LE POESIE, di Guido Gozzano

pubblicato da: admin - 25 dicembre, 2010 @ 10:21 pm

 

Continuiamo anche oggi, Natale,  a rimanere nell’atmosfera di quiete serena  di abbandono al tepore dell’affetto?

Accarezziamo i  ricordi che ci avvolgono, sia quelli allegri che quelli malinconici, sapendo in cuor nostro che, come dice Miki, anche “il Dolore è vicinanza e quindi Amore “.

Giornate queste in cui si  “legge” la  nostra Vita con un altro sguardo  più attento e forse con il  rinnovato desiderio di  quello stupore di cui già il figlio di Cinzia  sente  la nostalgia.

 

Ho cercato fra le poesie sul Natale qualcuna leggera come la gioia.

E ho sentito improvvisamente  giungere  dal passato  quella che le Suore delle elementari mi fecero imparare a memoria. E’ di Guido Gozzano, il poeta crepuscolare di cui mi piacerebbe parlare ancora perchè la  signorina Felicita e  l’amica di nonna Speranza mi piacciono tanto…

Parole semplici in questa poesia natalizia, ma non è la semplicità la forma più diretta della Verità ?

 “Amai trite parole” diceva anche Saba. Sta a noi lettori arricchirle con le nostre emozioni  di oggi e  le nostre lontane suggestioni.

 

E’ nato! Alleluia!

di Guido Gozzano

 

 

E’ nato il sovrano bambino,

è nato! Alleluia, alleluia!

La notte che già fu sì buia

risplende di un astro divino.

Orsù, cornamuse, più gaie

suonate! Squillate, campane!

Venite, pastori e massaie,

o genti vicine e lontane!

Non sete, non molli tappeti,

ma come nei libri hanno detto

da quattromill’anni i profeti,

un poco di paglia ha per letto.

Da quattromill’anni s’attese

a quest’ora su tutte le ore.

E’ nato, è nato il Signore!

E’ nato nel nostro paese.

Risplende d’un astro divino

la notte che già fu sì buia.

E’ nato il Sovrano Bambino,

è nato! Alleluia, alleluia!

condividi

Nessun commento
Lascia un commento »

  1. Chissà se Stelzer conosce il libro di lloyd Jones, Mr. Pip, lo lessi due o tre anni fa’ ma l’ho sempre presente come se non avessi ancora passato il messaggio. Strano. spero che mia figlia lo ami assieme a Grandi speranze. A certi libri affidiamo tante di quelle cose che non ci basterebbe una vita per dirle a chi amiamo. E non funziona mica sempre.
    La poesia di Natale di Gozzano mi ha riportato un piccolo ricordo Canettiano : avevo imparato la poesia a memoria e , tutta orgogliosa e urlante andavo sbraitando per casa alleluia, alleluia è nato il sovrano bambino. E al pranzo di Natale prima dello scambio dei doni, dovevo recitarla, la poesia, davanti a nonna, zii, amici vari, un esercito di persone : ero tronfia e gongolante, e tutti mi guardavano. A un tratto i sorrisi divennero risate, qualche zia e zio , si sganassavano di risate e al tempo stesso erano bagnate di lacrime le loro facce rosse. Già la mia enfasi doveva essere esilarante, ma quando ben convinta e sicura e tronfia gridai, gesticolando, : non siete dei molli tappeti/ ma come bei libri hanno letto/, pensai di essere una grande attrice e di avere saputo smuovere le anime più fredde. E ne rimasi convinta . Avevo 5 anni e non dubitavo affatto del mio grande talento.
    Cara Mirna, che festa in questo blog natalizio. Hai saputo darci tanta gioia, accendere candeline che , senza di te, sarebbero rimaste spente. Auguri cara e grazie.

  2. Sarà una combinazione, ma guardando la mia prima nipotina Sara, nata solo il 21 ottobre scorso, mi vien da dirLe: “Sei un miracolo”, così come è un (ben più grande) miracolo la (ri) nascita di Gesù Bambino. La bellezza e la gioia della Speranza, della Vita che si rinnova, la certezza della nostra ri-nascita (per chi crede) e l’impossibilità di negarla (per gli altri) … l’Amore verso Tutti che nasce da una mangiatoia … Facciamola questa benedetta Pausa! Quanto sento proclamare alla TV frasi del tipo “L’avvenimento più grande di questo Natale: il tal film in 3 D!” mi chiedo se ci siamo bevuti Cervello, Sentimemnto, Fede, Amore per il prosssimo e per la Vita … sull’altare di cosa, poi?
    Ben venga quindi la poesia di Gozzano che Mirna ci ha regalato, semplice e spontanea come l’espressione del Bambino e di tutti i bambini … Grazie, Mirna e Buon S. Stefano!!