CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 12 Luglio, 2023 @ 9:59 am

…DURANTE IL SOLLEONE 2023

Horror vacui

Ma esiste? E molti lo sentono? Sarebbe un peccato perchè prima e dopo il nostro viaggio terreno ci sarà probabilmente un vuoto noioso.

Conviene approfittare di questi anni di vita.

Stamani, comunque, dopo una notte faticosa per combattere il caldo ho deciso di non andare al mare, sebbene sapessi che oggi era calmo e trasparente. L’idea però di salire nella macchina infuocata al ritorno, circa verso le 13.00, mi ha fatto “traballare “psicologicamente”.

E’ a questo punto che l’idea di una giornata chiusa quasi ermeticamente nella casa fresca mi ha fatto chiedere…e l’horror vacui?

Subito riempito dal pensiero di quella strana e piccola protuberanza grigia che vedevo in mansarda sotto un velux.

Siccome Stefania, che è diventata l’Ammiraglia della casa borzonaschina, non si era accorta di niente…pensavo a un’improbabile… decorazione.?!

Poi analizzando più a fondo con il principio di realtà mi sono venuti in mente i nidi di vespa…ma la mia vicina ha detto che probabilmente era un nido di gechi. Così armata di coltello e sacchetto l’ho debellato.

Poi dovevo cambiare la sabbietta a Mimilla che protestava…e infine presa da un raptus di casalinghitudine ho spazzato e lavato.

Però alle 9.00 ero al bar ancora in ombra per caffè e focaccia.

Ora mi preparo al combattimento di Cerbero. Mangerò poi mi sdraierò con un libro.

Ma prima di mezzogiorno il mio moment of being : sulla terrazza ad ammirare le rondini e le farfalle ebbre di lavanda.

E poi improvvisamente è il giorno,dopo, anzi il giorno ancora più avanti.

Ma andiamo con ordine:

Ieri mattina immersa nell’azzurrità del mar ligure dalle 9.00 alle 12.00 mi sono sentita smemorata e pacificata. Acqua calma e trasparente, fratello di buon umore -però non esageriamo – soltanto ben disposto. (Lui è sempre alla ricerca di qualcos’altro) mentre bevevamo il caffè al bar dagli ombrelloni a frange azzurre. Pomeriggio siesta coatta.

Stamattina decido di andare all’Ipercoop di Carasco.

Mi mancano alcune cose e così riempirò le poche ore fresche di qualcosa che non sia il letto+libro. Bisogna sempre avere uno scopo, anche UNO scopetto.

Io guido malvolentieri, non sono Nicky Lauda, a Trento non esco mai con la macchina, qui obtorto collo devo farlo se voglio spaziare.

Ma la strada che collega sia Carasco che la costa, pur breve per i veri autisti che la possono percorrere in 25 mm., è tutta curve.

Ma quando posso mettere la quarta?, e la seconda?, e se si ferma il motore? Vado a 40 /50 all’ora e talvolta anche a molto meno tanto da far formare una fila impaziente dietro di me. Questo mi mette ansia e se posso mi fermo in qualche slargo e lascio passare i frettolosi!!! E poi il parcheggio a Borzonasca. Difficilissimo.

Insomma oggi un autista puntiglioso che si vede mi aveva seguito mi ha lanciato parole, che fortunatamente non ho capito, con un’espressione minacciosa.

Ora sono salva nella casa che spero risulterà tollerabile come temperatura.

Intanto ho finito il romanzo La signora in tweed di Charles Exbrayat, gradevole e leggera storia di un’antesignana della signora in giallo e di Agatha Raisin. Un’improbabile cinquantenne dai capelli rossi, fiera figlia delle Highlands scozzesi ne combina di tutti i colori, prendendo a padellate i cattivi, eliminando le spie del Regno Unito con grande gioia del coroner del villaggio che può ordinare molte assi di legno per le bare. Alla fine sarà premiata anche con un futuro marito. Tutto questo tra una sorsata di Whisky e l’altro.

Il tè non è bevanda per lei, la fiera Imogene.

Qualche risata e curiosità per i piatti di quella zona che devono essere pesantissimi. Ma interessanti!

Comments Closed

CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 9 Luglio, 2023 @ 8:51 am

Domenica 9 luglio

Una domenica di solleone, da Cerbero come ci spaventano i meteorologi.

E persino nella frescumida Borzonasca si sente.

Benvenuto questo caldo che l’altra sera ho dovuto cercare accendendo il…riscaldamento.

