ASSOCIAZIONE AMICI DELLA MUSICA – RIVA DEL GARDA (messaggio promozionale … gratuito, ovviamente!)

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 12 Novembre, 2012 @ 8:23 am

Detto altrimenti: piccole, grandi iniziative di volontariato culturale e artistico

Il Presidente Ruggero Polito, violinista, pianista, musicologo

Da molti anni, oltre 50. E da quasi altrettanto ne è Presidente Ruggero Polito. Lo trovate intervistato da me nel post del 18 marzo 2012. Vice Presidente il M° Riccardo Giavina. Musica è arte. Peccato che nelle scuole, quando si insegna storia dell’Arte, non si insegni anche la Musica. La Musica, intendo quella classica, operistica (senza assolutamente nulla togliere al jazz ed altre forme più moderne) … la si inizia a conoscere e apprezzare grazie al “volontariato”. No, non mi riferisco al nostro (dico nostro in quanto io sono tesoriere dell’Associazione). Bensì al “volontariato” dei propri genitori o di qualche amico o parente molto vicino a noi, sin dalla più tenera età. Ricordo la mia mamma: appassionatissima di musica operistica. Io avevo cinque, sei anni … e ancora adesso ricordo a memoria brani e arie dell’Andrea Chenier, dei Vespri Siciliani, dell’Assedio di Corinto, della Forza del Destino, della Tosca, della Butterfly, etc..

Stefania Neonato: pianista, fortepianista

Ma veniamo al tema. Ogni anno la nostra Associazione affronta gli stessi problemi: dover programmare i concerti di un intero anno, senza conoscere quante saranno le adesioni dei soci, degli sponsor privati e soprattutto di quelli pubblici (Comune di Riva del Garda e Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto) che qui, tutti, ringraziamo. Inoltre, circa la metà della spesa se ne va in oneri fiscali (Enpals-Inps; Siae; tassa affissioni; IVA, etc.). Poveri noi … ma soprattutto poveri concertisti … Tuttavia essi aderiscono con entusiasmo al nostro invito e vengono ad esibirsi. Dove? Nella sala dell’Auditorium del Conservatorio Bonporti, sede distaccata di Riva del Garda, che, grazie alla disponibilità ed all’azione del suo Direttore, M.° Franco Ballardini, ci ospita.

Maura Bruschetti: nella Haydn, prima viola. Da noi, prima viola e voce

Quanto costa associarsi? €30,00 all’anno, e avete diritto all’ingresso gratuito a quasi tutti i concerti. Quanti siamo già? Circa 120 iscritti. Il programma? Eccolo :

Programma autunno 2012.- 31 dicembre 2013

Sabato, 13 ottobre 2012 ore 17,00 – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda. Carlo Fierens: Recital di Chitarra classica. Alfonso masi: lettura di poesie

Sabato, 27 ottobre 2012 ore 20,45 – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda: Concerto della Mozart B&G Orchestra. Direttore dal M° Italo Rizzi: Violino Solista Francesca Temporin (14 anni!) (in collaborazione con l’Associazione Mozart di Rovereto)

Sabato, 17 novembre 2012 ore 17,30 – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda. Concerto Violoncello e Pianoforte: Federico Magris, violoncello – Anna Brandolini, pianoforte

Sabato, 8 dicembre 2012 ore 18,00 – Chiesa Collegiata di Arco: Concerto di Natale della Camerata Musicale Città di Arco. Direttore. M° Giorgio Ulivieri

Il pianista Edoardo Bruni

Giovedì, 17 gennaio 2013 ore 20,45 – Auditorium del Conservatorio in Riva del Garda. Concerto Orchestra Haydn. “Le Otto Stagioni”. Antonio Vivaldi: “Le quattro Stagioni”; Astor Piazzolla: “Le quattro Stagioni”; Direttore Giancarlo Guarino; I° violino: Marco Mandolini

Sabato, 9 febbraio 2013 ore 17,30 – Auditorium del Conservatorio in Riva del Garda. Concerto dell’Assemble Flautistico dei diplomati e diplomandi del Conservatorio, Sezione Distaccata di Riva del Garda

Giovedì, 21 febbraio 2013 ore 20,45 – Salone del Casinò in Arco. Orchestra Haydn: Direttore Thomas Mandl; Pavel Berman, violino. Programma da definire

Sabato, 9 marzo 2013 ore 17,30 – Auditorium del Conservatorio in Riva del Garda: “Ecco un dio più forte di me…Vita, amori e opere negli Anni di Pellegrinaggio” di Franz Liszt. Primo anno: Svizzera. Corrado Ruzza, pianista e relatore

Il M° Corrado Ruzza

Venerdì, 12 aprile 2013 ore 17,30 – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda: Ensemble primi fiati dell’Orchestra Haydn. Paul Dukas: “L’Apprendista Stregone”. Francesco Dainese, flauto; Gianni Olivieri, oboe; Stefano Ricci, clarinetto; Flavio Baruzzi, fagotto; Andrea Cesari, corno; Luciano Gottardi, burattini

Sabato, 27 aprile 2013 ore 17,30  – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda: “Lieder” di Kurt Weil. Trio Cenini, Grossi, Tavernini (pianoforte, voce e contrabasso)

Sabato, 11 maggio 2013 ore 17,30 – Auditorium Conservatorio in Riva del Garda: duo pianoforte e corno. Stefano Romani, pianoforte; Vittorio Schiavone: corno

