30 maggio 2010 006La casa di G. dà sul retro su campi di fiori gialli di colza o pannocchie di mais o soia,  a seconda della rotazione agricola  del suo vicino.

Ma sul davanti ha la trafficata Giulia Augusta.

Abitando al pian terreno e tenendo spesso la porta aperta per lasciare entrare e uscire i suo tre gatti:  due neri e muti – Paolo e Giulio, una bianca fine estate 2016 + Giuly 052ciarliera e manesca, Toby – succede che talvolta entri qualche sconosciuto.

Inutile dirle di stare attenta.

Lei risponde “Ma chi vuoi che voglia rubare? Non ho niente! Soltanto cose per i gatti e altre piuttosto vetuste.”

Intanto l’altro giorno un marocchino è entrato con addosso  parecchie scope da vendere.

Alto, alto e magro, magro  proprio come le sue scope.

Naturalmente la mia amica  gli dice

” Come vedi non mi serve nulla e non posso comprare niente per ora. Fra l’altro sono piena di scope”

E lui ribatte “Ma io ho fame”

Che dovevo fare?” mi racconta lei “dar da mangiare agli affamati”

Gli offre del tonno con fagioli, ma lui pretende tonno con i piselli. Gli prospetta  anche  la maionese , ma lui sospettoso  dice di no, non si sa mai che dentro ci sia del maiale!

“Ma come fai ad essere così incosciente?le chiedo.

Seraficamente lei risponde che lui era mite e  magro. Naturalmente dopo averlo  fatto sedere al tavolo della cucina gli  ha posto tante domande.

“E’ di Marrakesch . ” sottolinea per avvalorare che uno nato in  quel bel posto non poteva far nulla di male.

fine estate 2016 + Giuly 009Con G. sono sempre preoccupata per la sua  incolumità. Non solo per episodi come questo, ma per tante altre circostanze della sua vita poliedrica.

Elegante direttrice di boutique ora in pensione,  perfetta conoscitrice della lingua inglese,” gattara” a tempo pienissimo,   ora lei  si prodiga  per tutti i felini del Friuli che fa sterilizzare in massa ( e per questo le sue sostanze sono spesso esigue), ad amica di persone dei più svariati ceti sociali: importanti avvocati, artisti, signore viennesi in ritiro in ville con giardino alla Monet, a guardie forestali che la “monitorano” quando di notte va a sfamare i gatti randagi, a uno zingaro gentile   che l’aiuta a sistemare la roulotte per i gatti.

Però:

perchè  deve andare di notte a prendere pezzi di acacia caduta per caso nel bosco  o legna già tagliata in un casolare abbandonato? E perchè, come l’altra sera quando furtiva raccoglieva ciocchi per la sua stufa (per  Paolo – uno dei due gatti muti-  che  vuole stare dentro al forno della cucina IMG_20170512_104138economica!) cade tra l’edera che le avvinghia le caviglie… e non si rompe mai nulla?

Santi protettori degli amanti dei felini?

 

Giuliana se ne è andata proprio “lavorando sul campo” per i suoi AMATI.

IL VUOTO INCOLMABILE

2 Comments »

PATRIA di Fernando Aramburu, ed.Guanda

pubblicato da: Mirna - 20 febbraio, 2018 @ 2:06 pm

Da leggere sicuramente questo grande affresco della lotta rivoluzionaria basca.shopping

Non solo ne ripercorriamo la storia recente ma entriamo nel sangue e nelle ossa delle persone comuni: quelle che credevano in una patria indipendente e si affidano ciecamente al terrorismo dell’ETA, sia in quelli che vorrebbero vivere in armonia con tutti pur conservando lingua, tradizioni, usi.

E la macro-storia va in parallelo con la micro- storia di persone che vivono nel  paesino basco vicino a San Sebastian.
Che cosa succede quando due famiglie unite da legami di affetto e amicizia vengono divise  da un’ideologia esaltata ?

Un dramma.

Entriamo nella famiglia di Taxto, Bittori e i loro figli Nerea e Xabier- Una famiglia benestante. Taxto è un piccolo imprenditore che ad un certo punto rifiuta di pagare l’ETA.

