DANTE ALIGHIERI, NEL 2021 SARANNO 700 ANNI DALLA MORTE.

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 25 Ottobre, 2020 @ 6:46 am

Detto altrimenti: sto leggendo “A riveder le stelle” di Aldo Cazzullo (post 4041)

Alle pagine 86 e 87 Cazzullo cita il Carducci che aveva scritto la poesia “Per il monumento di Dante a Trento”, città che ben prima della grande guerra aveva voluto quella statua con il braccio indicante il nord:

“Così di tempi e genti in vario assalto / Dànte si spàzia da ben cinquecènto / anni de l’Alpe sul tremendo spalto. / Ed or s’è fermo, e par ch’aspetti, a Trento”

Bene l’intento male la poesia. Infatti non bastano le undici sillabe nè la rima incatenata, occorre anche la cadenza degli accenti, quella che dona la musicalià al verso. In particolare “non quadra” il secondo verso che, se proprio lo volessimo salvare, potrebbe essere così: “Dànte si spàzia da cìnque vòlte cènto”. Nel quarto verso poi Dante avrebbe tolto tutte le virgole.

Una riprova sul fatto della cadenza? Leggete di seguito il primo verso della Commedia nella sua versione originale: “Nel mèzzo del cammìn di nòstra vìta” e poi lo stesso verso “rimescolato” come segue. “Del cammin di nostra vita nel mezzo” : è come suonare un pianoforte accordato ed uno no. E questo per sistemare il Carducci.

Tuttavia anche su Dante ho qualcosa da ridire (e ti pareva, direte voi! D’altra parte io sono di origini toscane, e i Toscani si sa sono delle linguacce!): non mi va quel “mezzo del cammin”, cioè quei suoi 35 anni individuati come metà della vita, io che secondo lui avrei già sforato di sei, visto che di anni ne ho 76! Faccio i debiti scongiuri …

Avrei già sforato di sei anni? Mi devo preoccupare?

No Comments »

STANDARD & POOR’S HA ESPRESSO UN GIUDIZIO POSITIVO SULL’ITALIA. BENE, BENE MA ….

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 24 Ottobre, 2020 @ 7:12 am

Detto altrimenti: … ma chi sono queste agenzie? (post 4040)

NEL FRATTEMPO, APPROFITTIAMONE! CHE LO STATO EMETTA PROPRI TIR TITOLI IRREDIMIBILI DI RENDITA!!

Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch Ratings sono le agenzie di rating più autorevoli e conosciute al mondo. Il rating è una classificazione del rischio creditizio legato a un titolo obbligazionario o a un’impresa. Viene assegnato attraverso un voto espresso con una o più lettere. La tripla A (AAA) indica la massima sicurezza del capitale, A+ indica un rating medio-alto, BBB+ un rating medio-basso, B+ indica un investimento altamente speculativo, D un investimento in perdita. In base al rating assegnato, il mercato stabilisce un premio per il rischio da richiedere per accettare quel determinato investimento. Scendendo nel rating aumenta il premio per il rischio richiesto e quindi l’emittente del titolo dovrà promettere una remunerazione più elevata ai propri titoli di debito.

Quando Moody’s ha abbassato il rating di uno Stato importante come la Grecia da A2 ad A3 e comunica che potrebbe ribassarlo ulteriormente innesca una grave crisi per questo Stato perchè afferma in sostanza che le obbligazioni emesse dalla Grecia hanno un rischio più elevato di prima che il capitale investito possa NON essere più rimborsato! A questo punto gli investitori disinvestiranno dai titoli statali della Grecia e per la Grecia avere soldi in prestito per finanziare l’economia dello Stato diventa molto più oneroso, innescando un “pericoloso vortice” che rischia di mandare in bancarotta lo Stato. Analogamente, quando Moody’s afferma che c’è esiste un alto “rischio Italia” i nostri titoli del debito pubblico perdono valore, il loro rendimento per i sottoscritori deve essere maggiore, lo spread Italia – Germania cresce etc.