Giovedì, 23 maggio 2013 ore 20,45 – Chiesa Parrocchiale S.Maria Assunta in Riva del Garda: Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Correlli: “Concerto grosso”; G. Fr. Händel: “Arie da Oratori”; Händel: “Concerto grosso”; W. A. Mozart: Sinfonia da definire. Direttore Alvise Casellati; soprano Regula Mühlemann

Il chitarrista classico Carlo Fierens

Sabato, 8 giugno 2013 ore 17,30 – Auditorium del Conservatorio: Recital Pianistico del vincitore del concorso “Città di Verona

Sabato, 29 giugno 2013 ore 17,30 – Auditorium del Conservatorio: Recital del fisarmonisicta Tiziano Montibeller

Sabato, 9 novembre 2013 ore 17,30 – Auditorium del Conservatorio: Recital del pianista compositore Edoardo Bruni

Sabato, 26 ottobre 2013 ore 17,30 – Concerto Lirico Canto e Pianoforte e Poesie: “Lasciatemi morir”, Arie da Donizetti, Puccini, Bellini, Gounod, Mozart. Jessica Pratt, soprano; Corrado Ruzza, pianoforte. Letture di Sabina Simonetto.

Casinò di Arco: il tenore Giulio Mastrototaro e il Maestro Giorgio Ulivieri

Domenica, 8 dicembre 2013 ore 18,00 – Chiesa Collegiata di Arco: Concerto di Natale della Camerata Musicale Città di Arco. Direttore M° Giorgio Ulivieri.

E  allora … iscrivetevi all’Associazione e comunque venite ai concerti!

Vi aspettiamo numerosi!

4 Comments »

Il VANGELO, LE ALIQUOTE FISCALI, LA PATRIMONIALE (immobiliare e mobiliare)

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 12 Novembre, 2012 @ 6:45 am

Detto altrimenti: lo dice anche il Vangelo (per chi crede). Per chi non crede   si tratta di una logica anche laicamente e agnosticamente inoppugnabile.


 Ieri, Domenica, il Vangelo di Marco (12, 38-44). I ricchi versavano molti denari al Tesoro. Una povera vedova solo due monetine. Ma era tutto quello che aveva. Gesù dice: “Questa vedova ha dato al tesoro più di tutti gli altri. Infatti gli altri hanno dato parte del loro superfluo. Lei tutto quello che aveva”.  

Oggi, Lunedì,  il Governo. Si afferma che se non fossero sufficienti le “nuove” risorse previste per far fronte alle esigenze degli esodati, potrebbe ricorerre alla deindicizzazione delle pensioni a partire dai 3.000 euro “in su”.  Ho capito …  ci risiamo … iniziamo a scalare la redditività della gente partendo dal basso. Mi chiedo: non sarebbe più logico  intervenire ” a scendere” e cioè prelevando reddito non  a partire da 3000 euro in su ma da 40- 100 (e più) milioni in giù, sino a quando fosse necessario?Don Milani, lo conoscete tutti, vero? Ha detto: “Cos’è la politica? Uscire tutti insieme dai problemi. Con una peculiarità: ad iniziare dagli ultimi”.

La patrimoniale c’è già … afferma taluno. Infatti il 90% degli Italiani possiede una casa (la percentuale è corretta? Forse no, ma comunque è un valore elevato). Quindi la pagano soprattutto le famiglie. E pagano una “patrimoniale immobiliare” mentre non si parla di una “patrimoniale mobiliare”. Perchè? Dice … i capitali fuggirebbero all’estero. A parte che lo stanno già facendo, l’attrattività dei capitali non è “patrimoniale si/patrimoniale no”: in Svizzera la patrimoniale esiste e i capitali non fuggono dalla Svizzera. Ciò che scoraggia i capitali sono: la pesantezza della burocrazia;  la lentezza della giustizia; l’incertezza politica (leggi: “porcellum”); la mancanza di una politica di sviluppo  generata da lunghi periodi di “va tutto bene, non vi preoccupate”.

Duomo di Trento, domenica 11 novembre 2012, XXXII Domenica del tempo odinario (B). S. Messa delle ore 19,00. La preghiera dei fedeli. Ripetiamo insieme: “La Chiesa non ammassi altro tesoro che quello del regno di Dio, condividendo i suoi beni con i poveri e gli ultimi, preghiamo”. Nel frattempo il Governo esenta di fatto gli immobili commerciali della Chiesa dal pagamento dell’IMU. Dovranno solo cambiare lo statuto che regola quell’hotel, quella scuola privata, prevedendo  esplicitamente che il costo del servizio sia descritto come “un obolo simbolico”. Sicuramente la Chiesa rifiuterà questo privilegio medievale o quanto meno non ne abuserà.

Comments Closed

PENSIERI DELLA DOMENICA MATTINA, ancora in pigiama …

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 11 Novembre, 2012 @ 8:54 am
Cartesio: “Cogito ergo sum”

Detto altrimenti: cogito ergo sum … e poi … repetita juvant. Come? Non conoscete il latino? Nessun problema, traduco: “penso, rifletto, ragiono … pertanto io esisto” ovvero “io esisto in quanto essere pensante. Se non penso, se non rifletto, la mia esistenza non ha significato” e poi “ serve, serve ripetere le cose, altro se serve!”

1. Premio di maggioranza al partito o alla coalizione? Se va alla coalizione rischia di governare chi ha la maggioranza dei seggi e non chi ha la maggioranza dei voti (Moffa e Scilipoti docent).

2. Quanto serve per finanziare l’assistenza medica ai malati SLA? Circa 300 milioni di euro. Nessun problema: basta acquistare tre cacciabombardieri F35 in meno sui 90 programmati, visto che ognuno costa 105 milioni.