Lui si sente basco, ma vuole vivere in pace.

E’ amico di  Joxian con il quale va spesso a pedalare. Sono veri amici come lo sono le rispettive  mogli Bittori e Mirren. E come lo sono i figli .

I figli di Joxian e Mirren sono tre, una femmina e due maschi. Fra questi Joxe Mari diventerà un appassionato e duro membro dell’ETA.

Ci sono attentati, omicidi , arresti, tortura.

Un giorno Taxto viene assassinato.

Da chi?

Un giorno Josè Mari viene arrestato.

Certamente ormai le due famiglie non sono più  amiche, ma con molti rimpianti e domande penose  da parte di alcuni di loro.

Fernando Arambu ha un’abilità straordinaria nel raccontarci la vita di tutti questi personaggi, i loro stati d’animo, il loro percorso di comprensione e forse perdono vissuto  insieme al momento di riappacificazione storica e politica.

Con uno stile avvincente  e con molti  flash back della vita di ogni  protagonista  veniamo coinvolti dai più disparati sentimenti resi più forti dalle circostanze drammatiche del periodo.

Da leggere

 

 

 

3 Comments »

ESTASI CULINARIE di Muriel Barbery

pubblicato da: Mirna - 14 febbraio, 2018 @ 10:31 am

Della stessa autrice del famoso L’eleganza del riccio anche questo racconto ci prenderà e incuriosirà.estasi culinarie

Siamo sempre nello stesso elegante palazzo di Rue de Grenelle dove ancora la portinaia-lettrice, Renée pulisce, lucida, spazza  e osserva con severità e compatimento  tutti i comportamenti alteri dei ricchi e privilegiati  condomini, quasi tutti pieni di boria.

Anche il grande monsieur Arthens, – già incontrato  nell’Eleganza del Riccio – abita lì,  ma sta per morire.

E’ il più famoso critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione e nelle sue ultime ore di vita ripensa al suo passato e sorattutto sta ricercando affannosamente un sapore primordiale e sublime provato in qualche momento speciale. Ma quale? Lo vuole, vuole riportare nella sua bocca ,prima del trapasso, il Sapore per eccellenza.

Inizia così un percorso a ritroso della sua carriera dove piatti magnifici serviti in luoghi incantevoli gli fanno sempre sperare di aver trovato quel sapore, forse il bandolo della matassa che l’ha portato ad essere così bravo, forse il simbolo della sua essenza.

Menecmi e Restart febbr 17 028Bellissime descrizioni di cibi esotici, nazionali, semplici o elaborati.  Ogni sapore rievoca un pezzo della sua vita. Come quello di un pomodoro caldo appena colto,  o le sardine alla griglia, le ostriche, sorbetti, le corna di gazzella (biscotti marocchini  alle mandorle – primo dono di mio marito a Marrakesch )

Tutto il mondo culinario e familiare  girava intorno a lui, questo genio  egoista, prepotente, amato e odiato.

Moglie bella e decorativa che lo ama pur soffrendo. I figli poco stimati che avrebbero voluto più attenzione.

Lui, il grande assaggiatore di vita, è il centro di se stesso. E come tale riporta ogni sensazione a lui e solo a lui.

Ed ora in punto di morte vuole assolutamente ritrovare il sapore dell’infanzia, della prima giovinezza, quel sapore che l’aveva incatenato per sempre al volere delle sue papille gustative.

E ci riuscirà…con una sorpresa …

Comments Closed

CONSIGLI DI LETTURA …FRESCHI, FRESCHI

pubblicato da: Mirna - 1 febbraio, 2018 @ 11:55 am

IMG_20180201_111015LibrIncontri.

Ci ritroviamo ieri pomeriggio al solito caffè, nell’intimo anfratto dalle sedie rosse. Ognuno ha portato un libro o alcuni appunti per parlare di ciò che ha letto con interesse.

