LA CASA A NORD-EST, e il sentimento del Friuli

pubblicato da: admin - 20 febbraio, 2010 @ 7:58 pm

copj13La Casa a Nord EstNon so se talvolta vi capita di parlare o di pensare a qualcosa, ed improvvisamente tutto sembra portare a quella cosa.

Dopo aver deciso di scrivere di Trieste e di Magris sono andata a vedere un film interessante “La terra nel sangue”; ma  indovinate di quale terra si parlava? …Del Friuli.  Ed anche della ricerca delle radici. Neanche farlo apposta.

 Il film inizia con una immagine notturna di  Grado vecchia  per proseguire con la  magia della  laguna invernale soffusa di nebbia, poi con il  fiume in estate,  vigneti rossi autunnali, e infine i sassi del Carso.

Un film su cui dibattere, a qualcuno è piaciuto per la bellezza della fotografia, ad altri meno per la acerba e inesperta recitazione dei protagonisti, ma è il messaggio centrale, che credo tutti abbiamo condiviso, è la perenne ricerca di un nostro punto di “attracco”, insomma della nostra Itaca.

Mi sono quindi ricordata di un romanzo, passato un po’ inosservato, vincitore del Campiello 1992, “La casa a Nord-est” , di Sergio Maldini.

Anche  in questo racconto c’è il desiderio di tornare alla terra  delle proprie radici.  In gran parte autobiografico si narra di Marco, un  intellettuale in crisi  che, stanco della  grande città convulsa, caotica, impersonale, desidera ritrovare pace, tranquillità e sicurezza di luoghi noti.  Vuole calare l’ancora nella sua terra natale  mai dimenticata…e che cosa di più sicuro che costruirvi una  casa? Acquista dunque un rustico che diventerà il suo punto fermo.

Sergio Maldini costruirà veramente una casa, (la vedete nella foto)  fra Codroipo e Latisana  e questa, nel romanzo, diventerà il deposito delle sue illusioni , delle  sue speranze, la compagna privilegiata della sua vita.

Viene narrato il quotidiano, i lavori di ristrutturazione che procedono, gli incontri con gli intellettuali della borghesia friulana, un amore maturo con la bella e sfuggente Antonia, proprietaria di un mulino.

Vengono descritte varie riunioni in cui  si parla di sè, di rimandi letterari in un modo tranquillo che decanta lievemente come il vino della sua terra. Ed infatti in ogni momento d’ incontro, c’è sempre un bicchiere di Tocai. E nella casa di Antonia aleggia un odore di pula, di mais che sembra consolare.

Ritmi lenti come il fiume Tagliamento lungo il quale si passeggia; il Friuli pacato nel suo dolce dialetto, così avulso dai clamori della società metropolitana, sembra vivere insieme al respiro delle stagioni. Come l’amore fra i protagonisti che si apre lentamente, ma che finità  altrettanto dolcemente con le foglie d’autunno portate via dal vento.

La felicità, per Maldini, è irraggiungibile.

Sergio Maldini è stato caporedattore del Resto del Carlino di Bologna, ha incontrato incomprensioni editoriali riguardo il suo lavoro di romanziere; ora la sua vicenda esistenziale, il tardivo successo e il nuovo silenzio dopo la sua scomparsa sono raccontate dallo storico Paolo Simoncelli in “Sergio Maldini. Biografia della nostalgia”

Libro che cercherò certamente .

E’ trascorso  un mese da quando ho accettato la sfida di parlare di un libro al giorno.  Finora sono riuscita puntualmente a intrecciare pensieri e letteratura. Ma come avevo già scritto: un libro tira l’altro.

9 Comments »

ITACA E OLTRE, o la ricerca delle radici

pubblicato da: admin - 19 febbraio, 2010 @ 8:08 pm

DSCF1168scansione0025Desiderio di Trieste, del suo mare azzurro, del vento zingaro, del suo tempo sospeso. E chi meglio di  Claudio Magris, triestino di nascita e di cuore, ce ne può regalare una pennellata?

“Itaca e oltre” è un raccolta di brevi saggi in cui l’autore analizza le due antitetiche direzioni dell’andare: il ritorno e la fuga, il raggiungimento e la perdita dell’identità, insomma la continuità e i cambiamenti dell’essere umano.

Si parla di Svevo, di Joyce che a Trieste hanno vissuto e scritto, di Musil, Mann, Kafka  e tanti altri e soprattutto dei temi del pensiero contemporaneo.  Saggi brevi ma intensi in cui “l’interpretazione lettararia si alterna alla testimonianza autobiografica…”

Io mi soffermo sull’ultimo capitoletto “I luoghi della scrittura: Trieste” in cui Magris si chiede  quale sia il rapporto che esiste fra chi scrive e il luogo nel quale si “condensa l’immagine determinante del mondo”. Scrittore è … sia il grande autore che  il piccolo “artigiano di parole”, colui che sottolinea la propria vita scrivendola.

Ma quali sono i luoghi che noi sentiamo primari, quelli in cui le nostre radici affondano, qual è la nostra Itaca a cui tendiamo per un ritorno duraturo?