3. TAV. La Corte dei Conti francese ha espresso parere fortemente negativo sul TAV francese. Hollande cerca fondi per finanziare l’occupazione giovanile. Se Hollande boccia il TAV per recuperare fondi e il 3 dicembre lo dice a Monti, Monti può dire: “Vedete, non è colpa mia. Ho sempre detto e fatto dire dai miei ministri che il TAV s’ha da fare, ma vedete bene … sono costretto mio malgrado a cancellare questo investimento”. In tal modo Monti salva capra e cavoli e recupera anche lui molto fondi per …. la scuola pubblica, ad esempio!

4. Ma se Hollande non “convince” Monti a smetterla con il TAV, come la finanziamo la scuola pubblica? Nessun problema! Rinunciamo ad altri 2 caccia bombardieri e/o finanziamo di meno la scuola privata e siamo a posto .

5. Gli esodati? Bastano altri due caccia bombardieri in meno. Con il che da 90 siamo scesi a 83. E’ sempre un bel numero, non vi pare?

6. Debito pubblico: in miei post precedenti rilanciai l’idea che lo Stato emetta un prestito ad esempio di 500 miliardi (1/4 del debito totale) di euro “irredimibile” al 5%. In tal modo non si dovrebbe più restituire il capitale e si sostituirebbe a tali esborsi il pagamento dell’interesse abbattendo il livello del debito. Ove l’operazione avesse successo, si potrebbe proseguire su questa strada. Il sottoscrittore che volesse poi liquidare il suo credito, potrebbe farlo in borsa. Nel 1939 un’operazione del genere ebbe un gran successo. Perché non ripeterla?

7. Riduzione dei costi della politica. Silvio, ce  l’avevi promesso: 300 deputati e 150 senatori. E allora, minaccia di far cadere Monti se no lo fa … Quale migliore occasione?

8 – Finanziamento dei partiti … ops … scusate … rimborso delle loro spese elettorali … mi ero distratto, sicuramente mi sono perso qualcosa. Infatti se ne stavano occupando, se ne parlava come di una cosa urgente. Sicuramente sono stati fatti passi avanti. Chi mi sa aggiornare?

9 – Patrimoniale .. noo? La “comunista” Svizzera l’ha adotatta! Svizzera? … A quando la tassazione dei fondi “espatriati”? Francia, germania ed altri l’hanno già fatto. Noi noo? dai …

10 – Pensierino finale: …”l’indifferenza è il peso morto della storia … opera passivamente, ma opera … sconvolge i programmi, rovescia i piani meglio costruiti … tra l’assenteismo e l’indifferenza, poche mani tessono la tela della vita collettiva … perché la massa non se ne preoccupa …. e poi sembra che sia la fatalità a travolgere tutto … che sia un enorme fenomeno naturale …”

Per ora basta. E’ domenica, sono ancora in pigiama. Mi vesto e vado a fare colazione. Voi amici lettori intanto, cogitate e vedete se mi scrivete qualche vostro gradito commento. Ve ne ringrazio sin d’ora!

4 Comments »

USA – ITALIA, uno a zero

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 10 Novembre, 2012 @ 12:03 pm

Detto altrimenti: leggete un po’ quanto segue …
USA – Obama dichiara: “Chi come me guadagna oltre 250.000 dollari l’anno deve essere tassato di più. Se il Congresso me lo impedisce, aumento le tasse per tutti.” Almeno si saprà per chi votare, per il futuro (n.d.r.).

ITALIA – La Corte Costituzionale boccia in quanto incostituzionale la norma che prevedeva un contributo del 5 – 10 % a carico rispettivamente delle due fasce di reddito 90.000-150.000 euro l’una e oltre 150.000 euro l’altra. Ciò in quanto “la legge deve essere uguale per tutti”. Commento: uguale per “tutti tutti” o solo per tutti gli appartenenti alla stessa categoria? Se deve essere uguale per “tutti tutti” (come pare debba essere dalla sentenza della Corte Costituzionale) allora anche qualsiasi scalettatura delle aliquote fiscali è incostituzionale! Altra domanda: quali sono i livelli retributivi dei Giudici della Corte Costituzionale? Ultima domanda: perché il Governo non rimedia, riscalettando per legge le aliquote fiscali di quelle due fasce di reddito?

E poi, non mi parrebbe equo tassare alla stessa stregua del + 10% chi guadagna milioni di euro, e chi ne guadagna “solo” 160.000. Infatti, è ben strano che in Italia quando si discute di “scaletta”, tutti noi siamo “condotti per mano” a ragionare sino al gradino dei 150.000 o giù di lì, ed invece non anche oltre, sino a livelli milionari, i quali potrebbero essere tassati ben oltre il + 10%!!

Che dite, amici lettori?

2 Comments »

LE PIANTE … MUSICISTE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 10 Novembre, 2012 @ 9:30 am

Detto altrimenti: è indubbio che le piante siano “vive” …. In other words: “La linfa dalle radici raggiunge le foglie e diventa … musica”

Pergine Valsugana (TN), Maso S.Pietro, 9 novembre 2012. L’Associazione Banca del Tempo ha organizzato un incontro con Tiziano, consulente informatico ed organizzativo, in arte Salahuddin (tel. 335 6540451) e sua moglie Laura, musicista e musicologa, in arte Bashira (tel. 338 4644351), info@vocidipiante.it – www.vocidipiante.it.