Moody’s è l’agenzia che aveva dichiarato che “Lehman Brother merita 10 e lode” quando poi questa azienda è stata invece protagonista dello scandalo finanziario più grande del secolo! Standard & Poor dava un buon rating di Parmalat fino a due settimane prima del crollo.

Queste “agenzie” hanno un incredibile conflitto di interesse nell’assegnare le loro valutazioni in quanto contemporaneamente svolgono l’attività di banca di investimenti e pertanto potrebbero utilizzare il rating in modo strumentale nell’interesse della banca, ovvero dei clienti per attività speculative sui mercati borsistici o per acquisire azioni, obbligazioni e titoli di stato a prezzi di realizzo! Non vi è ancora alcuna sanzione per gli errori (reati) commessi dalle Agenzie.

No Comments »

IL “MIO” GIRO D’ITALIA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 24 Ottobre, 2020 @ 5:40 am

Detto altrimenti: ah … la gioventù!   (post 4039)

Sto pensando al Giro d’Italia di oggi. Saliranno al Colle del Sestriere dal versante est (Pragelato), scenderanno per gli 11 km da 2050 a 1350 m fino a Cesana Torinese, risaliranno al Colle via Bousson, Sauze, Grange Sises, per poi rifare una volta quest’ultimo anello. Ho avuto la casa a Cesana per molti anni. Da lì si dipartono gli impianti sciistici di risalita verso S. Sicario, Fraiteve, Sestriere, Salice d’Ulzio, da un lato e verso Claviere, Monti della Luna, Monginevro dall’altro: la Via Lattea, una meraviglia per lo sciatore. In estate Cesana è stata il punto di partenza per i miei tour in bci: ne cito tre fatti con l’amico Paolo Piccoli: (ognuno in una giornata): 1) Cesana -Monginevro – Briancon – Lautaret – Galibier – Telegraf – Moncenisio – Città di Susa; 2) Cesana – Monginevro – Briancon – Izoard – Briancon – Monginevro- Cesana. Entrambi con bici da corsa, 53-28. 3) Con la mtb Cesana – Colle Bercia – Bousson- Cesana. Anni fa. Ah … la gioventù! Allego le foto della mia bici storica che utilizzo ancora oggi: una Camilotto Expert, assunta agli onori della stampa (Rivista “La Bicicletta” anno II°, n. 18, giugno 1985).

No Comments »

DA FACEBOOK AL BLOG

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 23 Ottobre, 2020 @ 5:18 pm

Detto altrimenti: usualmente si possono inviare a FB i post del blog. Oggi faccio il contrario, e vi offro quattro miei post dal mio profilo FB    (post 4038)

STO PENSANDO CHE OCCORE RIVEDERE L’ORDINE DELLE PRIORITA’ DI INVESTIMENTO E DI SPESA. Io ho fatto il top manager per una vita. In tanti anni di lavoro ho imparato che devo sperare che arrivi il meglio, fare il massimo, prepararmi al peggio. Al che mi chiedo: di fronte al dilagare in tutta Europa della pandemia, pensiamo che le risorse finanziarie europee siano infinite? No di certo. Una cosa è certa: che le risorse finanziarie private sono enormi (in Italia sono il doppio del nostro debito pubblico), che l’UE sta cercando di raccoglierle per convogliarle sugli Stati ma tutti gli Stati devono mettersi in grado di produrre ricchezza per pareggiare i conti con l’UE e rassicurare in tal modo la finanza privata . E Noi? Noi in Italia dovremmo – fra le altre cose – rivedere l’ordine delle priorità di spesa e di investimento. Vengo al dunque: è ancora attuale l’enorme capitolo di spesa militare per i cacciabombardieri F35? O non è meglio convogliare quelle risorse per una politica in favore della natalità e dell’istruzione dei giovani? Un’ Italia senza figli e senza istruzione ddei giovani è un paese morto.