L’altra mattina al bar parlando con Maria Teresa”Kessler” abbiamo considerato che ad entrambe mancano le radici geografiche essendoci spostate  spesso da una città all’altra, lei da Genova, Tortona , Monza, Milano e Trento, io da Merano, Carpi, estero, infine a Trento con marito ligure. Possiamo trovare le radici dentro di noi, certamente; Maria Teresa rifletteva  che proprio le care amiche che incontriamo ormai da anni nella accogliente casa di Cristina sono diventate il punto fermo di riferimento. Gli affetti ci ancorano, ma qual è il luogo del cuore che, come spiega Claudio Magris, ci emoziona con il suo lessico, le inflessioni della pronuncia, le tradizioni, i volti…quello che riconosciamo automaticamente?

Chi legge questo blog potrebbe rispondere. So che tante amiche leggono, ma non riescono o non vogliono scrivere o per impossibilità tecnologiche, o per poco tempo, o per pudore. Peccato, sarebbe così interessante il dibattito anche se soltanto virtuale sulle tematiche della nostra vita e soprattutto sugli spunti che la letteratura ci offre.

Ma per tornare alla ricerca della nostra Itaca… sappiamo  qual è? Non tutti riescono a trovarla, dice Magris, anzi ci racconta di Slapater che ha nostalgia di una patria che non esiste in alcun luogo. Nato sul Carso, di sangue italiano e boemo,  Slapater studia a Firenze, vive a lungo a Trieste, muore al fronte nel 1915. Egli  idealizza il suo punto di riferimento con Trieste che lo attrae e lo respinge, e  che è una sintesi fra il mare italiano e il carso sloveno.

Trieste, città contradditoria, in cui tutto coesiste: impero asburgico, fascismo, Quarantacinque, nazionalismo, indipendentismo, esodo istriano, sapienza caparbia mitteleuropea, ebraismo, placidità friulana.

Ci si sente ovunque e in nessun luogo e in questa sospensione sembra urgente la necessità di scrivere per ancorarsi a questo non-tempo zingaro, a questa città di frontiera  dove i poeti proprio nel sentirsi profughi e randagi  sanno di esistere.

Voglia di Trieste, del mare nostro e di altri, del caffè Tommaseo, di scrivere per ancorare  la propria identità in un viaggio alla ricerca della stessa. Poesia, città-nave che come Trieste c’è e non c’è, ma ci spinge a cercare.

Chi ha trovato la propria Itaca, e dove?   E chi invece ancora la cerca?

 

6 Comments »

MOMENTI DI ESSERE, o l'intensità dell'attimo

pubblicato da: admin - 18 febbraio, 2010 @ 9:20 pm

350px-VanGogh-Irises_1scansione0024Febbraio mi trapassa / col vento che prelude primavera

in un odore di coriandoli gualciti / e di cielo a chiazze blu cobalto.

Vola su traiettorie d’ albatros / dorato un aeroplano, illuminando

ombre irriducibili d’inverno/ mentre ai miei sensi si abbattono

come valanghe, macchie di iris / selvagge e fior di rosa.

 

Sono alcuni miei versi scritti un febbraio di qualche anno fa mentre mi trovavo sull’argine del fiume. Un momento che ricordo nitidamente perchè vissuto con intensità emotiva, un momento in cui mi sono sentita fondere con la realtà, col vento luminoso, col desiderio languido e struggente di primavera. “Un momento d’essere” l’ho definito, interpretando le parole con le quali  Virginia Woolf definisce gli attimi densi di straordinarie rivelazioni, di epifanie. Momenti di riconoscimento, di battito all’unisono con il cosmo.

E’ il “M’illumino di immenso” di Ungaretti? O “il dolce naufragar” di Leopardi?

 “Moments of beings” è la raccolta di scritti autobiografici, pubblicati postumi, di Virginia Woolf, scrittrice amatissima da tanti e di cui parlerò ancora e ancora. Sono pagine di memorie, ma non si possono definire propriamente autobiografiche perchè qui la  scrittrice tenta di scrivere e comprendere il percorso del suo sviluppo interiore, parlando dei suoi rapporti con i genitori, dell’esperienza post vittoriana di Bloomsbury, della sua arte, della sua visione del mondo . E proprio scrivendo, la Woolf rintraccia quei momenti di essere che sbocciano “nel fluire  indistinto dell’esistenza”. Sono talvolta  così violenti quando ti afferrano  da lasciarti  inconsapevole, ma l’emozione si può rivivere in tranquillità con l’ausilio della memoria e soprattutto con la scrittura.

Pur diversi tra loro, questi scritti denotano ugualmente l’unità di pensiero, sensibilità e concezione della sua arte.

 “Reminiscenze” è il primo pezzo della raccolta, una sorta di esercizio letteraio da mostrare a pochi intimi. Parla di sua sorella Vanessa e dell’infanzia e adolescenza trascorse insieme.

“Immagini del passato”, dove scrive anche dell’esperienza del Vecchio Bloomsbury  vengono presentate al Club delle Memorie, un gruppo di amici che si riunivano per leggere brani autobiografici.

(Anch’io, con un’amica, anni fa avevo tentato di organizzare un Circolo di scrittura autobiografica, ma non è decollato…non tutte erano  pronte a parlare  e tantomeno a scrivere di sè, neppure tra intimi )

 

Tutti conosciamo la vita di Virginia Woolf, perciò presento questo libretto soprattutto  per sottolineare  l’importanza data ai  “momenti d’essere”, quel tipo di “scosse” che sono il “segno di qualcosa di reale che si cela dietro le apparenze”.  Lei è convinta che l’individuo nella vita di tutti i giorni è tagliato fuori dalla “realtà“, tranne proprio in quei momenti in cui riceve una “scossa”, un’illuminazione.  Quanto l’io si fonde con la realtà  “i limiti propri del mondo fisico cessano di esistere”.

