ANGOLO- PAPIRO al Libri & Caffè di via Galilei

pubblicato da: Mirna - 27 ottobre, 2012 @ 9:02 am

Libri, idee, pensieri. Libri che si rincorrono nelle case e tra le generazioni. Una nipotina che ricerca nei suoi scaffali i romanzi  che il nonno regalava ogni anno alla nonna. Quale autore?  Bruce Marshall.  Quali nonni? I genitori di Maria Teresa. Trovo rassicurante la continuità di lettura delle stesse storie, un collante di sensazioni, sorrisi ed emozioni condivise. Per il viaggio dei genitori nella capitale francese  Valentina Lucatti  ha pensato  bene di regalar loro “Candele gialle per Parigi“ . Maria Teresa si commuove mentre ricorda il passato, poi  ci legge alcune frasi deliziose di Marshall e ci consiglia anche un altro libro: “Cosa tiene accese le stelle” del giornalista Mario Calabresi figlio del magistrato assassinato anni fa. Delineati con una bella scrittura e una tendenza all’ottimismo ecco ritratti di personaggi famosi come Biagi e  riflessioni sui nostri tempi.

Lunedì scorso nel nostro Angolo-Papiro sono arrivate nuove lettrici, Laura e Silvia. Vengono naturalmente interrogate …Laura dalla tasca dei pantaloni estrae  “La felicità viaggia sempre in incognito” di Laurent Gounelle e Silvia confessa che spazia da  Hernàn Huarache Mamani e la sua “Profezia del sole” alla psicosintesi transpersonale di Assagioli  per arrivare ad Harry Potter  e ai racconti gotici di nuova generazione, genere questo condiviso con Stefania, la giovane psicologa.

Idee, suggestioni pensieri che si intrecciano con le letture. Riferendomi a Sana’a e la notte di Elena Dak, dove la città yemenita diventa un luogo dell’anima, chiedo ai presenti qual è per noi il Luogo particolare. Per mia figlia è senza dubbio Ithaca, dello stato di N.Y., che per lei ha avuto la valenza di “ritorno” ad esigenze profonde;  per molti di noi la Grecia con la sua-nostra storia , il mare blu, la vegetazione mediterranea,  per Ebza è Venezia, per alucni è  Londra e  per me , ovviamente, la campagna inglese.

 E per voi?

Ad Andrea è piaciuto molto La collina del vento di Carmine Abate, dobbiamo leggerlo sicuramente, oppure rileggere ciò che ci preme in un determinato momento del nostro vissuto. Maria Grazia era vicino a Trieste, ha percorso il sentiero che da Sistiana porta a Duino e che cosa poteva mai declamare ? Le elegie duinesi di R.M. Rilke.  Panorama magnifico che incita alla bellezza della poesia.

Si riparla di Pastorale americana di Roth. Daria e Raffaella ne sono entusiaste.

Riccardo ricorda le presentazioni che don Marcello Farina ha fatto per “L’anima e i confini dell’umano“ di   Giovanni Straffellini  (v.archivio)  e per “La via verticale” di Paolo de Lucia.

  E conoscete Stéphan Hessel ? ci chiede Andrea.

E’ un novantrenne dalla mente  vivacissima  e dalla incredibile vita; da leggere  la sua autobiografia  “Danza con il secolo“ … e da seguire il suo consiglio ““Indignez vous!” 

condividi

1 commento
Lascia un commento »

  1. Suppongo non sia poi una grave confessione quella :-) … ma certo tra le mie letture tanto eclettiche troverò senz’altro qualcosa di più intrigante da rivelare 😉 …. alla prossima !!! :-DD (abbinate la risata di Dracula di Bram Stoc.ker!!)