L’umidità è deleteria per chi soffre di doloretti vari.

Ma in compenso abbiamo tanto verde e due allegri fiumi che percorrono la Valle Sturla.

Ieri mattina a Chiavari, pur munita di cappello, pensavo di soccombere, mentre con le due amiche mi aggiravo tra le bancarelle del Mercatino dell’Antiquariato. In realtà più che a cercare oggettini particolari cercavamo l’ombra dei portici. E un caffè con focaccia in un bar ombroso e ventilato.

Per fortuna la mia casa è fresca (muri vecchi e grossi ) …anche troppo!!!

Ma contro Cerbero si difende bene.

Così la mia camera da letto diventa un’oasi in cui poltrire, leggere e meditare fino alle 18.00 .

Poi mi azzardo ad uscire in terrazza dove il muro cocente mi fa traballare un po’, ma l’ombra comincia ad inserirsi nel panorama, come il mio vicino che lentamente esce titubante sul suo balconcino attiguo al mio proprio a quell’ora e con il quale disquisisco a lungo sulle temperature.

Mimilla non ha voce e sta dentro sul pavimento fresco.

Dopo le campane delle 19.00 mi azzardo a salire al giardinetto”volante” dove palma, nespolo, spadoni creano un po’ d’ombra e lassù…dopo essermi arrampicata per i 30 scalini di pietra (antica)mi ritrovo in paradiso.

Sì, perchè lassù c’è un venticello leggero e stormire di fiori di glicine e allori e perchè gli uccellini canterini volteggiano felici.

Finalmente un moment of being quando non si deve combattere per il caldo o per il freddo e ci si può abbandonare al battito del cosmo. Quando ci si può sentire parte del respiro della terra e della letizia della bellezza. Perchè in certi momenti la Terra sembra felice,almeno comunque è spensierata, aliena e indifferente a ciò che noi Umani possiamo provare .

Oggi dunque , la domenica caliente…cosa penso di fare ? Devo assolutamente cucinare il polpettone di fagiolini e patate con le verdure dei miei adorabili vicini. Così accendo il forno e la temperatura della cucina si eleva a più che…Cerbero. Però il profumo è delizioso. Mi rintano nella camera da letto dove Mimilla è stesa inerte.

E rifletto a come possiamo descrivere la nostra vita in modo dicotomico: sta a noi metterci e alternarci le lenti rosa o grigie.

Naturalmente in questo periodo meglio lenti scure da occhiali da sole.!

Comments Closed

Cronache di Borzonasca

pubblicato da: Mirna - 30 Giugno, 2023 @ 10:43 am

30 giugno 2023

Io da sola non mi annoio mai” così scriveva Oriana Fallaci.

Ed io mi ritrovo spesso d’accordo con lei.

Talvolta ci si annoia maggiormente in compagnia.

Ma vale in una giornata di pioggia a Borzonasca? Quando il paese è deserto e non si può uscire in giardino?

Occorre lavorarci un po’, tanto più che certi doloretti aumentano con l’umidità e si ha difficoltà a scendere e salire le scale.

E poi se si ha una gattina anziana che sembra annoiarsi veramente allora bisogna trovare delle strategie per lei e per me.

Per lei apro le ante dell’armadio per farle scegliere eventuali angoli-relax, le faccio un po’ di SPA (cioè la spazzolo sul davanzale della finestra del bagno e le passo un asciugamanino caldo sul pelo…), le do’ una leccornia speciale.

Ma io?

Lascio le letture per il pomeriggio, la TV per la sera e nel mattino grigio e rumoroso di tuoni lontani salgo e poi scendo per il silenzioso carruggio dove abito.

C’è solo un gatto.

Io mi vedo vestita come se fossi a Saint Malo (Pantaloni e maglia a righe bianche e blu)

Ma vale anche l’immaginazione per non ANNOIARSI?

Direi che è basilare. Mi fermo su una panchina, mentre la pioggia è sospesa, e progetto di aprire un bar alla francese nella piazzetta dei Carlin (si chiama così ), un po’ come quelli che vidi con Piero a St;Paul del Vence.

Mi tuffo nei ricordi piacevoli e nella eventuale “progettazione” ma la realtà del luogo mi fa pensare che pochissimi abitanti del villaggio si toglierebbero dai due unici bar esistenti che danno sulla strada per resstre davanti alle casette antiche e ai gatti di passaggio.

Importantissimo per loro vedere il fluire del traffico e l’andirivieni dei compaesani. Che cosa c’è di più interessante?

