LA RONDINE SUL TERMOSIFONE di Edith Bruck

pubblicato da: Mirna - 27 dicembre, 2017 @ 12:07 pm

IMG_20171129_120820Edizione La nave di Teseo

Molti di noi lettori conoscono certamente Edith Bruck, ebrea che ha vissuto gli orrori dei campi di concentramento nazisti.

Sopravvissuta alla deportazione giunge dopo anni di pellegrinaggio in Italia dove si stabilisce definitivamente e sposa  il poeta e regista Nelo Risi.

E’ autrice di poesie e romanzi. Dal suo volume di racconti Andremo in città il marito trae l’omonimo film.

Dal romanzo Quanta stella c’è nel cielo il regista Roberto Faenza trae Anita B.

Nei suoi libri Edith Bruck ha reso  più di una volta testimonianza della Shoa, evento nero che non si può dimenticare.

Ha ricevuto parecchi premi letterari ed è tradotta in più lingue.

Nel 2010 ha pubblicato La donna dal cappotto verde. 

In questo suo ultimo lavoro Edith ci dà testimonianza della  sua dolente dedizione all’amatissimo marito scomparso da poco. Ci racconta con realismo talvolta impietoso gli anni della progressiva malattia di Nelo Risi che lo ha allontanato dal mondo, dai suoi ricordi, dagli affetti, dal lavoro..

La loro non è stata una storia d’amore sempre serena: molti i tradimenti del marito, molti i contrasti e le lontananze. Ma ne risulta una condivisione profonda cementata e capita – senza dubbi ormai – proprio nel momento peggiore della vita di una persona.  Quando non si distingue più chi è l’uno e chi è l’altra.

Parole struggenti di una donna che ha ricercato nel suo uomo la forza di proseguire e un senso alla sua vita così duramente segnata.

 

condividi

Commenti chiusi