UNA DOMENICA DIVERSA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 17 Febbraio, 2014 @ 8:23 am

Detto altrimenti: Musica “sacra” e spettacolo “profano” (post 1384)

1 – MUSICA “SACRA”

Trento, Sala Filarmonica, “I concerti della Domenica” ore 10,30 – quintetto:

Stefania Neonato

Stefania Neonato, pianoforte antico, alias fortepiano
Miriam Caldarini, clarinetto
Elisa Bognetti, corno libero
Magdalena Karolak, oboe
Michele Fattori, fagotto

Pianoforte antico o fortepiano, lo trovate ai post del 26 gennaio e 1 febbraio 2012. Gli strumenti musicali utilizzati per il concerto sono riproduzioni di originali. Per i fiati, infatti, l’invecchiamento è “deterioramento”, a differenza dei violini che “migliorano nel tempo come il vino”. Il pianoforte del concerto? Una copia di un originale del 1810!

Le musiche eseguite? Brani di Mozart e Beethoven. Mozart, il primo a “nobilitare” i fiati, sino ad allora quasi esclusi dai salotti. Beethoven, ponte fra l’ultimo settecento e il primo romanticismo.

.

.

Stefania Neonato, poi ha eseguito da solista la fantasia op. 77 in sol min. di Beethoven, lasciandoci letteralmente a bocca aperta e ad occhi chiusi! Stefania, docente di Fortepiano alla Musikhochschule di Stoccarda e sempre più impegnata in ambiti internazionali!
La sala, stracolma. Conviene infatti arrivare molto prima, per assicurarsi i posti migliori. L’orario. L’inizio è fissato per le 10,30, il che comporta che alle 12,00 – a concerto in corso – giunga il suono delle campane …. Forse si potrebbe anticipare l’inizio alle 10,15 …

.

.

Una considerazione non strettamente “musicale”. La bellezza del concerto è consistita anche nell’incontrare in sala tanti amici, appartenenti a circoli e a gruppi con interessi diversi: circoli sportivi di ciclisti o di amanti della montagna; frequentatori di gruppi di lettura; soci di circoli culturali; etc… tutti accomunati dall’amore per la Musica, tutti palesemente felici nel riscoprirsi accomunati anche per questo motivo, quasi un ri-conoscersi, un conoscersi nuovamente, sotto un ulteriore piacevolissimo profilo.

E’ difficile per un non-musicologo quale sono io, semplice musicofilo, commentare i brani e la loro esecuzione, se non con la magìa del lasciarsi trasportare dai suoni settecenteschi in un altro mondo, nel quale i suoni di un quintetto di fiati e pianoforte avevano l’esclusiva rispetto all’affollata distrazione odierna di radio, tv, cd, etc, etc.. Mi auguro che i miei lettori musicologi vogliano commentare queste mie poche righe con interventi ben più significativi delle mie poche, dilettantesche righe!

Che dire? Evviva la Musica!

2 – SPETTACOLO “PROFANO”

Trento-Villazzano, Circolo Bonporti, ore 17.00.

La Presidente Daniela Dalrì, con il marito, il noto giornalista-storico-politologo Luigi Sardi

Daniela Dalrì Sardi organizza e presenta lo spettacolo musicale e di arte varia dialettale e non del gruppo PoeMus, “Poema” di Poesia e Musica.  Autori ed interpreti, Antonia Dalpiaz (voce), Alessio Di Caro (pianola e voce), Piergiorgio Lunelli (chitarra e voce), Lino Roccabruna (voce).  Voci, chitarra, pianola. Anche qui, sala stracolma. Brani di prosa dialettale, poesie, musiche popolari e non (fra cui brani di De Andrè e Dalla).

“Il Gruppo, cositutito nel 1976 da Piergiorgio Lunelli, musicista ed attore, offre ad più di 15 anni un viaggio nella cultura popolare trentina. sia attraverso al musica, il canto, la poesia ed il teatro. La finalità è quella di istruire divertendo o se volete di divertire istruendo attingendo ad un patrimonio ricchissimo che vede in prima fila autori di rilevante spessore che hanno raccontato il Trentino con sensibilità, arguzia ed ironia”.

Il simpatico magazzino dei costumi dei quattro attori

.

.

.

.

Co-autrice, co-recitatrice e presentatrice la dinamica Antonia, allo stesso tempo anche ottima regista dei tempi serrati ed incalzanti dei vari momenti, che non lasciano spazio allo spettatore di riprendersi dalle emozioni di ogni singolo pezzo che si trova calato in quello successivo.

.

.

.