In gita “Gita al faro la signora Ramsay, quando a sera tutti sono andati a letto e lei si ritrova finalmente sola, si sente affondare lentamente in una sensazione di comprensione e comunione:l ‘io trascende e la coscienza diviene parte di un tutto.

La Woolf vuole rendere entrambi i livelli  dell’essere: la superficie e la profondità deflagrante, sia nelle sue memorie che nei suoi romanzi. E’ convinta  che talune persone siano escluse da questi “momenti d’essere”.

Che ne pensate? Voi ne provate o ne avete provati?? Ricordate quando?

6 Comments »

LA GALLERIA D'ARTE DEI GATTI, per la loro festa nazionale

pubblicato da: admin - 17 febbraio, 2010 @ 5:50 pm

scansione0019scansione0026Non posso esimermi dal parlare di GATTI: oggi è la loro festa nazionale, ideata nel 1990 dalla giornalista gattofila Claudia Angeletti. E’ stato scelto questo mese perchè Febbraio è nel segno dell’Acquario, segno degli spiriti liberi, inuitivi, anticonformisti. Il 17 perchè è un numero scaramantico.

E’ anche il compleanno della mia cara amica di Recco che conosce Mimilla,  con la quale va d’amore e d’accordo. 

AUGURI RENATA!

Susan Herbert l’autrice di questo libro d’arte  ha iniziato a dipingere ritratti di cantanti, per poi passare agli “animali lirici” ed ora ritrae gatti  che diventano i protagonisti di quadri celebri come la Gioconda, Ofelia di Millais, La Maja vestida di Goya, La lattaia di Vermeer, i coniugi Arnolfini di Van EYck.

 Vive a Bath, dove il Teatro Reale ospita una mostra permanente dei suoi dipinti.

E’ un libro delizioso, me l’ha prestato la cara Cristina. Cerco fra questi originali dipinti una gattina nera come la mia Mimilla, ma non c’è, perlopiù  sono rossi, grigi… ah, ce n’è una bianca e nera nelle “Donne in giardino” di Monet!

La presentazione è di Vittorio Sgarbi che elogia i gatti i quali, secondo lui (e secondo me) sono gli animali più intelligenti, grandi esempi di libertà assoluta, sempre sul punto di parlarci, che ci osservano spesso con compatimento e commiserazione. Stanno benissimo con noi, ma sarebbero pronti a rinunciare ai privilegi e al lusso per seguire il loro istinto di randagi.

I cani si sentono proprietà dei loro padroni; i gatti non hanno padroni;  se i cani  instaurano  un solido rapporto di fedeltà e amicizia, i gatti accendono amori e passioni.

Ne so qualcosa. Quando vedo Mimilla sdraiarsi come la Maya desnuda,  guardarmi con gli occhi verdi e fare mgnee, mgnee, non posso resistere, mi alzo e le faccio le coccole, o quando va sul davanzale, come fosse sul Balcone di Manet e guarda brontolando gli uccellini che si appoggiano ai cornicioni devo andarle vicino …e consolarla. E quando stende la zampina dietro come una ballerina di Degas?

Ma non sono l’unica tra le mie amiche ad esere “innamorata” dei gatti. Laura è ancora in lutto per la perdita di Bartolomeo, 18 anni, e dice che lo “vede” ovunque. Fortunatamente Dorian, il gatto di Maria Teresa è in ottima salute. E’ stupendo, come vuole il suo nome, ha un incedere regale, e parla poco. E’ un birmano di padre siamese e madre persiana: pelo color champagne, “rifiniture” nere, occhi azzurri. Al mattino presto va a svegliare i suoi “genitori adottivi” mentre bevono il caffè a letto.

Poche sere fa, mentre aspettavo a casa sua la gemella “Kessler”, io e lui siamo stati  10 mm  insieme sul balcone, in silenzio, a guardare le fredde stelle.

Ma l’amica gattofila per eccellenza è Giuliana di Aquileia: non solo ha  gatti in casa, ma nutre quotidianamente quelli randagi della laguna limitrofa.

 Alcuni anni fa una nostra amica californiana ed io andammo ospiti a casa sua. La sera, la vedemmo intenta a cucinare pesce e pollo, perciò affamate,  già pregustavamo una deliziosa e abbondante cenetta. Ci ricredemmo ben presto: sì, mangiammo prosciutto di San Daniele con melone, innaffiato da Tocai…(ottimi), ma non vedemmo nè pesce nè pollo perchè facevano parte del catering destinato ai gatti lagunari!

Recentemente anche Giuliana ha perso un suo protetto, uno di casa, Neri (chiamato così sia perchè era nero, sia perchè le piace Neri Marcorè). Le rimangono Tony (in onore di Tony Blair) e Phoebe, che pora il nome della sorellina del Giovane Holden. Ah, dimenticavo, cura anche un cagnolino epilettico.

W tutti i gatti

 

 

9 Comments »

LA SCUOLA DEGLI INGREDIENTI SEGRETI, elogio della lentezza

pubblicato da: admin - 16 febbraio, 2010 @ 4:56 pm

tiramisu Gemma  14.11.09 009scansione0022Parlare di libri, come stiamo facendo noi, amplia la comunicazione, ci fa trovare consonanze o spunti per dialogare. Le nostre solitudini, come scrive Stefania, sono più vicine.

