SI RIPARTE CON IL GRUPPO LETTURA

pubblicato da: Mirna - 14 ottobre, 2016 @ 3:05 pm

Finita l’estate si desidera incontrare gli amici nei salotti e  nei caffè per conversare.

Il piacere della conversazione che interessa, illumina, diverte, appassiona.

librincontri-caffe-citta-0tt-2016-003Il nostro LibrIncontri è dunque ripartito. E questa volta nel salottino interno del Caffè Città in piazza Italia.librincontri-caffe-citta-0tt-2016-002

Trovare un gruppo in cui ormai c’è un legame di affetto e  di complicità letteraria è un dono prezioso.

Dobbiamo “coltivarlo” come un giardino.

Rivediamo dopo tanto tempo Raffaella con la sua splendida bambina Saraswathy che cerca di ascoltarci, ma non troppo giocando con i suoi auricolari.librincontri-caffe-citta-0tt-2016-005

Carla ha finito il suo libro che Santo ha letto ed elogiato. Alfonso Masi ci parla dei suoi recital, dalla lettura di Garcia Lorca a Lutero. Poi ci sono i Lucatti, Enza, Daria, Lucia, Annamaria ed io, la solita coordinatrice e blogger.

Raffella prima di lasciarci ci consiglia di leggere Jonathan Safran FoerMolto forte,incredibilmente vicino”

“New York un ragazzino riceve dal padre un messaggio rassicurante sul cellulare: “C’è qualche problema qui nelle Torri Gemelle, ma è cop2tutto sotto controllo”. È l’11 settembre 2001. Tra le cose del padre scomparso il ragazzo trova una busta col nome Black e una chiave: a questi due elementi si aggrappa per riallacciare il rapporto troncato e per compensare un vuoto affettivo che neppure la madre riesce a colmare. Inizia un viaggio nella città alla ricerca del misterioso signor Black: un itinerario ricco di incontri che lo porterà a dare finalmente risposta all’enigmatico ritrovamento e ai propri dubbi. E sarà soprattutto l’incontro col nonno a fargli ritrovare un mondo di affetti e a riaprirlo alla vita.”

E soprattutto dello stesso autore leggere “ Eccomi”

“Uno dei temi centrali del libro è il modo in cui la cura dei figli entri dentro l’amore tra due persone, lo trasformi e possa consumarlo. Eccomi è anche la descrizione di una generazione, quella dei quarantenni e cinquantenni, che vive l’essere madri e padri come una prestazione pubblica, qualcosa in cui realizzarsi”

Mi accorgo che elencando le mie letture estive che troverete anche sul mio blog io ho dato la preferenza a scrittrici. Meno male che ho scelto un uomo per l’ultimo libro che sto leggendo. E che è delizioso. Consigliato a tutti i lettori e non.

cop1 Di Alan Bennet “La sovrana lettrice” ed. Adelphi

Che cosa può apportare in un’anziana e famosa sovrana la scoperta del piacere della lettura? Persino un cambiamento di atteggiamento durante le sue regali mansioni. Con il suo sottile humour inglese Alan Bennet ci racconta di come la Regina d’Inghilterra incappa in una biblioteca itinerante e grazie a un suo valletto comincia a leggere narrativa. Parte da romanzi leggeri come quelli di Nancy Midford per giungere a James (sebbene lo trovi troppo lento ) e a Proust. Legge di Sylvia Plath e si ritiene fortunata di non aver sofferto come lei, legge la biografia di Lauren Baccal e la invidia perchè pensa che si sia divertita più di lei. Sebbene suo marito e il primo ministro la critichino velatamente lei ribatte che la lettura , che riesce a rubare tra un impegno e l’altro, la “sottrae”, la rende irreperibile e la fa sentire persino libera. La lettura è l’attività più democratica che esista. Tutti lo possono svolgere.

Noi del gruppo lettura ne siamo entusiasti.

Altri consigli di lettura emersi :

Riccardo:  Utopia di Thomas More a cura di Maria Lia Guardini,

 Numero Zero di Umberto Eco,

La maschera democratica dell’oligarchia  di Canfora, Zagrebelsky.

Il bello dei nostri LibrIncontri è il dialogo, il confronto, i pareri concordi e discordi.  Santo dice che è rimasto deluso da Eco dopo “Il cimitero di Praga”, pure un po’ anche dell’ultimo romanzo di Andrea Camilleri: Montalbano è invecchiato e forse anche la verve dello scrittore siciliano. Si è tuffato quindi in un libro di fantascienza “Dune”

Ancora saggi  Biologia delle credenze di Bruce Lipton

e L’Amore di Ronald de Sousa, consigliato caldamente da Carla

Vera,  Mrs.  Vladimir Nabokov- di Shiff Stacy biografia della moglie di Nabokov. Interessantissimo.

Maria Teresa sta approcciando Il paese delle prugne verdi di Herta Muller. Lettura difficile e intensa che dipana una storia nella tn_5385_ilpaesedelleprugneverdi_12571760141Romania di Ceasescu.. 

cop3Caffè amaro di Simonetta Agnello Hornby

E libri di viaggio:

Alla ricerca di Hassan, Il volto nascosto dell’Iran di Terence Ward

Trieste,  o del nessun  luogo di Ian Morris . Tutti consigliatissimi.

E poi cerchiano Uomini nudi della Alicia Gimenez  Bartlett…sembra che in biblioteca sia prenotatissimo.

Alla prossima volta, cari amici.

 

condividi

1 commento
Lascia un commento »

  1. E’ stata un’accoglienza calorosa quella che Mirna a tutto il gruppo ha riservato a me e Saraswathi. Grazie a tutti, mi sono sentita a casa! Parlare di libri in un ambiente sereno, accogliente e stimolante allo stesso tempo con persone affabili e intelligenti , è stato un toccasana per me che sto attraversando un periodo della mia vita non così positivo e che mi ha affaticata molto. Grazie Mirna e grazie a tutti! Per chi non conoscesse Safran Foer dico solo che va assolutamente letto. Di Molto forte incredibilmente vicino e Ogni cosa è illuminata , i suoi due capolavori, sono stati tratti anche due bei film. Un abbraccio e un saluto!