Giovanni ci parla dall’ultimo libro di Corrado Augiascorrado augias

“Questa nostra Italia. Luoghi del cuore e della memoria”

“Ci si muove in lungo e in largo per la penisola, dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, transitando per Bologna dove il Nord incontra il Sud, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo, alle porte di un’altra civiltà con cui da sempre abbiamo dialogato. Ma c’è anche l’Italia di provincia, c’è la Recanati di Giacomo Leopardi, ispiratore e guida in un itinerario che segue le tracce del suo “Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl’Italiani”. Si incontrano le testimonianze di grandi scrittori e poeti che all’Italia come nazione hanno dato volto, carattere e lingua prima ancora che esistesse uno Stato. Ciò che resta alla fine del viaggio è una sensazione di sorpresa: la scoperta di aspetti che riflettono un paese diviso ma ricco di enormi potenzialità alle quali raramente accade di pensare.”

Parliamo molto di libri e pezzi teatrali riguardanti la Patria, la Heimat citando Eredità di Lilli Gruber  e la questione altoatesina.

Non si poteva non ricordare i libri sulla Shoa come La via segreta dei nazisti e tanti altri.

Ma rimanendo in tema di patria , Enza ci consiglia un romanzo ambientato ai tempi più duri dell’Eta. ”

shoppingPatria

di Fernando Aramburu

“Con la forza della letteratura, Fernando Aramburu ha saputo raccontare una comunità lacerata dal fanatismo, e allo stesso tempo scrivere una storia di gente comune, di affetti, di amicizie, di sentimenti feriti: un romanzo da accostare ai grandi modelli narrativi che hanno fatto dell’universo famiglia il fulcro morale, il centro vitale della loro trama.”  

Daria ha letto il bellissimo romanzo di Yeshua Il signor Mani

Si snoda in cinque dialoghi a volte con parti mancanti perchè parte della conversazione è fatta al telefono. Sta al lettore agire, diventare attivo e partecipare al detto e al non detto.

Ci sono tanti signor Mani in questa saga familiare che racconta di cinque generazioni di ebrei: dal patriarca Abraham vissuto ad Atene nella metà dell’Ottocento al giovane soldato Efraim che combatte in Libano nei primi anni Ottanta. Attraversiamo così due secoli di storia ebraica ed insieme ai protagonisti ci poniamo il quesito se un uomo può spezzare la catena che lo lega al passato e al futuro o ancora se si può annullare la propria identità. Lo lessi tanti anni fa, ma val la pena di rileggerlo .

Carla consiglia L’incredibile cena dei fisici quantistici di Gabriella Greison

lìincredibile cena“…racconta i fatti inediti, sconosciuti, segreti della cena avvenuta tra i fisici che hanno fatto nascere la fisica quantistica nel 1927, a Bruxelles, la sera del 29 ottobre, subito dopo avere scattato la famosa fotografia a Leopold Park, in cui erano ritratti in un solo posto 29 personaggi, 17 erano o sarebbero diventati dei premi Nobel, nel più grande ritrovo di cervelli che la storia ricordi. C’erano Einstein, Schrodinger, Marie Curie, Heisenberg, Planck, Lorentz, Niels Bohr, Dirac, Pauli, e tanti altri. Gabriella Greison ha ricostruito i dialoghi, i battibecchi, le litigate, ha tradotto lettere, resoconti, ha fatto due anni di ricerche a Bruxelles, tradotto resoconti dai faldoni…e questa è l’unica e sola ricostruzione della cena dei fisici avvenuta alla Taverne Royale di Bruxelles, quel 29 ottobre 1927.”

Sicuramente consigli preziosi. Aspetto eventuali altri titoli…

La bellissima e dolce Maria Grazia  aggiunge i suoi consigli:gruppo lettura 22.2.17 001

“Carissima Mirna, un lieto pomeriggio a te scusandomi per la fretta nel congedarmi ieri da te e dai lettori. Ecco ti scrivo quanto avrei voluto raccontare…Per un viaggio culturale a Venezia ho trovato nella mia libreria ‘Venezia e’un pesce’ di Tiziano Scarpa che mi ha condotto lungo la piacevole esperienza sensoriale di una Venezia esperita dai piedi, agognata e bramata dal cuore verso una antologia di testi letterari aventi come oggetto la citta’.

