LETTURA DEI CLASSICI A TRENTO

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 13 marzo, 2018 @ 1:15 pm

Detto altrimenti: la “Lisistrata” di Aristofane con la Prof Maria Lia Guardini     (post 3111)

dav

Il tebano Cinesia durante le prove della Compagnia dei Guitti

.

.

Il 6 febbraio scorso ho pubblicato un post sulla rappresentazione più che amatoriale (Compagnia dei Guitti) della Lisitrata di Aristofane. Oggi si è parlato (in modo serio) della commedia nel corso delle consuete riunioni presso la Biblioteca Comunale di Trento.

La guerra (del Peloponneso) fatta per fare i soldi (che mancavano) per fare le guerre fatte per fare i soldi etc… Atene non aveva un sistema fiscale, incassava “regali spontanei” dalle isolette alleate (rectius: sottomesse); ricavava un po’ di risorse dalle miniere di argento e dai dazi portuali. Fine. E allora … guerra, come quella contro Siracusa (415) ed Egitto, entrambi perse. Ora (411 a. C.) si stava accingendo a perdere quella micidiale contro Sparta. Nel frattempo Pericle aveva introdotto la paga per i politici (mannaggia a lui …!).

.

.

La gente andava a teatro, pagata dallo Stato (2 oboli a testa): alle tragedie, per essere educata alla politica; alle commedie, per essere educata al libero spirito critico: “Ed io di questa politica me ne rido!”. Solo che era un riso amaro quello degli Ateniesi in quell’anno! Del resto, lo stesso Platone affermava che per i ragazzi c’era il maestro, per gli adulti il teatro: le tragedie di Eschilo, ad esempio, esaltazione delle virtù pubbliche (l’oplita, il potere della Città).

.

download.

Aristofane si è dato da fare: con la guerra, che analizza con una visione panelleica, quasi “mondiale” per l’epoca; verso le donne, che da donne oggetto trasforma in donne soggetto; con il linguaggio, turpiloquio se si vuole, ma niente di più o di meno di quello parlato dalla gente. Dicevo le donne: non solo scioperanti del sesso; politiche attive (contro la guerra); decise attiviste (ad occupare l’Acropoli). Le donne, dai nomi parlanti come Lisistrata, colei che scioglie gli eserciti; le donne che sanno dire ai propri mariti arrapati un no politicamente corretto (Mirrina al marito Cinesia).

.

Attuale più che mai, oggi, la Lisistrata! Questo e molto altro ci siamo detti, ma si sa, “post lunghetto vien poco letto”!

Prossimo appuntamento: martedì 27 marzo, ore 10,00 Biblioteca Comuna di trento, piano terra, sala Multilingue: L’”Euboico” di Dione di Prusa (1-80)

.

.

condividi