Entro nell’unica macelleria del paese dove il giovane proprietario fa salotto con un anziano seduto su una sedia. Mi unisco alla conversazione sul tempo. Sembra che stamattina qualche chilometro più in su…o in giù…non piovesse. Ma che razza di tempo è questo, ci domandiamo in coro?

I suoi hamburger sono favolosi e ne compro due per Stefania ( Naturalmente li metterò in freezer), pollo e braciole di maiale che mangerò con una ratatouille fatta grazie anche alle zucchine che mi arrivano dai vicini sempre più “santi”.

Il tempo, questo tempo che vogliamo sempre vivere appieno, riempirne in ogni minuscolo angolo di che cosa ? Questo tempo che sembra spaventare chi non riesce a stare da solo, è una cosa preziosa da non consumare lamentandoci perchè anch’esso avrà un termine.

Comments Closed

DA BORZONASCA …CON CALORE

pubblicato da: Mirna - 24 Giugno, 2023 @ 2:11 pm

Anche se al mattino ci sono 20 gradi in poco tempo anche qui, paesello tra due fiumi, arriva questo caldo africano. L’aria rimane però più limpida tanto che le farfalle sul leggero venticello odoroso di timo e basilico si lasciano trasportare immemori.

Mimilla sta davanti la scaletta che porta alla fascia più alta del giardino indecisa se affrontare qualche gatto di passaggio o aspettare che qualche lucertola le capiti…in bocca.

Questa temperatura estiva e la filosofia del villaggio portano chissà perchè alla pigrizia. Le poche panchine che ci sono nell Piazzetta accanto alla chiesa sono sempre occupate fin dall’alba (suppongo) dai soliti nulla facenti che quest’anno abbiamo ribattezzatto immoti perchè si muovono soltanto all’ora di pranzo e della cena. Ma non voglio malignare, in fondo stanno invecchiando anche loro e il fatto di sembrare parte dell’arredo urbano è quasi consolatorio.

E poi anch’io mi sento pigra più del solito. Come non esserlo verso sera quando le rondini cominciano a volteggiare, i tre aironi escono dal loro nido e una tortora viene a conversare con me. E s’alza sempre un’arietta sembra quasi al rintocco delle campane, e gli allori, la palma, il glicine e la lavanda ondeggiano.

Però occorre muoversi dal paese ipnotico e Chiavari è vicina. La strada per arrivarci è breve ma trafficata ed io “patentata di ritorno” dovrò destreggiarmi con impegno. Stefania è in Germania e il mio co-pilota,mio fratello, mi ripeterà “stai troppo a destra…” “vai ora” “metti la freccia”….ecc.

Così ricomincerà la routine della mia vita estiva, la mia casa da pulire a fondo, il giardino con le scalette, le amiche e le parenti (sembra che tutte abbiano deciso di venire a vivere qua), gli incontri con Grazia e le letture di cui parlerò molto presto. Stamattina sono proprio andata in Biblioteca (apre un’ora al sabato mattina).

Naturalmente il mare e tanto altro.

Le sensazioni sono diverse: ascolto l’estate e rimescolo i pensieri , i ricordi si attorcigliano e riemergono come in un caleidoscopio. Ogni frammento di vita passata può sembrare sempre nuovo.

1 Comment »

CRONACHE DI BORZONASCA

pubblicato da: Mirna - 22 Giugno, 2023 @ 4:13 pm

Estate 2023

Finalmente – pensa Mimilla – siamo arrivate.

Ogni volta che si apriva la porta dell’appartamento di Trento Mimilla voleva vedere un po’ di verde, ma c’erano solo scale e luce grigia.

Ma il viaggio Trento – Borzonasca non è una passeggiata: carichiamo valigie di vestiti:per il caldo, per il freddo, per il mare, i boschi e scarpe , sandali ecc. E per Lei lettiera, sabbietta, cibi di tutte le qualità e …farmaci eventuali per me e per lei. Un’altra valigetta, insomma. In borsetta pronto l’ansiolitico per me se comincia a miagolare…ma questa volta è andata bene.

Troviamo come sempre il giardino-giungla e la casa, pur fresca, da ripulire da cima a fondo. Non chiamiamo vacanze queste mie estati. E’ un cambiamento d’aria, la cosiddetta villeggiatura.

