NIENTE DI PERSONALE di Roberto Cotroneo

pubblicato da: Mirna - 27 marzo, 2019 @ 2:28 pm

IMG_20190327_105353Un saggio o un romanzo?

Certamente un libro importante  che percorre con gi occhi di uno scrittore e – non solo –  gli ultimi trent’anni della nostra storia. Uno sguardo sgomento e deluso di essere arrivati in un’epoca in cui l’Italia sembra avere dimenticato se stessa. Cancellati per sempre certi silenzi pregnanti mentre di fronte a noi parole parole superficiali e inconcludenti .  Da giornalista e romanziere Cotroneo si accorge che la scrittura è diventata merce e spesso senza valore. Tutti vogliono scrivere, pochi leggono. La tecnologia ha tolto ogni pudore a ciò che si  vuole esprimere;  sembra che ogni pensiero debba essere per forza scritto e diffuso.

Giornalista dell’Espresso e prolifico romanziere Cotroneo ha vissuto anni belli e ricchi dove personaggi come Fellini, Moravia, Calvino e Sciascia lasciavano impronte indelebili al tempo contemporaneo.

La sua storia personale si dipana tra una riflessione e l’altra su politica,  società e cultura in generale.

Dove ci troviamo ora, si chiede? Com’è l’attuale lettaratura, per esempio? Scrive “Certa letteratura mi ha stancato, è regredita, e anzichè riprendersi il suo ossigeno, con la scrittura che torna a essere scrittura, diventa un’ancella di racconti fragili…ha personaggi che già te li vedi come attori di un film…la letteratura è una stampella per le fiction e per il cinema..”

Al nostro LibrIncontri parlavamo proprio di questo: quali grandi romanzi potremmo citare negli ultimi dieci, quindici anni?  Lo chiediamo anche a voi.

Dopo La storia di Elsa Morante, Il nome della rosa di Eco e pochi altri, ma già di un’altra epoca, non sappiamo che dire. Cercherò di ricordare qualche scrittore straniero.

LibrIncontri 18.10.17Tanti consigli di lettura da La ragazza con la Leica di Helena Janeczek. La storia della prima fotografa caduta nella guerra civile spagnola, vincitrice del premio Strega.

Edmund de Waal  “Un’eredità di avorio e ambra” Una avvincente saga di una famiglia ebraica che si snoda dalla metà dell’8oo fino al 1950

Santo in procinto di partire per il continente nuovissimo per una visita al  figlio legge e ci consiglia Sotto il cielo dell’Australia di Mauro Buffa

L’ARTE IN SEI EMOZIONI di Costantino d’Orazio.

Daniel Goleman  Dalai Lama . Emozioni distruttive: nessi tra scienza cognitivista e filosofia buddista

Zvikolitz : Yossl Rakover si rivolge a Dio. Comunità ebraica della Lituania

Glenn Cooper: La biblioteca dei morti

Amanti e regine di Benedetta Craveri. Dal XVI sec. alla rivoluzione francese

E tanto altro. Riccardo ci consiglia sempre i testi di don Farina fra cui E per un uomo la terra.IMG_20190220_175316

Ci ha riassunto  il suo articolo su Don Lorenzo Guetti 1847-1898. Potrrete leggerlo sul suo blog.

A Riccardo i nostri più affettuosi auguri di pronta guarigione.(Spalla fratturata sciando.)

Sono certa che non solo avrà tempo di leggere ma anche di scrivere. Un abbraccio.

 

 

 

 

condividi

Commenti chiusi