Parallelamente ad essa ho letto “Finestre sul Canal Grande’ di A. Russolo anche esso di ambientazione veneziana in cui due uomini siciliani ricercano luoghi conosciuti durante l’adolescenza. L’atmosfera narrativa si e’rivelata talora onirica ed avvolgente.

Ora sto leggendo altri due libri: quello di M.Mazzucco,Io sono con te-storia di Brigitte’ incentrata sulla figura di una donna congolese costretta a vivere in condizioni poverissime in anfratti di una stazione romana.. e quello di Carrere Il Regno’, una ricostruzione storica con molte riflessioni morali e politiche e un buono scavo interiore sulle origini del Cristianesimo, in particolare la figura e l’apostolato di Paolo e le prime comunita’ da lui fondate. Vi son nel testo anche riferimenti personali alla sua giovinezza inquieta, anticonformista e cinica, alla conversione alla fede durata tre anni dal 1990 al 1993, alla rimozione di quel periodo. Lettura questa impegnativa ma davvero coinvolgente.

 

1 Comment »

CAPODANNO DA MIA MADRE di Alejandro Palomas –

pubblicato da: Mirna - 28 gennaio, 2018 @ 6:19 pm

IMG_20180123_104413Siamo a Barcellona il 31 dicembre .

Fernando, l’io narrante cerca di aiutare sua madre a preparare la cena per la famiglia che si riunirà.

Fernando ha trent’anni, è gay ed è molto triste. Il suo grande amore l’ha lasciato da parecchio tempo e lui svuotato e fragile non ha trovato di meglio che appoggiarsi a sua madre.

Va infatti a dormire sempre da lei nonostante la nuova mansarda vista mare che aveva affittato da poco.

Se ci sono problemi, nodi irrisolti, infelicità…non c’è niente di più esplosivo che una riunione familiare, soprattutto durante una festa importante. La fine anno poi non è il giorno dei bilanci?

Fernando pensa e guarda anche sua madre che abbandonata quattro anni prima da un marito egoista, disattento e prepotente è riuscita a ritrovare la se stessa di tanto tempo prima. Maldestra, infantile, ingenua  Amalia diffonde intorno a sè il sollievo della libertà che le ha aperto orizzonti diversi in cui la sua autostima lentamente si sta costruendo.

Ci sono  anche due sorelle:  Emma la più piccola con la compagna Olga , soprannominata “l’aggiunta” da Silvia, la sorella maggiore.

E c’è  Silvia sempre tesa, nervosa, con un compagno distante, colei  che crede di dover controllare e proteggere questa sua famiglia andata in pezzi per tante vicissitudini ma soprattutto per l’abbandono del marito e del padre che ha lasciato dietro di sè soltanto incertezze e rancori.

Mentre si allestisce la tavola, mentre Amalia cerca di preparare un pranzo un po’ sui generis…sempre con il rischio di far cadere qualcosa, arrivano gli ospiti e con essi anche i ricordi perlopiù dolorosi del passato.

Manca un elemento importante: lo zio Eduardo, fratello di Amalia. Il vice -padre per Silvia che ha bisogno anch’essa di conforto.

“Confessioni, bugie e risate in un romanzo sulle relazioni familiari, sui fili invisibili che uniscono e separano”

E’ soprattutto Amalia, la moglie soggiogata, la mamma timida e imbranata, la donna maldestra che riuscirà a “vedere”  meglio di tutti – nonostante i suoi disturbi alla vista – e a dirimere con dolcezza e amore i contrasti e le disillusioni.alejandro palomas

Un bel romanzo : divertente, tenero, intelligente. Ah, e tra i protagonisti c’è anche Max l’alano compagno di Fernando.

 

Alejandro Palomas è del 1967. Laureato in letteratura inglese  ha tradotto Katherine Mansfield, Gertrude Stei, Willa Carter. Ha scritto molti romanzi vincitori di premi e  tradotti in otto lingue .

 

 

 

 

 

Comments Closed

LIBRI…FOR EVER

pubblicato da: Mirna - 23 gennaio, 2018 @ 10:28 am

Mi accorgo che gran parte della mia giornata di pensionata serena è dedicata alla lettura: al mattino dopo i riti del tè e del caffè, mi rimetto a letto per leggere alcuni capitoli dell’ultimo romanzo, poi leggo un po’ nel pomeriggio ed infine alla sera. Se le giornata son piovose  la lettura diventa la mia vita parallela. E che ricchezza! Vivere più vite contemporaneamente.