Ma sicuramente il cambio di prospettiva porterà nuovi pensieri e sensazioni. Per me l’estate è una cesura del mio anno – mi verrebbe da dire-scolastico. I giorni più lunghi mi portano ricordi lontani e voglia di maggior abbandono alla poesia, ai profumi , ai cinguettii.

In questa casa poi io sento forte l’abbraccio di Piero e le calde sensazioni del nostro amore.

“Nel futuro che s’apre le mattine / sono ancorate come barche in rada

Distesa estate…che sembra un mare di aspettative piccole e grandi, liete e faticose.

Ieri, la sera del Solstizio, sul balconcino di sopra abbiamo visto alcune lucciole mentre l’aria sospirava di tiglio e gelsomino.

Aironi e cinciallegre parlavano.

Mimilla tornata gatta dallo stato trentino di bebè si aggirava tra le rose, gli spadoni e l’erba appena tagliata. Gli occhi diventati di un verde brillante.

Ed io cauta e timorosa cerco gli antichi angoli sotto la palma, di fronte agli allori, accanto al muro montaliano per leggere , meditare e riattaccare dolcezze remote a questo mio presente sempre più gravoso.

Comments Closed

DOMANI A QUEST’ORA

pubblicato da: Mirna - 10 Giugno, 2023 @ 7:03 am

di Emma Straub

Non ho fatto in tempo a parlare di questo romanzo nel nostro ultimoLibrIncontri perchè la…saison è terminata. Riprenderemo sempre più entusiasti il prossimo anno.

Si parla del Tempo e questo per me è un argomento che mi cattura e che mi fa fare tante domande.

Stiamo vivendo il nostro presente nel passato, o è già il nostro futuro? Quanti romanzi e film ci sono: quelli che ci riportano avanti e indietro nello spazio e nel tempo.

Pensavo fosse un leggero romanzo di evasione.

Si parla di Alice, una quarantenne non molto ambiziosa, che vive un lavoro piacevole e monotono, che sta per lasciare un compagno non appassionato, che soffre nel veder il padre morente in ospedale. Ha una carissima amica Sam che la capisce e con cui condivide la strana avventura che le accade la sera del suo quarantesimo compleanno.

Come nelle migliori storie di fantascienza , o forse potrebbe accadere?, dopo essersi ubriacata e rintanata in un angolo del giardino con il suo dolore per il padre, con una nostalgia di vita forse non vissuta, si risveglia il giorno del suo sedicesimo compleanno nella sua casa paterna. La mamma se n’è andata da tanto tempo.

Alice accetta con stupore e gioia di rivedere il padre allegro e vitale, ma sa che cosa le è successo. E ha capito come fare per vaggiare nel suo personale spazio temporale. Vive così la vita che forse avrebbe desiderato a sedici anni: sposare il bel Tommy. Così si ritrova in una casa lussuosa con Tommy e due adorabili bambini che a lei sembrano estranei. Ma a quel punto il papà è sempre morente.

La vita, il fato proseguono forse in un moto circolare ma non si può fermare o afferrarne i momenti epifanici. Ci sono, ci saranno e se ne andranno. Più che cercare in questo suo viaggio la possibilità di una vita diversa, Alice cerca tenacemente di vedere il padre sempre giovane . Ed è questa la parte più accorata di questo libro scritto e tradotto molto bene.

A noi lettori le solite domande: come sarebbe stata la mia vita se…

.avrei potuto comportarmi diversamente …

.o far fare nuovi percorsi agli accadimenti..

.bisogna combattere o abbandonarsi con fiducia al destino che forse è già scritto?

Si è sempre noi stessi e la vita tende ad attacarsi a noi come siamo.

Beh, l’ho letto volentieri soffermandomi su riflessioni intense.

E poi Emma Straub è la figlia di Peter Straub celebre scrittore di fantascienza.

Comments Closed

Le otto montagne

pubblicato da: Mirna - 2 Maggio, 2023 @ 10:43 am

di Paolo Cognetti

E’ tanto tempo che non scrivo il mio Blog e non mi capacito.

Ma credo che molto è da imputare, non solo alla mia età, ma ai cambiamenti vorticosi che avvengono nelle forme di comunicazione.

Certo continuo a scrivere il mio diario personale che ormai si limita a racconntare i piccoli accadimenti quotidiani ( soprattutto per non dimenticarli!).

Ma tutto si svolge su Facebook, Twitter, Instagram ecc. O meglio : le opinioni esagerate, i commenti per lo più cattivi e rancorosi si trovano su queste macchine che trent’anni fa non conoscevamo ancora.