La Banca del Tempo. Chi non la conosce trova tutto in internet. Cfr. ivi. Ognuno mette a disposizione le sua abilità e la sua disponibilità in termini di ore. Riceve disponibilità ed ore da altri. Insomma, ci si baratta tempo e abilità.

Le piante. Negli USA gli studi sulla sensibilità delle piante sono iniziati negli anni 70. Da 12 anni Tiziano e Laura si occupano di piante e di questa sperimentazione a metà fra lo scientifico e l’empirico (ma la scienza è empirica, nel senso che è “osservazione e sperimentazione della realtà”). Tiziano inserisce una pianta in un circuito elettrico applicando alle sue foglie ed alle radici tre elettrodi. Attraverso un misuratore di resistenza (ohm), si osserva che la resistenza opposta dalla pianta al passaggio della corrente è variabile, corrisponde al variare del flusso linfatico e – ad esempio – cessa alla sera (a cessare è la variazione della resistenza, non la resistenza), per riprendere in presenza di una fonte luminosa. Un altro apparecchio trasforma le variazioni della resistenza in segnali digitali poi inviati ad un sequencer (banca dati di timbri musicali) e trasforma i segnali in suoni.

La pianta “utilizza” le sue foglie come un pianista utilizza le dita delle proprie mani. Se il pianista dispone di un pianoforte che abbia la tastiera “giusta”, con ogni nota collocata al posto che le compete, cioè “sotto” il tasto giusto e se il pianoforte è accordato, il suono che ne esce è una musica, una melodia. Altrimenti ciò non avviene.

Orbene nel caso in esame il “pianoforte” era “giusto ed accordato e quindi il suono che ne derivava era musica, era melodia. Musica secondo scale arcaiche (antica Grecia), successione di quattro suoni discendenti (tetracordi) compresi nell’intervallo di una “quarta giusta”. Si tratta cioè di musica “modale” e non di musica “moderna” con i “semi toni”. Quindi iniziamo con il rilevare che nelle piante è insita una “logica” che è anche musicale, nel senso che corrisponde alla “logica musicale” dell’antica Grecia.

Quando alcuni astanti sono stati invitati a ”toccare la pianta musicista, la melodia è improvvisamente cambiata. Cosa ne deduciamo? Che le piante sono esseri “vivi”, e questo lo sapevamo. Che esse hanno una sensibilità verso chi le tocca, le accarezza. Sarà ovviamente una sensibilità solo “fisica”, ma tant’è … Ricordate? Quante volte abbiamo sentito dire o abbiamo detto noi stessi: “Io, alle mie piante, parlo”? Bè. parlare, accarezzare, curare personalmente le proprie piante ha influenza sul loro modo di essere.

In linea più generale, la serata è servita per richiamare l’attenzione sulla Banca del Tempo e sulla maggiore attenzione e rispetto che dobbiamo dedicare alla piante, ai boschi, alle foreste, a noi stessi e agli “altri”. Infatti un affinamento della nostra sensibilità verso gli “esseri viventi piante” ci aiuta ad avere maggiore sensibilità verso “gli esseri viventi animali” e soprattutto verso “gli essere viventi persone”: di qualsiasi colore, religione, censo, cultura, convinzione politica, tendenza sessuale, essi siano. Così come verso qualsiasi pianta.

Comments Closed

VE LA DO IO …. LA VELA

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 10 Novembre, 2012 @ 8:22 am

Detto altrimenti: senza parole, un post quasi senza parole, per cercare di “fare media” con gli altri post, tanti, che invece di parole ne hanno … tante!

 

Con un Fun, sul Lago di Garda, risalendo il vento, verso sud, con l’ “Ora”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con un Fun, sul Lago di Garda, risalendo il vento, verso nord, con il “Vento”

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments Closed

VOULEZ VOUS, VOULEZ VOUS, VOULEZ VOUS … LE TAV? NON, MERCI!

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 10 Novembre, 2012 @ 7:47 am
Dalle retta, Hollande!

Detto altrimenti: la Corte dei Conti Francese ha espresso parere negativo sul TAV – Treno ad Alta Velocità Lione-Torino quanto ai costi, al ritorno economico, alla effettiva utilità pratica dell’investimento. La Corte osserva che nel frattempo i costi sono già lievitati da 12 a 26 miliardi di euro; che sorgono dubbi circa i contributi finanziari della UE; che occorre riesaminare la soluzione di un meno costoso ammodernamento della linea esistente; che, se proprio si deciderà di proseguire con il TAV, è necessario adeguare in parallelo il sistema intermodale per il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia.

Ma … dicono che il TAV serve per trasportare maggiori quantità di merce. Allora, quanto meno, chiamatelo TAC, Treno ad Alta Capacità! Ma già … la TAC richiama una brutta malattia (per quanto … se non è una malanno spendere inutilmente tutti quei denari …). Infatti … dico io …  la linea attuale sta trasportando merci per un sesto della sua capacità, ed i flussi di merci dal 2000 al 2009 sono crollati del 49% e sono previsti diminuire ulteriormente, mentre il flusso passeggeri è costante. Ed allora? Che mi viene a significare ‘sto TAV?

Alta velocità per le merci? Quando mai!? E poi, quale velocità? 200 kmh? Per i treni passeggeri è possibile. Per i “merci” no. Sarebbe troppo dannoso per i treni, le merci e per le stesse strutture della linea (binari, etc.). Inoltre, far viaggiare sulla stessa linea treni a 200 kmh e treni a 90 kmh è pericolosissimo per gli incidenti che si possono verificare. Lo capisce chiunque! Provate infatti ad immaginare questa situazione spostata su di un’autostrada, dove molte auto viaggino a 90kmh e molte a 200!