DALLA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE ALLA DEMOCRAZIA DIRETTA (diretta da chi, poi?) OVVERO ALL’OLIGARCHIA? No grazie! Il micidiale processo è stato avviato con la riduzione del numero dei parlamentari. Ora si vuole ridurre l’età per l’elettorato attivo e passivo per il Senato. Poi si vorrà inserire il sorteggio per l’individuazione dei parlamentari; il referendun propositivo senza quorum e tanto per non farsi mancare nulla, il vincolo di mandato per i “soldatini” … pardon, scusate, per i parlamentari. A questo punto le leggi saranno proposte da poche persone (i capi rete) e necessariamente approvate da una schiera compatta di soldatini ubbidienti. E invece NO! Una valanga va bloccata appena si stacca dalla montagna: se si ritarda anche solo di poco, è inarrestabile! Non lasciamoci irretire il cervello! Difendiamo la democrazia parlamentare a spada tratta!

ITALIA VIVA – Sto pensando ad una Senatrice, DONATELLA CONZATTI, la “mia” senatrice territoriale. Andate a leggere sul suo profilo FB come sta lavorando, ad esempio per quanto riguarda il rinnovo della concessione della nostra autostrada A22. Quando vedo lo spessore politico, manageriale, specialistico dei suoi interventi mi viene da pensare che il problema non sia mai stato quello di “RIDURRE il numero” dei Parlamentari, bensì che sia stato e sia quello di “AUMENTARE la qualità” di tutti i Parlamentari che sono distanti anni luce dalla Senatrice Donatella Conzatti, soprattutto alla Camera dei Deputati. E invece, purtroppo si sta parlando di una seconda RIDUZIONE, quella dell’età dell’elettorato attivo e passivo per il Senato, per RIDURRE la qualità di questa Assemblea al (minore) livello della (“giovanile”) Camera dei Deputati. Cui prodest? Cui bono? A vantaggio di chi? Chi ci guadagna? A pensare male …

REDDITO DI CITTADINANZA. Una SpA: il suo CDA-Consiglio di Amministrazione (gli amministratori della Società) si prepara a riferire all’Assemblea dedli Azionisti (i proprietari della Società). A tal fine il CDA redige un documento di sintesi, riportante i dati raggruppati in modo significativo tal che faccia comprendere immediatamente ai proprietari della SpA cosa si è fatto e come si sta programmando il futuro. Uno Stato, uno a caso, il nostro, l’Italia. Io lo sento come mio, me ne sento comproprietario. Cosa posso fare per esso? Cerco di diffondere un po’ di cultura economica, finanziaria, sociale. Cosa mi aspetto dai “miei” amministratori, “miei” in senso oggettivo, cioè quelli che io ho contribuito a fare eleggere perchè amministrino la mia “società”? Che mi riferiscano con dati aggregati significativi e immediatamente comprensibili. Un esempio? Che mi riferiscano sui costi e sui risultati dell’operazione “Reddito di Cittadinanza”. Chiedo troppo? Non penso. Comunque se fosse così, se io mi stessi sbagliando … mi corigerete!

No Comments »

TOUR, GIRO, VUELTA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 22 Ottobre, 2020 @ 5:55 am

Detto altrimenti: settembre, ottobre, novembre     (post 4037)

2010: Trento-Monte Bondone: la mia ultina “muscolare”