La bellissima sala della Villa Mersi che ha ospitato la rappresentazione

Un intelligente e ricco mix di rispolverature dialettali, di musica, di scherzi dal Veneto al Sud Tirolo, intervallate da brani musicali e vocali, sempre comunque con il sottofondo “orchestrale” della miracolosa pianola tuttofare di Alessio Di Caro.

.

.

.

Ed alla fine, gentilmente offerti dall’ospitale Daniela Dalrì, grostoi e smaccafam.

(www.poemus.net – Piergiorgio Lunelli, Via Marnighe, 21/2 – 38121 Cognola Trento TN)

.

PER VEDERE ALTRE FOTO, ECCO IL LINK:

https://drive.google.com/folderview?id=0B0KJPd_XoznSc0Z5N1g3blNHMFk&usp=sharing

.


  • Raffaella

    Sempre più bella Stefania… E chissà che musica… Non ho potuto partecipare perchè avevo Saraswathi malata… sarà per la prossima… E complimenti ancora a te Riccardo, prolifico blogger, i tuoi post sono sempre più interessanti, poco il mio tempo per commentare ma li seguo con interesse. Un saluto a te e consorte ! Raf

    • Riccardo Lucatti

      @Raf: essere apprezzato dalla RAF, non è cosa da poco! Vuol dire che “volo alto”! (Grazie, RAFfaella!)

  • mirna

    Mi piace e mi conforta trovare i racconti di Riccardo circa la nostra vita culturale trentina. Il suo sguardo attento e sensibile, la sua scrittura chiara, le sue foto, sono una garanzia a partecipare anche quando si è altrove. Grazie , mio caro amico, per l’entusiastico giudizio sulla interpretazione di Stefania. Ovviamebnte al suo concerto c’ero… mentre non sono potuta venire allo spettacolo”profano”. Caramente, Mirna

    • Riccardo Lucatti

      @Mirna: la mia “madrina di blog”, sappiatelo, lettrici e lettori dei miei post: è stata lei! Lei è la “responsabile” di avermi segnalato all’editore Ing. Andrea Bianchi quale “free blogger”, lei l’amica alla quale io devo questa bellissima opportunità che mi è stata offerta di dialogare con tanta gente, con tanti amici, di condividere, di fare “comunicazione”, communis actio, azione comune. E se qualcosa di ciò che scrivo non vi va … be’ … prendetevela con lei!
      A parte gli scherzi, grazie,Mirna! (n.d.r.)

  • Cristina

    Domenica è stata una giornata magica!
    Stupendo il concerto della mattina nella prestigiosa sala della Filarmonica. Il pubblico, accorso numeroso, era ammutolito dalla bellezza dei suoni e dalla calda atmosfera che riuscivano a creare. Nel Quintetto di Mozart K 452 si sentivano chiaramente i continui dialoghi che gli strumenti facevano tra loro. Emozionante sentire la “domanda” fatta da un timbro e la “risposta” data da un timbro diverso. Perfetta la fusione e molto palese il piacere di suonare insieme e di dare vita ad un’amalgama meravigliosa. E’ stata una bella esperienza d’ascolto ma, soprattutto, di partecipazione. Mi sono sentita avvolgere completamente dai suoni e trasportata in alto, quasi a far parte del gruppo! Stupenda la precisione ritmica e la pulizia degli attacchi. Riuscire a far sembrare Mozart apparentemente facile e talvolta disarmante… non è da tutti. Difficilissima e molto corposa la Fantasia di Beethoven che Stefania ha eseguito. Con la sua tecnica ha reso il brano preciso, il suono pulito, cristallino e penetrante. Il Quintetto di Beethoven Op. 16 ha concluso il programma con le sue atmosfere così corpose e dense di emozionanti fraseggi. Il Concerto ci ha catturati completamente e tutto il resto è stato dimenticato, la giornata uggiosa sembrava brillare e anche le campane, pur tentando, non sono riuscite a distoglierci dall’ascolto.
    Grazie a Stefania e ai suoi amici per le molte emozioni che ci hanno donato. Una vera chicca!
    Pomeriggio a Villa Mersi altre emozioni, intense anche se di altra natura. Ascoltare i vecchi detti popolari, le canzoni di una volta e le battutte comiche è stato un divertimento incredibile, quasi un tornare indietro nel tempo. Infatti ricordo perfettamente quando la mia nonna mi parlava, con quei termini, di molte situazioni e di fatti accaduti. Bravissimo il gruppo “Poemus” e Antonia Dalpiaz ci ha coinvolti tutti con la sua enorme simpatia e spigliatezza. Gruppo molto ben amalgamato e di grande simpatia. Certe situazioni rappresentate erano così intense e vere da farci tutti scoppiare in sonore e liberatorie risate. Grazie Daniela per lo stupendo pomeriggio, alla prossima!