Occorrono attenzione e tranquillità per trovare negli altri nuove idee, consigli, epifanie. I commenti che arrivano sono preziosi e illuminanti.

Enza, da viaggiatrice appassionata, ha scritto con entusiasmo di Chatwin in giro per l’Australia. Senz’altro da leggere, io con lui sono “andata” soltanto in Patagonia.

Dal sito di Santino Fiorillo ho scoperto due nuovi libri. Li ho cercati in bliblioteca. Uno l’ho già trovato e “divorato”, è il caso di dirlo, perchè si tratta di un libro che parla di cibo.

Leggerlo è come entrare in una magica cucina dove il cibo, nostro carburante, diventa qualcosa di sacro e come tale va osservato, annusato ed infine mangiato con lentezza e consapevolezza estrema.

La sua autrice Erica Bauermeister è una bella e sorridente signora statunitense che trasmette gioia e serenità. Durante la lettura andavo spesso a riguardare la sua foto perchè così riuscivo ad assaporare meglio le sue parole.

Si parla di Lilian, cuoca e proprietaria di un ristorante, che tiene un corso serale di cucina.

Ha cominciato a cucinare da bambina , da quando la mamma, abbandonata dal marito, si era rifugiata nel mondo della lettura. Libri che sostituivano completamente la vita reale distaccandola così anche dalla comunicazione con la figlia. Lilian riuscirà lentamente e con l’aiuto di una vecchia cuoca messicana a farla tornare nella realtà preparandole piatti pieni di amore e di ingredienti segreti… Il cibo diventa il loro nuovo linguaggio.

Vengono poi narrate le vicende dei frequentatori del corso, giovani, meno giovani, storie piene, tristi, allegre, come è la vita.

Ogni parte dedicata a un protagonista è collegata alla preparazione di un certo piatto, si parte dai granchi, una cena per il Ringraziamento, dalla pasta con salsiccia, alle tortillas per arrivare infine ai dolci.

Lilian, come una sacerdotessa, insegna in che modo un certo cibo o ingrediente va di pari passo con lo stato d’animo, o come può addirittura modificare la propria vita.

Gli odori sono qualcosa di vivo, il curry “il cui aroma sfrecciava attraverso la casa come una sfida” le ricordano i litigi di un’amica con la madre. Scopre che ogni spezia, ogni ingrediente sprigiona un mondo.

Avvenimenti e persone sono legate a un piatto, al suo aroma, alla sua preparazione. Per me nonna Bianca è associata al vin brulè, la mamma al latte con zucchero e cannella, il papà alla fetta di pane toscano con olio, mia figlia a una tazza di cioccolata densa e dolce e mio marito… praticamente a tutti i cibi. Lui  mangiava in religioso silenzio assaporando con lentezza.

Quali sono le vostre associazioni “proustiane” ?

Lilian insegna anche a soffermarsi sulle origini degli ingredienti, a pensare al tempo che occorre ad essi per maturare, crescere, al sole, al vento, alla pioggia, al mare che si ritroveranno poi nel loro sapore.

Il pezzo duro di cioccolata da ridurre in scaglie emana “un aroma di polverose stanze piene di cioccolato semidolce e vecchie lettere d’amore, cassetti in fondo ad antichi scrittoi e le ultime foglie d’autunno, mandorle, cannella e zucchero:”

E improvvisamente arriva un mio antico ricordo: a Merano in casa di Giulietta, la nonna ci porta in sala da pranzo e apre misteriosamente un armadietto per farci assaggiare un nascosto e prezioso pezzo di cioccolato con le nocciole.

Leggere o parlare di cibo è per quasi tutti un piacere. In questo libro c’è l’apologia della lentezza… non per niente l’autrice è cultrice dello slow food italiano. Mi piace moltissimo, da campanilista, sentire aggiungere ai cibi preparati da Lilian le nostre specialità, come l’olio di oliva, la pasta, la salvia, l’origano.

E’ martedì grasso, possiamo permetterci di gustare con lentezza una pizza, un grostolo, un krapfen,un dolcetto… proviamo ad ascoltare tutto ciò che in esso si trova.

Io mi sono fatta la pasta al tonno , ho provato a “entrare” completamente negli ingredienti. Ho immaginato dunque i campi  assolati di grano, i pomodori maturi del sud, il mare e i tonni…ma qui mi è venuto in mente la mattanza…allora ho dirottato l’associazione a un peschereccio con George Clooney che indossa un’incerata gialla. Meglio.

  Erica Bauermeister va letta di giorno perchè  le sue decrizioni mi svegliano, mi attraggono, mi commuovono.

Talvolta esagera in poesia, metafore e dolcezza… ma noi ci fermiamo dopo il primo cucchiaio di un ottimo tiramisu?

 

 

 

6 Comments »

LALA, SOTTO IL SEGNO DELL'ACERO di Jacek Dehnel

pubblicato da: admin - 15 febbraio, 2010 @ 8:11 pm

200px-Dehnel8884519845 E’ un polacco di trent’anni l’autore di questo ampio romanzo, un “dandy” alla Oscar Wilde, vincitore di numerosi premi sia come poeta che romanziere, è pittore ed anche traduttore.