Diverse latitudini: peggiorano nei mesi le condizioni meteo e quelle Covid. Il calendario? Questione di sponsor. Ho vito alla TV alcune tappe del Tour e del Giro. Ieri, la “nostra” TT-Tappa Trentina, da Bassano del Grappa a sopra Rovereto e poi attraverso il Bondone e l’altopiano di Fiavè fino a Madonna di Campiglio. L’ho attesa con ansia per due motivi: rivedere le “mie” salite, anni fa “muscolari”, oggi “e-bike”; vedere quanto è bello in Trentino visto dall’alto.  Dal confronto con le riprese francesi sono rimasto un po’ deluso. Infatti i Francesi inquadrano molto di più le loro bellezze naturali ed artistiche, noi molto di più inquadrature strette su bici e pedali. A parte che il passo Vezèna si chiama Vèzena e Folgària si chiama Folgarìa; e che la pista ciclopedonale che affianca l’Adige non è una “pista adatta alle passeggiate in bici” ma un’arteria che fa parte dell’asse ciclopedonale Brennero-Verona; che il castello del Buonconsiglio non è “il più grande castello a difesa della valle” ma ricorda – fra l’altro – il martirio di Cesare Battisti; che quello non è il Passo Bondone ma il Monte Bondone; che quei due laghetti inquadrati dall’alto hanno un nome: Toblino e S. Massenza; che il maso che si affaccia su quella gola ha anch’esso un nome: Limarò; che anche quell’altopiano ha un nome: di Fiavè e comprende un paesino nel quale è nato l’ideatore e il fondatore della Cooperazione (Vigo Lomaso, Don Lorenzo Guetti); che il citato paee Balbido è il Paese Dipinto; che quello non è il Monte Durone ma il Passo Duron; che a Carisolo sfocia la Val di Genova; che quelle montagne non sono le Dolomiti ma le Dolomiti di Brenta: che quelle altre non sono le Dolomiti di Brenta ma l’Adamello … Evvabbè

Oggi mi gusterò la salita dello Stelvio.

No Comments »

(PAGHETTA A TUTTI E) MES

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 20 Ottobre, 2020 @ 2:09 pm

Detto altrimenti: …. MES:  me so’ sbajato, me spiace, me scuserete …     (post 4046)

Oggi assistiamo a certe decisioni assunte con grande entusiasmo ma senza nessuna preveggenza e organizzazione, le quali risultano poi un fallimento, ma che continuano ad essere difese a spada tratta da chi le ha assunte. Mi riferisco – fra le tante – alla paghetta a tutti e al No MES. Verrebbe da dire: più grosse le fai più vuoi farle passare. Eppure il bambino di quella favola, a dispetto di tutti, gridò “Il re è nudo!” Dice … ma quelli i 5S guai a non fargli dare la paghetta a tutti e poi, il MES, manco a parlarne … dice: “Cadrebbe il governo”. Dico: ma quando mai, via, siamo seri! Sulla paghetta basta fare due conti: quanto ci è costata, cosa a prodotto, cosa ha distrutto. Se avessi assunto io una decisione equivalente nella mia lunga vita di top manager, sarei stato licenziato in tronco e i miei Azionisti mi avrebbero intentato causa per danni.

Ma la ciliegina è il No MES. Dice: se accettassimo quei miliardi aumenterebbe il costo del debito e dovremmo aumentare le tasse. Dico: ma quando mai!? Tanto poi quelle stesse cose le stai facendo con altri fondi, sempre a debito – che ti costano di più! La vera ragione? Dice che se dico si al MES i 5S si arrabbiano e fanno cadere il governo. Dico: ma quando mai!? Che siano così ansiosi nel registrare la loro Gotterdaemmerung, il declino dei loro Dei? Quanto consenso hanno avuto alle ultime politiche? Quanto ne avrebbero oggi? Ragione di più per lanciare la sfida ai 5S: io al posto di Conte l’avrei lanciata, tanto il governo non sarebbe caduto. Lui non lo ha fatto, ha buttato al vento i 34 miliardi “tempestivi” del MES (cioè erogati quando ce n’era bisogno): forse non tiene e ppalle.

.

.

No Comments »

Protetto: PENSIERO ED AZIONE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 19 Ottobre, 2020 @ 6:44 am

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

IL PIU RECENTE LIBRO DI DON MARCELLO FARINA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 18 Ottobre, 2020 @ 6:10 am

Detto altrimenti: grazie, Marcello!     (post 4044)

.

.

.

Oggi, domenica 18 ottobre ad ore 14,30 Marcello Farina presenta il suo ultimo libro “Grandezza e fragilità dell’umano”. Si può seguire in diretta su https://www.youtube.com/watch?v=buxHQilq0AA

.

.

.

.

.

.