E’ per questo che non mi metto a scrivere come i primi tempi della mia avventura di “Un libro al giorno” perchè sembra che ormai si conosca tutto di tutti. E la mia opinione si perde come ruscelletto nell’oceano.

Più importante, ( abbiamo capito ) e per la nevrosi virtuale e per il Covid, è incontrare le persone e comunicare guardandoci negli occhi.

Il nostro LibrIncontri sembra quasi una scialuppa salvata tra i flutti della comunicazione selvaggia. Alcune lettrici si sono unite a noi e l’atmosfera è sempre cordiale e interessante.

Talvolta arrivano ospiti a presentarci il libro sulla Fersina, altre volte decidiamo un romanzo da leggere tutti quanti e poi commentare.

Così’ abbiamo fatto con due libri di Roman Gary La promessa dell’alba” e “La vita che verrà“. Di quest’ultimo siamo andati ad assistere alla pièce teatrale, con grande gioia e condivisione.

Non è mancata la lettura de Le otto montagne di Paolo Cognetti che in una realtà come quella trentina è sentita e apprezzata. Soprattutto in questo periodo di Festival della Montagna duranbte il quale si proiettano tantissimi film lunghi e corti sulla vita e l’amore per i monti. Io ne scelgo uno ogni giorno e me ne sento appagata.

La montagna è natura , la più difficile da conquistare e contaminare. Farsi accogliere da essa è un cammino duro, impervio e scosceso che però se ti ostini a perseguire ti porterà alla vetta. E che cos’è la vetta se non la conoscenza del nostro vero essere così depauperato da secoli di cosiddetta “civilizzazione”?

Storia un po’ malinconica perchè la montagna si deve conquistare da soli, come fa il padre del protagonista o il suo carissimo amico Bruno.

Metafora di ciò che è la vita umana sempre alla ricerca dell’assoluto che però non è nelle nostre capacità raggiungerlo.

Ed allora apprezziamo i profumi, i colori dei monti, lo scricchiolio della neve, il silenzio, l’aria pura e facciamo, leggendo questo romanzo, una bellissima escursione nella natura ed in noi stessi.

Comments Closed

MONOGAMIA

pubblicato da: Mirna - 26 Febbraio, 2023 @ 10:59 am

di Sue Miller

Che cosa mi induce a scrivere dopo tanto tempo di questo romanzo per me profondo e completo? Non soltanto la riflessione sull’amore coniugale più o meno monogamo delle coppie protagoniste, prima fra tutte Annie e Graham. No, è la riflessione sulla vita e sui sentimenti di ognuno analizzato singolaramente. Paradigma di ciò che siamo noi, certamente dipendenti e desiderosi dell’amore di altri, ma soli con noi stessi nell’affrontare l’avventura umana. Conosciamo il personaggio più vitale, Graham, goloso di vita, felice di vivere e amare… in primis certamente Annie la sua seconda moglie, ma anche la sua prima moglie Frieda e i suoi due figli, i suoi amici e anche altre donne.

Ma non è così per tutti. Altri sono più monogami, ma forse in modo meno sincero perchè pensieri, sbandate sembrano più tortuosi di quelli di Graham , simbolo di persona veramente centrata nel flusso vitale. Ed allora viene da pensare se anche noi siamo sinceri con noi stessi nelle relazioni interpersonali, sia nei rapporti con i genitori, con i figli, con il coniuge e con gli altri in generale.

Ciò che mi è piaciuto particolarmente in questo libro è la descrizione di piccole gesti e fatti quotidiani descritto in modo chiaro e avvincente, di dialoghi profondi e significativi.

Ed ogni personaggio che sembra secondario: la prima moglie Frieda, mai risposatasi, il figlio Lucas, la figlia Sara emergono in modo non eclatante in persone a tutto tondo nelle quali ci si riconosce un po’.

Vorrei scrivere molto di più , ma sapete che cosa me lo iumpedisce? Anzi chi?

Il miagolio prolungato di Mimilla verso lA QUALE HO URLATO ED ORA ME NE PENTO PERCHè SI SARà NASCOSTA DA QUALCHE PARTE.

oRA CAPITE PERCHè SCRIVO MENO: NON SONO PIù LIBERA. lA MIA ATTEn ZIONE DEVE SEMPRE ESSERE RIVOLTA A lEI. eD ALLORA ESCO.