Dall’inglese ha tradotto opere di Auden e di Mary Oliver, la poetessa fattami conoscere da Gary, e che prima o poi leggerò.

Lala è il nomignolo della sua amatissima nonna, nata nel 1919, una straordinaria persona di cui  Dehnel ci racconta la storia. Proveniente da una famiglia cosmopolita in cui si mescolano polacchi, russi, tedeschi, Lala è una donna straordinaria che ha una passione costante: quella del leggere.  Il luogo preferito in cui  farlo  è sotto l’acero del giardino della sua casa ed è per questo che dice al nipote di sentirsi del segno dell’acero. Lei stessa avrebbe voluto scrivere la sua storia, ma alla fine preferisce raccontarla al nipote che con i  suoi ricordi costruisce un romanzo intenso, da leggere con attenzione perchè i personaggi, le vicende vanno avanti e indietro, si intrecciano e ritornano con la  stessa libertà del racconto orale. Non è per i lettori distratti, occorre una buona memoria per imparare i nomi, occorre essere elastici per riuscire a seguire i flash back, insomma è una narrazione alla Proust.

Leggiamo con interesse la vita di questa donna forte, colta, che ama i fiori, e che ha uno spiccato senso dell’umorismo. Una saga familiare piena di amori, intrighi, atti di coraggio e momenti di intensa comicità che si svolge nell’Europa del Novecento.

I ricordi di  Lala vengono raccolti dal nipote come un mazzo di fiori, non in modo cronologico, ma a seconda delle suggestioni del momento. Racconto avvincente che si snoda lungo tortuoso, avvincente e che va  di pari passo con  l’ultimo tratto di vita dell’anziana signora. Dehnel sarà vicino a lei negli ultimi tempi  per aiutarla e per  appropriarsi  con amore di tutto il suo passato. Porta gli amici a conoscerla, dice che l’attrattiva principale del paese è proprio sua nonna, depositaria di ricordi così ricchi e suggestivi e rappresentante esemplare  di un’epoca importante.

Credo che ogni persona anziana, a prescindere dal tipo di vita vissuta,  sia un deposito di ricchezze, starebbe ai giovani non dimenticarlo e attingere da essi quanto più possibile.

Chiedere ai nonni e ai genitori di raccontare di sè…

Io mi trovo ad un punto della vita in cui posso  raccontare molto  del mio passato, dei miei genitori, dei miei nonni, del mio contesto sociale. Lo faccio soprattutto  con mia figlia la quale è avvantaggiata  (o appesantita…?) dai miei diari iniziati nel 1959!!!  Può e potrà leggerli…!

Avrei voluto chiedere di più ai miei genitori, ai nonni; ormai è troppo tardi; alcuni interrogativi rimarranno per sempre senza risposta. Fortunatamente sono una buona ascoltatrice e ho sempre nutrito interesse per la vita degli altri; soprattutto mi incantavano i ricordi di mia mamma giovinetta, quando ballava con i coetanei  al suono delle canzoni di Rabagliati e Natalino Otto, e quelli di mia nonna Bianca, nata nel 1882; a lei chiedevo dei suoi abiti, della sua povertà, della sua bellezza. So che aveva posato per uno scultore, che non aveva bisogno dei cuscinetti sotto l’abito perchè era naturalmente formosa e che alla domenica, nonostante la bohème - come diceva lei, –  ballava con i “colletti duri”: impiegati, studenti, i ragazzi vestiti bene.

Quelli di mio padre li so a memoria perchè si ripeteva spesso: da ragazzo giocava  in una squadra di football di serie B, la Lucchese, in compagnia di Benito Lorenzi  detto Veleno e Bonimperti.  Guadagnava bene e possedeva quattro abiti completi… e via che ci elencava i colori: panna, grigio, blu, a righe… “Basta, Moretti!”sbuffava mia mamma

Importantissimi i ricordi, ma se cominciassero a scivolare via ? “La nostra mente è come un giardino” pensa un personaggio di un altro libro che sto terminando ( mescolo e anticipo le mie letture e riflessioni!) ” che occorre coltivare”, soffermarsi con più attenzione sui nostri accadimenti, riconoscere le suggestioni  dei sensi come sapori, profumi, suoni  che ci possono traportare  se non proprio a nomi o luoghi precisi, alle emozioni passate.  (ed ecco di nuovo Proust!)

I ricordi sono come un cibo che si mangia e che diventa parte di noi,  anche se dimentichiamo qualcosa. Insomma noi siamo impastati con il nostro passato individuale e familiare.

Forse avrete già capito di che cosa parlerà il libro di domani.

Comments Closed

YOU'RE IN LOVE CHARLIE BROWN, e la gioia dell'amore

pubblicato da: admin - 14 febbraio, 2010 @ 6:06 pm

scansione0020scansione0021 

 

San Valentino.

Oggi si festeggia la giornata degli innamorati, ma non solo. Dagli Stati Uniti ci arriva la consuetudine di scambiare affettuosi pensieri anche fra amici cari.

Qualcuno non sopporta le imposizioni di trovare qualcosa da festeggiare ad ogni costo, altri parlano di consumismo pilotato, c’è chi invece semplicemente accetta di vivere in modo speciale questo giorno e di condividere coralmente fiori, auguri, bigliettini.

Voi che ne pensate?