Alle merci non interessa “arrivare prima” ma “arrivare in orario”.

Tralascio le altre, diverse ed importanti motivazioni contro il TAV, fra le quali spicca il problema dello smaltimento degli inerti radioattivi estratti dalla montagna per l’esecuzione della galleria di base.

Infine, quelle risorse finanziarie potrebbero molto più opportunamente essere eventualmente dirottate sul Traforo del Brennero. Infatti la direttrice nord-sud dai porti del sud (Gioia Tauro) verso i porti intermodali del nord (Genova, Livorno, etc.) e quindi via terra verso il nord Europa è destinata a vedere incrementare i traffici merci.

Parole contro fatti, quelle dei fautori istituzionali del TAV, italiani e francesi, affermano che l’opera “rientra pienamente nella politica di sviluppo …”, che “escludono tassativamente rinvii della sua esecuzione ..” etc.

Percorrete la tratta autostradale Milano-Torino, lungo la quale la tratta TAV è già stata completata. Vedrete che l’autostrada e la ferrovia sono state inspiegabilmente scavalcate da una decina di nuovi e giganteschi sovrappassi stile Los Angeles. Perché poi non si sa. Forse, mi dico, questo fatto contribuisce a spiegare come mai il costo della tratta sia cresciuto di sei volte rispetto al preventivo. Ma allora … è stato un “fare tanto per fare”, per spendere denari a vantaggio delle imprese che hanno eseguito quelle opere?

E se tanto mi dà tanto, se il costo è cresciuto in tal modo per una tratta priva di ponti e gallerie, di quanto potrà crescere il costo preventivato della tratta Torino – Lione, “ricca” di ponti e soprattutto di una galleria di oltre 50 km?

Recentemente una persona mi ha detto. “Ecco, ci risiamo, in Italia siamo contro tutto: contro gli inceneritori, contro i gassificatori, contro le centrali nucleari, contro il TAV”. Io credo che – soprattutto in tempi di forte crisi, in un periodo nel quale le famiglie non arrivano alla fine del mese – non sia corretto accettare motivazioni generalistiche, frasi ad effetto, motivazioni di principio ma che piuttosto occorra esaminare caso per caso, numeri alla mano e valutare le Grandi Opere da fare o da non fare alla luce delle nuove priorità e delle nuove disponibilità (o indisponibilità) finanziarie. Senza avere paura di dire: “No, al momento non possiamo più andare avanti così. Dobbiamo cambiare rotta”. Solo gli stolti non la cambiano mai!

Prima di impegnarsi a ulteriori investimenti che potrebbero poi essere interrotti dal nostro prossimo Governo, forse occorrerebbe attendere l’esito delle imminenti elezioni politiche. Solo per non sprecare ulteriore denaro pubblico. Già per il Ponte sullo Stretto … l’abbiamo fermato in tempo quel progetto, si vabbè, ma nel frattempo c’era costato solo qualche centimaio di milioni di euro, chevvoletechessia? Io dico: se “solo” alcune centinaia di milioni di Euro vi sembran poche … di ‘sti tempi, fate voi …

 Prossimi appuntamenti

ONLIT – Osservatorio Nazionale sulle Liberalizzazioni dei Trasporti sollecita la Corte dei Conti Italiana ad intervenire. Corte dei Conti Italiana, esprimi il tuo parere formale! Segnala ai “nostri” che poi interverresti pesantemente a sanzionare eventuali loro “sprechi programmati”, dai … non ci facciamo conoscere dai Francesi!

Il 3 dicembre prossimo ci sarà un incontro fra Hollande e Monti, anche su questo argomento. Se Hollande “non vuole”,  Monti non potrà dire: “Deus non vult, la Francia non vuole”. E ne uscirà bene.

 E voi, lettori del blog, cosa ne dite?

Comments Closed

TRIPOLI: “bel suol d’amore”, l’altro ieri. Tripoli: ieri. Tripoli: cosa è successo, oggi?

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 9 Novembre, 2012 @ 4:38 pm

Detto altrimenti:  nessun rimpianto del dittatore, ci mancherebbe altro! Solo ricordi e il casuale ritrovamento di un manoscritto francese molto riservato … lo so, lo so … la materia non è più così attuale, ma ricordare la storia recente dell’altro ieri e la cronaca di ieri non fa mai male …

Tripoli bel suol d’amore, l’altro ieri
(solo un breve cenno di cronaca d’ epoca)

1911: aviazione italiana, aereo Bleriot, primo bombardamento aereo della storia

A noi Italiani va l’onore (si fa per dire!) di essere stati i primi ad impiegare velivoli a fini bellici. Quando? Nell’autunno del 1911, allorquando invademmo la Libia che era provincia dell’impero Ottomano. Bombardavamo dal cielo i Libici e i Turchi che però non possedevano caserme e strutture militari e si sparpagliavano, rendendo vana la nostra offensiva. I nostri aerei suscitarono forte interesse negli osservatori occidentali, i quali tuttavia osservavano che “le bombe sganciate finiscono per affondare innocue nella sabbia. Le uniche vittime sono le donne e i bambini che sono restati nelle loro capanne nei villaggi”. Seguono le campagne mussoliniane del 1923-1924 e del 1927, durante le quali siamo “migliorati” (!):: infatti abbiamo bombardato i Libici con bombe al fosgene e all’iprite (D.R. Headrick, “Il predominio dell’occidente”, Il Mulino Ed.). No comment (n.d.r.).