Meno male che oggi andrò a teatro, e mercoledì 1 marzo il ns Libri Incontri

1 Comment »

LIBRINCONTRI del 25 gennaio 2023

pubblicato da: Mirna - 26 Gennaio, 2023 @ 12:44 pm

Due nuove lettrici, amiche di ginnastica, sono apparse al Bar Città. Che gioia! Merito di Maria Teresa e Eda che hanno cercato di fare proseliti nella nostra palestra.

Alessandra e Vincenza, belle signore ci hanno parlato del libro che stanno leggendo consigliandoceli caldamente

Christine Baker Kline

LE ESILIATE

Siamo a metà Ottocento e in quesrto romanzo si segue la vita di alcune donne, spesso accusate ingiustamente, che vengono spedite in Australia nella colonia penale a scontare la loro pena. Una traversata di un anno sull’Oceano . E come sarà la loro vita nel Nuovissimo Continente? Molto interessante, dice Vincenza.

Alina Bronsky

L’ultimo amore di Baba Dunja. Alessandra ne è entusiasta e ci credo, conosco l’autrice brillante e particolare. Si narra e analizza il ritorno della protagonista al suo paese natale, vicino a Chernobyl. Tematica e sentimenti molto intriganti.

Mentre sorseggiamo chi cioccolata calda, chi aperitivo, chi l’immancabile caffè d’orzo,arriva il nostro ingegnere Giovanni Soncini pieno di entusiasmo per

Pensa da matematico

di Anne Rooney .

L’universo è già tracciato matematicamente e noi l’abbiamo capito? O abbiano inventato la matematica per spiegarci il cosmo? Boh. Il pensiero si perde un po’, ma tutto è molto interessante. Mi piace che l’autrice sia una donna.

Io e Maria Teresa nominiamo due donne eccezionali

Liliana Segre

La memoria rende liberi e

Etty Hillesum

Diario 1941-1943

Daria nonb fa in tempoia parlare del suo ultimo libro letto che penso mi piacerebbe

Un inverno freddissino

di Fausta Cialente. Inverno del dopoguerra in Italia?

Ma ce ne parlerà la prossima volta quando, probabilmente, ci saremo già accordati per leggere tutti

Il Treno dei bambini

di Viola Ardone.

Insomma parlare e pensare e riflettere di libri è arricchente. Inoltre le trame, le associazioni, la memoria si agganciano con il nostro vissuto e ci fa vivere sicuramente di più. Possiamno seguire ogni protagonista, come abbiamo fatto con l’autobiografia di Roman Gary ne La promessa dell’alba che ha provocato un po’ di discussione. Ma la madre onnipresente di Roman ha influito sulla sua Weltanshauung?

Dobbiano aspettare Emma che ce lo aveva consigliato. E la sua opinione di neuropsichiatra.

Alla prossima….

1 Comment »

PIOVE INVERNO

pubblicato da: Mirna - 23 Gennaio, 2023 @ 1:28 pm

Lo scrivere un diario, un blog è sempre una sfida. Diremo la verità a noi stessi? O scriviamo perchè speriano che qulacuno ci legga? Ed allora edulcoriamo, variamo, arricchiamo i nostri pensieri e i nostri accadimenti? O è un diario “terapeutico” allora usciranno solo sofferenze, dubbi, sconfitte o è un diario da “polvere negli occhi” dove noi appariamo solari, combattenti, felici, superficiali…insomma quello che vorremmo essere.

Queste mie riflessioni emergono dopo la rilettura, dopo decenni , dei miei diari di adolescente…ora posso capire finalmente ciò che provavo veramente e ciò che invece volevo travisare per sentirmi più sicura.

Può succedere anche da “grandi”? Chissà.

Forse succederà sempre: il nostro dialogo intimo è diverso da quello con gli altri. La nostra fragilità umana ci spinge a mostrarci agli altri – per difenderci certamente – …più… più forti, più contenti, più soddisfatti, ecc.

Dolce il guardar dalla riva il grande affannarsi degli uomini sul mare agitato dai venti. Non perchè il veder soffrire gli altri sia piacevole, ma perchè dolce è constatare di quali mali siamo immuni noi” Ovidio

Ed ora nell’inverno della mia vita ripercorro percorsi ardui, felici, difficili, ma pur sempre percorsi.

E mi chiedo, che fare per colorare questo inverno e ciò che resta?

Riflettere, leggere, condividere.

I miei romanzi di vita vera da terminare:

La promessa dell’alba di Roman Gary, autobiografia in chiave amara ironica

Respira di Joyce Carol Oates, la disperazione di una neo vedova.

Molto belli.

Comments Closed