Non sapevo di quali famosi innamorati parlare nel mio post: Romeo e Giuletta? Tristano e Isotta? Trascrivere i versi appassionati di Garcia Lorca o quelli retro di Paul Geraldy?

Scelgo di  parlare  invece di  Charlie Brown, il  bambino che rappresenta l’uomo medio, l’”uomo senza qualità”, il personaggio in cui più o meno ci ritroviamo.  Chi non ha  infatti bisogno di amore e di attenzioni?

In questo libretto americano, uno dei tanti ancora accatastati nello scaffale di mia figlia, Charlie Brown riceve un biglietto d’amore dalla ragazzina di cui è innamorato:

“I like you, Charlie Brown. Signed Little Red Haired Girl.”

E’ uno dei pochi momenti appaganti per il protagonista principale delle vignette di Charles M.Schultz ; egli infatti è un tipo impopolare, timido, mite, maldestro, solitario che incarna magistralmente le nostre nevrosi. E’ però parte integrante e portante del microcosmo in cui vive. Possiede un cane, il mitico Snoopy, tiranno, pigro, goloso ed esigente. Snoopy, conosce i limiti della sua natura canina, e tenta varie strade per evaderne: ora immagina di essere un avvoltoio o il Barone Rosso, pilota della I guerra mondiale, o scrittore. Incarna il simbolo dell’immaginazione, che non riesce a concretizzarsi per la sua accidia e la sua golosità .

Siamo in un mondo infantile che rispecchia il mondo reale in un preciso contesto storico, la società industriale occidentale dal 1950 in poi. E’ una comèdie humaine , dove in scala ridotta, sono evidenziate le nostre nevrosi, alienazioni, ansie, timori e speranze, i nostri miti e aspettative.

In chi ci ritroviamo?

 Nel deuteragonista Linus attaccato alla sua coperta per vincere l’ansia, il quale deve sempre far ricorso alle sue risorse intellettuali per sfuggire all’invadenza dispotica di sua sorella maggiore? O proprio nell’arcigna e autoritaria Lucy, che vuole sempre avere ragione, e si impegna a demolire il fratello o gli amici, strappando copertina o pallone? Charlie Brown , nonostante i dispetti e le umiliazioni subiti  come  – “Hai una faccia facciosa Charlie Brown!”  – continua a starle appresso o chiederle consigli psicoanalitici, per 2 cents.

“Sono sconcertata da questa tua idea sullo scopo della vita, Charlie Brown…”esclama Lucy,  poi continua

“ Tu dici che siamo qui sulla terra per far felici gli altri?”

“Esatto!”

“…E gli altri cosa ci stanno a fare?” conclude lei.

 

Solo due personaggi rifiutano di riconoscere l’autorità di Lucy: Snoopy che adotta nei suoi confronti un atteggiamento di sfida e dileggio, e Schroder tutto preso dal suo pianoforte e che rifiuta il suo amore.

Ci sono inoltre Sally, Frieda dai riccioli naturali, Piperita Patty, Pig-Pen a tanti altri, tutti intenti alla loro piccola vita e soprattutto ai rapporti interpersonali.

Il giorno di San Valentino diventa importante quindi per questa comunità: è il momento in cui ci si rende conto se si è accettati e amati.

Charlie Brown , questo tenero antieroe  che dà il nome all’opera di Schultz,si rialza sempre dopo le sconfitte o le delusioni perchè ha un cuore puro e disponibile. Scrive alla Compagnia dei fiocchi d’avena:

“Cara compagnia fiocchi d’avena Snicher Snack, apprezzo la vostra offerta di cento soldatini della guerra d’indipendenza per quindici cents. Tuttavia, poiché sono contro la violenza, non sono certo di desiderali. Al posto, potrei avere una serie di civili del tempo di pace?”

Queste Peanuts vengono definite, persino da Umberto Eco, un “fumetto lirico”

“ …se poesia vuol dire capacità di portare tenerezza, pietà, cattiveria a momenti di estrema trasparenza, come se vi passasse attraverso una luce e non si sapesse più di che pasta sian fatte le cose, allora Schultz è un poeta…”

Che sollievo ed empatia vedere finalmente in questo libretto, Charlie Brown felice del biglietto della ragazzina dai capelli rossi che se ne sta andando con l’autobus:

“Charlie Brown leaped into the air an danced all around the bus stop! He laughed and he shouted, and he jumped up an down…and danced around and around.”

Insomma salta in aria e balla tutto intorno alla fermata dell’autobus, ride, urla di gioia, salta su e giù, e balla, balla…

 

 

 

 

 

 

8 Comments »

E LA CHIAMARONO DUE CUORI, una straordinaria avventura

pubblicato da: admin - 13 febbraio, 2010 @ 8:16 pm

 

venne-chiamata-due-cuori-cdcarnevale penelopi 2010 021Finalmente il debutto come una gemella … Kessler…è storia  felice di ieri sera. Sincronia a parte, Maria Teresa ed io siamo state convincenti ed abbiamo ottenuto un gran “successo” di pubblico. Cristina, la padrona di casa che organizza queste bellissime serate, invece era “Figaro” e ci ha deliziato con la celeberrima aria di Rossini. Altre signore - era una riunione di sole donne, il cosiddetto club delle Penelopi - hanno raccontato storielle divertenti, hanno cantato e ballato. Insomma ci siamo divertite tutte quante e tutte siamo state brave. Non era una gara, non c’era competizione. Stupendo.