Per chi non lo conosce, Marcello è uno storico, un filosofo, un Uomo per l’Umano. Domenica scorsa ha compiuto 80 anni e li ha festeggiati celebrando la S. Messa – Marcello è anche un Sacerdote – nella chiesetta di S. Giustina al suo paese natale, Balbido (TN), il Paese Dipinto per i suoi tanti bei murales, nelle Giudicarie esteriori, poco elevato sopra l’altopiano di Fiavè.

.

.

.

.

E’ stato lì che i suoi compaesani – e non solo – hanno voluto essere presenti per festeggiarlo. Marcello, sacerdote del Dio della misericordia, del perdono, dell’amore: sentimenti che dobbiamo vivere qui, sulla Terra (= il nostro pianeta), nel nostro Mondo (= insieme delle nostre relazioni): le parole con cui ha sintetizzato l’omelia sono state: relazioni, solidarietà, umanità.

.

.

Poi ha citato un suo collega co-valligiano, Don Lorenzo Guetti (nato il 1847 a Vigo Lomaso) che nella seconda metà dell’800 per contribuire a far uscire la sua gente dal disastro della povertà causata dalla crisi finanziaria dell’impero, ideò e fondò la cooperazione trentina, basata sulla costruzione del Bene Comune, ovvero di “quel bene alla cui realizzazione hanno contribuito tutti, sin dall’inizio: un bene che nasce dal basso”.

.

.

No Comments »

FATE FIGLI! Si, vabbè … ma poi?

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 17 Ottobre, 2020 @ 8:17 am

Detto altrimenti: è il poi che spaventa (post 4043)

Italia, pochi figli. Manca il lavoro alle giovani coppie. Una coppia di genitori ha il lavoro. Fa due figli. Arriva il Covid. Baby sitter quasi irreperibili. Nidi e asili difficili da trovare. Trovati lontano da casa. Orari diversi. Servono auto munite di biseggiolini. Se non intervengono quattro nonni automuniti (da fuori piazza, rispettivamente 150 e 250 km), non c’è soluzione. Tutto ciò accade in una Regione (Emilia Romagna) bene organizzata. Figuriamoci nelle altre! E allora, diamo centralità a chi non ha il lavoro. Diamo centralità a chi il lavoro lo ha. E i nonni? Occorre l’albo professionale dei “Nonni Attivi”. E chi i nonni non li ha oppure li ha a 1000 km? E chi il lavoro non lo ha? Quanto costa alla comunità (denaro e decremento demografico) tutto questo, in assenza di un sistema assistenziale organizzato non solo “bene”, ma “completamente”? Si fa presto a dire “fate figli”.


No Comments »

MARCELLO FARINA A BALBIDO

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 11 Ottobre, 2020 @ 5:49 pm

Detto altrimenti: per i suoi 80 anni       (post 4042)

.

Don Marcello Farina. Dirgli che gli siamo amici, che gli vogliamo bene, che gli siamo grati di tutto … è così facile, troppo facile: come si fa a non essergli amici, a non volergli bene, a non essergli grati di tutto? Marcello, 80 anni oggi, S. Messa nella chiesetta di S. Giustina a Balbido.

Balbido, il bel Paese Dipinto (per via dei bei murales, se non lo conoscete, visitatelo, ne vale la pena!) il suo paese natale nelle Giudicarie esteriori. A fianco della porta di casa una scritta: “Le parole sono pietre” (firmato Don Lorenzo Milani in “Lettera ad una professoressa”).

Balbido, la porta di casa di Marcello: “Le parole sono pietre”

... "aumentate la speranza, o voi che entrate!"