Parliamo sempre durante i nostri librIncontri del potere salvifico, arricchente, “godurioso”  e  d’evasione della lettura.

E su ogni libro letto emergono  spunti filosofici, sociologici e psicologici su cui discutere.IMG-20171206-WA0003 Nell’ultimo incontro ci siamo lasciati trasportare dalle nostre  suggestioni  tanto che Marcello ci ha interrotto esclamando “Ma io ho letto 754 pagine per poter parlare del mio libro! Ci siamo immediatamente girati verso di  lui.

L’assassinio di Socrate un romanzo storico di  Marcus Chicot molto avvincente perchè siamo nella Grecia di Pericle e si parla di Atene e di Sparta

socrate – Grecia, V secolo a.C. Un oscuro oracolo predice l’assassinio di Socrate da parte di ‘un uomo dallo sguardo più chiaro’. Tra lo sconcerto dei suoi amici e seguaci, il filosofo sembra essere l’unico a non avere paura. In che modo questo terribile vaticinio si interseca con la condanna a morte da parte del suo stesso padre di un neonato spartano, un bambino dagli occhi quasi trasparenti? Mentre la guerra tra Atene e Sparta insanguina la Grecia, i destini di uomini politici, artisti e filosofi si intrecciano a quelli delle persone comuni: soldati che combattono fino allo stremo delle forze, madri che lottano per difendere i propri figli, giovani amanti disposti a tutto per difendere il loro amore…

Suspence e ripasso storico. Un capolavoro scrive un critico.

Scorre presto un’oretta e mezzo in compagnia di lettori. Non ho fatto in tempo a parlare dei mei ultimi libri.

Per esempio consiglio agli appassionati di Patricia Highsmith l’autrice di thriller psicologici e di noir famosi come Il talento di Mr, Ripley una IMG_20180111_090731biografia esaustiva ed interessante scritta da Margherita GiacobinoIl prezzo del sogno“.

Conosciamo meglio il tormento e le ambizioni di questa donna dichiaratamente omosessuale – e sempre alla ricerca di grandi amori – che scappò da una madre dispotica ed egoista per cercare il senso della propria vita. E consolazione. Donne e scrittura.  E’ una fuorilegge che sembra vivere all’ennesima potenza le sue contraddizioni e le sue necessità.

Scritto molto bene dalla Giacobino anche traduttrice di altre scrittrici anglosassoni.

Sto finendo un altro bel romanzo di un autore spagnolo . Ve ne parlo la prossima volta.

Nel frattempo perchè non scrivete anche voi qualche consiglio?

 

Comments Closed

IL BAMBINO di Fiona Barton, Einaudi

pubblicato da: Mirna - 15 gennaio, 2018 @ 8:32 am

IMG_20180103_100418Abbiamo già conosciuto questa scrittrice inglese che nel 2016 ha pubblicato il suo romanzo d’esordio La Vedova. Grande successo . Cercate la recensione nel mio blog.

Anche questa storia vede in prima persona la giornalista Kate Waters che si appassiona ad una vicenda incredibile: il ritrovamento di uno scheletro di bambino morto tanti  anni prima.

Che sia finalmente la piccola Alice scomparsa dall’ospedale appena nata?

Inizia un’inchiesta con più strade da seguire. Dai genitori di Alice agli abitanti della zona dove è stato trovato il corpicino.

Ma non è strano che lo si sia trovato molto molto lontano dal luogo della sua scomparsa?

Appare un altro personaggio inquieto, Emma, una ghost writer che si sente attratta da questo mistero perchè crede che non sia così, non è Alice.

Molte strade da seguire e molti segreti da svelare perchè “col tempo i segreti cominciano a vivere di vita propria”

Molto molto avvincente e narrato da Fiona Barton  con uno stile chiaro e fluido.

Da leggere per gli amanti dei noir.

Comments Closed



Pagina 3 di 9812345...102030...Ultima »