Allora mi è venuto in mente ciò ch Marlo Morgan racconta nel suo libro “E la chiamarono due cuori”, stampato nel 1990.

La Morgan una biochimica statunitense, durante un viaggio in Australia, si trovò coinvolta da una tribù di aborigeni ad affrontare insieme un lungo viaggio a piedi nudi per raggiungere un luogo sacro.

Nel libro ci spiega naturalmente la motivazione per cui accettò questa memorabile e incredibile avventura. C’era solo un uomo che parlava un po’ di inglese e che poteva spiegarle tutto ciò che avveniva. Fu una  rinuncia momentanea alla civilizzazione per una sua necessità di purificazione interiore.

Immaginate dunque un lungo viaggio attraverso una terra arida ed inospitale, ma che offre, a chi la conosce e rispetta, lo stretto necessario per vivere. Ci si può nutrire di grassi bachi, trovare con sicurezza un po’ d’acqua nel sottosuolo, farsi pulire, rimanendo in piedi e immobili, da sciami di mosche.

” Che schifo” esclamavano le mie alunne alle quali consigliavo di  portare questo libro  all’esame di terza media come approfondimento di geografia antropica.

Gli aborigineni (“ab origine”) sono gli abitanti autoctoni dell’Australia dove giunsero 60.000 anni fa. Cacciatori raccoglitori  hanno tramandato oralmente la loro cultura, soprattutto la venerazione per la terra.  Erano circa 300.000 all’inizio dell’immigrazione europea. Oggi se ne contano poche migliaia, costretti a vivere in riserve o in aree isolate dell’interno.

In questi ultimi superstiti, ci racconta Marlo Morgan, rimane, oltre la capacità di integrarsi perfettamente con la natura, un atteggiamento quasi soprannaturale che sembra farli  vivere sia nell’epoca della creazione che nell’attuale realtà, in una sorta di  sognante continuum.  Essa ha potuto anche conoscere i segreti della tribù  e scoprire  che fra i suoi componenti esiste ancora la telepatia. Bellissimi gli episodi in cui questa capacità, che tutti noi avevamo ai primordi della nostra storia umana, viene esercitata.

Ma ciò che mi ha portato a citare questo libro è stato l’episodio in cui la narratrice accetta di giocare con la tribù e suggerisce di fare una gara.

Incredibile:nessuno sa che cosa significhi, gara, competizione!

Giocare e divertirsi per loro  significa che… tutti devono essere contenti,  senza vincitori o vinti.

 

Per tornare a ieri sera e alla nostra festa di carnevale,  sottolineo che ci siamo divertite tutte… senza una prima, nè un’ultima. E’ così rilassante e piacevole quando accade!

E visto che nonostante le mie ricerche negli scaffali non trovo più il mio libro (lo avrò lasciato a qualche alunna) …metto accanto alla piccola foto della copertina…”le gemelle Kessler.”

5 Comments »

IL DIARIO DI CAMPAGNA DI UNA SIGNORA INGLESE…

pubblicato da: admin - 12 febbraio, 2010 @ 7:48 pm

scansione0018scansione0017Questo inverno sembra non finire mai, mentre il desiderio di primavera con i suoi colori e profumi mi prende il cuore. Mi affaccio sul cortile del condominio e mi sembra di navigare in un mare di cemento. Guardo l’impiegato della provincia negli uffici di fronte, quello che lavora fino a tardi, e lo vedo assorto, appiccicato al computer. Il vedovo del terzo piano ha spostato ancora una volta le foto incorniciate della moglie, le mette sul davanzale rivolte all’esterno, poi le ritira. Chissà quale dialogo ha con lei. Allora mi rendo conto che talvolta la solitudine può essere pesante e destabilizzante.

Quali tristi pensieri oggi… chissà, paura del “debutto”di stasera alla festa di Carnevale organizzata dalla mia amica Cristina? O semplicemente voglia di fiori e tepore. Scrivo sul blog, ma scriverò più a lungo sul diario che, da sempre, è il mio compagno di vita.

Tanti di noi tengono un diario, ho già parlato di quello di Etty Hillesum. Oggi vi parlerò di quello di Edith Holden, una signora inglese del primo Novecento.  Qualcuno di voi ne ha sentito parlare?

Questo diario è stato trovato, negli anni’70 del secolo scorso, in una casa borghese di campagna nel Warwickshire. L’autrice è una sensibile disegnatrice di 35 anni dall’animo poetico, esperta naturalista, insegnante d’arte che, per colmare le  sue giornate solitarie, si aggira a piedi o in bicicletta per la campagna, osservando ogni minimo cambiamento della natura. Ogni giorno sul suo quaderno annota ciò che vede, disegna uccellini, farfalle, amenti e fiori, a seconda della stagione; qualche volta cita poesie o detti.

Non parla mai di sè.

La prima pagina inizia con una poesia di Byron:

Sulle rupi sedersi e ai torrenti / e agli abissi pensando, lentamente…”

Di Gennaio dice che il mese prende il nome dal dio romano Giano, rappresentato con due facce rivolte in direzioni opposte: l’una guarda all’indietro, verso l’anno trascorso, l’altra in avanti, verso quello che inizia. Disegna e dipinge ad acquerello alcune cinciallegre, una gallinella d’acqua, le foglie morte della quercia e dell’olmo.

