CONSIGLI DI LETTURA: Diana Athill con “Da qualche parte verso la fine” ecc.

pubblicato da: Mirna - 16 maggio, 2019 @ 3:35 pm

Diana Athill, classe 1917, ci offre  con garbo deciso e senza troppa retorica sulla bellezza della vecchiaia, sede di saggezza e illuminazione, questo libretto autobiografico premiato nel 2009.

Trovo le sue pagine quasi un “manuale” pieno di spunti e riflessioni obiettive. Diana Athill lo scrive a 89 anni iniziando con realismo sorridente  a dire che sarebbe inutile prendere dei cagnolini che senz’altro le sopravvivrebbero o l’amata felce arborea che forse non riuscirà  a veder crescere. Non ha preso i cani, ma ha deciso ugualmente di piantare una felce arborea e nel post scriptum  sappiamo che essa ha già  nove fronde di trenta centimetri l’una.

“Avevo ragione quando dicevo che non la vedrò mai diventare una pianta di grandi dimensioni, ma non credevo che avrei provato indextanta gioia nell’osservarla per quello che è¨ ora, una semplice felce. E’ valsa la pena comprarla.”

Ecco gran parte della sua filosofia, del suo affrontare e godere giorno dopo giorno il dono della vita. Prende ad esempio da Jean Rhis che evitava il pensiero della vecchiaia  per non entrare nel panico e che teneva una scorta di sonniferi come eventuale kit del suicidio…ma che non usa.

“Altrettanto esemplare è stato Elias Canetti il cui sprezzo per la morte era più assurdo dello sgomento di Jean.” Ne parla con l’ amante del grande scittore ,  Marie Louise Motesizky, leggiadra ottantenne che dipinge meravigliosamente la quale dice che il diprezzo di Canetti verso la morte l’aveva quasi convinta che forse lui sarebbe riuscito a non morire!

Poi Diana Athill ci parla di lei, della sua gratitudine di discendere da una famiglia longeva e sana e dalla”morte veloce”,  analizza i suoi anni passati e presenti con la lucidità  di un chirurgo. Sembra sezionare con  il bisturi ogni aspetto o passaggio della sua vita. Come una scienziata parla della sua vita sessuale e quando  essa è¨ finita spiegando che è¨ inutuile sentirsi frustrati per  qualcosa che ormai non si desidera più.

Accettare la vita nella sua crudezza e mistero. E Diana lo fa con consapevolezza, buon senso inglese ed elasticità  mentale per cui ci suggerisce, suo malgrado, di  rivolgersi a progetti che si possono realizzare mentre è¨ più saggio lasciar perdere ciò che non si riesce più¹ a fare.

Ha lavorato nel mondo dell’editoria ed è¨ andata in pensione a 75 anni. Ma il vuoto non è¨ mai “entrato” in lei. Eppure è¨ una donna senza fede, non è¨ mai stata sposata, non ha figli, ma nuove passioni le riempiono la vita. La scrittura autobiografica, anche come “sistemazione di s訔, autocoscienza ¨ una grande risorsa, le nascono  nuovi gusti letterari, ora meno romanzi, ma più¹ saggi, anche la rilettura dei libri preferiti, ed ancora  un po’ di giardinaggio, ceramica…da non dimenticare ovviamente buone ed affettuose relazioni sociali.

E’ anche una persona sensibile e calda.

Insomma la Athill  sembra dirci che occorre sa combattere contro il soma che invecchia , cambiare gusti, attività  , …darsi anche un po’ meno rossetto (verso i novanta forse)…ma è¨ anche e soprattutto sentirsi liberi di essere solo se stessi “Da giovani molto di ciò che si è¨ dipende da come ci vedono gli altri, e spesso si continua così¬ fino alla mezza età.” Ora finalmente si può² vivere più¹ liberamente e sinceramente.

La sua invidiabile sicurezza è¨ genetica o è¨ maturata con l’età?  A me è¨ simpatica e mi ha fatto sentire “giovanissima”ed ancora piena di progetti, grandi e piccoli.

Questo post è stato pubblicato nel 2011 ma Diana Athill è ancora viva!Ha 102 anni…e due anni fa ha pubblicato DIARIO FIORENTINO. VIVA! Ricordi di viaggio e altre cose che contano.

IMG_20190507_115257LA VITA PERFETTA di Renèe Knight un thriller psicologico che avvince e che sorprende.

Catherine Ravenscroft ha ricevuto un romanzo che sembra ricalcare un pezzo dimenticato della sua vita. Anzi è proprio lo stesso. Un avvenimento lontano mai confessato al marito.

La sua vita di donna in carriera e di moglie amata ha uno scossone tanto più che tutto sembra ricollegarsi al suo difficile rapporto con  il figlio ormai venticinquenne che è stato  sollecitato ad andare a vivere da solo.

Perchè l’autore di questo libro autopubblicato vuole “punire” Katherine?E come fa a conoscere così dettagliatamente questa storia lontana nel tempo ? Per gli amanti dei gialli una lettura  avvincente

 

condividi

Commenti chiusi