Tripoli ieri, quando c’era “lui “

Appena arrivi all’aeroporto, tutte le scritte solo in arabo, compresa “Uscita”, e poi “non nominatelo mai, semmai dite “lui” … Per strada, ogni poche decine di metri, un “suo” ritratto, con le scritte in arabo sulla ricorrenza quarantennale del “suo” governo, alcune; sul “suo” recente accordo con l’Italia, altre. Le strade … larghe, quattro corsie per ogni senso di marcia, percorse da grossi SUV e da moltissimi taxi, un po’ scalcinati, colorati con i colori della Juventus, a tariffe bassissime e negoziabili. Si, infatti non vi è il TPL (Trasporto Pubblico Locale). Le strade più grandi e più centrali, in Tripoli, servono per gli “strusci” domenicali dei SUV, guarda com’è grosso il mio, io ce l’ho più grosso del tuo, e così via.  Non parliamo poi se c’è una partita di calcio! Panem et circenses al massimo grado!  I primi lavoratori che incontri, e poi anche tutti gli altri, non sono libici. Sono Afrikaner, Tunisini, Egiziani, etc.. Il Libico sta alla cassa. Viali, dicevamo, palme, colori incredibili: il bianco del cielo, l’azzurro delle costruzioni, il rosso delle nuvole… no, scusate, il contrario … e poi il rosso è dei fiori … le nuvole sono bianche …comunque avevate capito lo stesso, il fatto è che l’atmosfera che la brezza marina ti spalma addosso come fosse una crema solare, quasi ti ubriaca.  Le costruzioni: alcune modernissime, altre che ti pare di avere già visto, a Roma, a Venezia … ma si, è arte italiana, non c’è dubbio.  Le case “antiche” cioè quelle che sono sopravvissute ai grattacieli, sono, ognuna, circondate da un muro di cinta. All’interno oltre alla casa padronale, la casetta del custode-giardiniere-cuoco-autista-tuttofare. Quando va bene per lui ci sono circa €400 al mese di stipendio.  In una casa che si rispetti ci sono almeno otto condizionatori ed ogni elettrodomestico immaginabile. E tutto può essere messo in funzione contemporaneamente: il contatore (ma ve ne è poi uno?) non si ribella, non scatta, non interrompe il flusso della corrente, la quale comunque costa pochissimo. Evviva! Tuttavia dovrò ricordarmi di stare attento al mio rientro in Italia, e perdere subito questa cattiva abitudine.  Si mangia bene e di tutto: cus cus, pesce fresco, frutta meravigliosa. Al ristorante il cameriere si avvicina con sussiego e con un tovagliolo a cavalcioni dell’avambraccio, ti serve da bere, aspetta che tu degusti la bevanda e solo dopo il tuo cenno di approvazione (si, l’acqua è buona”) si allontana soddisfatto. Infatti acqua come Brunello di Montalcino e Champagne d’annata: ecco dove hanno imparato i Francesi a venderci la loro Perrier a prezzi superiori al nostro Barolo! Ma non solo acqua: ti servono anche una bevanda a metà fra succo di frutta e frappè, squisita, da sola vale un pasto.  Fuori dal ristorante, fontane: acqua, tanta, ovunque, senza alcun problema, per ogni uso. A Tripoli. A Bengasi dicono che non sia “altrettanto”, perché la città non è “altrettanto” “sua” amica. E ben lo si vede adesso …  Poi ci sono anche le fumerie, non di oppio, dicono, ma di tabacco, il quale però “non fa male” perché fatto pre bruciare su certi carboni e poi filtrato attraverso l’acqua, appunto, che ne assorbirebbe ogni effetto nocivo.  Le donne sono velate. in casa no. In casa poi vi sono due salotti, uno per gli uomìni ed uno per le donne. Le donne europee non portano il velo e per questo fatto non vengono perseguite. Sono europee, sapete, … lasciamo che facciano ….  Molti parlano italiano, i vecchi perché hanno vissuto, i giovani per via delle nostre televisioni.  Ho scoperto anche un Bar che ha mantenuto il nome italiano … “Bar …..-“ ora non mi ricordo, ma vi assicuro che è così.  La maggior parte delle imprese straniere che opera(va)no il Libia son o italiane. Ah, ces Italiens! (è francese, non si era capito?)  Turismo poco. Il visto costa(va) circa €400,00 chissà perchè? Infatti vi sono splendidi resti romani, intere cittadine, copie perfette di Pompei, quasi sulla spiaggia, una meraviglia … abbandonate a se stesse … tanto i visitatori sono così rari che non inquinano e non distruggono nulla. Vabbè … pazienza … anche noi in Italia siamo abituati ad un certo disinteresse per l’arte e la cultura, “che tanto non si mangia” diceva quel tale. Democrazia, libertà, diritti civili? “Non siamo attrezzati, ripassi fra qualche anno”.

Tripoli: cosa è successo, oggi?

Stazione del metrò “Chatelet”: il sacchetto della spazzatura responsabile della scoperta

Trascrivo da un appunto manoscritto dei Servizi Segreti Francesi, caduto fuori da un sacchetto dei rifiuti del metrò durante il mio recente viaggio a Parigi (vedi post del 28 ottobre 2012)

 

 

 

 

 

Inizia:

“Gli altri Servizi Occidentali non avevano avuto alcun sentore della rivolta libica. Noi si. Abbiamo preso esempio dalla guerra in Jugoslavia, quando i paesi occidentali creditori, preoccupati del fatto che la Serbia disponesse del più forte esercito europeo di guerriglieri, imposero a Milosevich di rientrare improvvisamente su tutte le linee di credito che gli erano state concesse. Milosevich suddivise l’onere del rimborso fra i vari stati della confederazione salvo scoprire che Slovenia, Croazia e parte della Bosnia non ne volevano sapere di rimborsare il debito che lui aveva contratto per armare il suo esercito serbo e per remunerare la sua burocrazia. E guerra fu, e non solo o principalmente per motivi etnico-religiosi. Dopo di che, quando si ritenne che l’obiettivo dell’autoridimensionamento dell’esercito serbo era stato raggiunto, noi mandammo aiuti alla Croazia dalla nostra legione straniera e in una settimana respingemmo i Serbi a casa loro.