Giorno dopo giorno si dipana la sua vita  che, a stretto a contatto con la natura, sembra serena.

Inizia Febbraio con alcuni versi di Wordsworth:

C’è un albero di tasso orgoglio di Lorton Vale,/…….solitario, avvolto dalla propria oscurità;…..Albero solitario, enorme, di così profonda / malinconia!

Del 12 febbraio 1906 ( esattamente 104 anni fa!) scrive:

Oggi sono andata di nuovo al bosco delle viole; …Il terreno nel bosco è coperto di giovani pianticelle di ranuncolino muschiato. Sulla strada di casa ho raccolto alcuni fiori di ginestrone…”

E così tra note, versi e disegni bellissimi si arriva al 31 dicembre, senza scoprire nulla di lei.

Edito nel 1979 questo diario è stato stampato riproducendo in ogni pagina la scrittura e i disegni originali. E’ stato anche fedelmente riprodotto l’invecchiamento della carta.

E’ un libro unico, un gioiello.

Lo apro spesso per guardare i disegni e per confrontare le date della mia vita con la sua, soprattutto per sapere, attraverso  i suoi appunti e acquerelli,  che la  Natura è viva, sempre, anche nel freddo dell’inverno.

                                                                                                                                  *      *        *        *        *

 Edith annegò nel Tamigi nel 1920 vicino a Kew Gardens, sembra …per cogliere alcuni fiori.

9 Comments »

EPITAFFIO PER UNA SPIA, di Eric Ambler

pubblicato da: admin - 11 febbraio, 2010 @ 7:59 pm

OB-DS778_mpdimi_G_20090522174122scansione0014 

Stamattina ho fatto le prove per la scenetta di carnevale con la mia cara amica Maria Teresa ( – per ora non svelo da chi ci travestiremo, sappiate solo che dobbiamo agire all’unisono! – ) la quale mi ha lasciato una spy-story di Eric Ambler, autore che già conosco e apprezzo.

L’ho iniziata dopo pranzo, ma desidero ugualmente parlarne anche se la lettura è in corso.

Posso dire che è una lettura facile, la prosa di Ambler è chiara e corretta, la trama ha un ritmo incalzante e avvincente.

Siamo sulla Costa Azzurra nell’estate 1938 e Vadassy, un giovane  insegnante di origine ungherese e incerta cittadinanza, viene coinvolto in una storia complicatissima che si svolge perlopiù in un albergo vicino al mare. I villeggianti provengono da ogni angolo d’Europa e agli occhi del protagonista appaiono tutti sospetti, sia che sostino al bar o  sulla terrazza, o mentre prendono il sole sulla spiaggia accaldata.

Tutto si dipana nell’arco di tre giorni durante i quali Vadassy, suo malgrado, è costretto dalla polizia francese , al mestiere di spia.

Ma altro non dico, devo finirlo; avrò la soluzione del mistero stasera, a letto.

Eric Ambler, inglese, nasce nel 1909 e muore nel 1998; è considerato un maestro del moderno romanzo di spionaggio. E’ stato anche sceneggiatore di molti film famosi, fra cui Topkapi; ha collaborato con Alfred Hitchcock nel film Rebecca, ed è un autore che non delude.

                                                                                                                                                                    * * * * *

Sono contenta di presentare anche oggi uno scrittore.

Riflettevo poc’anzi che tutto sommato io e molte altre donne, leggiamo soprattutto letteratura femminile, credo che  per noi donne sia  più piacevole e facile immedesimarci nelle protagoniste femminili.

Che ne pensate?

Ci sono degli uomini che leggono libri squisitamente femminili come “Piccole donne”, “Jane Eyre,” “Cime tempestose”?  Sarebbe interessante scoprirlo. 

Molti uomini hanno scritto di donne, di eroine che sono diventate famosissime, ricordo “Anna Karenina”, “Madame Bovary”, Nora di “Casa di bambole”,  Isabel Archer di “Ritratto di signora e così via. E’ la loro parte femminile venuta allo scoperto che ha fatto sì che potessero immedesimarsi totalmente con la protagonista?

“Madame Bovary c’est moi “diceva appunto Flaubert.

Ma  le donne scrittrici riescono a comprendere appieno l’anima maschile? Non ci sono tanti personaggi famosi inventati da donne. 

Penso e ripenso…mi vengono in mente Edith Warthon con il suo “Ethan Frome,” Elsa Morante con “L’isola di Arturo”..

Chi altre ricordate?

“Un uomo” di Oriana Fallaci è soltanto la biografia di Panagoulis o un’identificazione completa ?

Quanti interrogativi letterari . Speriamo di avere risposte a proposito.

Sono molto contenta del riscontro che ha questo blog; la “tavola rotonda” sulla lettura si amplia sempre di più con consigli, suggestioni, persino da oltre oceano Gary ci  parla dell’importanza per la sua formazione dei fratelli Karamazov. Da rileggere assolutamente. Prendo nota naturalmente di tutti i titoli di libri consigliati sia da Enza che da Luigi…

Emanuela ha lasciato nel suo commento a “La mente colorata” l’indirizzo di un sito sulla lettura che propone una straordinaria iniziativa per il 26 marzo: quello di donare un libro a uno sconosciuto. 

Leggere, leggere, leggere!!!

 

 

3 Comments »



Pagina 96 di 99« Prima...102030...9495969798...Ultima »