POST 1301 – IL TRENTINO CHE VORREI “DUE”

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 18 Gennaio, 2014 @ 7:52 am

(post tecnico, vi avviso, molto tecnico!)

Detto altrimenti: 1300 post fa questo era il titolo del mio primo post. Oggi, dopo oltre due anni di “attività da blogger”, ho ripreso quel tema. (post 1301 – 51/2014)

1) Giovani

a. Diventiamo un ulteriore “paese estero” per i migliori giovani del Paese.
b. Trasmettiamo ai nostri giovani l’esperienza dei nostri “meno giovani”: serie di incontri affinchè l’esperienza non si perda (come avviene in Olanda).

2) Mobilità

a. Tessera sosta unica per tutta la PAT (ed ev. Regione).
b. Mobilità a velocità zero: sistema parcheggi (i lavoratori pendolari!)
c. Dislivelli Trentino Biciland (Trento 2000; Zambana-Fai).
d. Autobrennero: traffico pesante a tariffa differenziata per fascia oraria.
e. Tunnel del Brennero: 3 canne solo per le merci (ex ATT3 Alptransfer Consulting GEIE/EWIV).

3) Turismo

a. Masi in rete attraverso i sentieri in quota (come in Sud Tirol).
b. Trentino Biciland: valorizziamo i dislivelli e mettiamo in rete le piste ciclabili e “gestiamole noi”!
c. Film Festival Internazionale della navigazione a vela.
d. Trentanodi Srl” Scuola (internazionale) di perfezionamento velico classe crociera.

4) Industria

Prendiamo a modello le procedure burocratiche austriache.

5) Privatizzazioni e SS.PP.LL.

Dalle privatizzazioni all’italiana al “to go public” inglese per aree intercomunali omogenee (dalle Polizie locali alle società di sosta, v. Busa del Garda).

6) Internazionalizzazione

In campo internazionale – insieme a Bolzano – dobbiamo puntare sull’Euregio e sull’Europa delle Regioni quale ponte verso la costituzione degli Stati Uniti d’Europa, anche solo come modello teorico elaborato da esperti. Infatti gli Stati Uniti d’Europa l’unica dimensione geopolitica che può contribuire ad una inversione del senso di marcia del mondo.

 7) In campo nazionale

Ritengo che si debba puntare ad un aggiornamento dell’ordine delle priorità. E il primo problema è il Problema Morale, Questo perché la soluzione del Problema Morale porta alla soluzione di tutti gli altri problemi (lavoro, welfare, etc.). Il Principio morale? eccolo …

A. già laicamente enunciato nel Codice Hammurabi 2200 anni a. C.: “Non fare agli altri … fai agli altri …” (Morale laica).
B. poi ripreso dalla nostra religione 2200 anni dopo (Morale religiosa).
C. Oggi questa morale si impone se non altro come “morale gestionale e di governo” come “unico strumento gestionale per invertire il senso di marcia dell’Italia, dell’Europa, del Mondo”, che oggi si traduce in
a. riordino delle priorità
b. verifica del modello di sviluppo
c. riequilibrio distributivo della ricchezza e delle risorse
d. ricerca del Bene Comune, nel senso della ricerca per ognuno di noi di un bene proprio che però non contrasti, non ostacoli, non impedisca il bene altrui.

Internamente agiamo in favore dei giovani:
• diventiamo per i giovani del Paese un ulteriore Stato Estero (Ufficio reclutamento tipo CH, D, A) nel quale migrare;
• per i nostri giovani facciamo come in Olanda: affianchiamo loro i nostri uomini di esperienza così che il patrimonio di esperienze personali maturato non vada perso. Prepariamo chi sta cercando un lavoro, affianchiamo chi il lavoro

Chi desidera approfondire i singoli temi, intervenga con il suo commento. Apriremo una sorta di forum!