Mirage

Ora poichè era opportuno scalzare l’Italia dal ruolo di partner leader della Libia, cos’altro di meglio che approfittare della rivolta, intervenire assai tempestivamente con i Mirage, mettere in crisi i protagonisti del baciamano, sconfiggere rapidamente il tiranno e poi passare alla cassa della Nuova Libia a riscuotere il premio?”

Finisce

Però, a pensar male … Ma qui il manoscritto si interrompe, la pagina risulta mangiucchiata dai topi, ha i bordi bruciacchiati come da una sigaretta: che dopo il pasto i topi si siano accesi una canna?

Comments Closed

INFORMAZIONE, AZIONE, GOVERNO DELLA NAZIONE

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 9 Novembre, 2012 @ 7:12 am

Detto altrimenti: Condomìnio Italia, i tuoi “Condòmini” siamo tutti noi! Andiamo all’Assemblea Condominiale, cioè non disertiamo le urne, andiamo a votare!

L’Italia è un condominio grande, molto più grande di questo

Un condominio. Assemblea condominiale. L’Amministratore propone la nomina del Presidente e del Segretario della riunione,. L’Assemblea li nomina. I due condomini accettano, ma restano seduti in platea. L’Amministratore non fa una piega. Seduto in cattedra, inizia a parlare nella prospettiva di gestire egli stesso l’intera riunione, per di più verbalizzando egli stesso, man mano, quello che viene detto. Io lo interrompo. Chiedo e ottengo che “in cattedra” si sieda il Presidente nominato dall’Assemblea di Condomini e che sia lui a gestire l’Assemblea, dando la parola a chi vuole intervenire, chiedendo all’Amministratore di esporre la sua relazione e le sue proposte, etc. Inoltre chiedo ed ottengo che il verbale sia redatto dal Segretario della riunione. Eh, altrimenti se le dice, se le suona e se le canta tutto da solo!

Quindi esamino la sua proposta di intervento straordinario (al tetto del palazzo) e chiedo che ne presenti anche altre, alternative, per lasciare a noi Condomini la scelta fra le tante diverse possibilità. La discussione è rimandata all’assemblea successiva, nel corso della quale i Condomini decidono il da farsi e stabiliscono la remunerazione annuale dell’Amministratore.

L’Italia è nostra. Noi tutti, ognuno di noi, è “proprietario dell’Italia, di questo bellissimo Condominio. Ogni tanto ci riuniamo e nominiamo l’Amministratore del Condominio. Soltanto che, poiché il “palazzo” è grande, ne nominiamo più d’uno. Eccoli, i nostri Amministratori. Ora accade che costoro pretendano di stabilire loro stessi il loro compenso.

E poi, accade anche che essi ci presentino “una” lista delle cose da fare, “una” lista delle priorità, ma non “la” lista completa delle cose da fare né “la” lista completa delle priorità. Ecco, forse quando leggeranno queste righe, capiranno: a noi Cittadini, a noi Condomini, a noi proprietari del condominio Italia, non serve “una” lista di interventi, ma “la” lista di tutti gli interventi, non “una”  priorità ma “la” priorità migliore concordata.

Scusate se ritorno su questo tema. L’Italia non sta crescendo. Meno imprese = meno lavoro = meno introiti fiscali salvo forti incrementi delle imposte = minori consumi = maggiori rischi anche per le pensioni = nessun futuro per i giovani, etc.. Ed allora, vogliamo mettere mano ad una patrimoniale (come fa la “comunista” Svizzera)? E poi, forse non è il caso di soprassedere a mega investimenti (TAV, caccia bombardieri F35, solo per citarne alcuni)? Di “recuperare” i capitali contrabbandati in Svizzera? Di varare una patrimoniale? Di far pagare l’IMU a tutti (tutti) gli immobili commerciali? Di rivedere le aliquote fiscali delle fasce alte di reddito? Di eliminare le super retribuzioni, super liquidazioni, supercumuli?  Etc. E di destinare invece quelle risorse all’innalzamento delle pensioni minime, alla Scuola (pubblica), all’Università, alla Ricerca, agli investimenti per la crescita e per la creazione di un più aggiornato modello di crescita?

Vittorio Emanuele II° raccolse il primo “grido di dolore”. Chi raccoglierà il secondo?

Ecco. I nostri Amministratori non si possono più permettere di “essere insensibili al grido di dolore che da tante parti d’Italia si leva verso di loro…” Noi cittadini dobbiamo sederci in cattedra, gestire noi la riunione e chiedere conto ai nostri Amministratori, nostri in quanto soprattutto “nominati da noi” cioè nostri in senso oggettivo. Non “nostri” in senso soggettivo, cioè non “nostri” in quanto “sopra” di noi,  non “nostri” in quanto pretendano di dire a noi “cosa è bene e cosa è male fare”, a noi pretesi eterni scolaretti, a noi preteso oggetto della loro gestione, a noi che invece siamo il Soggetto Principe in questa Assemblea di Cittadini. Cosa fare, dunque? Sicuramente andare a votare! Il mio non è un appello politico. E’ un appello di civiltà.

