LA CORSARA – Ritratto di Natalia Ginzburg – di Sandra Petrignani

pubblicato da: Mirna - 6 agosto, 2019 @ 3:48 pm

CONSIGLI DI LETTURAIMG_20190619_110603

Per chi ha amato come me e come la mia cara amica Giuliana Lessico Famigliare è doveroso  leggere questa esaustiva biografia di Natalia Ginzburg scritta  da Sandra Petrignani.

Sebbene l’opera della Ginzburg sia ampia e diversificta,  la sua essenza, forse, è racchiusa nel suofamosissimo  racconto  Lessico famigliare, appunto,  che parla della  sua famiglia amata-odiata .

Si ride e sorride molto leggendo del loro lessico inventato ad hoc per ogni occasione da tutti i membri della famiglia, soprattutto ci rimane impresso il padre urlante con i suoi sbrodeghezzi e negritudi. Pensiamo alle liti furiose tra fratelli, genitori e sorridiamo ; in realtà ci sono voluti anni affinchè Natalia prendesse le distanze da un’infanzia che soltanto conoscendo un po’ di più la sua vita noi  percepiamo sconsolata, solitaria e piena di paure.

Ce la propone, grazie alla distanza medicamentosa del tempo, con ironia distaccata.

Ma quanto cammino personale e culturale ha fatto questa scrittrice! Quanti incontri, quanto dolore, quanta letteratura.

Sappiamno del breve e intenso matrimonio con Leone Ginzburg, ucciso dai fascisti, dei suoi figli, del secondo matrimonio con Baldini e della nascita dell’amata figlia Susanna menomata gravemente.

Tutti la ricordano come una donna forte, affascinante nella sua coriacea serietà, una donna”giusta” ci dice Rossana Rossanda.

Un grande impegno nella vita.

La chiave segreta e vitale del suo narrare, ci suggerisce  la Petrignani, sta in una scrittura costantemente oscillante fra vocazione autobiografica e sua negazione, trasparenza memorialistica e reticenza.

Sicuramente da leggere questo libro perchè non conosceremo soltanto le opere di una scrittrice, il suo iter lavorativo, i suoi rapporti con Pavese, Primo Levi , Elsa Morante e tanti altri, ma conosceremo una vita importante, un percorso in cui il pensiero cresce, matura e si definisce.

 

 

condividi

Lascia un commento

*