DI DOLORE OSTELLO, NON DONNA DI PROVINCIA MA ….

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 26 Ottobre, 2017 @ 6:54 am

Detto altrimenti: tuttavia la preferisco ad altri Paesi ….   (post 2877)

download (1).

Italia mia. Invece, giorni fa, in Austria. Per una gita con amici. Tutto bello, ordinato, pulito, prevedibile. Troppo. Troppa monocultura. L’impressione che ne traggo? Mi mancherebbe l’aria a vivere li. Maccome? Vallate verdi, montagne … e a te mancherebbe l’aria? Si, quella “culturale” quella che si alimenta di culture diverse, non solo di una, chiusa in se stessa entro muraglie di autoreferenzialità. Ecco, raga, io sono un fautore dell’Euregio: Tirolo, Sud Tirolo e Trentino, tre culture “vicine, simili non uguali”, in osmosi reciproca, ognuna delle quali prende e cede un quid da/a ciascuna delle altre due. Così sì che respirerei a pieni polmoni!

Dice … ma qui da noi in Italia … nel frattempo, ti va tutto bene? No, scialla raga, calma, non ho detto una cosa simile, io. Volete alcuni esempi di situazioni nostrane sulle quali intervenire? E parlo delle piccole cose d’ogni giorno, ma almeno mi tolgo una manciata di sassolini dalle scarpe:

  1. Una signora di oltre 80 anni riceve dalla compagnia B la proposta di cambiare il suo gestore elettrico A. La signora non risponde. La compagnia B interpreta il silenzio come assenso (Diritto romano antico: “Chi tace non dice nulla”)  e le cambia il contratto. La signora scrive e protesta. Nel frattempo, la banca le ha comunque (arbitrariamente!) addebitato le fatture della compagnia B. La compagnia A le scrive che non deve pagare proprie fatture che continuano ad arrivarle nonostante il cambio di cui sopra. La signora deve andare in banca per protestare contro addebiti della compagnia B non autorizzati. La compagnia B scrive che le accrediterà (quando? N.d.r.) quegli importi. Nel frattempo – fra A e B – alla signora mancano le fatture per un trimestre durante il quale quindi ha consumato energia elettrica gratuitamente. La signora cerca aiuto presso amici: vuole evitare di assumere un commercialista o un avvocato. Evvabbè …
  2. La signora di cui sopra regala alla sorella la metà dell’alloggio dove abita: la sorella diviene così unica proprietaria. Valore della cessione, poco meno di €60.000. Costi notarili, tavolari etc. circa l’ 8 % (otto per cento!?). Evvabbè …
  3. Basilicata. Sono in vacanza. Posteggio l’auto fra due alberi. Poco lontano un cartello (di divieto di sosta) piccolo, rugginoso, illeggibile. Dopo 40 giorni ricevo la notifica della contravvenzione + spese postali + 30% di “spese di gestione” (!?). Evvabbè …
  4. Un tale “salta” il pagamento di un breve tratto autostradale (come avrà mai fatto?) evadendo la somma di €1,5. Riceve raccomandata con intimazione di pagare 1,5 + … per spese: totale €6,00. Evvabbè …
  5. Tre mesi dopo il decesso del coniuge, una vedova si reca nell’ospedale nel quale è morto il marito, per recuperare l’anello di matrimonio del defunto. Deve tornare tre volte perché “l’incaricata che se ne occupa è in ferie; è malata; è occupata”. Alla quarta volta la trova. Ma l’impiegata, dopo approfondite e lunghe ricerche, non trova l’anello. Finalmente una collega la aggiorna: dopo tre mesi passa tutto all’economato. La vedova esce, aggira l’edificio dell’ospedale, si reca all’economato e … e la scena si ripete. Alla fine salta fuori l’anello. Evviva? No. la signora ha solo la tessera sanitaria, non anche la carta di identità. Deve tornare. Evvabbè …
  6. La mia barca, ormeggiata in porto, viene speronata da un gommone. L’investitore ammette la sua colpa, firma il verbale, idem i testimoni, fotografie etc.. Denuncia alle assicurazioni immediata. Dopo due mesi (!!??) due periti vengono in auto da Venezia a Riva del Garda per la perizia. Danno liquidato €850,00 + Iva. Costo della pratica, per la compagnia … cioè per tutti noi assicurati? Fate voi. Evvabbè …
  7. Devo rinnovare la patente auto B+E. Occorre una visita medica particolare, quella che regista i tempi di reazione. La faccio, la supero. Dopo una settimana devo rinnovare la patente nautica. Serve la stessa visita, presso la stessa ASL, presso lo stesso ambulatorio, presso lo steso medico. Esibisco il certificato medico della visita precedente: niente da fare. Devo rifare la visita. Uguale a quella della settimana prima. E ri-pagare €50,00- Evvabbè …
  8. Rinnovo patente nautica (cliccate sul blog “patente nautica” e ne vedrete delle belle!). Invio il certificato medico che attesta che non ho più bisogno delle lenti (mi sono operato di cataratta e ci vedo benissimo). Mi si rilascia patente con occhiali da vista. Riscrivo, reinvio … alla fine niente più occhiali. Evviva! Evvabbè …
  9. Le finte partite IVA – lavoratori con un unico cliente – nascondono quelle che di fatto sono elusioni della legge sul lavoro. L’Ufficio IVA potrebbe iniziare a non rilasciare quelle “partite IVA”. No? Evvabbè …
  10. INPS. Registra regolarmente il contratto di una badante che viene in aereo dalla Moldavia in Italia per lavorare – formalmente, s’intende! – due mesi a sole 4 ore al giorno ad €6,00 all’ora, senza vitto e alloggio. Non viene in mente a nessun funzionario INPS che invece quella persona sia poi fatta lavorare a tempo pieno “in nero”? No? Evvabbè …
  11. Macchinette mangia soldi. Dice … i concessionari evadono il fisco … mappoi (mappoi! li si persegue eppoi (eppoi), una volta accertata l’evasione, si fa un bel concordato (!?). Ma … nel frattempo … chi cambia loro le tonnellate di monetine raccolte? Per le pizzerie si controlla la fattura delle lavanderie delle loro tovaglie e da lì si risale al giro di affari presunto. Dice, ma le slot machine mica sono pizze! Che poi in USA hanno la banconota da un dollaro e noi la moneta da €2,00 cheppoi (cheppoi) così è più facile giocarla alle slot. Evvabbè …
  12. Dice … ma che gli ha preso oggi al nostro blogger? L’ha morso la tarantola? No raga, scialla, calma … io sto benissimo, anzi, dopo essermi tolto questi sassolini dalle scarpe, sto ancora meglio! Evviva! Ma quanti “Evvabbè” mi è costato tutto ciò!

Ma ora, un po’ di cultura. Chi ha scritto quanto segue? Un concorso per le lettrici e i lettori:

bty

Bordello? Per quanto … anche in Austria …

.

.

.

Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

Italia mia, benché ’l parlar sia indarno
a le piaghe mortali
che nel bel corpo tuo sì spesse veggio,
piacemi almen che’ miei sospir’ sian quali
spera ’l Tevero et l’Arno,
e ’l Po, dove doglioso et grave or seggio.

 

.

.

Fra tutti coloro che avranno indovinato (ma dai che è facile! Con internet poi … siamo tutti letterati!) sarà sorteggiata una moneta da €2,00 da giocare alle slot …

.

.