MA PRIMA DI “POSTARE” I DUE POST PRECEDENTI, ‘STA MATTINA SONO STATO TRE ORE IN PAGANELLA A SCIARE …

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 21 Marzo, 2013 @ 3:53 pm

Detto altrimenti: eh no, cari amici, sennò uno che diventa vecchio e pensionato a fare? Che vi credevate, che fossi solo un blog man?

E in fondo il Garda!

Ieri notte è nevicato. Fine della perturbazione, fronte freddo, vento da nord. Alle 08,10 ero alla partenza della telecabina ad Andalo, ad aspettare che nelle prime cabine caricassero i rifornenti per i vari rifugi. Al loro “Via!, via di corsa, a guadagnarsi la prima cabina disponibile. Perché? Perché il primo che arriva in cima si fa una discesa in neve fresca e vergine. Ecco perchè! Già salendo si pregusta … la nevicata è stata lieve, diciamo quindici centimetri (ma l’altro giorno sono stati 50!) quindi non hanno fatto uscire i “gatti” a battere le piste: ottimo! Dopo la telecabina, un breve tratto e poi la seggiovia che ti porta ai 2200 metri di Cima Paganella. Sulla destra, la pista intonsa. Sulla vetta si intravedono sbuffi di neve, sollevata dagli ultimi colpi di coda del fronte freddo. E poi, il Lago di Garda! La visibilità è ottima. Si arrivano a distinguere gli Appennini che chiudono da sud la Val Padana! Portarmi appresso la macchina forografica … no … mi ingombra. E il mio telefonino è un po’ all’ “antica”, le foto le fa, ve le allego, ma non sono un gran che stante l’ottica limitata dell’apparato, “contentetene” (accontentiamocene, in dialetto trentino).

Verso nord, sullo sfondo la Valle dell’Adige

Inizio la discesa “controvento”, cioè verso nord, verso Fai della Paganella, e dopo pochi metri scavalco una piccola slavina. Slawinengefahr, pericolo valanghe livello “4”, cioè “forte”, stante le forti nevicate su neve già consolidata, l’innalzamento della temperatura e il forte vento. Ok, recepito. Restiamo in pista. Tanto oggi sciare in pista è come fare il “fuori pista”. Ho sci da pista, Salomon 1,70, raggio di curvatura 14 m., ma oggi su un solo palmo di fresca vanno benissimo lo stesso. Scio intensamente tre ore … poi a casa, a pranzo e a scrivere i miei post. Domani? Si replica, anche perché le piste saranno ben battute.

 

Verso Andalo!

Seconda discesa verso Andalo.  Previsioni: bel tempo sino a metà sabato, poi neve e ri-bello da lunedì. Chiusura impianti in Paganella, prorogata dal 1 al 7 aprile.

E dopo? Dopo via con le biciclette: prima uscita programmata: Trento – Domegliara, km 75 (i primi 55 in pista ciclabile, poi sulla sinistra Adige, attraverso le splendide “gole” del fiume). Di mattina, col vento “in poppa”. Ritorno in treno.