Giornata quasi invernale, la neve a 1000 metri, pioggia, ma come si fa a non salire per salutarlo in questa occasione? Il paese si è radunato: mascherine e distanza di sicurezza, ma c’erano tutti, oltre a qualche foresto come noi che siamo “da Trento”.  Il suo saluto prima dell’omelia: “Grazie a tutte e a tutti, ma non è il caso di festeggiare un compleanno, queste ricorrenze arrivano per tutti, anno dopo anno, non ci vuole nessun merito. Quello che è bello è essere insieme, festeggiare l’essere insieme”. Marcello, l’uomo, il sacerdote dell’umanità. Io lo conosco a una ventina d’anni e mi sono bastati perché ne traessi un grande arricchimento. Marcello, storico, filosofo, religioso, uomo fra e per gli uomini: la sua religione è l’uomo, l’umanità, l’attenzione all’Altro. Non per nulla, in tante altre occasioni, ha citato il filosofo Emmanuel Levinas, il filosofo del volto: “Il Volto dell’Altro ti guarda, si aspetta una risposta da te”.

Oggi le scritture e il Vangelo erano centrate sul banchetto. Il banchetto simbolo dello stare insieme, delle relazioni umane. Ecco le relazioni. Poi la solidarietà, parole che deriva dal latino in solidum, cioè dal condividere tutto con l’altro. Infine ha citato un suo collega, Don Lorenzo Guetti, nativo di Vigo Lomaso, un paese poco più a valle di Balbido. Lorenzo Guetti, la Persona che ha reagito alla grande crisi della metà dell’800, quella che ha messo in ginocchio l’impero ed alla fame la periferia trentina; Lorenzo Guetti che reagito con l’ideazione e la creazione delle Casse Rurali e della Cooperazione Trentina.

A Vigo Lomaso, Altopiano di Fiavè, Giudicarie Esteriori

Di Don Guetti, Marcello cita l’esortazione a perseguire il Bene Comune che è quello realizzato con il contributo iniziale di tutti, dal basso; e il “non essere servi” che detto da un (sacerdote) italiano a italiani dell’impero austroungarico aveva anche un significato particolare. Tuttavia il suo era un invito alla libertà del pensiero e dell’azione: al pensare a all’agire insieme in favore della  comunità.

Marcello ha pubblicato molti libri. Per me sono tutti importanti, come quelli che mi regala quando capita l’occasione e che poi ritrovate da me citati molte volte: libri di autori come Norberto Bobbio,  Stefano Levi Della Torre, Gustavo Zagrebelsky ed altri ancora. Marcello, grazie ancora una volta di tutto!

P.S.: per capire la situazione alla quale ha reagito Don Lorenzo Guetti1870. La Grande Deflazione. L’ 8 maggio 1873 precipitò la quotazione di tutte le società  quotate in borsa. Si era all’apice della fase dello sviluppo delle reti ferroviarie europee. Le società ferroviarie prosperavano, idem le società  dell’indotto, la gente si indebitava per comperarne azioni e poi rivenderle con forti utili. Fino al crack del 10 maggio 1873. L’abuso del ricorso al credito fra l’altro aveva generato la mancanza di credito disponibile per le imprese. Le stesse banche si erano lasciate trascinare verso il facile guadagno, basato su finanza pura, su progetti fondati sulla sabbia. Le imprese senza credito ridussero la produzione, licenziarono. Il reddito dei lavoratori diminuì. Idem i consumi. La più colpita fu l’edilizia. La gente cercò di tornare alla terra, in campagna, ma la campagna era stata automatizzata e non assorbì mano d’opera. Ecco l’emigrazione come unica via si salvezza. Forte esodo verso il sud ed il nord America. Negli anni dal 1850 al 1874 Vienna rilasciò 4061 passaporti per gli USA. Nel solo 1875 ne rilasciò 4.974 di cui 97,2% a Trentini!

La zona del Maso Limarò vista dalla vecchia strada Terlago- Ranzo-Molveno

Per non dimenticare. Qui sopra: la traccia che vedete nel fianco della montagna, al tempo di Don Guetti era il sentiero, la carrareccia che i suoi compaeani avevano faticosamente scavato e che poi altrettanto faticosamente percorrevano a piedi o con i carri per arrivare a Sarche e poi … in America! Per loro, già arrivare ai porti d’imbarco era una emigrazione! Poi è diventata una strada provinciale ed oggi una pista ciclopedonale.

.

Comments Closed

Page 1 of 407
1 2 3 407