3 Comments »

COMPRO ORO – PAGO IN CONTANTI ? In contanti? Ca como? Che mi viene a significare? (Espressioni originali sicule)

pubblicato da: Riccardo Lucatti - 9 Novembre, 2012 @ 6:59 am

Detto altrimenti: era oro, anzi era l’era dell’oro per loro, anzi era ora (che si intervenisse). Quando? Ora ora (direbbero in Sicilia, cioè proprio adesso, notizia frisca frisca)

Compro oro… da chi? Vendo oro .. a chi?

Dire “io l’avevo detto” è una banalità. Comunque sia, l’avevo detto, anzi, l’avevo scritto nei miei post del 3 maggio e del 31 agosto scorsi che potete andare a rileggere. E finalmente, tanto tuonò che piovve!

Maccome? Per pagare una tazzina di caffè al bar fra un po’ a noi comuni mortali occorre la carta di credito e questi signori (signori … si fa per dire!) si permettono di scrivere a grandi lettere sui frontespizi dei loro negozi “Pago in contanti”? E poi, oro “usato”? Quando mai, usato? Che mi viene a significare? E poi, un bar per legge deve esporre il listino prezzi, e loro, per l’oro, no? Ma via, siamo seri! E invece la Guardia di Finanza lo è stata seria e capace, e come! Brava! Fino a qui è farina del mio sacco. Quel che segue è un resoconto che “gira” in internet e sulla stampa.

Arezzo, 8 novembre 2012 – Blitz delle Fiamme gialle nei “Compro Oro” di mezza Italia. La Guardia di Finanza ha eseguito su tutto il territorio nazionale provvedimenti di perquisizione e sequestro emanati dalla Procura della Repubblica di Arezzo nei confronti di 118 persone indagate per associazione per delinquere, riciclaggio e reinvestimento di proventi illeciti, ricettazione, esercizio abusivo del commercio di oro e frode fiscale.

Sono in corso 259 perquisizioni in 11 regioni, concentrate principalmente in Toscana (74), Campania (91), Lazio (30), Sicilia (16), Puglia (16) e Lombardia (7), nelle abitazioni degli indagati e le attività commerciali riconducibili a loro. Si tratta di negozi “compro oro”, gioiellerie ed aziende orafe, comprese 23 società del distretto orafo di Arezzo, 16 del polo campano e 1 di Valenza.

Contemporaneamente, l’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro preventivo di oltre 500 rapporti bancari per bloccare, in 23 istituti di credito, 8 intermediari finanziari e 2 società fiduciarie, le disponibilità finanziarie detenute dai principali indagati, fino a concorrenza dell’importo di 163 milioni di euro, pari al volume d’affari degli scambi di oro e denaro sporco effettuati da questo gruppo criminale organizzato, su scala internazionale, nel corrente anno.

Le Fiamme Gialle stanno procedendo, inoltre, al sequestro di una villa di campagna del valore di 190 mila euro, ubicata a Monte San Savino (AR) ed acquistata dall’organizzazione (dietro lo schermo di una società maltese) ed utilizzata come centro di smistamento dei traffici, paragonabile per impenetrabilità al famoso “Fort Knox” della Federal Reserve statunitense.

Non è tutto “oro” quello che riluce …

Sono questi i risultati, ancora parziali, di lunghe e complesse indagini sviluppate dai Nuclei di Polizia Tributaria di Arezzo e Napoli, sotto la direzione della Procura della Repubblica aretina nei confronti di un’associazione criminale a struttura piramidale, che aveva il suo vertice in Svizzera e si muoveva con referenti sui territori dei distretti orafi di Arezzo, Marcianise (CE) e Valenza (AL), ai fini della raccolta di oro acquistato dagli “agenti intermediari” in contatto con una fitta rete di negozi “compro oro” ed operatori del settore, che stavano alla base della filiera dei traffici di oro di provenienza illecita.

Tutte le forniture di metallo prezioso avvenivano “in nero”, al di fuori dei circuiti ufficiali, tramite scambi di oro contro denaro contante in banconote di grosso taglio, trasportate da corrieri insospettabili usando autovetture appositamente modificate con doppifondi. Il volume d’affari ricostruito finora ammonta a 4.500 chili di oro e 11.000 chili di argento, per un controvalore di 183 milioni di euro.

Che altro dire?

Al nostro governo Monti: a quando il “recupero” delle imposte sui nostri capitali contrabbandati in Svizzera? Presidente Monti, supera te stesso, supera i monti che sbarrano l’accesso ai segreti svizzeri!


Alla Svizzera: Svizzera, basta, per favore, giù la maschera. Non puoi più nasconderti dietro i bei trenini colorati che percorrono le tue valli; dietro ottime stecche di cioccolato; dietro orologi che più precisi di così non si può. Altrimenti … altrimenti ci arrabbiamo e rispolveriamo il tuo ruolo di “intermediario commerciale a pagamento” (pagamenti che versavi sui cinti dei nazisti) nelle fughe degli Ebrei dal nazismo, tanto per citare un fattaccio del tuo passato … e poi, lo dice anche la canzone:

Helvetia, il tuo governo
schiavo d’altrui si rende
d’un popolo gagliardo
leggi fiscali offende …

E se l’Albione è perfida perchè non accetta il controllo europeo sui movimenti bancari, tu, Helvetia,  forse che non lo sei anche tu, perfida?

3 Comments »